La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

21/12/1999 INDEBITAMENTO DEI PVS COME QUANDO PERCHE’ Laura Mannocchi, a.a. 1999-2000.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "21/12/1999 INDEBITAMENTO DEI PVS COME QUANDO PERCHE’ Laura Mannocchi, a.a. 1999-2000."— Transcript della presentazione:

1

2 21/12/1999 INDEBITAMENTO DEI PVS COME QUANDO PERCHE’ Laura Mannocchi, a.a

3 21/12/1999 ARGOMENTI DELLA TRATTAZIONE ANALISI STORICA : dal decollo dei Paesi sviluppati agli ostacoli che si oppongono all’evoluzione dei Paesi del Terzo mondo INDEBITAMENTO DEI PVS : i fattori alle origini del problema, i rischi che ne derivano e i principali protagonisti PER RIDURRE IL DEBITO: OPZIONI DI POLITICA ECONOMICA : žANALISI STORICA : dal decollo dei Paesi sviluppati agli ostacoli che si oppongono all’evoluzione dei Paesi del Terzo mondo žINDEBITAMENTO DEI PVS : i fattori alle origini del problema, i rischi che ne derivano e i principali protagonisti žPER RIDURRE IL DEBITO: OPZIONI DI POLITICA ECONOMICA : le principali iniziative, i risultati che hanno o non hanno raggiunto, la situazione dei PVS negli anni ‘90

4 21/12/1999 ANALISI STORICA XVIII SECOLO: 75-80% POPOLAZIONE PAESI SVILUPPATI OCCUPATA IN AGRICOLTURA, CON BASSA PRODUTTIVITA’ IL PROGRESSO DELLE TECNICHE AGRICOLE COMPORTA AUMENTO PRODUTTIVITA’ SENZA SVILUPPO DELL’AGRICOLTURA, SAREBBE STATO IMPOSSIBILE LO SVILUPPO INDUSTRIALE PERCHE’ NON AVREBBE PERMESSO L’UTILIZZO DELLA POPOLAZIONE IN ALTRE ATTIVITA’ RIVOLUZIONE INDUSTRIALE COMINCIA NEL 1760 AUMENTO PRODUTTIVITA’ AGRICOLA CAUSA PRINCIPALE DELLO SVILUPPO INDUSTRIALE MA FATTORE LIMITATIVO DI TALE PROGRESSO NEI PVS

5 21/12/1999 RIVOLUZIONE AGRICOLA E RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Sostituzione del maggese con un sistema di rotazione continua delle colture (foraggio) Introduzione o estensione di nuove colture miglioramento attrezzature tradizionali e introduzione nuove selezione sementi e animali da riproduzione estensione uso cavalli nei lavori agricoli dal 1700 al 1800 produzione agricola aumenta in media del 75% in Europa Enorme disponibilità di risorse aumenta consumo pro-capite nascita processo di meccanizzazione industria TESSILE incremento domanda di ferro per rivoluzione agricola, pressione su industria SIDERURGICA ricerca di concimi spinge allo sviluppo industria CHIMICA caratteristiche settori industriali a livello REGIONALE e a diffusione INTERNAZIONALE

6 21/12/1999 PERCHE’ IL TERZO MONDO NON HA IMITATO L’EUROPA DEL XIX SECOLO Scarto tra i livelli di sviluppo delle diverse parti del mondo Mezzi di comunicazione disponibili Condizioni climatiche (PVS in zone tropicali o intertropicali mentre rivoluzione agricola si diffonde in zone temperate) la rivoluzione agricola aveva apportato miglioramenti alle colture tipiche di zone temperate densità della popolazione come fattore limitativo dell’espansione delle tecniche Fattori storici : AMERICA, AFRICA, ASIA

7 21/12/1999 EVOLUZIONE NEL 1900 NEL TERZO MONDO E OSTACOLI AL DECOLLO ECONOMICO Elevata crescita della popolazione, attiva quasi solo in agricoltura; scarsa industria manifatturiera e ipertrofia del terziario Agricoltura: espansione colture di esportazione; crescita produzione agricola alimentare più bassa dell’incremento della popolazione Industria: incremento di quella estrattiva per esportazione verso i PI; miniere in mano a capitali stranieri; attrezzature importate dall’estero PVS importano più di quello che esportano; esportazioni solo di materie prime Ostacolo demografico Ostacolo tecnico (enorme dislivello) Riduzione costi di trasporto (sfruttamento risorse senza goderne benefici) Elevato costo investimenti industriali; ipertrofia del terziario Condizioni sociali occupazione; esodo dei cervelli

