La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 27 ottobre 2008 “La politica pensionistica in Gran Bretagna e Stati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 27 ottobre 2008 “La politica pensionistica in Gran Bretagna e Stati."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a ) Modulo II Lezione del 27 ottobre 2008 “La politica pensionistica in Gran Bretagna e Stati Uniti” Docente: Franca Maino

2 Il caso britannico

3 I problemi da affrontare Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico Effettiva capacità del pilastro pubblico di prevenire il rischio povertà Regolamentazione delle attività dei fondi privati (andamento del mercato azionario e rischio bancarotta; adeguatezza della protezione fornita; inefficienza amministrativa dei fondi; costi di gestione elevati) RIFORME ANNI ’90: hanno rafforzato il disegno multi-pilastro e accentuato la frammentazione e il coinvolgimento del mercato a scapito dello Stato

4 Il contenuto delle riforme: I pilastro, I comparto Basic state pension (prestazione forfettaria per tutti i cittadini al di sopra dei 65 anni per U e 60 anni per D; finanziata con i contributi pagati solo dai lavoratori con redditi al di sopra di un livello minimo; superamento della prova dei mezzi) 1999: minimum income guarantee scheme per tutti (quindi anche anziani) con prestazioni superiori alla pensione di base 2003: pension credit scheme (finalizzato ad innalzare i redditi da pensione più bassi)

5 Il contenuto delle riforme: I pilastro, II comparto 1975: SERPS 2002: State Second Pension (S2P): schema a ripartizione e contributivo che eroga prestazioni di tipo forfettario (questo anche per incentivare il contracting out verso i fondi privati)

6 Il contenuto delle riforme: II e III pilastro II pilastro: Numerosi fondi pensione organizzati a livello di impresa o di settore occupazionale Finanziamento a capitalizzazione e con benefici di tipo contributivo III pilastro: Personal pensions molto diffusi (a partire dagli anni ’80) 2001: introduzione delle stakeholder pensions

7 Il sistema pensionistico del Regno Unito

8 Il “perché” delle riforme Processo decisionale saldamente nella mani dei partiti di governo e del Parlamento + ruolo rilevante del Ministero del Tesoro/Cancelliere dello Scacchiere I sindacati devono quindi fare i conti con l’arena parlamentare piuttosto che ricorrere all’arena corporativa per far valere le proprie istanze Le opposizioni alle riforme provengono dall’interno delle commissioni istituite ad hoc per affrontare la riforma pensionistica Libri verdi, Libri bianchi, ricorso da esperti… Ruolo del sindacato Modello decisionale Stile decisionale Approvazione della riforma Riforma Thatcher (1986) MarginalePressioneConflittualeSI Riforma Blair (1999) MarginalePressioneConflittualeSI

9 Il caso americano … si rimanda alla presentazione di Claudio Borgonovi, Andrea Mazza e Marco Romagnoli e ai lucidi sul sistema pensionistico americano


Scaricare ppt "Corso di Teoria e Politiche dello Stato Sociale (a.a. 2008-2009) Modulo II Lezione del 27 ottobre 2008 “La politica pensionistica in Gran Bretagna e Stati."

Presentazioni simili


Annunci Google