La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA UN CAMPO COMPLESSO OGGETTOVAL. INTERNA VAL. ESTERNA ALUNNO apprendimenti, competenze, comportamento PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA UN CAMPO COMPLESSO OGGETTOVAL. INTERNA VAL. ESTERNA ALUNNO apprendimenti, competenze, comportamento PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME."— Transcript della presentazione:

1 LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA UN CAMPO COMPLESSO OGGETTOVAL. INTERNA VAL. ESTERNA ALUNNO apprendimenti, competenze, comportamento PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME PERSONALE prestazioni professionali PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME ISTITUZIONE SCOLASTICA qualità offerta formativa esiti formativi in termini di valore aggiunto PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME PERCHE’–CHI- QUANDO-COME SISTEMA esiti complessivi PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME

2 LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA ASPETTI, PROBLEMI, NUOVE PROSPETTIVE Dino Cristanini Verona – 9 aprile 2014

3 LE FINALITÀ DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ai fini del miglioramento della qualità dell’offerta formativa e degli apprendimenti, il S.N.V. valuta l’efficienza e l’efficacia del sistema educativo di istruzione e formazione

4 PERCHÉ MIGLIORARE L’EDUCAZIONE E L’ISTRUZIONE SONO UNA RISORSA PER LO SVILUPPO:  DELLE SINGOLE PERSONE (art. 3 Cost.)  DELLA SOCIETÀ (art. 4 Cost.)  DELL’ECONOMIA ( The High Cost of Low Educational Performance The long-run economic impact of improving PISA outcome © OECD 2010 )

5 LE INDAGINI NAZIONALI SUGLI APPRENDIMENTI

6 LE RILEVAZIONI NAZIONALI DELL’INVALSI (Legge 176/2007) A decorrere dall'anno scolastico il Ministro della pubblica istruzione fissa, con direttiva annuale, gli obiettivi della valutazione esterna condotta dal Servizio nazionale di valutazione in relazione al sistema scolastico e ai livelli di apprendimento degli studenti, per effettuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti, di norma, alla classe seconda e quinta della scuola primaria, alla prima e terza classe della scuola secondaria di I grado e alla seconda e quinta classe del secondo ciclo, nonché altre rilevazioni necessarie per la valutazione del valore aggiunto realizzato dalle scuole.

7 LIVELLO DI CLASSEINDAGINEPERIODICITA’MODALITA’ Primaria I Primaria IISNVANNUALECENSUARIA Primaria III Primaria IV Primaria VSNVANNUALECENSUARIA Sec. I grado ISNVANNUALECENSUARIA Sec. I grado II Sec. I grado IIISNV PROVA NAZ.LE ANNUALECENSUARIA Sec. II grado I Sec. II grado IISNVANNUALESNV Sec. II grado III Sec. II grado IV Sec. II grado V……

8 LE RILEVAZIONI NAZIONALI DELL’INVALSI DISCIPLINE E AMBITI ITALIANOMATEMATICA LETTURA E COMPRENSIONE DEL TESTO LESSICO GRAMMATICA NUMERI SPAZIO E FIGURE RELAZIONI E FUNZIONI (a partire dalla v primaria) DATI E PREVISIONI

9 LE RILEVAZIONI NAZIONALI DELL’INVALSI PROCESSI (ASPETTI) ITALIANO INDIVIDUARE INFORMAZIONI Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. RICOSTRUIRE IL SIGNIFICATO DEL TESTO Riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni; riconoscere le relazioni tra parole. Fare un’inferenza diretta, ricavando un’informazione implicita da una o più informazioni date nel testo e/o tratte dall’enciclopedia personale del lettore. Cogliere le relazioni di coesione (organizzazione logica entro e oltre la frase) e coerenza testuale. Ricostruire il significato di una parte più o meno estesa del testo, integrando più informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse. Ricostruire il significato globale del testo, integrando più informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse. INTERPRETARE E VALUTARE Sviluppare un’interpretazione del testo, a partire dal suo contenuto e/o dalla sua forma, andando al di là di una comprensione letterale. Valutare il contenuto e/o la forma del testo alla luce delle conoscenze ed esperienze personali (riflettendo sulla plausibilità delle informazioni, sulla validità delle argomentazioni, sulla efficacia comunicativa del testo, ecc.)

