La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D. Lgs. 19.9.94 n. 626 MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Attuazione direttive CEE MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D. Lgs. 19.9.94 n. 626 MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Attuazione direttive CEE MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI."— Transcript della presentazione:

1 D. Lgs n. 626 MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Attuazione direttive CEE MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Attuazione direttive CEE

2 MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs. 626/94 TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Dir. 89/654 Art TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Dir. 89/ /63 Art TITOLO IV USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZ. INDIVID. Dir. 89/656Art TITOLO V MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI Dir. 90/269Art TITOLO I Dir. 89/391 Art MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI TITOLO V bis PROTEZIONE DA AGENTI FISICI Art.49bis – 49 duodecies Dir. 03/10

3 TITOLO VIII PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI Dir.90/ /88 Art TITOLO IX SANZIONI Art TITOLO X DISP. TRANS. E FINALI Art MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs. 626/94 TITOLO VII bis PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI Dir. 98/24 Art. 72 bis - 72 terdecies TITOLO VII PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI MUTAGENI Dir. 90/ / /38 Art TITOLO VIII bis PROTEZIONE DA ATMOSFERE PERICOLOSE Dir.99/92 Art. 88 bis – 88 undecies TITOLO VI USO ATTREZZATURE CON VIDEOTERMINALI Dir. 90/270 Art

4 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1-7 CAPO II SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Art CAPO III PREVENZ. INCENDI, EVACUAZ., PRONTO SOCCORSO Art CAPO IV SORVEGLIANZA SANITARIA Art TITOLO I MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Dir. 89/391 Art TITOLO I MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Dir. 89/391 Art D.Lgs. 626/94

5 CAPO VI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI Art CAPO VII DISPOSIZ. CONCERNENTI LA PUBBLICA AMMINISTRAZ. Art CAPO VIII STATISTICHE INFORTUNI E MALATTIE PROFESS.LI Art. 29 TITOLO I MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Dir. 89/391 Art TITOLO I MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI Dir. 89/391 Art D.Lgs. 626/94 CAPO V CONSULTAZ. E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI Art

6 CAPO I Disposizioni generali Articolo 1 Campo di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Misure generali di tutela Articolo 5 Obblighi lavoratore Articolo 6 Obblighi progettisti, ecc. Articolo 7 Contratto appalto, ecc. Valutazione dei rischi Eliminaz. / Riduzione dei rischi alla fonte Programmaz. della prevenzione Organizzazione Gestione Articolo 4 Obblighi datore di lavoro, dirigente, preposto D.Lgs. 626/94

7 CAMPO DI APPLICAZIONE (Art. 1) IN TUTTI I SETTORI DI ATTIVITA’ PRIVATI O PUBBLICI: TUTELA DELLA SALUTE E PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO IN TUTTI I SETTORI DI ATTIVITA’ PRIVATI O PUBBLICI: TUTELA DELLA SALUTE E PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO Forze Armate e di Polizia Servizi di Protezione Civile Strutture giudiziarie, penitenziarie Università Istituti di istruzione e di educazione di ogni ordine e grado Lavoratori a domicilio e con contratto di portierato (art. 21) Forze Armate e di Polizia Servizi di Protezione Civile Strutture giudiziarie, penitenziarie Università Istituti di istruzione e di educazione di ogni ordine e grado Lavoratori a domicilio e con contratto di portierato (art. 21) Se vi sono lavoratori o ad essi equiparati Industria Artigianato Commercio Ferrovie Ospedali, Case di Cura Istit. di Credito, Ass.ne Studi professionistici Amm.ni Statali e Locali Se vi sono lavoratori o ad essi equiparati Industria Artigianato Commercio Ferrovie Ospedali, Case di Cura Istit. di Credito, Ass.ne Studi professionistici Amm.ni Statali e Locali SI APPLICA (Esempi) SI APPLICA (Esempi) SI APPLICA tenendo conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato

8 DEFINIZIONI - I ° (Art. 2) LAVORATORE Equiparati a lavoratori: - Soci lavoratori di coop. o di società anche di fatto - Utenti dei serv. di orientam. o di formaz. scolastica, universit., prof.le avviati presso DDL - Allievi di istituti di istruzione ed universitari e partecipanti a corsi di formaz. prof.le nei quali si faccia uso di laboratori, macchine, appar. e attrezz.di lavoro, agenti chimici, fisici, biologici (non concorrono alla determinazione del n. di lavoratori) Persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro con rapporto di lavoro subordinato DATORE DI LAVORO - Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore - Soggetto che ha la responsabilità dell’impresa o unità produttiva (stabilimento o struttura finalizzata alla produzione di beni o servizi, dotata di autonomia finanziaria e tecnico- funzionale) in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa. - Dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non con qualif. dirigenziale, nei soli casi in cui sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale. PRIVATO PUBBLICO Entro direzione politica o vertice amm.vo individua il soggetto D.D.L.

