La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sanit Roma 10 febbraio 2006 Dimitri Sossai Rischi professionali per gli operatori sanitari Introduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sanit Roma 10 febbraio 2006 Dimitri Sossai Rischi professionali per gli operatori sanitari Introduzione."— Transcript della presentazione:

1 Sanit Roma 10 febbraio 2006 Dimitri Sossai Rischi professionali per gli operatori sanitari Introduzione

2 Dimitri Sossai INTRODUCTION ‘’Better health and safety performance in the healthcare sector will benefit not only workers but also everyone receiving treatment and reduces costs.’’ European Agency for Safety and Health at Work FACTS Issue 29 Safety and Health Good Practice on-line for the Healthcare Sector ISNN

3 Dimitri Sossai Ogni anno in Italia avvengono di incidenti sul lavoro: il 3,6% dei quali in ambito Sanitario

4 Dimitri Sossai Infortuni legati alle procedure? meno del 20% degli infortuni sono legati a rischi derivanti da problematiche impiantistiche e strutturali mentre la netta prevalenza è da ricercare nelle abitudini lavorative, nel non corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, nella difficoltà di determinare procedure che tutelino l’operatore sanitario

5 Dimitri Sossai Rischio Biologico in Ospedale HIV, Enterococco Vancomicino resistente (VRE), HCV,HBV,Tubercolosi,Stafilococco aureo Meticillino resistente, Legionella, ecc. Rischi per operatori e pazienti

6 Dimitri Sossai Palmo a palmo con dita intrecciate

7 Dimitri Sossai Quale rischio biologico? dei Chirurghi Italiani (fonte Società Italiana di Chirurgia), ogni anno fra 3 e 9 possono acquisire un’ infezione occupazionale da HCV. dei Infermieri Professionali Italiani (fonte Associazione Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d’Infanzia), ci si può attendere che fra 28 e 131 di loro acquisisca, in 1 anno, una infezione occupazionale da HCV Dimitri Sossai

8 Two different hospitals Hospital with 200 beds available 50% surgery pts. high number of accidents Hospital 900 b.p. every medical speciality. average number of accidents Reporting rate58% Number dispositive x ys ACCIDENT dispositive ACCIDENT 100 workers ACCIDENT reported without NPD ACCIDENT reported with NPD Cost management without NPD Cost management with NPD Cost to buy safety dispositive , Cost to buy unsafety dispositive

9 Dimitri Sossai Two differents hospital Hospital with 200 beds available. 50% surgery pts. hight number ACCIDENTs Hospital 900 b.p. every medical speciality. ACCIDENT in media Potential ACCIDENTs95134 Evitable ACCIDENTs Evitable reported ACCIDENT Hours losted Day losted for illness Infection HCV evitable1 each 6 ys1 each 4 ys Prophilaxys HIVUntil 3.02Until 4.27 Infection HIV evitable1 each 18 ys1 each 13 ys New cost Ended cost

10 Dimitri Sossai Economical impact Best possibility Worst

11 Dimitri Sossai SIROH, andamento delle PC in 12 ospedali che hanno introdotto NPD

12 Dimitri Sossai Rischio Chimico Farmaci antiblastici Disinfettanti tra sicurezza operatori e pazienti es. glutaraldeide, uso improprio alcool etilico denaturato e rischio incendi Formaldeide, gas anestetici, ossido di etilene

13 Dimitri Sossai Rischi psicosociali Mobbing: Operatori Sanità 21%, telecomunicazioni 24%, Pubblica amministrazione 29% (Cordaro) Alterazioni vita sociale, famigliare, rendimento lavorativo, Bourn-out