10 LE RILEVAZIONI NAZIONALI DELL’INVALSI PROCESSI (ASPETTI) ITALIANO NUOVA FORMULAZIONE Comprendere il significato, letterale e figurato, di parole ed espressioni e riconoscere le relazioni tra parole Individuare informazioni date esplicitamente nel testo Fare un’inferenza diretta, ricavando un’informazione implicita da una o più informazioni date nel testo e/o tratte dall’enciclopedia personale del lettore Cogliere le relazioni di coesione e di coerenza testuale (organizzazione logica entro e oltre la frase) Ricostruire il significato di una parte più o meno estesa del testo, integrando più informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse Ricostruire il significato globale del testo, integrando più informazioni e concetti, anche formulando inferenze complesse Sviluppare un’interpretazione del testo, a partire dal suo contenuto e/ o dalla sua forma, andando al di là di una comprensione letterale Riflettere sul testo e valutarne il contenuto e/o la forma alla luce delle conoscenze ed esperienze personali

11 LE RILEVAZIONI NAZIONALI DELL’INVALSI PROCESSI MATEMATICA CONCETTI E PROCEDURE Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica Conoscere e padroneggiare algoritmi e procedure RAPPRESENTAZIONI Conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra (verbale, scritta, simbolica, grafica,...) Riconoscere le forme nello spazio e utilizzarle per la risoluzione di problemi geometrici o di modellizzazione MODELLIZZAZIONE Risolvere problemi utilizzando strategie in ambiti diversi – numerico, geometrico, algebrico Riconoscere in contesti diversi il carattere misurabile di oggetti e fenomeni, utilizzare strumenti di misura, misurare grandezze, stimare misure di grandezze Utilizzare strumenti, modelli e rappresentazioni nel trattamento quantitativo dell'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale ARGOMENTAZIONE Acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico (congetturare, verificare, giustificare, definire, generalizzare,...).

12 LA MISSION DELL’INVALSI PRODURRE DATI VALIDI E ATTENDIBILI FORNIRE INFORMAZIONI UTILI A: DECISORI POLITICO-ISTITUZIONALI PER ORIENTARE LE POLITICHE SCOLASTICHE SCUOLE PER L’AUTOVALUTAZIONE E IL MIGLIORAMENTO

13 A CHI SERVONO I RISULTATI AI DECISORI POLITICO-ISTITUZIONALI Avere a disposizione dati attendibili è una condizione importante per l’efficacia delle decisioni riguardanti le politiche scolastiche e gli interventi da porre in essere Direttiva ministeriale n.88/2011: Per l’Amministrazione scolastica il progressivo consolidamento delle rilevazioni sistematiche e periodiche sugli apprendimenti degli studenti costituirà insostituibile occasione per acquisire e disporre delle serie storiche dei dati sui livelli di apprendimento, che permetteranno di rilevarne l’andamento complessivo nel tempo. Tali informazioni rappresentano la necessaria base conoscitiva per orientare le politiche scolastiche e per definire le azioni di governo del sistema scolastico, con particolare riferimento allo sviluppo dell’autonomia e alla valutazione delle scuole, alla formazione del personale e al miglioramento della didattica.