9 DEFINIZIONI - II ° (Art. 2) RESPONSABILE DEL S.P.P. Persona diplomata o con titolo superiore, designata dal DDL, appositamente formata e con capacità adeguate ai rischi presenti sul luogo di lavoro MEDICO COMPETENTE Medico in possesso di : - specializzazione in medicina del lavoro o in disciplina equipollente - autorizzazione ex art. 55 D.Lgs. 277/91 - ecc. PREVENZIONE Disposizioni o misure adottate o previste in tutte le fasi dell’attività lavorativa per evitare o diminuire i rischi prof.li nel rispetto della salute della popolazione e dell’integrità dell’ambiente esterno SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda per attività di prev. e protez. dai rischi professionali nell’azienda o nell’unità produttiva RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Persona/e elette o designate per rappresentare i lavoratori nella materia della salute e sicurezza durante il lavoro

10 Informaz., formaz., consultaz., partecipaz., istruzioni adeguate ai lavoratori Manutenz. di ambienti, attrezz., macchine, imp.ti, disposit. di sicurezza Segnali di avvertimento e sicurezza Misure di emergenza Allontanamento per motivi sanitari Limitaz. agenti chimici, fisici, biologici Priorità protez. collett. su individ. Attenuare lavoro monotono /ripetitivo Limitazione al minimo degli esposti al rischio Rispetto principi ergonomici Sostituz. pericolo con minor pericolo Riduzione dei rischi alla fonte Eliminazione dei rischi o, se non possibile, riduzione al minimo Per attrezz. lavoro, sostanze, sistemaz. amb. di lavoro, processi produtt., macchine, impianti MISURE GENERALI DI TUTELA (Art. 3) VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI ELIMIN./RIDUZ. RISCHI ALLA FONTE ELIMIN./RIDUZ. RISCHI ALLA FONTE PROGRAMMAZ. DELLA PREVENZIONE PROGRAMMAZ. DELLA PREVENZIONE ORGANIZZAZ. GESTIONE ORGANIZZAZ. GESTIONE Controllo sanitario dei lavoratori

11 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO, DEL DIRIGENTE, DEL PREPOSTO (Art. 4) DATORE DI LAVORO Designa Responsabile e Addetti (anche con esterni) del S.P.P. DIRIGENTE PREPOSTO Adottano e aggiornano le misure di prevenzione necessarie (c. 5) Resp. S.P.P. Med. Comp. Rappr. Sicur. (consultaz.) NOTA: Deroghe per le piccole e medie aziende (Art. 4 c. 9) Nomina, nei casi previsti, il Medico Competente Per az. famil. e fino a 10 dip. autocertificazione su valutaz. e misure Responsabilità di valutazione e attuazione continuativa Elabora, custodisce e aggiorna il Documento contenente: - Valutazione dei rischi - Misure di prevenzione - Programma di attuazione Per nuove attività (pubbl. o private) “Documento” entro 3 MESI dall’inizio dell’attività

12 OBBLIGHI DEI LAVORATORI (Art. 5) Devono prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro (azioni - omissioni) Utilizzano correttamente macchine, apparecch, utensili, dispositivi di sicurezza e di protezione Segnalano immediatamente al DDL, dirigenti, preposti le deficienze delle macchine, impianti, dispositivi Osservano le disposizioni e le istruzioni impartite dal DDL, dirigenti, preposti Non manomettono dispositivi di sicurezza, segnalaz., ecc. Non compiono di propria iniziativa operazioni non di loro competenza Si sottopongono ai controlli sanitari previsti Contribuiscono all’adempimento degli obblighi imposti dall’autorità competente I LAVORATORI

13 OBBLIGHI DEI PROGETTISTI, FABBRICANTI, FORNITORI, INSTALLATORI (Art. 6) Rispettano i principi generali di prevenzione in materia di sicurezza e salute Scelgono macchine e dispositivi di protezione rispondenti ai requisiti essenziali di sicurezza previsti Installano e montano gli impianti, macchine e altri mezzi tecnici secondo le norme di sicurezza e igiene del lavoro e secondo le istruzioni dei rispettivi fabbricanti FABBRICANTI FORNITORI FABBRICANTI FORNITORI PROGETTISTI INSTALLATORI MONTATORI INSTALLATORI MONTATORI Sono vietati la vendita, la fabbricazione, il noleggio, la concessione in uso, la locaz. finanz. (certificaz. - omologaz. obbligatoria) di macchine, attrezz. e impianti non rispondenti alla legislazione vigente

14 CONTRATTO DI APPALTO E CONTRATTO D’OPERA (Art. 7) DATORE DI LAVORO FORNISCE INFORMAZ. SUI RISCHI SPECIFICI VERIFICA IDONEITA’ TECNICO PROFESSIONALE IMPRESE APPALTATRICI LAVORATORI AUTONOMI COOPERA ALL’ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COORDINA E PROMUOVE LA COOPERAZIONE E IL COORDINAM. DEGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RISCHI DI INTERFERENZA) L’obbligo di coordinamento non si estende ai rischi specifici propri dell’attività delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi

15 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - I (Art. 8-11) DATORE DI LAVORO Designa il responsabile e una o più persone c Comunica nomi, curriculum, ecc. all’Isp. del Lav. e all’U.S.L. Fornisce al SPP tutte le informaz. necessarie Organizza SPP ( Art. 8) ISTITUISCE IL SPP Art. 8 ISTITUISCE IL SPP Art. 8 Diploma o titolo superiore Ulteriore formazione specifica Numero sufficiente Capacità adeguate ai rischi presenti Mezzi e tempo adeguati Az. art. e ind. fino a 30 add. az. agr. e zoot. fino a 10 add. az. pesca fino a 20 add. altre fino a 200 add. SVOLGIM. DIRETTO DEI COMPITI DEL SPP Art. 10 SVOLGIM. DIRETTO DEI COMPITI DEL SPP Art. 10 ALL. I ORGANO DI VIGILANZA Anche con supporto esterno Dichiaraz. capacità di svolgimento Relazione infort.-mal. prof. Attestaz. frequenza a corso di formaz. (entro ) Dichiaraz. di ademp. art. 4 (o autocertificazione per az. familiari e fino a 10 addetti)

16 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - II - (Art. 8-11) COMPITI (Art. 9) RIUNIONE PERIODICA (Art. 11) RIUNIONE PERIODICA (Art. 11) - Individua e valuta i rischi - Elabora misure prev. e protett. - Elabora procedure di sicurezza - Progetta Informaz. e Formaz. - Fornisce informaz. da art. 21 Il SPP può essere in tutto o in parte esterno c Sempre interno se: - ind. a rischio rilevante - az. ind con > 200 dip. - ind. estr. con > 50 dip. - strutt. ricovero e cura - centrali termoelettriche - altre Riceve le informazioni necessarie dal DDL e su queste è tenuto al segreto industriale E’ strumento del Datore di Lavoro Partecipanti: - DDL - Medico Competente - Resp. SPP - Rappr. per la Sicur. Periodicità: Ordinaria: min. annuale Straord.: - variaz. significative - su richiesta del Rappr. Sicur. Esamina: - Documento (art. 4) - idoneità dei Disp. Protez. Individ. - programmi di informaz. e formaz.

17 PREVENZIONE INCENDI, EVACUAZIONE DEI LAVORATORI, PRONTO SOCCORSO (Art ) DATORE DI LAVORO DISPOSIZIONI GENERALI (Art.12) - Organizza i rapporti con l’esterno (VV.F., Ospedali, ecc.) per le emergenze - Designa i lavorat. per le squadre di emergenza - Prende provvedim. e programmma interventi - Informa i lavoratori sulle misure prese e i comportamenti da tenere - Osserva i diritti dei lavoratori (Art. 14) PRONTO SOCCORSO Prende provvedimenti per il Pronto Soccorso EVACUAZIONE DEI LAVORAT. Prende misure per l’evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato DECRETI MINISTERIALI Stabiliranno linee guida per la prevenzione incendi e per le emergenze secondo il tipo di attività Stabiliranno le attrezzature di pronto soccorso, i requisiti e la formazione del personale secondo l’attività

18 ACCERT. PERIOD. SORVEGLIANZA SANITARIA (Art ) MEDICO COMPETENTE interno, esterno, pubblico, privato MEDICO COMPETENTE interno, esterno, pubblico, privato Collabora con il DDL e il SPP per misure di tutela Accertam. sanitari preventivi e periodici Giudizi di idoneità alla mansione specifica Cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore Informaz. ai lavoratori e al Rappr. per la Sicurezza Visite mediche richieste dal lavoratore Dà/commenta i risultati collettivi nella riun. period. E’ EFFETTUATA DAL: COMPRENDE: ACCERT. PREVENT. VALUTAZ. IDONEITA’ ALLA MANSIONE SPECIFICA Visita ambienti almeno 2 v./anno con Resp. del SPP Collabora con DDL a organizzare il Pronto Socc. Collabora all’attività di informazione e formazione

19 CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI (Art ) RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA NUMERO MIN. 1 fino a 200 dip. 3 da 201 a 1000 dip. 6 oltre i 1000 dip. NUMERO MIN. 1 fino a 200 dip. 3 da 201 a 1000 dip. 6 oltre i 1000 dip. ELETTO - oltre i 15 dip. dai lavoratori tra le RSU - fino a 15 dip. tra i lavorat. o tra più az. (ambito territ./comparto) ELETTO - oltre i 15 dip. dai lavoratori tra le RSU - fino a 15 dip. tra i lavorat. o tra più az. (ambito territ./comparto) COMPITI Viene adeguatamente formato Ha accesso ai luoghi di lavoro - Sulla valutaz. e prevenz. dei rischi - Nella designaz. degli addetti al SPP, antincendio, evacuaz., pronto soccorso - valutaz. rischi e documentaz. su prevenz. rischi, su sostanze, organizz., amb. lavoro, ecc. - informaz. dall’Org. di Vigilanza - promuove individuaz. e attuaz. delle misure di prevenz. - fa osservazioni all’Org. di Vigilanza in visita - fa proposte sull’attività di prevenzione - segnala al resp. aziendale i rischi individuati - ricorre all’Org. di Vigilanza in caso di necessità Riceve Opera E’ consultato Partecipa alle riunioni period.