14 Dimitri Sossai Rischi fisici Radiazioni,laser,rumore,elettrico,alte temperature, VIOLENZA -AGGRESSIONI

15 Dimitri Sossai UN TRIPLICE EFFETTO UN TRIPLICE EFFETTO PER IL DATORE DI LAVORO  DIMINUZIONE GIORNATE DI RICOVERO  DIMINUZIONE IDONEITA’ PARZIALI  DIMINUZIONE INFORTUNI  DIMINUZIONE ASSENZE PER MALATTIE  MIGLIORAMENTO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO  MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DELLE PRESTAZIONI  RIDUZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI  ASSOLVIMENTO OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO (ART. 48 D. Lgs. 626/94)  DIMINUZIONE GIORNATE DI RICOVERO  DIMINUZIONE IDONEITA’ PARZIALI  DIMINUZIONE INFORTUNI  DIMINUZIONE ASSENZE PER MALATTIE  MIGLIORAMENTO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO  MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DELLE PRESTAZIONI  RIDUZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI  ASSOLVIMENTO OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO (ART. 48 D. Lgs. 626/94) PER IL PAZIENTE  PREVENZIONE DELLA SINDROME DI ALLETTAMENTO E DELLE ALTRE COMPLICANZE  DIMINUZIONE GIORNATE DI DEGENZA  MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELLA PERMANENZA IN OSPEDALE  PREVENZIONE DELLA SINDROME DI ALLETTAMENTO E DELLE ALTRE COMPLICANZE  DIMINUZIONE GIORNATE DI DEGENZA  MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELLA PERMANENZA IN OSPEDALE PER IL DIPENDENTE  PREVENZIONE DEL DANNO MUSCOLO-SCHELETRICO  PREVENZIONE INFORTUNI  MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DELLE PRESTAZIONI PROFESSIO-NALI SANITARIE  PREVENZIONE DEL DANNO MUSCOLO-SCHELETRICO  PREVENZIONE INFORTUNI  MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DELLE PRESTAZIONI PROFESSIO-NALI SANITARIE UN SOLO INTERVENTO  VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, COME PREVISTO DAL D. Lgs. 626/94  VALUTAZIONE AMBIENTALE TRAMITE SOPRALLUOGO  SORVEGLIANZA SANITARIA, MIRATA AL PERSONALE ESPOSTO, ATTRAVERSO LA VALUTAZIONE CLINICA DELL’APPARATO OSTEO-ARTICOLARE  CORSI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE A MAGGIOR RISCHIO E PREPARAZIONE DEI CORSI PER FORMATORI  PREPARAZIONE NOTE INFORMATIVE DI SUPPORTO AI CORSI DI FORMAZIONE, POSTER PER LE UU.OO. E MANUALE PER I DIPENDENTI  PREPARAZIONE SCHEDE TECNICHE PER AUSILI, ATTREZZATURE, ARREDI E SANITARI E VALUTAZIONE IN FASE DI GARA  BONIFICA AMBIENTALE MEDIANTE INTERVENTI STRUTTURALI  RIORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E MIGLIORE IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE  VERIFICA DEI RISULTATI  VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, COME PREVISTO DAL D. Lgs. 626/94  VALUTAZIONE AMBIENTALE TRAMITE SOPRALLUOGO  SORVEGLIANZA SANITARIA, MIRATA AL PERSONALE ESPOSTO, ATTRAVERSO LA VALUTAZIONE CLINICA DELL’APPARATO OSTEO-ARTICOLARE  CORSI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE A MAGGIOR RISCHIO E PREPARAZIONE DEI CORSI PER FORMATORI  PREPARAZIONE NOTE INFORMATIVE DI SUPPORTO AI CORSI DI FORMAZIONE, POSTER PER LE UU.OO. E MANUALE PER I DIPENDENTI  PREPARAZIONE SCHEDE TECNICHE PER AUSILI, ATTREZZATURE, ARREDI E SANITARI E VALUTAZIONE IN FASE DI GARA  BONIFICA AMBIENTALE MEDIANTE INTERVENTI STRUTTURALI  RIORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E MIGLIORE IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE  VERIFICA DEI RISULTATI La Movimentazione Manuale dei Carichi determina annualmente una prevalenza dell’8% sul dato infortunistico complessivo dell’anno Costituisce inoltre una noxa lesiva causa di patologia professionale e responsabile di limitazioni alla idoneità specifica alle mansioni nonché di periodi di totale inabilità temporanea e, come tale, una delle principali motivazioni per richieste di visita medica da parte del personale sanitario. Nella nostra Azienda circa l’11% di tale personale presenta un giudizio di idoneità con prescrizioni inerenti la movimentazione di carichi. Diventa quindi prioritario un intervento dell’Azienda che coinvolga i rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e le diverse Unità Operative sia Sanitarie che Amministrative La Movimentazione Manuale dei Carichi determina annualmente una prevalenza dell’8% sul dato infortunistico complessivo dell’anno Costituisce inoltre una noxa lesiva causa di patologia professionale e responsabile di limitazioni alla idoneità specifica alle mansioni nonché di periodi di totale inabilità temporanea e, come tale, una delle principali motivazioni per richieste di visita medica da parte del personale sanitario. Nella nostra Azienda circa l’11% di tale personale presenta un giudizio di idoneità con prescrizioni inerenti la movimentazione di carichi. Diventa quindi prioritario un intervento dell’Azienda che coinvolga i rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e le diverse Unità Operative sia Sanitarie che Amministrative AZIENDA OSPEDALIERA ”OSPEDALE SAN MARTINO DI GENOVA E CLINICHE UNIVERSITARIE CONVENZIONATE” SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MEDICINA PREVENTIVA DEL LAVORO Maria Adelia ROSSI, Annamaria POLIMENI*, Elettra CASALEGNO, Patrizia BIANCHETTI # Elisabetta DEL CARRETTO #, Dimitri SOSSAI*, Francesco COPELLO U.O. Medicina Preventiva e del Lavoro *Servizio Prevenzione e Protezione # U.O. Medicina Riabilitativa e FKT

