La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto di un Group Communication System Reti di Calcolatori LS A.A. 2003-2004 Giampaolo Capelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto di un Group Communication System Reti di Calcolatori LS A.A. 2003-2004 Giampaolo Capelli."— Transcript della presentazione:

1 Progetto di un Group Communication System Reti di Calcolatori LS A.A Giampaolo Capelli

2 Obiettivi Realizzazione di un sistema per la comunicazione di gruppo: basato su view (stato del gruppo visibile a un membro), con ipotesi di gruppo dinamico membri del gruppo peer-to-peer: coordinamento senza centralizzazione comunicazione tramite invio di messaggi di gruppo: invio di un messaggio a tutti i membri del gruppo (a quelli della view)

3 Obiettivi (2) Aggiunta di reliability al multicast: ritrasmissione messaggi persi, ma senza duplicazione Tolleranza ai guasti dei membri del gruppo: crash detection Ordinamento FIFO e causale dei messaggi Ogni membro può offrire dinamicamente al gruppo dei servizi – acceduti come oggetti remoti – scoperti tramite discovery

4 View View = conoscenza che un membro ha del gruppo Gruppo dinamico: variabile nel tempo, uso di un meccanismo di membership per costruire le view Problema di sincronizzazione e consistenza delle view, anche a fronte di eventuali crash dei membri

5 Scenario

6 Membership Problema della consistenza delle view nel tempo, a fronte di tre tipi di evento – join: adesione al gruppo – leave: uscita dal gruppo – crash: blocco join e leave notificati al gruppo con messaggi dagli stessi membri che aderiscono o abbandonano crash rilevato in modo ipotetico da ogni membro, basandosi su un timeout

7 Supporto per lo scambio di messaggi Multicast di IGMP, a cui si aggiunge reliability Il mittente ha la responsabilità di verificare l’avvenuta ricezione dei messaggi inviati: attende conferma (ack) di ricezione da parte dei membri della view Due categorie di messaggi: – di controllo – ordinari (applicativi) Ordinamento causale oneroso, viene imposto solo sui messaggi ordinari Ordinamento FIFO imposto per tutti i messaggi tranne quelli critici, esempio di ipotesi di crash

8 semantica della Reliability per la consegna dei messaggi sincronizzazione fra le view: risolta in maniera passiva, nessun uso di sincronizzazioni forti (come ad es. 2 phase lock). Modifica delle view a fronte di: – rilevazioni di crash: basate su ipotesi da confermare – messaggi di join o leave: ricevuti in maniera asincrona Possibili inconsistenze temporanee fra view dei membri garanzia di consegna dei messaggi a tutti i membri, in ordine e senza duplicati sotto le ipotesi di: – view complete e consistenti – membri non bloccati – tempi di ricezione compatibili con timeout di crash detection Altrimenti, consegna ai membri presenti nella view del mittente, a meno di loro crash

9 Protocollo di join Il nuovo arrivato, 3, manda un messaggio di join al gruppo, ancora non ne conosce la composizione Gli altri rispondono con un messaggio di conferma (has joined), utile a 3 per costruire la propria view (discovery) 1 23 join has joined

10 Protocollo di join (2) il nuovo entrante, durante il join, non ha conoscenza del gruppo, perciò non può controllare che il proprio messaggio di adesione venga ricevuto da tutti è sufficiente che raggiunga un membro, il quale, divulgando il messaggio di tipo has joined, propagherà a tutti la notizia della sua entrata

11 Crash Detection a carico dei membri ancora “vivi” Non è un meccanismo esatto, funziona tramite ipotesi di crash (problemi di rete possono causare finti crash) Legato alla reliability del multicast: un mittente aspetta conferma di ricezione, allo scadere di un timeout ritrasmette, ma dopo n volte sospetta dei destinatari che non hanno risposto. dimensione del timeout critica per le prestazioni: rispetto alla frequenza media dei crash o alla velocità di comunicazione della rete: Timeout piccolo  sistema instabile (continui sospetti) Timeout grande  molte inconsistenze (membri bloccati considerati come ancora vivi)

12 Crash Detection (2) messaggio M ack dei membri per M (in unicast) Messaggio di suspect crashed di 2 Ordine di rimuovere 2 dalla view invio di messaggi di hello a cui 2 non risponde e conferma di suspect crashed di 2