20 INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI (Art ) IL DDL DEVE INFORMARE CIASCUN LAVORATORE SU : Rischi per la sicurezza e la salute connessi con l’attività Misure e attività di protezione e prevenzione Rischi specifici, norme e disposizioni aziendali Sostanze pericolose Antincendio, evacuazione, pronto soccorso Responsabile SPP e medico competente Lavoratori incaricati delle procedure di emergenza Durante orario di lavoro - All’assunzione - Cambio mansione - Cambio attrezz., tecnol., sostanze In modo periodico In modo particolare per il Rappr. per la Sicur. In modo mirato gli addetti all’antincendio, ecc. Formazione sufficiente e adeguata in materia di sicurezza e salute con particolare riferim. al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni IL DDL DEVE FORMARE CIASCUN LAVORATORE :

21 DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (Art ) ORGANI DI VIGILANZA ORGANI DI VIGILANZA UNITA’ SANITARIA LOCALE INFORMAZIONE, CONSULENZA, ASSISTENZA INFORMAZIONE, CONSULENZA, ASSISTENZA Comm. Consult. Perman. per la Prev. Infortuni e l’Igiene del Lavoro Entro un anno criteri che assicurino omogeneità di comportamento in tutto il paese VIGILI DEL FUOCO ISPETT. DEL LAVORO (per rischi particolarm. elevati Regioni Vigili del Fuoco ISPESL Isp. del Lavoro Direz. Gen. miniere Enti di Patronato MIN. INDUSTR. (miner. ) Svolgono attività di INFORMAZIONE,CONSULENZA, ASSITENZA, in particolare per Artigiani,P.M.I. e rispettive Ass.ni CONSULENZA VIETATA A SOGGETTI CHE SVOLGONO ATTIVITA’ DI CONTROLLO E VIGILANZA COORDINAMENTO

22 LUOGHI DI LAVORO (Art ) ADEGUAMENTO DI: ADEGUAMENTO DI: TENER CONTO DI LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP (Non per i luoghi di lavoro già utilizzati prima del ) VIE E USCITE DI EMERGENZA VIE DI CIRCOLAZ., PAVIM., ECC. PORTE E PORTONI PAVIM., MURI, SOFFITTI, FINESTRE ILLUM. NATURALE E ARTIFICIALE TEMPERATURA DEI LOCALI AERAZ. DI LUOGHI DI LAVORO CHIUSI POSTI DI LAV., DI PASS. ED ESTERNI DOCCE E LAVABI SPOGLIATOI E ARMADI LOCALI DI RIPOSO SCADENZA SCADENZA Per i luoghi di lavoro costruiti o utilizzati prima del : adeguamento entro il Per i luoghi di lavoro costruiti o utilizzati prima del : adeguamento entro il Se occorrono concessioni o autorizzazioni procedere alle rispettive richieste immediatam. Se esistono vincoli urbanistici, misure alternative autorizzate da USL

23 LUOGHI DI LAVORO locali ed edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni (Art. 4 punto 12) richiesta di adempimento DIRIGENTI O FUNZIONARI PREPOSTI AGLI UFFICI per adempiere agli obblighi DIRIGENTI O FUNZIONARI PREPOSTI AGLI UFFICI per adempiere agli obblighi AMMINISTRAZIONE COMPETENTE O SOGGETTO CHE NE HA L’OBBLIGO GIURIDICO AMMINISTRAZIONE COMPETENTE O SOGGETTO CHE NE HA L’OBBLIGO GIURIDICO In carico all’amministrazione tenuta, per effetto di norme o convenzioni, alla loro fornitura e manutenzione Obblighi relativi a interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare la sicurezza dei locali e degli edificiassegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici

24 USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO I (Art ) Mette a disposizione attrezzature adeguate al lavoro e idonee alla sicurezza e salute Attua misure tecniche e organizzative per ridurre al minimo i rischi connessi al loro uso Le sceglie in base al lavoro, tenendo conto sia dei rischi derivanti dal loro uso che di quelli ambientali Prende misure perché tutte le attrezzature siano installate ed utilizzate correttamente e fatte oggetto di una idonea manutenzione IL DATORE DI LAVORO : Definisce idonee regole per la circolazione delle attrezzature di lavoro mobili tenendo conto della sicurezza sia dei conducenti che dei pedoni Provvede affinché le attrezzature destinate al sollevamento dei carichi siano utilizzate seguendo precisi criteri di sicurezza Le attrezzature devono soddisfare le disposizioni legislative e regolamentari in materia di tutela della sicurezza e salute Qualsiasi macchina, apparecchio, utensile od impianto destinato ad essere usato durante il lavoro ATTREZZATURA DI LAVORO