8 21/12/1999 INDEBITAMENTO DEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO CRISI DEBITORIE PRIMA E DOPO 2° GUERRA MONDIALE FATTORI ESTERNI ED INTERNI ALLE ORIGINI DEL DEBITO RELAZIONE TRA DEBITO ESTERO E CRESCITA ECONOMICA TEORIA DEI 2 “GAP” I RISCHI DEL DEBITO: RICONTRATTAZIONE E RIPUDIO FUGA DI CAPITALI DAI PVS COMPORTAMENTO DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE RUOLO DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE E DELLA BANCA MONDIALE

9 21/12/1999 CRISI DEBITORIE PRIMA E DOPO LA 2° GUERRA MONDIALE PRIMA DEL CONFLITTO MONDIALE: I Paesi si indebitavano quasi esclusivamente sul mercato finanziario; i crediti non erano ufficiali; c’era mancanza di cooperazione tra debitore e creditore; mancava un organismo internazionale come il FMI; situazione debitoria si aggrava col collasso nel mercato delle materie prime, nel periodo della grande depressione. CRISI PIU’ RECENTI: fino ai primi anni ‘60 è prevalente la quota di prestiti concessi dai governi; nell’ultimo ventennio aumentano i crediti concessi dalle banche commerciali; evento “default” visto come opzione finale del debitore; cresce il potere contrattuale dei creditori che formano “clubs” e tendono ad adottare strategie di tipo collaborativo; presenza di un organismo internazionale (FMI) che segue l’evolversi del fenomeno debitorio

10 21/12/1999 FATTORI ESTERNI ALLE ORIGINI DEL DEBITO Non sotto il diretto controllo dei debitori Shock petroliferi: (73-74 e 79-80); –incremento prezzo del petrolio ha incoraggiato accumulazione di debito da parte dei paesi produttori e importatori; fenomeni recessivi nei PI hanno ridotto volume e valore esportazioni. Esportazioni e ragioni di scambio –si può guardare “servizio debito/esportazioni” per valutare la vulnerabilità dei paesi debitori a shock esterni; valore max Tassi di interesse –buona parte del debito è contratta a tasso variabile e guardando “deb.a tasso var./debito tot.” si nota che l’incidenza è raddoppiata dal 1970 (26,6%) al 1991 (49,2%) Ammontare di risorse effettivamente disponibili –somma effettivamente resa disponibile dal flusso lordo del debito - flusso servizio del debito : è inferiore a quella che si avrebbe senza debito.

11 21/12/1999 FATTORI INTERNI: evidenziano il ruolo degli elementi specifici di ogni Paese Politiche governative che implicano eccessivi livelli di spesa e tassi di inflazione superiori alla media mondiale; che incentivano consumi piuttosto che investimenti; Grado di efficienza degli investimenti effettuati: incapacità del debitore di investire in attività il cui rendimento ecceda il costo dei debiti contratti; Differenze strutturali tra Paesi possono condurre a diverse performance in tema di rimborso: espandere le esportazioni piuttosto che limitare le importazioni (Paesi asiatici) o viceversa (Paesi latino-americani); Politica dei tassi di cambio la cui sopravvalutazione può condurre a perdita di competitività; La fuga di capitali dovuta ad aspettative di svalutazione; Peso politico del settore agricolo sui Governi dei PVS che porta a minore incentivazione delle esportazioni laddove predomina il settore agricolo; Distribuzione del reddito: disuguaglianze minano la stabilità politica;

12 21/12/1999 Dalla seguente tabella è evidente la scarsa coincidenza temporale delle politiche debitorie (Tasso di crescita del debito) con il ritmo di sviluppo (Tasso crescita del PNL) e la frazione di PNL coperta dagli interessi (Interessi/PNL) dall’80 al ‘91.