16 Dimitri Sossai Uno degli effetti degli incendi di Ancona Sandro Gambelli - Comando provinciale Vigili del Fuoco Genova - 23 marzo 2004

17 Dimitri Sossai Incendio nell'ospedale di Villafranca (Verona) Sandro Gambelli - Comando provinciale Vigili del Fuoco Genova - 23 marzo 2004

18 Dimitri Sossai. VERONA - 24 marzo Un'incendio è scoppiato questa mattina nell'ospedale di Villafranca, nel veronese. Un'anziana donna di 90 anni è morta, anche se non sono ancora chiare le cause del suo decesso. L'anziana paziente era ricoverata al quarto piano dell'edificio, al primo piano del quale è scoppiato l'incendio. Il fumo, però, ha raggiunto anche i piani più alti dell'ospedale, sebbene in misura non particolarmente rilevante. Si esclude, quindi, che la donna possa essere morta per asfissia, anche se il fumo e il trambusto possono aver contribuito all'ulteriore aggravamento delle sue condizioni. L'anziana, che non poteva muoversi dal letto, era costantemente assistita. Sandro Gambelli - Comando provinciale Vigili del Fuoco Genova - 23 marzo 2004

19 Dimitri Sossai Catanzaro, 24 febbraio 2004 Situazione ad alto rischio nell'ospedale «Pugliese» di Catanzaro. Sei gli indagati omissis E in corsia pericolo di esplosioni e incendi: sequestrato l'ospedale Sandro Gambelli - Comando provinciale Vigili del Fuoco Genova - 23 marzo 2004

20 Dimitri Sossai Risk management adottare una politica di gestione del rischio che consenta di intervenire a monte delle cause di errore in ambito sanitario.

21 Dimitri Sossai Affinchè la sicurezza sia efficace occorre: attivare processi di governance integrata volti ad eliminare sovrapposizioni di competenze, darsi obiettivi comuni, favorire l’integrazione tra clinica, finanza, gestione, ricerca, sicurezza dei pazienti e dei lavoratori, informazione, tecnologia.

22 Dimitri Sossai Cosa si intende per “safety manager” Persona dotata di capacità di analisi dei contesti e in grado di attivare le risorse esistenti per ridurre il più possibile le condizioni di innesco degli incidenti

23 Dimitri Sossai Chi si occupa di risk management ? 60% Responsabili qualità 20 % medici legali 10% Affari Legali

24 Dimitri Sossai Ottimizzare le risorse umane e le competenze acquisite?

25 Dimitri Sossai I Responsabili Servizi Prevenzione e Protezione Il 40% non ha contatti con il “Risk Manager” 30 % rapporti sporadici con R.M. 20 % il RSPP non conosce chi si occupa di Risk management 10 % e’ responsabile di un gruppo sicurezza dei pazienti e degli operatori

26 Dimitri Sossai

27 PROPOST We call on the EU Institutions to communicate clear policy and requirements to Member States in view of ensuring Consistent compliance with existing EU Worker Safety and Health Directives among EU healthcare providers. and in particular: Better information and education of healthcare workers no the risks of exposure. prevention methods and effective ACCIDENT reporting Safer working practices. including the use of protective clothing. safe disposal. and effective response in case of injury Use of ‘Sharps Protection’ Technology especially for high-risk medical procedures.


Scaricare ppt "Sanit Roma 10 febbraio 2006 Dimitri Sossai Rischi professionali per gli operatori sanitari Introduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google