La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 COMPRENSIONE del testo SCRITTO Comprensione testo scritto  presentazione orale 1) struttura sintattica delle frasi2) ruolo del contesto 3) ruolo delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 COMPRENSIONE del testo SCRITTO Comprensione testo scritto  presentazione orale 1) struttura sintattica delle frasi2) ruolo del contesto 3) ruolo delle."— Transcript della presentazione:

1 1 COMPRENSIONE del testo SCRITTO Comprensione testo scritto  presentazione orale 1) struttura sintattica delle frasi2) ruolo del contesto 3) ruolo delle competenze sintattiche4) diverso ritmo 5) accesso al testo COMPRENSIONE = processo che consente di arrivare al significato di quanto leggiamo (interpretazione del linguaggio)

2 2 La COMPRENSIONE del testo richiede: 1) l’elaborazione* dell’informazione visiva (testo scritto) a più livelli:percettivo, lessicale, sintattico, semantico 2) processi cognitivi in larga parte inconsapevoli e svolti in parallelo:  le informazioni proveniente dai diversi livelli di elaborazione collaborano contemporaneamente alla costruzione del significato

3 3 COSA INFLUENZA LA COMPRENSIONE? 1) CARATTERISTICHE DEL LETTORE (es. conoscenze) 2) CARATTERISTICHE DEL TESTO 3) PROCESSI INFERENZIALI  COMPRENSIONE= processo dinamico di interazione tra le informazioni nuove fornite dal testo e le conoscenze presenti nella mente del lettore ruolo attivo del lettore

4 4 CARATTERISTICHE DEL LETTORE: RUOLO DELLE CONOSCENZE PRECEDENTI  SCHEMA = struttura astratta di conoscenze attivate in modo inconsapevole A cosa servono gli schemi nel processo di comprensione? 1) fornire una struttura in cui inserire le nuove informazioni 2) operare giudizi di importanza 3) facilitare il riassunto del brano 4) favorire le inferenze 5) favorire la memorizzazione

5 5 QUANDO LE CONOSCENZE NON AIUTANO LA COMPRENSIONE? QUANDO NON è DISPONIBILE ALCUNO SCHEMA ATTINENTE IL CONTENUTO DEL BRANO QUANDO IL TESTO è AMBIGUO O GENERICO E CIO’ IMPEDISCE L’ATTIVAZIONE DI QUALSIASI SCHEMA QUANDO SI ATTIVA UNO SCHEMA ERRATO

6 6 ALTRE CARATTERISTICHE DEL LETTORE: 1) ruolo svolto dal lettore 2) funzionamento del sistema cognitivo (percezione, MBT, MLT) 3) METACOGNIZONE: conoscenza circa le proprie attività cognitive (es. LETTURA) e il controllo che su di esse il soggetto è in grado di esercitare  Individuazione dello SCOPO della lettura Scelta delle strategie più idonee Monitoraggio della comprensione

7 7 CARATTERISTICHE DEL TESTO: 1) TIPO e SCOPO del testo (Brewer, 1980): TIPO descrittivo narrativo argomentativo SCOPO informare guida cronaca articolo scientifico intrattenere catalogo testo di storia filosofia ambientazione giallo, biografia persuadere annuncio pubblicit parabola sermone editoriale estetico poesia, dramma novella

8 8 CARATTERISTICHE DEL TESTO: 2) DIFFICOLTA’ DI COMPRENSIONE: a) dal punto di vista lessicale (es. dorso/ movimento) b) dal punto di vista semantico c) dal punto di vista sintattico (es. costruzione, posizione) d) dal punto di vista logico  legami tra frasi Es. Martina è pettinata da Francesco  Martina pettina Francesco Es. sebbene udì l’allarme si diresse verso l’incendio

9 9 PROCESSI INFERENZIALI 1) per COLLEGARE le frasi 2) per individuare il SIGNIFICATO delle parole tenendo presente il contesto 3) cercare di cogliere INFORMAZIONI espresse nel testo in modo implicito Es. un gatto si diresse verso la ciotola del cane. Poiché questi dormiva, il felino con passo felpato riuscì a mangiare il cibo. 4) COLLEGARE frasi vicine in mancanza di connettivi Es. la giornata era piovosa quindi il picnic venne rinviato. Es. la giornata era piovosa. Il picnic venne rinviato

10 10 UN MODELLO DI LETTURA (Rumelhart, 1977) PAROLA SCRITTA Registro sensoriale visivo Meccanismo di estrazione delle caratteristiche Sintetizzatore di configurazioni conoscenza ORTOGRAFICA conoscenza LESSICALE conoscenza SINTATTICA conoscenza SEMANTICA INTERPRETAZIONE + PROBABILE

11 11 DISTURBO di COMPRENSIONE  DISTURBO DI DECODIFICA CARENZE SEMANTICHE e LESSICALI DIFFICOLTA’ FONOLOGICHE DISTURBO di COMPRENSIONE: difficoltà di lettura presente in soggetti con normale intelligenza (QI superiore a 90) che hanno prestazioni inferiori alla media in test standardizzati di comprensione (ma non presentano carenze socio-culturali o emotivo-motivazionale) CATTIVI LETTORI

12 12 QUALI SONO le CAUSE del DISTURBO DI COMPRENSIONE? 1) CARENZA nei processi a livello inferiore: codifica semantica delle parole proposizioni rappresentazione mentale coerente del testo 2) DEFICIT a livello dei processi superiori: attivazione degli schemi precedenti, l’applicazione di tali schemi e il controllo sul processo di comprensione risultano inadeguati Minore capacità a trarre vantaggio dei suggerimenti grammaticali Difficoltà nell’organizzazione dei contenuti (es. collegare più proposizioni anche distanti) Scarsa sensibilità a individuare le parti importanti del testo Incapacità a completare frasi o elaborare ipotesi

13 13 SI RILEVANO NEI CATTIVI LETTORI: 1) RIDOTTE CONOSCENZE LESSICALI (leggono poco) 2) SCARSE CONOSCENZE SPECIFICHE AL TESTO (argomento e loro relazione) 3) LIMITATE ABILITA’ DI COMPIERE INFERENZE  fornire delle conoscenze PRIMA che verranno meglio approfondite nel testo  accompagnare la presentazione orale dei contenuti a disegni o schemi  insegnare a dare una scorsa veloce al testo prima della lettura vera e propria 4) DEFICIT DELLA MEMORIA A BREVE TERMINE VERBALE

14 14 LETTURE CONSIGLIATE sulla lettura e comprensione LA COMPRENSIONE DEL TESTO: modelli teorici e programmi d’intervento. DE BENI E PAZZAGLIA (1995) : LA COMPRENSIONE DEL TESTO: modelli teorici e programmi d’intervento. Torino:UTET DE BENI, CISOTTO, CARRETTI (2001): PSICOLOGIA DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA SCRITTURA. Trento: Erickson


Scaricare ppt "1 COMPRENSIONE del testo SCRITTO Comprensione testo scritto  presentazione orale 1) struttura sintattica delle frasi2) ruolo del contesto 3) ruolo delle."

Presentazioni simili


Annunci Google