La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2° TRIMESTRE 2015 LEZIONE 8 DELLA SCUOLA DEL SABATO SABATO 23 MAGGIO 2015 SABATO 23 MAGGIO 2015 LA MISSIONE DI GESÙ.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2° TRIMESTRE 2015 LEZIONE 8 DELLA SCUOLA DEL SABATO SABATO 23 MAGGIO 2015 SABATO 23 MAGGIO 2015 LA MISSIONE DI GESÙ."— Transcript della presentazione:

1 2° TRIMESTRE 2015 LEZIONE 8 DELLA SCUOLA DEL SABATO SABATO 23 MAGGIO 2015 SABATO 23 MAGGIO 2015 LA MISSIONE DI GESÙ

2 «Perché il Figlio dell’Uomo venne a cercare e a salvare quello che si era perduto» (Luca 19:10) A CERCARE La pecora perduta La moneta perduta Il Figlio perduto A SALVARE Opportunità perdute Il ricco e Lazzaro Opportunità sfruttate Bartimeo Zaccheo

3 «Chi di voi, avendo cento pecore, se ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e non va dietro a quella perduta finché non la ritrova?» (Luca 15:4) Benchè la pecora sia cosciente di essersi persa, è incapace di salvare sé stessa. Chi rappresenta questa pecora? La pecora rappresenta quelli che comprendono che sono separati da Dio, ma che non sanno come trovarlo. Hanno bisogno che il Pastore vada a cercarli e gli insegni la via della Salvezza. Noi siamo gli strumenti nelle mani di Dio per trovare queste persone e portarle nelle braccia di Gesù.

4 «Oppure, qual è la donna che se ha dieci dramme e ne perde una, non accende un lume e non spazza la casa e non cerca con cura finché non la ritrova?» (Luca 15:8) La donna sa che ha perso una moneta, ma la moneta non sa che si è persa. Chi rappresenta questa moneta? Reppresenta quelli che si sono perduti nei loro peccati, ma non comprendono la loro condizione. Sono separati da Dio ma non lo sanno. Gesù si preoccupa anche di loro che sono indifferenti al suo amore. Lui desidera che queste persone siano cercate diligentemente, che gli si indichi la loro condizione, e che possano accettare la Salvezza.

5 LA FUGA (v ) Senza comprendere la protezione amorevole che la Legge di Dio ci concede (con i suoi limiti e restrizioni), volle vivere una vita di «libertà», senza restrizioni, lontano dall’amore di Dio. LA DELUSIONE (v ) Arresosi al libertinaggio, visse l’illusione dei piaceri del peccato… finché raccolse il suo amaro raccolto. LA RIFLESSIONE (v. 17) Vivendo con Dio aveva tutto; ora non aveva più nulla. Lo Spirito Santo non sfrutta la nostra perplessità per gettarci in faccia i nostri errori, ma per farci riflettere sulle nostre decisioni e c’invita a ritornare nelle braccia di un Dio amorevole. IL RITORNO (v pp) Confida nell’amore e nel perdono del padre. Confessa il suo peccato. Reconosce la sua indegnità d’essere perdonato (pentimento sincero). Manifesta il suo desiderio di tornare a vivere con Dio e lo fa veramente. La parabola del figliol «prodigo» di Luca 15:11-32 ci racconta la storia di un padre [Dio] e dei suoi figli perduti. Uno di essi fuggì dal padre; l’altro, non lo conosceva benchè vivesse con lui. IL FIGLIO MINORE IL PADRE IL FIGLIO MAGGIORE