25 USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO II (Art ) Le modifiche apportate alle macchine al fine di migliorarne le condizioni di sicurezza, se non comportano modifiche alle modalità di utilizzo e alle prestazioni previste dal costruttore, non configurano una nuova immissione sul mercato ai sensi del DPR 459/96 I LAVORATORI : Si sottopongono ai programmi di formazione e addestramento Le utilizzano secondo le informazioni e l’addestramento ricevuti Hanno cura delle attrezzature, non vi apportano modifiche e segnalano immediatamente difetti o inconvenienti Mette a disposizione dei lavoratori le informazioni e le istruzioni d’uso sulla sicurezza (in forma loro comprensibile) Assicura una formazione adeguata sull’uso ai lavoratori incaricati Adegua le attrezzature di lavoro mobili e quelle adibite al sollevamento dei carichi ai criteri di sicurezza elencati nell’allegato XV entro il 31 dicembre 2002 Provvede affinché le attrezzature di cui all’allegato XIV siano sottoposte a verifica sia ad ogni installazione che successivamente a cadenza periodica IL DATORE DI LAVORO :

26 USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I (Art ) DEFINIZIONI Qualsiasi attrezzatura indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. OBBLIGO D’USO I D.P.I. devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro. I D.P.I. DEVONO - Essere conformi alle norme del D.Lgs. 475/92 - Essere adeguati ai rischi da prevenire - Essere adeguati alle condizioni esistenti nel luogo di lavoro - Tener conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore - Essere adattabili all’utilizzatore secondo le sue necessità

27 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO Effettua l’analisi e la valutazione dei rischi non evitabili con altri mezzi Individua le caratteristiche dei DPI, sceglie quelli sul mercato più adeguati ai rischi presenti e li mantiene efficienti Individua la durata dell’uso del DPI per: * entità del rischio * frequenza dell’esposizione * caratteristiche del posto di lavoro * prestazioni del DPI USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE II (Art ) OBBLIGHI DEI LAVORATORI OBBLIGHI DEI LAVORATORI Assicura informazioni sui rischi e sui DPI, e uno specifico addestramento all’uso. Addestramento obbligatorio per : * DPI di terza categoria (D.Lgs. 475/92) * DPI di protezione per l’udito Si sottopongono al programma di formazione e addestram. (se necessario) Utilizzano i DPI messi aloro disposizione in base all’informazione, formazione e addestramento ricevuti Hanno cura dei DPI messi aloro disposizione e non vi apportano modifiche Segnalano i difetti rilevati nei DPI messi a loro disposizione

28 NORMA TRANSITORIA I DPI prodotti entro il e commercializzati entro il USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE III° (Art ) I DPI già in uso il prodotti conformemente alle normative vigenti nazionali o di paesi CEE POSSONO ESSERE IMPIEGATI FINO AL Se sono dispositivi di emergenza, destinati all’autosalvataggio in caso di evacuazione, possono esser impiegati fino al

29 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Art ) TRASPORTO O SOSTEGNO DI UN CARICO CON RISCHIO, TRA L’ALTRO, DI LESIONI DORSO-LOMBARI TRASPORTO O SOSTEGNO DI UN CARICO CON RISCHIO, TRA L’ALTRO, DI LESIONI DORSO-LOMBARI ALLEGATO VI IL DATORE DI LAVORO DEVE IL DATORE DI LAVORO DEVE Adottare misure e mezzi appropriati per evitare la movimentaz. manuale Adottare misure e mezzi appropriati per ridurre il rischio in caso di movimentaz. manuale necessaria Organizza i posti di lavoro Sottopone i lavoratori a specifica Sorveglianza Sanitaria Fornisce ai lavorat. informaz. e formaz. su: peso, conformazione, movimentaz. corretta CARATTERISTICHE DEL CARICO, ecc.

30 VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE Lex,8h = 87 dB(A) Ppeak = 200 Pa (140 dB (C) riferito a 20 (micro) Pa) PROTEZIONE DA AGENTI FISICI (Art. 49 quater) PROTEZIONE DA AGENTI FISICI (Art. 49 quater) VALORI SUPERIORI DI AZIONE Lex,8h = 85 dB(A) e Ppeak = 140 Pa (137 dB (C) riferito a 20 (micro) Pa) VALORI INFERIORI DI AZIONE Lex,8h = 80 dB(A) e Ppeak = 112 Pa (135 dB (C) riferito a 20 (micro) Pa) Protezione dei lavoratori contro i rischi RUMORE derivanti dall’esposizione a RUMORE Protezione dei lavoratori contro i rischi RUMORE derivanti dall’esposizione a RUMORE Valori limite di esposizione e valori di azione Valori limite di esposizione e valori di azione