14 ITALIANO PER TIPOLOGIE DI ISTITUTO

15 MATEMATICA PER TIPOLOGIE DI ISTITUTO

16 RISULTATI PER GENERE II SUP.

17 EQUITÀ E VARIABILITÀ

18

19 DA UNA SCUOLA ALL’ ALTRA

20

21 A CHI SERVONO I RISULTATI ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME I quadri di riferimento, la struttura delle prove, le elaborazioni sui risultati costituiscono un repertorio di risorse per il miglioramento della didattica Direttiva ministeriale n.88/2011: Per ciascuna scuola le rilevazioni nazionali consentiranno di acquisire i risultati nazionali di riferimento e i propri dati aggregati a livello di classe e disaggregati per ogni singolo item. Ciò con l’obiettivo di disporre della necessaria base conoscitiva per: - individuare elementi di criticità in relazione ai quali realizzare piani di miglioramento dell’efficacia dell’azione educativa, e aspetti di qualità da mantenere e rafforzare; - apprezzare il valore aggiunto realizzato in relazione al contesto socio-economico-culturale, al fine di promuovere i processi di autovalutazione d’istituto.

22 LA RESTITUZIONE DEI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI ALLE SCUOLE CINQUE LIVELLI DI ACCESSO DIRIGENTE SCOLASTICOTUTTI I DATI DELLA SCUOLA, ANCHE A LIVELLO DI SINGOLA CLASSE REFERENTE VALUTAZIONE TUTTI I DATI DELLA SCUOLA, ANCHE A LIVELLO DI SINGOLA CLASSE PRESIDENTE CONSIGLIO D’ISTITUTO TUTTI I DATI DELLA SCUOLA, TRANNE DISAGGREGAZIONE A LIVELLO DI SINGOLA CLASSE DOCENTI CLASSI INTERESSATE ALLE RILEVAZIONI DATI RELATIVI ALLA PROPRIA CLASSE E DATI COMPLESSIVI DI SCUOLA DOCENTI CLASSI NON INTERESSATE ALLE RILEVAZIONI DATI COMPLESSIVI DI SCUOLA

23 LA RESTITUZIONE DEI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI QUALI TIPI DI DATI ANDAMENTO DI UN DETERMINATO LIVELLO DI CLASSE IN RAPPORTO A SPECIFICI CRITERI:  ANDAMENTO GLOBALE CON DISTRIBUZIONE NEI CINQUE LIVELLI DI APPRENDIMENTO  ANDAMENTO DEGLI STUDENTI ITALIANI E DEGLI STUDENTI NON ITALIANI DI PRIMA E SECONDA GENERAZIONE  ANDAMENTO PER GENERE, MASCHILE E FEMMINILE  ANDAMENTO DEGLI STUDENTI CON PERCORSO REGOLARE IN BASE ALL’ETA’, DEGLI STUDENTI ANTICIPATARI E POSTICIPATARI  DETTAGLIO DI RISPOSTA (A-B-C-D-MANCATA)

24 QUALI CRITERI POSSONO GUIDARE L’ANALISI DEI DATI SULLA MISURAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI RESTITUITI DALL’INVALSI?

25 CONFRONTI CON L’ESTERNO PUNTEGGI DELLA SCUOLA E PUNTEGGI MEDI A LIVELLO REGIONALE, DI AREA GEOGRAFICA, NAZIONALE PUNTEGGI DELLA SCUOLA RISPETTO A SCUOLE CON INDICE ESCS SIMILE PUNTEGGI DELLE CLASSI RISPETTO A CLASSI CON INDICE ESC SIMILE PUNTEGGI DELLA SCUOLA RISPETTO A SCUOLE DELLO STESSO ORDINE (SCUOLA SUPERIORE) PUNTEGGI DELLA SCUOLA RISPETTO A SCUOLE DI DIVERSO STESSO ORDINE (SCUOLA SUPERIORE)

26 CONFRONTI INTERNI VARIANZA DEI PUNTEGGI TRA CLASSI RISULTATI PER SOTTOGRUPPI (PER GENERE, REGOLARITÀ, CITTADINANZA) DISTRIBUZIONE ALUNNI PER LIVELLI RISULTATI PER AMBITI E PROCESSI RISULTATI PER SINGOLI ITEM CONFRONTO TRA VOTI INTERNI E RISULTATI MISURAZIONI ESTERNE

