La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NEOPLASIE (SINDROMI) LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Le sindromi linfoproliferative croniche sono malattie monoclonali neoplastiche prevalenti nell’adulto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NEOPLASIE (SINDROMI) LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Le sindromi linfoproliferative croniche sono malattie monoclonali neoplastiche prevalenti nell’adulto."— Transcript della presentazione:

1 NEOPLASIE (SINDROMI) LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Le sindromi linfoproliferative croniche sono malattie monoclonali neoplastiche prevalenti nell’adulto anziano caratterizzate dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo, negli organi linfoidi e nel sangue periferico di linfociti Sono più frequentemente a fenotipo La loro frequenza aumenta con l’età Istituto “Seragnoli”-Bologna

2 La popolazione monoclonale è rappresentata da piccoli linfociti, morfologicamente normali, funzionalmente incompetenti, arrestati in fase precoce del ciclo cellulare (G0-G1), con prolungata sopravvivenza per ridotta apoptosi Nel 95% dei casi circa il fenotipo è B LA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA (LLC) Istituto “Seragnoli”-Bologna

3 LA LINFOCITOSI B MONOCONALE E’ UNA CONDIZIONE NON PATOLOGICA, NON SINTOMATICA, NON RICHIEDENTE ALCUNA TERAPIA, E TENDENZIALMENTE NON EVOLUTIVA, CHE BIOLOGICAMENTE E’ IDENTICA ALLA LLC, MA DEVE ESSERE DISTINTA CLINICAMENTE DALLA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA LLC Linfocitosi B monoclonale MONOCLONALITA’ k/ ++ RIARRANGIAMENTO IGHV±± FENOTIPO CD5 / CD19++ LINFOADENOMEGALIE±- SPLENOMEGALIA ±- SINTOMI±- ANEMIA±- PIASTRINOPENIA±- NEUTROPENIA±- CONTA LINFOCITI NEL SANGUE > 5000/  L < 5000/  L Istituto “Seragnoli”-Bologna

4

5 PATOGENESI DELL’EVENTO NEOPLASTICO L’ORIGINE DELLA LEUCEMIA HA IMPORTANZA PROGNOSTICA In circa il 50% dei casi la cellula neoplastica origina in una fase di maturazione linfocitaria antigene (Ag) indipendente (pre-centro germinativo nel linfonodo). E’ una cellula “naive” che non presenta mutazioni somatiche del gene IgV H Nel restante 50% dei casi circa la cellula neoplastica origina in fase maturativa Ag dipendente, post centro germinativo. Il linfocita ha già percorso la fase di maturazione T dipendente (B memoria) e sono presenti mutazioni somatiche del gene IgV H Istituto “Seragnoli”-Bologna

6 EPIDEMIOLOGIA 25% di tutte le leucemie in Europa La più frequente leucemia cronica Rara e a fenotipo prevalentemente T in oriente L’incidenza aumenta con l’ età (età media 63 anni) Nessuna correlazione etiologica con i principali fattori leucemogeni (ad esempio radiazioni ionizzanti) Istituto “Seragnoli”-Bologna

7 QUADRI CLINICI DELLA LLC Nel 50% dei casi circa la diagnosi è occasionale sulla base di esami laboratoristici “di routine” I principali quadri clinici sono caratterizzati da: –Aumento volumetrico dei linfonodi delle stazioni linfoghiandolari superficiali –I linfonodi sono indolenti, mobili, di consistenza non dura, senza tendenza a confluire o alla fistolizzazione –Splenomegalia –Possibile aumento volumetrico dei linfonodi profondi (quasi sempre asintomatici – ECO e TAC) –Anemia e/o piastrinopenia –Complicazioni infettive

8 Istituto “Seragnoli”-Bologna

9

10 CAUSE DI ANEMIA NELLA LLC Ridotta eritropoiesi secondaria ad espansione del clone linfocitario Aumentata eritrocateresi splenica Autoanticorpi antieritrocitari (anemia emolitica autoimmune) Istituto “Seragnoli”-Bologna