31 PROTEZIONE DA AGENTI FISICI (Art. 49 quinquies ÷ decies) PROTEZIONE DA AGENTI FISICI (Art. 49 quinquies ÷ decies) - VALUTAZIONE DEL RISCHIO Compiti del datore di lavoro in ordine a rischio RUMORE QUANDO A SEGUITO DELLA VALUTAZIONE SI RITIENE CHE I VALORI INFERIORI DI AZIONE POSSONO ESSERE SUPERATI - MISURAZIONI PERSONALE ADEGUATAMENTE QUALIFICATO - MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - USO DEI D.P.I. - INFORMAZIONE E FORMAZIONE - SORVEGLIANZA SANITARIA

32 USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE (Art ) Schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal procedimento di visualizzazione utilizzato Analizza i posti di lavoro con particolare riguardo a : - rischi per la vista e gli occhi - posture ed affaticamento fisico o mentale - condizioni ergonomiche e di igiene ambientalele Adotta le misure per ovviare ai rischi riscontrati Assegna mansioni e compiti evitando ripetitività e monotonia Dispone pause per gli addetti ai VDT per almeno 4 h consecutive Nomina il Medico Competente per il controllo sanitario di tali addetti IL DATORE DI LAVORO : VDT: LAVORATORI : Informa e forma i lavoratori riguardo: - misure applicabili al posto di lavoro - modalità di svolgimento dell’attività - protezione degli occhi e della vista - cambiamenti tecnologici comportanti mutamenti dell’Organizzaz. del Lavoro pri ma di attuarli I posti di lavoro con VDT, utilizzati dopo il , devono essere conformi alle prescrizioni dell’All. VII, Circ. Min. Lav. 102/95 e DM 02/10/00; quelli utilizzati prima del devono essere adeguati entro il Quelli che utilizzano un’attrezzatura con VDT in modo sistematico ed abituale, per 20 ore settimanali, dedotte le interruzioni

33 PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI MUTAGENI I (Art ) AGENTE CANCEROGENO: Sostanza o preparato che risponde ai criteri relativi alla classificazione quali categorie cancerogene di classe 1 o 2, stabiliti ai sensi del DLgs 52/97 e successive modificazioni; una sostanza, un preparato o un processo compresi nell’allegato VIII, una sostanza o un preparato emessi durante un processo previsto nell’allegato VIII AGENTE MUTAGENO: Sostanza o preparato che risponde ai criteri relativi alla classificazione quali categorie mutagene di classe 1 o 2, stabiliti ai sensi del DLgs 52/97 e successive modificazioni VALORE LIMITE: il limite di concentrazione media, ponderata nel tempo, di un agente cancerogeno o mutageno nell’aria, rilevabile nella zona di respirazione del lavoratore, in relazione ad un periodo di riferimento determinato stabilito nell’allegato VIII-bis Dal campo di applicazione è escluso l’amianto

34 PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI MUTAGENI II (Art ) VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA di agenti cancerogeni e mutageni leggendo attentamente le etichette e le schede di sicurezza dei prodotti utilizzati nel ciclo produttivo. EVITARE L’USO DI TALI PRODOTTI: Sostituendoli con altri meno pericolosi Utilizzandoli in un sistema chiuso Ridurre l’esposizione al valore più basso tecnicamente possibile e comunque non superiore al valore limite stabilito nell’allegato VIII-bis IL DATORE DI LAVORO DEVE : VALUTARE L’ESPOSIZIONE (compresa quella cutanea) REDIGERE UN DOCUMENTO CON: Le attività che comportano esposizioni Le quantità di sostanze o preparati cancerogeni o mutageni utilizzati Il numero dei lavoratori esposti o potenzialmente esposti L’esposizione dei lavoratori (ove nota) ed il grado della stessa Le misure preventive e protettive adottate ed il tipo di DPI adottati Le indagini svolte per la possibile sostituzione di tali prodotti Per attività già esistenti alla data del che espongono a polvere di legno duro, il datore di lavoro si adegua entro il

35 Quando non è possibile eliminare il rischio, PROVVEDERE AD APPLICARE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI (tra le quali anche la misurazione degli agenti cancerogeni e mutageni) che consentano di ridurre l’esposizione dei lavoratori. Informare e formare i lavoratori Istituire la sorveglianza sanitaria Mettere a disposizione adeguati servizi igienici e dispositivi di protezione individuale IL DATORE DI LAVORO DEVE : Adottare provvedimenti procedurali adeguati per casi di esposizione non prevedibile e per operazioni lavorative particolari Istituire ed aggiornare un registro di esposizione con la collaborazione del medico competente PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI MUTAGENI III (Art ) Rifare la valutazione ad ogni modifica del ciclo produttivo, in ogni caso, trascorsi tre anni Per attività già esistenti alla data del che espongono a polvere di legno duro, il datore di lavoro si adegua entro il