27 DIAGNOSI DEGLI ERRORI GUIDE ALLA LETTURA DELLE PROVE ANALISI DEI PERCORSI COGNITIVI RICHIESTI DA CIASCUN ITEM

28 LE INDAGINI INTERNAZIONALI Direttiva Ministeriale del 12/10/2012 n° 85 Priorità strategiche dell’INVALSI per gli anni scolastici 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 Nel corso del triennio scolastico 2012/13 – 2014/15 l’INVALSI garantirà la partecipazione dell’Italia alle indagini internazionali OCSE-PISA, IEA-TIMSS, IEA- PIRLS e TALIS

29 LIVELLO DI CLASSEINDAGINEPERIODICITA’MODALITA’ Primaria I Primaria IISNVANNUALECENSUARIA Primaria III Primaria IV IEA-TIMSS IEA-PIRLS QUADRIENNALE QUINQUENNALE CAMPIONARIA Primaria VSNVANNUALECENSUARIA Sec. I grado ISNVANNUALECENSUARIA Sec. I grado II Sec. I grado IIISNV/PROVA NAZ.LE IEA-TIMSS ANNUALE QUADRIENNALE CENSUARIA CAMPIONARIA Sec. II grado I Sec. II grado IISNV OCSE-PISA ANNUALE TRIENNALE SNV CAMPIONARIA Sec. II grado III Sec. II grado IV Sec. II grado V……

30 IL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE NEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE AUTOVALUTAZIONE Analisi dati forniti da sistema informativo Miur e da Invalsi Rapporto di autovalutazione sulla base di quadro rif. fornito da Invalsi + elementi significativi individuati da scuola Formulazione piano miglioramento VALUTAZIONE ESTERNA Individuazione scuole da verificare Visite nuclei valutazione esterna Ridefinizione piani miglioramento AZIONI DI MIGLIORAMENTO Anche con supporto Indire, Università, Enti di ricerca, Associazioni professionali e culturali RENDICONTAZIONE SOCIALE Pubblicazione e diffusione risultati raggiunti

31 UN CIRCOLO VIRTUOSO AUTOVALUTAZIONE VALUTAZIONE ESTERNA MIGLIORAMENTO RENDICONTAZIONE SOCIALE

32 IL MODELLO DI RIFERIMENTO PER LA VALUTAZIONE CONTESTO SOCIO- AMBIENTALE E RISORSE AMBIENTE ORGANIZZATIVO DI APPRENDIMENTO PRATICHE EDUCATIVO- DIDATTICHE ESITI EDUCATIVI E FORMATIVI

33 LA STRUTTURA DEL RAV 1CONTESTO E RISORSEQuali vincoli presentano? Quali leve positive ci sono per agire efficacemente rispetto agli esiti? 2ESITIQuali risultati la scuola è riuscita a far raggiungere ai suoi studenti? 3PROCESSIQuali pratiche educative e didattiche, gestionali e organizzative la scuola ha messo in atto? 4IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Composizione del Nucleo di autovalutazione Connessioni con esperienze pregresse di autovalutazione 5INDIVIDUAZIONE DELLE PRIORITÀ Quali esiti è prioritario cercare di migliorare?

34 CONTESTO E RISORSE AREE E INDICATORI POPOLAZIONE SCOLASTICAStatus socio-economico e culturale delle famiglie degli studenti Studenti con famiglie economicamente svantaggiate …… TERRITORIO (AREA GEOGRAFICA SU CUI INSISTE LA SCUOLA) E CAPITALE SOCIALE Disoccupazione Immigrazione Spesa per l'istruzione degli Enti Locali …… RISORSE ECONOMICHE E MATERIALIFinanziamenti all’istituzione scolastica Edilizia e rispetto delle norme sull’edilizia …… RISORSE PROFESSIONALICaratteristiche degli insegnanti Caratteristiche del dirigente scolastico ……

35 ESITI AREE E INDICATORI RISULTATI SCOLASTICIEsiti degli scrutini Trasferimenti e abbandoni RISULTATI NELLE PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI Risultati degli studenti nelle prove di italiano e matematica Livelli di apprendimento degli studenti Variabilità dei risultati fra le classi COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA Indicatori da elaborare a cura della scuola RISULTATI A DISTANZA Prosecuzione negli studi universitari Successo negli studi universitari Successo negli studi secondari di II grado Inserimenti nel mondo del lavoro