11 APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTA LLC Esame emocromocitometrico: –riscontro di linfocitosi (> 5.000/  L ) –Morfologia dei linfociti –Possibile riscontro di anemia e/o piastrinopenia (10-15% dei casi) INDAGINI DI LABORATORIO (I) Istituto “Seragnoli”-Bologna

12 APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTA LLC Studio del fenotipo di membrana dei linfociti (immunofenotipo): –Markers dei linfociti B (CD19, 20, 21, CD23) –CD5 (a bassa intensità) (CD5/CD19 +) –Ig di superficie (IgM o IgD) a bassa densità con restrizione monotipica per le catene leggere INDAGINI DI LABORATORIO (II) Istituto “Seragnoli”-Bologna

13 APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTA LLC INDAGINI DI LABORATORIO (III) Aspirato midollare: infiltrazione linfoide midollare > 30% Biopsia ossea: valutazione del tipo di infiltrazione midollare e dell’emopoiesi residua Analisi delle alterazioni cromosomiche dei linfociti (presenti in circa 50% dei casi) Istituto “Seragnoli”-Bologna

14 Infiltrazione diffusa da parte di piccoli linfociti Pattern nodulare di infiltrazione linfocitaria BIOPSIA OSSEA NELLA LLC Istituto “Seragnoli”-Bologna

15 APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTA LLC INDAGINI DI LABORATORIO (IV) INDAGINI STRUMENTALI Protidemia + elettroforesi (30-50% dei pazienti presentano ipogammaglobulinemia) Ecografia addominale, Rx torace, TAC torace- addome Istituto “Seragnoli”-Bologna

16 FATTORI PROGNOSTICI NELLA LLC Importanti in quanto identificano gruppi di pazienti con sopravvivenza molto variabile Parametri clinico-laboratoristici: –LDH –Stadio clinico –Tipo di infiltrazione midollare –Tempo di raddoppiamento della linfocitosi periferica Istituto “Seragnoli”-Bologna

17 LLC - classificazione secondo RAI Isolata Con adenomegalie Con organomegalia (Milza / Fegato) Con anemia (Hb < 11 g/dL) Con piastrinopenia (Piastrine < /uL) 0 I II III IV STADIO Linfocitosi B monoclonale : Istituto “Seragnoli”-Bologna

18 LLC - classificazione secondo Binet < 3 aree linfonodali interessate > 3 aree linfonodali interessate Hb < 10 g/dL e/o Piastrine < /uL, indipendentemente dal numero delle aree linfonodali interessate STADIO A B C Linfocitosi B monoclonale con: Istituto “Seragnoli”-Bologna

19 FATTORI PROGNOSTICI NELLA LLC Parametri biologici: –Presenza di mutazioni somatiche del gene IgV H –Alterazioni cromosomiche: delezione del cromosoma 13, trisomia del cromosoma 12, delezione del cromosoma 17 (anti oncogene p53) e 11 (banda q23) –Espressione fenotipica di CD38 –Espressione di ZAP-70: proteina intracellulare che promuove la trasmissione di segnali di sopravvivenza cellulare. Normalmente presente nei linfociti T e cellule NK, raramente nei linfociti B Istituto “Seragnoli”-Bologna

20 LLC INDOLENTELLC AGGRESSIVA Delezione 13 CD38 basso ZAP 70- P53 normale IgVH mutato P53 mutato ZAP 70 + IgVH germline CD38 elevato delezione17 FATTORI PROGNOSTICI NELLA LLC Istituto “Seragnoli”-Bologna

21 DECORSO CLINICO DELLA LLC Progressivo accumulo di linfociti nel midollo e nel sangue Progressione di stadio Alcuni pazienti non mostrano progressione nel tempo (“Linfocitosi monoclonale B”) Evoluzione in leucemia prolinfocitica e/o sindrome di Richter Istituto “Seragnoli”-Bologna