13 21/12/1999 I rischi del debito : RICONTRATTAZIONE E RIPUDIO Fasi del processo di crisi nel rimborso del debito: –accumulazione di mancati o parziali pagamenti delle rate del servizio; –ridefinizione formale, in accordo con creditori, dei termini contrattuali; –sospensione unilaterale del rimborso; Ricontrattazione o “rescheduling” –comporta una riduzione del grado di liquidità dei creditori poiché i Paesi debitori richiedono: l’abbuono di parte dello stock di debito, la riduzione del tasso di interesse, la capitalizzazione degli interessi, l’allungamento del periodo di rimborso o la sospensione temporanea del rimborso; Ripudio del debito o “default” – vantaggi: permanenza nel Paese debitore delle risorse destinate al servizio –svantaggi: sanzioni e limitazione delle risorse per lo sviluppo al solo risparmio nazionale per interruzione di nuovo credito; “enforcement”; “moral hazard; adverse selection”

14 21/12/1999 FUGA DI CAPITALI E COMPORTAMENTO BANCHE FUGA DI CAPITALI –porzione dei prestiti non investita in attività produttive ma verso attività fin. estere –dipende da differenziale tassi, dal livello dei prezzi, dal cambio –duplice costo: riduzione fonti esterne e freno alla formazione interna di capitale. – Se permanente, provoca scarse risorse per investimenti e tasso crescita economia; indebolisce mercato interno con conseguenze su produzione e occupazione COMPORTAMENTO BANCHE –Il sistema bancario si interessa ai PVS dopo metà anni ‘70, quando si trovò con eccesso di liquidità dovuto ai depositi da parte dei paesi OPEC derivanti da esportazioni di petrolio –le banche non prestarono attenzione al modo di impiego dei fondi per forte competitività lato offerta e per garanzia di governi, organismi pubblici o organi internazionali –si confidava nel fatto che gli Stati non possono fallire –hanno reagito in modo eccessivo alle prime difficoltà, sospendendo i prestiti volontari

15 21/12/1999 FMI E BANCA MONDIALE FMI –creato per rendere disponibili le risorse e correggere le distorsioni delle bilance dei pagamenti –dopo la moratoria del Messico il Fondo aumenta i prestiti ma con una manovra di breve periodo; questo per atteggiamento “staff”; –ha imposto condizioni durissime ai paesi poveri facendoli arretrare come la svalutazione, riduzione spesa pubblica e imposizione prezzo del petrolio BANCA MONDIALE –sorta per provvedere alle risorse finanziarie per accrescere gli investimenti, la produttività e gli standard di vita dei Paesi membri –accettò la strategia concepita dai Governi dei PI, dalle banche commerciali e dal FMI che consisteva in scarso livello di prestiti dalle banche e più accesso al FMI; rinegoziazione dei pagamenti in scadenza; stabilizzazione dei Paesi debitori con riduzione delle spese e restrizioni creditizie –questi procedimenti anziché stimolarele esportazioni, fecero ridurre le importazioni ai PVS

16 21/12/1999 PER RIDURRE IL DEBITO : OPZIONI DI POLITICA ECONOMICA IL PIANO BAKER (1985) prevedeva prestiti per 20 miliardi di $ dalle banche commerciali e 9 miliardi di $ dalla Banca Mondiale ai 15 Paesi scelti tra i più in difficoltà. IL PIANO BRADY (1989) adesione delle banche favorita da adesione del FMI e della WB per quasi 35 miliardi di $. L’INIZIATIVA HIPC (Heavily Indebted Poor Country) a favore dei Paesi fortemente indebitati con intento di rendere “sostenibile” il pagamento di una quota ridotta del debito contratto, coinvolgendo i creditori. LA POSIZIONE DELLA CHIESA E LA CAMPAGNA SDEBITARSI I RISULTATI DEL VERTICE DI COLONIA (1999) lancia la “Koln Debt Initiative” per realizzare una riduzione del debito più profonda, più ampia e più rapida attraverso maggiori cambiamenti della struttura HIPC.

17 21/12/1999 IL DEBITO DEI PVS ALCUNI INDICATORI : A CHI E’ DOVUTO?

18 21/12/1999 LA PROPORZIONE DI DEBITO DAI PVS DOVUTA AI DIVERSI CREDITORI VARIA DA REGIONE A REGIONE

19 21/12/1999 I PAESI MAGGIORMENTE INDEBITATI

20 21/12/1999 IL DEBITO COME TASSA SUI DIRITTI DEI BAMBINI SSSB:SPESA IN SERVIZI SOCIALI DI BASE SSD: SPESA IN SERVIZIO DEL DEBITO

21 21/12/1999 PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI PER VALUTARE IL DEBITO, RELATIVI AI 4 PRINCIPALI PVS


Scaricare ppt "21/12/1999 INDEBITAMENTO DEI PVS COME QUANDO PERCHE’ Laura Mannocchi, a.a. 1999-2000."

Presentazioni simili


Annunci Google