La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Test genetici nella investigazione su frodi alimentari e commercio di specie protette Alessandra Rampazzo Dipartimento di Biologia Università degli Studi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Test genetici nella investigazione su frodi alimentari e commercio di specie protette Alessandra Rampazzo Dipartimento di Biologia Università degli Studi."— Transcript della presentazione:

1 Test genetici nella investigazione su frodi alimentari e commercio di specie protette Alessandra Rampazzo Dipartimento di Biologia Università degli Studi di Padova La genetica e le sue applicazioni in ambito forense Bologna, 7-9 Settembre 2005

2 Analisi della variabilità animale/vegetale L’identificazione della specie di appartenenza di campioni di origine sconosciuta è di particolare interesse per indagini nel campo delle sofisticazioni alimentari e del commercio di esemplari appartenenti a specie protette.

3 Ci sono sostanziali differenze in una analisi forense su reperti umani ed una su reperti di origine animale/vegetale? Nell’analisi della variabilità umana e animale/vegetale, sono identici: –Procedimenti di estrazione e tipizzazione – Metodologie analitiche (multiplexing di marcatori microsatelliti, analisi di regioni del DNA mitocondriale) –Criteri di attribuzione e/o di esclusione

4 APPLICAZIONI in campo animale: Identificazione di animali rapiti o trafugati Identità tra seme ed animale donatore (inseminazione artificiale) Valutazione del pedigree di campioni Discriminazione tra animale nato in cattività ed esemplare catturato in natura e contrabbandato (repressione dei traffici illegali in accordo con CITES, Convenzione sul Commercio Internazionale di Specie in via di estinzione) Repressione frodi alimentari

5 Analisi forense implica: –Identificazione delle caratteristiche individuali (es. verificare se frammenti di tessuto rinvenuti sul luogo dell’atto di bracconaggio possano essere ricollegati a campioni di carne conservata in un freezer) -Identificazione delle caratteristiche della specie e/o della popolazione di appartenenza (es. definire gli ingredienti di alimenti, identificazione di furti di organismi appartenenti a varietà vegetali o a razze animali patentate o certificate) - Identificazione di Organismi Geneticamente Modificati (OGM)

6 Marcatori utilizzati: Marcatori polimorfi del DNA (marcatori microsatelliti o STR) Segmenti di geni del DNA mitocondriale

7 PCR (Polymerase Chain Reaction)

8 Marcatori microsatelliti Short Tandem Repeats (STRs) La regione ripetuta è variabile nei diversi individui AATG 7 ripetizioni 8 ripetizioni AATG

9 Riconoscimento di alleli di marcatori STR Marcatore 1 Marcatore 2 Marcatore 3

10 DNA mitocondriale Per le sue caratteristiche, il DNA mitocondriale è particolarmente adatto per l’analisi di campioni biologici in cui il DNA sia scarso o degradato.

11 Citocromo b

12 Allineamento di sequenze del citocromo b ottenute da soggetti appartenenti a specie diverse:

13

14 Co-amplificazione di un tratto del citocromo b e della regione D-loop gallina cavallo maiale pecora uomo marcatore

15 DNA Barcoding COI = Cytocrome c oxidase I

16 Species-specific DNA Barcodes

17 In futuro…

18

19 Tracciabilità “Tracciabilità” significa la capacità di rintracciare e seguire un alimento, un mangime, un animale produttore di alimenti [o una sostanza] attraverso tutti gli stadi della produzione e della distribuzione. (Regolamento CE/178/2002)

20 Tracciabilità molecolare I metodi basati sulla tracciabilità del DNA nelle matrici alimentari sono piu’ affidabili di quelli basati sulle proteine; infatti i trattamenti industriali usati nella produzione di alimenti portano alla degradazione di proteine e DNA. Tuttavia, il DNA può ancora essere rintracciato mediante l’uso di tecniche di biologia molecolare basate sulla PCR (reazione a catena della polimerasi).

21 Punti critici della tracciabilità molecolare Estrazione di DNA di buona qualità ed in quantità sufficiente Caratterizzazione di marcatori e geni bersaglio più utili per il riconoscimento e l’identificazione Validazione dei metodi in condizioni e laboratori diversi

22 Caratteristiche dei marcatori e geni bersaglio Sono strumenti per consentire l’identificazione del materiale di origine (varietà, specie) In particolare sono marcatori molecolari specifici da usare con piattaforme tecnologicamente avanzate per la genotipizzazione qualitativa e quantitativa.

23 OGM (organismi geneticamente modificati) Plant biotechnology Using plant biotechnology, a single gene may be added to the strand. Desired gene Commercial variety New variety (transfers) = Desired gene (only desired gene is transferred)

24 CONCLUSIONI L’analisi del DNA ha enormi potenzialità in genetica forense, ma esistono alcuni limiti legati principalmente alle metodologie analitiche.


Scaricare ppt "Test genetici nella investigazione su frodi alimentari e commercio di specie protette Alessandra Rampazzo Dipartimento di Biologia Università degli Studi."

Presentazioni simili


Annunci Google