6 L’ATTESA (v ) L’attesa iniziò quando il figlio uscì di casa. Nessuna immagine capta maggiormente il carattere di Dio di quella del padre che aspetta il ritorno di suo figlio. LA GIOIA (v ) Il ritorno di ogni anima è una festa per Dio e i suoi angeli. Ogni pentimento riempie il Cielo di gioia. ESSERE PERDUTO E NON SAPERLO (v ) Puoi vivere con Dio, ma tenerlo lontano dal tuo cuore? Puoi confidare nella tua giustizia tanto da non riconoscere l’amore e la giustizia di Dio verso di te e verso gli altri? Puoi odiare così tanto il peccatore da non desiderare che Dio lo perdoni? Puoi entrare nella casa di Dio e, umilmente, unirti alla festa della gioia per il peccatore che ritorna? Vieni, ti stiamo aspettando. IL FIGLIO MINORE IL PADRE IL FIGLIO MAGGIORE IL FIGLIO MINORE IL PADRE IL FIGLIO MAGGIORE

7 Ricevette dei beni Si dimenticò di Dio Fu sepolto Suggellò il suo destino per la condanna Ricevette il male Confidò in Dio «Le sue opere lo seguono» (Ap. 14:13) Suggellò il suo destino per la salvezza

8 «Nella parabola del ricco e del povero Lazzaro, Cristo mette in rilievo che gli uomini decidono già in questa vita della loro sorte eterna. Durante questo periodo di prova Dio offre la sua grazia a tutti, ma chi abusa delle possibilità che ha per scopi egoistici, si separa da solo dalla vita eterna. Non ci sarà un secondo periodo di grazia. Con la propria decisione l'individuo crea un abisso insuperabile tra se stesso e Dio.» E.G.W. (Parole di vita - pag. 174)

9 Alle porte di Gerico, un mendicante cieco chiedeva l’elemosina per il suo sostegno fisico. Ma la sua anima desiderava il sostegno spirituale che solamente il Messia, il Figlio di Davide, poteva dargli. Quando seppe che Gesù sarebbe passato vicino a lui, non permise a nessuno che zittisse la sua voce. Sollecitò con insistenza un’udienza personale col suo Salvatore. «Tutti quelli che sentono d’aver bisogno di Cristo, come il cieco Bartimeo, e desiderano manifestare il fervore e la determinazione, riceveranno come lui, la benedizione che anelano» E.G.W. (Figli e figlie di Dio - 29 Aprile) «Allora egli gridò: Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!» (Luca 18:38)

10 «Ma Zaccheo si fece avanti e disse al Signore: Ecco, Signore, io dò la metà dei miei beni ai poveri; se ho frodato qualcuno di qualcosa gli rendo il quadruplo». (Luca 19:8) Come il caso di Bartimeo, il caso di Zaccheo illustra il modo in cui Gesù «venne a cercare e a salvare quello che si era perso». «Gesù gli disse: Oggi la salvezza è entrata in questa casa, poiché anche questo è figlio d'Abrahamo» (Luca 19:9)

11 «Siete voi i veri maestri che insegnano le vie di Dio? Se siete dei maestri convertiti potrete conquistare, non incitare; attrarre, non scacciare le anime per le quali Cristo morì. Curerete e proteggerete le pecore e gli agnellini del gregge di Cristo. Se si smarriscono, non li lascerete perire, ma uscirete a cercare e a salvare quello che si è perso. Tutto il cielo sarà pronto ad aiutarvi in questa buona opera. Gli angeli vi asseconderanno nel vostro sforzo di trovare la chiave del cuore del più incorreggibile e disubbidiente. Riceverete grazia speciale, e forza da Cristo, il quale può fornirvi la sua pienezza incommensurabile. Vi renderà idonei per essere collaboratori di Dio, uno con Cristo nel vostro sforzo di salvare i perduti, e il risultato della vostra opera d’amore sarà visto non solo in questo tempo presente, ma per tutta l’eternità» E.G.W. (Consigli sulla scuola del sabato)


Scaricare ppt "2° TRIMESTRE 2015 LEZIONE 8 DELLA SCUOLA DEL SABATO SABATO 23 MAGGIO 2015 SABATO 23 MAGGIO 2015 LA MISSIONE DI GESÙ."

Presentazioni simili


Annunci Google