36 PRATICHE EDUCATIVE E DIDATTICHE AREE, SOTTOAREE E INDICATORI CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE CURRICOLO E OFFERTA FORMATIVACurricolo Politiche scolastiche di istituto PROGETTAZIONE DIDATTICAProgettazione didattica VALUTAZIONE DEGLI STUDENTIPresenza di prove strutturate per classi parallele AMBIENTE DI APPRENDIMENTO DIMENSIONE ORGANIZZATIVADurata delle lezioni Organizzazione oraria DIMENSIONE METODOLOGICAAttività e strategie didattiche DIMENSIONE RELAZIONALEEpisodi problematici Clima scolastico INCLUSIONE E DIFFERENZIAZIONE INCLUSIONEAttività di inclusione RECUPERO E POTENZIAMENTOAttività di recupero Attività di potenziamento CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO CONTINUITÀAttività di continuità ORIENTAMENTOAttività di orientamento

37 PRATICHE GESTIONALI E ORGANIZZATIVE AREE, SOTTOAREE E INDICATORI ORIENTAMENTO STRATEGICO E ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA MISSIONE E OBIETTIVI PRIORITARIIndicatori da elaborare a cura della scuola CONTROLLO DEI PROCESSIIndicatori da elaborare a cura della scuola ORGANIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANEGestione delle funzioni strumentali Gestione del Fondo di istituto Processi decisionali Impatto delle assenze degli insegnanti sull’organizzazione GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHEProgetti realizzati Progetti prioritari SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE FORMAZIONEOfferta di formazione per gli insegnanti VALORIZZAZIONE DELLE COMPETENZEIndicatori da elaborare a cura della scuola COLLABORAZIONE TRA INSEGNANTIGruppi di lavoro degli insegnanti Confronto tra insegnanti INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO E RAPPORTI CON LE FAMIGLIE COLLABORAZIONE CON IL TERRITORIOReti di scuole Accordi formalizzati Raccordo scuola-territorio Raccordo scuola e lavoro COINVOLGIMENTO DELLE FAMIGLIEPartecipazione formale dei genitori Partecipazione informale dei genitori Partecipazione finanziaria dei genitori Capacità della scuola di coinvolgere i genitori

38 IN COSA CONSISTE L’AUTOVALUTAZIONE PER OGNI OGGETTO DI ANALISI E VALUTAZIONE SI TRATTA DI INTERPRETARE E PORTARE A SINTESI IL COMPLESSO DEI DATI A DISPOSIZIONE E DI FORMULARE UN GIUDIZIO ARGOMENTATO

39 INDIVIDUARE LE PRIORITÀ E I TRAGUARDI AREEINDICATORIPUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA PRIORITÀ PER IL MIGLIORAMENTO TRAGUARDI MISURABILI RISULTATI SCOLASTICI Esiti degli scrutini trasferimenti e abbandoni RISULTATI NELLE PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI Risultati degli studenti nelle prove di italiano e matematica Livelli di apprendimento degli studenti Variabilità dei risultati fra le classi COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA Indicatori da elaborare a cura della scuola RISULTATI A DISTANZA Prosecuzione negli studi universitari Successo negli studi universitari Successo negli studi secondari di II grado Inserimenti nel mondo del lavoro

40 DEFINIRE GLI OBIETTIVI DI PROCESSO PROCESSI SU CUI LAVORARE PER PRODURRE I MIGLIORAMENTI ATTESI TRAGUARDI OSSERVABILI/ MISURABILI OBIETTIVI STRATEGICI DI MIGLIORAMENTO


Scaricare ppt "LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA UN CAMPO COMPLESSO OGGETTOVAL. INTERNA VAL. ESTERNA ALUNNO apprendimenti, competenze, comportamento PERCHE’ –CHI- QUANDO-COME."

Presentazioni simili


Annunci Google