36 PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI I (Art. 72 bis-72 ter decies) AGENTE CHIMICO: gli elementi o composti chimici, da soli o nei loro miscugli, allo stato naturale oppure ottenuti o utilizzati o smaltiti mediante qualsiasi attività lavorativa, prodotti intenzionalmente o no, immessi o no sul mercato AGENTE CHIMICO PERICOLOSO: sostanze classificate pericolose ai sensi del DLgs 52/97 preparati classificati pericolosi ai sensi del DLgs 285/98 gli agenti chimici che corrispondono ai criteri di classificazione di pericolo agenti chimici che pur non essendo classificati come pericolosi possono comportare rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori a causa delle loro proprietà chimico-fisiche o tossicologiche e del modo in cui sono utilizzati o presenti sui luoghi di lavoro AGENTE CHIMICO PERICOLOSO: sostanze classificate pericolose ai sensi del DLgs 52/97 preparati classificati pericolosi ai sensi del DLgs 285/98 gli agenti chimici che corrispondono ai criteri di classificazione di pericolo agenti chimici che pur non essendo classificati come pericolosi possono comportare rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori a causa delle loro proprietà chimico-fisiche o tossicologiche e del modo in cui sono utilizzati o presenti sui luoghi di lavoro VALORE LIMITE DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE: il limite di concentrazione media, ponderata nel tempo, di un agente chimico nell’aria, rilevabile nella zona di respirazione del lavoratore, in relazione ad un periodo di riferimento determinato stabilito nell’allegato VIII-ter VALORE LIMITE BIOLOGICO: il limite della concentrazione dell’agente chimico, di un suo metabolita o di un indicatore di effetto, nell’ appropriato mezzo biologico. Un primo elenco si trova nell’allegato VIII-quater VALORE LIMITE DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE: il limite di concentrazione media, ponderata nel tempo, di un agente chimico nell’aria, rilevabile nella zona di respirazione del lavoratore, in relazione ad un periodo di riferimento determinato stabilito nell’allegato VIII-ter VALORE LIMITE BIOLOGICO: il limite della concentrazione dell’agente chimico, di un suo metabolita o di un indicatore di effetto, nell’ appropriato mezzo biologico. Un primo elenco si trova nell’allegato VIII-quater Sono escluse le sostanze ed i preparati pericolosi solo per l’ambiente

37 Quando non è possibile eliminare il rischio, PROVVEDERE AD APPLICARE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI (tra le quali anche la misurazione degli agenti cancerogeni e mutageni) che consentano di ridurre l’esposizione dei lavoratori. Informare e formare i lavoratori Istituire la sorveglianza sanitaria Mettere a disposizione adeguati servizi igienici e dispositivi di protezione individuale IL DATORE DI LAVORO DEVE : Adottare provvedimenti procedurali adeguati per casi di esposizione non prevedibile e per operazioni lavorative particolari USL R.E. SPSAL VALUTARE LA PRESENZA DI AGENTI CHIMICI PERICOLOSI esaminando le etichette e le schede di sicurezza dei prodotti utilizzati nel ciclo produttivo. SOSTITUIRE GLI AGENTI CHIMICI PERICOLOSI, ove possibile, con altri meno pericolosi IL DATORE DI LAVORO DEVE : INTEGRARE IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CON L’indicazione degli agenti chimici presenti e delle loro proprietà pericolose Le informazioni ricavate dalle etichette e schede di sicurezza Il livello, tipo e durata dell’esposizione Le quantità utilizzate e le modalità di lavoro in presenza di agenti chimici I valori limite di esposizione professionale o i valori limite biologici I risultati delle misurazioni periodiche, se necessarie Gli effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare Le conclusioni della sorveglianza sanitaria, se disponibili Le misure adottate ai sensi dell’art. 72-quinquies e, ove applicabile, dell’art. 72 sexies Attività che possono provocare notevole esposizione, compresa la manutenzione PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI II (Art. 72 bis-72 ter decies)

38 Quando non è possibile eliminare il rischio, PROVVEDERE AD APPLICARE MISURE TECNICHE, ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI (tra le quali anche la misurazione degli agenti cancerogeni e mutageni) che consentano di ridurre l’esposizione dei lavoratori. Informare e formare i lavoratori Istituire la sorveglianza sanitaria Mettere a disposizione adeguati servizi igienici e dispositivi di protezione individuale USL R.E. SPSAL LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO : Può portare a risultati che, in base al tipo e alle quantità di agente chimico pericoloso e alle modalità e frequenza di esposizione a tale agente, dimostrino vi sia solo un RISCHIO MODERATO per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Sono quindi sufficienti le misure e i principi generali per la prevenzione dei rischi (art. 72-quinquies comma 1) Nel caso di rischio moderato NON SI APPLICANO: l’art. 72-sexies (misure specifiche di protezione e prevenzione) l’art. 72-septies (disposizioni in caso di incidenti o di emergenze) l’art. 72-decies (sorveglianza sanitaria) l’art. 72-undecies (cartelle sanitarie e di rischio) PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI III (Art. 72 bis-72 ter decies) Può includere la GIUSTIFICAZIONE che la natura e l’entità dei rischi legati ad agenti chimici pericolosi rendono NON NECESSARIA un’ulteriore valutazione approfondita e dettagliata dei rischi Deve essere aggiornata periodicamente dal datore di lavoro, in particolare nel caso di notevoli mutamenti o quando lo richiede la sorveglianza sanitaria