22 SINDROME DI RICHTER Presenza di masse linfomatose All’istologia del linfonodo e nel sangue prevalenza di blasti linfoidi, ad elevata attività proliferativa Sintomi: febbre, perdita di peso, sudorazioni profuse Scarsa sensibilità alla terapia Istologia di linfonodo Piccoli linfociti, cellule blastiche e figure mitotiche Istituto “Seragnoli”-Bologna

23 STRATEGIE TERAPEUTICHE 1/3 dei pazienti non necessita di terapia 1/3 dei pazienti, dopo un periodo di decorso “indolente”, presenta una progressione che richiede terapia 1/3 dei pazienti richiede immediata terapia per malattia aggressiva Istituto “Seragnoli”-Bologna

24 STRATEGIE TERAPEUTICHE Le finalità della terapia sono diverse a seconda dell’età, dello stadio, della presenza di sintomi e dall’aggressività della malattia: –Contenimento della malattia –Risoluzione dei sintomi –Prolungamento della sopravvivenza –“Eradicazione” della malattia Istituto “Seragnoli”-Bologna

25 STRATEGIE TERAPEUTICHE Nessuna terapia (osservazione) Terapia citotossica a dosi convenzionali con farmaci singoli o in associazione Anticorpi monoclonali Terapia citotossica ad alte dosi con trapianto di progenitori emopoietici autologhi Terapia citotossica ad alte dosi con trapianto di progenitori emopoietici allogenici Istituto “Seragnoli”-Bologna

26 LEUCEMIA PROLINFOCITICA I linfociti monoclonali nel midollo e nel sangue periferico sono di grandi dimensioni, con ampio citoplasma e evidente nucleolo. Tale popolazione è prevalente e presente nel midollo in proporzione > al 50% Istituto “Seragnoli”-Bologna

27 LEUCEMIA PROLINFOCITICA Caratteristici marcatori di membrana che la distinguono dalla LLC (elevata espressione delle Ig di membrana) Più aggressiva della LLC. Molto rara la diagnosi casuale La clinica è caratterizzata principalmente da splenomegalia (80%) e epatomegalia (50%) e da sintomi quali febbre, astenia, infezioni. Raramente vi sono linfoadenomegalie Anemia, piastrinopenia, neutropenia La classificazione in stadi della LLC non si applica. Malattia sempre aggressiva e evolutiva. Istituto “Seragnoli”-Bologna

28 LEUCEMIA A CELLULE CAPELLUTE (HAIRY CELL LEUKEMIA) (HCL) I B-linfociti monoclonali nel midollo e nel sangue periferico sono caratterizzati da lunghe e sottili protrusioni citoplasmatiche simili a capelli Aspirato midollare Striscio di sangue Istituto “Seragnoli”-Bologna

29

30 LEUCEMIA A CELLULE CAPELLUTE (HAIRY CELL LEUKEMIA) (HCL) La clinica è rappresentata per lo più da splenomegalia di grado variabile, talora marcata Anemia, neutropenia e piastrinopenia Astenia, affaticabilità, calo ponderale, infezioni La diagnosi si fonda sul riscontro delle cellule hairy, sulla biopsia ossea e sull’immunofenotipo La terapia è molto efficace sia all’esordio che ad eventuale ripresa di malattia. I farmaci principali sono la 2- Clorodesossiadenosina e la Pentostatina Istituto “Seragnoli”-Bologna

31 MARCATORI DI MEMBRANA NELLE SINDROMI LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE CD5CD19C D20 FMC7CD23CD25CD38sIgCD10 LLC++-/+++--/++/-- LPL-+++-/ HCL++++ -/+++- LF-++---/++++ LM LLC: leucemia linfatica cronica, LPL: leucemia prolinfocitica, HCL: Hairy cell leukemia, LF: linfoma follicolare, LM: linfoma mantellare Istituto “Seragnoli”-Bologna


Scaricare ppt "NEOPLASIE (SINDROMI) LINFOPROLIFERATIVE CRONICHE Le sindromi linfoproliferative croniche sono malattie monoclonali neoplastiche prevalenti nell’adulto."

Presentazioni simili


Annunci Google