La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezioni di biochimica 2 Lezione 7 Il metabolismo terminale e la produzione di ATP 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezioni di biochimica 2 Lezione 7 Il metabolismo terminale e la produzione di ATP 3."— Transcript della presentazione:

1

2 Lezioni di biochimica 2

3 Lezione 7 Il metabolismo terminale e la produzione di ATP 3

4 Il metabolismo terminale I catabolismi dei carboidrati, dei lipidi e degli amminoacidi convergono sul metabolismo terminale, costituito dal ciclo di Krebs (o ciclo degli acidi tricarbossilici o ciclo dell’acido citrico) accoppiato alla fosforilazione ossidativa, che avvengono nei mitocondri. Il catabolismo di carboidrati e lipidi e quello di molti amminoacidi producono una stessa molecola, essenziale per il guadagno energetico: l’acetil-CoA. 4 © Zanichelli editore, 2014

5 Relazione tra metabolismo intermedio e terminale 5 © Zanichelli editore, 2014

6 Coenzima A Il coenzima A è sintetizzato a partire da una vitamina del gruppo B, presente in molti alimenti, specialmente uova, legumi e fegato. Il CoA è essenziale per la sintesi dell’acetil-CoA. 6 © Zanichelli editore, 2014

7 Il ciclo di Krebs Il ciclo di Krebs venne scoperto nel 1937 da H. A. Krebs, che lo chiamò ciclo dell’acido citrico. Successivamente, venne indicato come ciclo degli acidi tricarbossilici, dai tre intermedi della fase di recupero dell’energia (citrato, cis-aconitato e isocitrato). 7 Hans Adolf Krebs ricevette il premio Nobel per la medicina nel © Zanichelli editore, 2014

8 La struttura del ciclo di Krebs 8 © Zanichelli editore, 2014

9 Schema generale del ciclo di Krebs 9 © Zanichelli editore, 2014

10 Decarbosilazione ossidativa dell’acido piruvico (I) L’ acetil-CoA può essere prodotto direttamente dal catabolismo degli acidi grassi e di molti amminoacidi. Quello derivante dalla glicolisi è invece sintetizzato a partire dal piruvato grazie al complesso della piruvato deidrogenasi mitocondriale, composto da tre enzimi associati e da 5 cofattori: NAD, FAD, tiamina pirofosfato (derivata dalla vitamina B1), CoA e un acido grasso a 8C, l’acido lipoico. 10 © Zanichelli editore, 2014

11 11 © Zanichelli editore, 2014 Decarbosilazione ossidativa dell’acido piruvico (II) Il piruvato entra nel mitocondrio grazie a un trasportatore di membrana, dove il complesso della piruvato deidrogenasi catalizza la reazione complessiva. Questa reazione è irreversibile e l’acetil-CoA prodotto è destinato al ciclo di Krebs.

12 La decarbossilazione ossidativa dell’acido piruvico (III) 12 © Zanichelli editore, 2014 Meccanismo di reazione della piruvato deidrogenasi

13 Regolazione del ciclo di Krebs Gran parte del ciclo di Krebs è regolato dai livelli delle concentrazioni dei suoi intermedi, attraverso meccanismi di inibizione da feedback. Il principale controllo è a livello della citrato sintasi inibita da succinil-CoA, il prodotto della reazione © Zanichelli editore, 2014

14 Il ciclo di Krebs è una via anfibolica (I) Come già visto, il ciclo di Krebs fornisce numerosi precursori per le vie biosintetiche: ossalacetato e  -chetoglutarato per la sintesi di amminoacidi, citrato come fonte di acetil-CoA per la biosintesi di acidi grassi, succinil-CoA per la sintesi dell’eme, per citarne alcuni. 14 © Zanichelli editore, 2014

15 Il ciclo di Krebs è una via anfibolica (II) 15 © Zanichelli editore, 2014

16 Il destino degli elettroni generati nel ciclo di Krebs Come si vede dallo schema, nel ciclo di Krebs l’ATP è prodotto indirettamente a partire dal GTP generato nella reazione 5.schema Il ciclo invece genera potere riducente (4 coppie di elettroni) sotto forma 3 NADH e 1 FADH 2, che potranno essere spesi per la sintesi di molte molecole di ATP. Il ciclo di Krebs è quindi una specie di motore che usa gruppi acetili come combustibile per trasformarli in un flusso di elettroni. 16 © Zanichelli editore, 2014

17 La catena di trasporto degli elettroni (I) Gli elettroni sono ceduti da NADH e FADH 2 a un sistema di proteine presenti nella membrana interna del mitocondrio, esposte verso la matrice, dove si svolge il ciclo di Krebs e quindi facilmente accessibili. Queste proteine costituiscono la catena di trasporto degli elettroni o catena respiratoria. 17 © Zanichelli editore, 2014

