La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bertrand Russell Contemplazione e scienza. Riepilogo Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Questione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bertrand Russell Contemplazione e scienza. Riepilogo Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Questione."— Transcript della presentazione:

1 Bertrand Russell Contemplazione e scienza

2 Riepilogo Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Questione delle relazioni interne ed esterne Questione delle relazioni interne ed esterne Saggio su Leibniz: la logica classica considera erroneamente tutte le proposizioni come aventi la forma soggetto-predicato Saggio su Leibniz: la logica classica considera erroneamente tutte le proposizioni come aventi la forma soggetto-predicato Platonismo : tutti gli oggetti astratti hanno essere senza avere necessariamente esistenza spaziotemporale Platonismo : tutti gli oggetti astratti hanno essere senza avere necessariamente esistenza spaziotemporale Ontologia liberale dei Principles (chimere, unicorni, quadrati rotondi, classi di tutte le classi che non contengono se stesse come propri elementi hanno tutti essere e non possono venir dette non essere) Ontologia liberale dei Principles (chimere, unicorni, quadrati rotondi, classi di tutte le classi che non contengono se stesse come propri elementi hanno tutti essere e non possono venir dette non essere)

3 Russell & Frege Distinzione tra Senso e Significato Principio del contesto Distinzione tra entità sature e insature

4 IL PARADOSSO DEL MENTITORE Il cretese Epimenide dice: «Tutti I cretesi sono bugiardi» Il cretese Epimenide dice: «Tutti I cretesi sono bugiardi» Epimenide dice la verità o mente? Epimenide dice la verità o mente? Se dice la verità allora, dato che egli stesso, è cretese è bugiardo e quindi nondice la verità Se dice la verità allora, dato che egli stesso, è cretese è bugiardo e quindi nondice la verità Se mente allora non è vero che tutti i cretesi sono bugiardi, e quindi Epimenide dice la verità Se mente allora non è vero che tutti i cretesi sono bugiardi, e quindi Epimenide dice la verità

5 IL PARADOSSO DEL BARBIERE Il barbiere fa la barba a tutti coloro che non si fanno la barba da sé Il barbiere fa la barba a tutti coloro che non si fanno la barba da sé Chi fa la barba al barbiere? Chi fa la barba al barbiere? Se si fa la barba da sé allora non può essere lui stesso a farsi la barba Se si fa la barba da sé allora non può essere lui stesso a farsi la barba Se non si fa la barba da sé allora deve farsi la barba da solo Se non si fa la barba da sé allora deve farsi la barba da solo

6 PARADOSSO DI RUSSELL Classe NORMALE = classe che non contiene se stessa come proprio elemento N = CLASSE CHE CONTIENE NELLA PROPRIA ESTENSIONE TUTTE LE CLASSI NORMALI: 1)SE N È NORMALE ALLORA DEVE CONTENERE SE STESSA NELLA PROPRIA ESTENSIONE E IN QUESTO MODO NON E’ NORMALE; 2)SE N NON È NORMALE ALLORA PER DEFINIZIONE CONTIENE SE STESSA NELLA PROPRIA ESTENSIONE, MA IN QUESTO CASO DEVE ESSERE UNA CLASSE NORMALE

7 “On Denoting” teoria dei simboli incompleti Teoria delle descrizioni Il re di Francia è calvo = 1) Esiste un individuo x che gode della proprietà di essere re di Francia 2) se y gode della proprietà di essere re di Francia allora y = x 3) x è calvo

8 “On Denoting” Dissociazione tra forma grammaticale e forma logica Esclusione delle entità problematiche Logica come criterio di esistenza ACQUAINTANCE

9 Tutti gli oggetti di cui si ha acquaintance hanno garanzia di esistenza Solo le entità di cui si ha acquaintance possono essere considerate esistenti

10 Concezione della logica di Russell La logica è intesa da Russell come ricognizione con lo sguardo della mente di un catalogo di speciali entità, speciali oggetti logici: La logica è intesa da Russell come ricognizione con lo sguardo della mente di un catalogo di speciali entità, speciali oggetti logici: «la discussione degli indefinibili, che forma la parte principale della logica filosofica, consiste nel tentativo di vedere chiaramente, e di far sì che altri vedano chiaramente, le entità considerate, affinché il pensiero possa avere rispetto ad esse quella forma di conoscenza che esso ha rispetto al colore rosso o al sapore dell’ananas» «la discussione degli indefinibili, che forma la parte principale della logica filosofica, consiste nel tentativo di vedere chiaramente, e di far sì che altri vedano chiaramente, le entità considerate, affinché il pensiero possa avere rispetto ad esse quella forma di conoscenza che esso ha rispetto al colore rosso o al sapore dell’ananas»

11 Teoria del giudizio come relazione multipla Socrate precede Platone = relazione multipla tra il soggetto e vari oggetti, quali Socrate, Platone, la relazione x precede y, e la forma logica comune a tutte le relazioni duali

12 Conseguenze della teoria del giudizio come relazione multipla Le proposizioni vengono intese come “simboli incompleti” (secondo la strategia di “On Denoting”) – problema delle “falsità oggettive” Le proposizioni vengono intese come “simboli incompleti” (secondo la strategia di “On Denoting”) – problema delle “falsità oggettive” Problema dell’unità del giudizio Problema dell’unità del giudizio La forma logica è considerata come uno speciale ente che deve avere il potere di unire gli oggetti che entrano a far parte del giudizio La forma logica è considerata come uno speciale ente che deve avere il potere di unire gli oggetti che entrano a far parte del giudizio

13 Russell & Wittgenstein Per Wittgenstein le forme logiche non rappresentano oggetti ma la possibilità che gli oggetti si combinino secondo una certa configurazione

14 Due modi di concepire la conoscenza Russell: ricognizione di un agglomerato di oggetti Russell: ricognizione di un agglomerato di oggetti Kant: scoprire le leggi, le strutture che determinano il modo in cui le cose funzionano, i meccanismi che regolano il corso degli eventi Kant: scoprire le leggi, le strutture che determinano il modo in cui le cose funzionano, i meccanismi che regolano il corso degli eventi

15 Bertrand Russell Contemplazione e scienza


Scaricare ppt "Bertrand Russell Contemplazione e scienza. Riepilogo Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Critica del Neoidealismo di Bradley e McTaggart Questione."

Presentazioni simili


Annunci Google