13 Crash Detection (3) È possibile la ricezione di messaggi da un membro M escluso per ipotesi di crash: – se M è stato escluso ingiustamente per un ritardo di risposta dovuto a rallentamenti nella rete – oppure se, dopo il blocco, M riprende l’esecuzione In entrambi i casi M non invia messaggi di join: un suo messaggio provoca comunque la divulgazione dei messaggi has joined negli altri, che lo considerano nuovamente nel gruppo

14 Ritrasmissioni Messaggi inviati vengono bufferizzati fino a che non si ricevono gli ack dei destinatari o ne è stato dichiarato il crash Periodicamente, se non arriva l’ack, si riinviano fino a un certo numero di volte Fino a che il crash detector non inizia il protocollo di crash detection mandando al gruppo un sospetto

15 Ordinamento dei Messaggi FIFO: tramite uso di numeri di sequenza progressivi e riordinamento sui riceventi Causale (solo per msg applicativi): protocollo basato su vector clock e causal delivery rule Ogni membro gestisce un vettore di clock logici, prima di inviare un msg incrementa di uno la propria componente e inserisce nel msg una copia del vettore Sui riceventi: a ogni ricezione di un messaggio ordinario, si ritarda il delivery fino a che non è vera la causal delivery rule Al delivery si aggiornano le componenti del vector clock locale relative agli altri: max{valore nel msg, valore corrente}

16 Causal delivery rule Delivery (consegna al livello applicativo) ritardato fino a che sono vere entrambe: 1. VT(msg)[sender] = VT(receiver)[sender_id]+1 2. VT(msg)[k] <= VT(receiver)[k],  k, k  sender_id Il cui significato è: 1. Il msg è il successivo inviato dal mittente 2. Dall’ultimo msg inviato dal mittente, gli altri non ne hanno mandati altri

17 Protocollo per causal order Gruppo in evoluzione nel tempo: necessaria una fase preliminare di scambio di informazioni di clock tra membri. In questa fase si ignora la causal delivery rule e non è garantito l’ordinamento causale: – esempio in caso di aggiunta di un nuovo membro – non è un problema, se in questa fase si mandano solo msg di controllo

18 Protocollo per causal order C{0,0,3} B{0,5,0} A{2,0,0} A{3,0,0} A{3,6,0}A{3,6,4} A{3,6,5}A{3,7,5} C{3,0,3}C{3,6,3}C{3,6,4}C{3,6,5}C{3,7,5} B{3,5,0}B{3,6,0} B{3,6,4} B{3,6,5} B{3,7,5} {3,7,5}

19 Pubblicazione di servizi I membri possono pubblicare dei servizi (come oggetti remoti) a disposizione del gruppo. I membri non hanno alcuna conoscenza a priori dei servizi. Un membro può: – eseguire discovery dei servizi, ottenendo l’elenco e la locazione di quelli attualmente disponibili, assieme alle funzionalità che offre – richedere un particolare servizio e invocarlo, se disponibile

20 Realizzazione del prototipo Uso della piattaforma Java Socket multicast (con datagrammi UDP) Servizi come oggetti remoti acceduti con RMI, esecuzione di rmiregistry sui membri Uso della reflection di Java per conoscere l’interfaccia dei servizi (signature dei metodi) Semplificazioni: – un servizio  membro – ack mandati in unicast con UDP

21 Limiti e sviluppi futuri IGMP per il multicast: uso limitato Sistema poco scalabile: – alto numero di messaggi di controllo – meccanismo pesante per la gestione degli ack: si attende un ack per ogni messaggio Possibili migliorie : – politiche di ritrasmissione con ack relativi a un insieme di messaggi e selective repeat, ack negativi – uso di unicast, invece che multicast, per le ritrasmissioni e i messaggi di hello – aggiungere meccanismo di publish/subscribe per la richiesta e notifica di servizi

22 Conclusioni protocolli e soluzioni per group communication system view-oriented con coordinamento fra pari: supporto per gruppo dinamico fault tolerant e crash detection dei partecipanti qualità nel servizio di consegna dei messaggi ordinamento FIFO e causale dei messaggi servizi conoscibili tramite discovery e accessibili come oggetti oggetti remoti. timeout T del crash detector: punto cruciale per la stabilità compromessa in caso se T troppo piccolo rispetto ai tempi medi di comunicazione dell’infrastruttura di rete


Scaricare ppt "Progetto di un Group Communication System Reti di Calcolatori LS A.A. 2003-2004 Giampaolo Capelli."

Presentazioni simili


Annunci Google