18 La catena di trasporto degli elettroni (II) 18 © Zanichelli editore, 2014

19 Flusso degli elettroni nella catena (I) La catena respiratoria comprende quattro complessi proteici: Complesso I: NADH deidrogenasi Complesso II: succinato deidrogenasi Complesso III: Q-citocromo c ossidoreduttasi Complesso IV: citocromo c ossidasi 19 © Zanichelli editore, 2014

20 Flusso degli elettroni nella catena (II) Questi complessi contengono proteine specializzate nell’accettare e donare elettroni. La capacità di trasferire elettroni di queste proteine dipende dalla presenza di particolari strutture molecolari in grado di legare elettroni, quali il gruppo eme (nei citocromi), i gruppi ferro-zolfo (nelle corrispondenti proteine), il gruppo flavinmononucleotide (nella NADH deidrogenasi). 20 © Zanichelli editore, 2014

21 Funzione della catena di trasporto (I) La catena respiratoria è una sequenza di ossido- riduzioni, in cui le proteine dei vari gruppi accettano gli elettroni (riducendosi) e li cedono immediatamente al gruppo successivo (ossidandosi). È necessario che gli elettroni alla fine vengano eliminati: è questa la funzione dell’ossigeno che funziona da accettore finale. La catena respiratoria non genera direttamente ATP, bensì energia, sotto forma di forza proton-motrice, che servirà per la fosforilazione ossidativa. 21 © Zanichelli editore, 2014

22 Funzionamento della catena di trasporto (II) 22 © Zanichelli editore, 2014

23 Il gradiente elettrochimico protonico (I) L’ossidazione del NADH+H + libera 2 elettroni e 2 protoni (H + ). Gli elettroni entrano nella catena nel complesso I e vengono trasportati dai complessi I-IV all’ossigeno. A ogni passaggio di ossidoriduzione si generano altri protoni. Questi vengono pompati attraverso la membrana interna nello spazio intermembrana. 23 © Zanichelli editore, 2014

24 Il gradiente elettrochimico protonico (II) Una concentrazione elevata di H + da un lato della membrana farà sì che si crei un gradiente elettrochimico, in cui i protoni fluiscono dal compartimento ad alta concentrazione verso quello a bassa. Il collegamento è creato da un complesso transmembrana: l’ATP sintasi. 24 © Zanichelli editore, 2014

25 Fosforilazione ossidativa: ATP sintasi Il flusso di protoni che ritorna verso la matrice mitocondriale passa attraverso un canale costituito dalle proteine della subunità F 0 del complesso della ATP sintasi. Questo canale, in realtà è un rotore, le cui componenti vengono mosse dal flusso di H © Zanichelli editore, 2014

26 Meccanismo della ATP sintasi 26 Il movimento si trasmette alle proteine della testa (subunità F 1 ) che sporge verso la matrice e dove ha sede la sintesi di ATP a partire da ADP e P i, generando acqua. © Zanichelli editore, 2014 Gli elettroni ceduti da una molecola di NADH+H + portano alla sintesi di 2 ATP, mentre quelli di un FADH 2 a 1,5 ATP.

27 Considerazioni finali sulla produzione di ATP La produzione di ATP (la moneta energetica della cellula) procede attraverso complesse sequenze di reazioni connesse tra di loro: 1.Il catabolismo della macromolecole è connesso al ciclo di Krebs grazie all’ acetil-CoA. 2.Il ciclo di Krebs è connesso alla catena respiratoria grazie ai trasportatori di elettroni FADH 2 e NADH+H +. 3.La catena respiratoria è connessa all’ATP sintasi grazie alla forza proton motrice del gradiente elettrochimico. 27 © Zanichelli editore, 2014

28 Emoglobina, O 2, CO 2 e respirazione (I) È possibile ora capire il nesso tra la respirazione intesa come processo organo-meccanico di inspirazione ed espirazione e la respirazione come processo biochimico che porta alla sintesi di ATP. Inspirando immettiamo l’ossigeno che viene captato dall’emoglobina degli eritrociti e veicolato alle cellule, dove funge da accettore finale degli elettroni della fosforilazione ossidativa. 28 © Zanichelli editore, 2014

29 Emoglobina, O 2, CO 2 e respirazione (II) La quantità notevole di CO 2 generata nel ciclo di Krebs e nelle varie reazioni cellulari viene ceduta all’emoglobina, riportata ai polmoni ed emessa con l’espirazione. La respirazione è quindi un bell’esempio di come nell’organismo, ogni aspetto macroscopico sia legato a precisi eventi molecolari. 29 © Zanichelli editore, 2014


Scaricare ppt "Lezioni di biochimica 2 Lezione 7 Il metabolismo terminale e la produzione di ATP 3."

Presentazioni simili


Annunci Google