39 LE Fermo restando quanto previsto dall’art. 3, APPLICARE SEMPRE LE MISURE E I PRINCIPI GENERALI PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI che consentano di eliminare o ridurre al minimo i rischi Informare e formare i lavoratori Istituire la sorveglianza sanitaria per lavoratori esposti ad agenti chimici molto tossici, tossici, nocivi, sensibilizzanti, irritanti, tossici per il ciclo riproduttivo IL DATORE DI LAVORO DEVE : Predisporre procedure di intervento adeguate nel caso di incidenti o di emergenze da agenti chimici pericolosi Adottare, su parere del medico competente, misure preventive e protettive particolari su singoli lavoratori in base ai risultati degli esami clinici e biologici PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI IV (Art. 72 bis-72 ter decies) Il monitoraggio biologico è obbligatorio per lavoratori esposti ad agenti chimici per i quali è fissato un valore limite biologico Sulla base dell’attività e dei risultati della valutazione dei rischi, APPLICARE LE MISURE SPECIFICHE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE EFFETTUARE periodicamente la misura degli agenti chimici pericolosi se non dimostra in altro modo di aver raggiunto un adeguato livello di prevenzione. Nel caso di superamento del limite di esposizione, rimuove le cause e adotta subito misure appropriate di prevenzione e protezione.

40 PROTEZIONE DA AGENTI BIOLOGICI (Art ) AGENTE BIOLOGICO: MICROORG. CHE PUO’ PROVOCARE INFEZIONI, ALLERGIE, INTOSSICAZIONI Prestare attenzione alla possibile presenza di ag. biol. nell’ambiente di lavoro con elaborazione di documento di valutazione dei rischi Attuare le misure necessarie ad evitare l’esposizione dei lavoratori Provvedere a che siano applicate procedure per manipolare, decontaminare ed eliminare, senza rischi per l’operat. e la comunità, i materiali ed i rifiuti contaminati. Attuare misure di contenimento particolari nei servizi di isolamento che ospitano pazienti affetti da HIV (alleg. XI) Adottare misure specifiche per i laboratori di microbiologia. IL DATORE DI LAVORO DEVE : Inviare le comunicazioni agli Enti preposti Chiedere l’autorizzazione nei casi necessari Provvedere all’informazione e formazione Nominare il Medico Competente per la sorveglianza sanitaria Predisporre il registro dei casi di malattia e decesso A mettere a disposizione fornire servizi igienici e D.P.I. adeguati - Elenco agenti biologici classificati: allegato XI - Specifiche sulle misure e sui livelli di contenimento: allegato XII

41 PROTEZIONE DA ATMOSFERE PERICOLOSE ( Art. 88 bis – 88 undecies ) “ATMOSFERA ESPLOSIVA” : miscela con l’aria, a condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri in cui, dopo accensione, la combustione si propaga all’insieme della miscela incombusta. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO - Prevenzione e protezione contro le esplosioni - Valutazione dei rischi di esplosione - Documento sulla protezione contro le esplosioni - Verifiche installazioni elettriche

42 PROTEZIONE DA ATMOSFERE PERICOLOSE - RIPARTIZIONE DELLE AREE IN CUI POSSONO FORMARSI ATMOSFERE ESPLOSIVE - PRESCRIZIONI MINIME PER IL MIGLIORAMENTO DELLA PROTEZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI CHE POSSONO ESSERE ESPOSTI AL RISCHIO DI ATMOSFERE ESPLOSIVE - SEGNALE DI AVVERTIMENTO PER INDICARE LE AREE IN CUI POSSONO FORMARSI ATMOSFERE ESPLOSIVE ALLEGATO XV quater ALLEGATO XV ter ALLEGATO XV bis EX

43 PREPOSTO SANZIONI (Art ) MEDICO COMPETENTE LAVORATORE DATORE DI LAVORO E DIRIGENTE DATORE DI LAVORO E DIRIGENTE fino a 2 MESI FABBRICANTE E COMMERCIANTE AMMENDA ARRESTO fino a 6 MESIfino a € fino a € fino a 6 MESIfino a € fino a 2 MESIfino a € fino a 1 MESE fino a € 619 PROGETTISTA E INSTALLATORE fino a 1 MESEfino a € 1.032


Scaricare ppt "D. Lgs. 19.9.94 n. 626 MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO Attuazione direttive CEE MIGLIORAMENTO SICUREZZA E SALUTE DEI."

Presentazioni simili


Annunci Google