La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La lezione americana porta a importanti sviluppi Vertice di Parigi (dicembre 1974) -Istituzione del Consiglio europeo (capi di stato e di governo) -Accettazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La lezione americana porta a importanti sviluppi Vertice di Parigi (dicembre 1974) -Istituzione del Consiglio europeo (capi di stato e di governo) -Accettazione."— Transcript della presentazione:

1 La lezione americana porta a importanti sviluppi Vertice di Parigi (dicembre 1974) -Istituzione del Consiglio europeo (capi di stato e di governo) -Accettazione del principio dell’elezione a suffragio universale e diretto del PE (prevista entro il luglio 1979) -Incarico a Leo Tindemans (primo ministro belga) di stilare un rapporto sulle possibilità e sui modi per creare una Unione europea «Riconoscendo la necessità di un approccio globale ai problemi interni inerenti alla costruzione dell’Europa, i capi di governo giudicano essenziale assicurare una generale continuità e coerenza nelle attività delle comunità e nel lavoro sulla cooperazione politica. I capi di governo accompagnati dai loro ministri degli Esteri, hanno pertanto deciso di riunirsi tre volte all’anno, e ogni volta che si renderà necessario, nel Consiglio delle Comunità e nel contesto della cooperazione politica»

2 Rapporto Tindemans (dicembre 1975) - ‘Necessità’ di una Unione europea strumenti: -politica economica e monetaria comune -Moneta comune -programmi di sviluppo regionale per porre tutti i paesi membri a uno stadio uniforme di sviluppo -istituzioni maggiormente legittimate dal punto di vista democratico

3 Più poteri al Parlamento europeo Ruolo centrale del Consiglio europeo Votazione a maggioranza qualificata all’interno del Consiglio dei ministri Maggiore dinamismo della Commissione Rapporto fiduciario tra Commissione e Parlamento Il rapporto Tindemans ebbe da allora il ruolo di promemoria necessario per gli sviluppi istituzionali della Comunità/Unione

4 Altri problemi alla metà degli Anni Settanta - Allargamento mediterraneo (Grecia, Spagna e Portogallo) - persistente perplessità britannica riguardo ai termini negoziati per l’adesione (referendum del 1975 promosso dai laburisti) - strutturazione di una giurisprudenza autonoma ed ‘europea’ riguardo al diritto secondario delle Comunità (vale a dire, regolamenti, direttive e decisioni)

5 Sentenza Costa contro Enel 15 luglio 1964: la Corte di Giustizia sentenzia che la legislazione comunitaria prevale su quella nazionale. «Nel dare vita a una Comunità di durata illimitata, dotata di istituzioni proprie, di personalità propria, di propria capacità giuridica di rappresentanza sul piano internazionale e, in particolare, di poteri reali derivanti dalla limitazione della sovranità o da un trasferimento di poteri dagli stati alla comunità, gli stati membri hanno limitato i loro diritti sovrani, anche se in settori circoscritti, e hanno creato in tal modo un corpo di leggi che vincolano sia i loro cittadini che loro stessi».

6 26 novembre 1975: la Commissione avvia presso la Corte di Giustizia una procedura di infrazione a carico della Francia per avere imposto una tassa d’importazione sui vini italiani. 8 aprile 1976: la Corte di Giustizia si pronuncia (causa Defrenne contro Sabena) a favore dell’applicabilità diretta della parità di retribuzione tra lavoratori maschi e femmine. 20 febbraio 1979: sentenza della Corte di Giustizia nella causa «Cassis de Dijon». Viene stabilito che i consumatori possono accedere a prodotti alimentari provenienti da altri stati membri a condizione che essi siano prodotti e commercializzati regolarmente in uno degli Stati membri e che si possa opporre un divieto all’importazione solo per gravi ragioni sanitarie o ambientali

7 Politica monetaria e Unione economica

8 Il processo innescato dal Serpente monetario riparte tra il 1976 e il 1977, ed è favorito da una serie di fattori essenziali: - segnali di ripresa economica soprattutto in Germania - cambio della guardia negli USA con Jimmy Carter che sostituisce Gerald Ford, e che spinge per un sostegno deciso alle esportazioni USA favorendo la debolezza del dollaro - ostilità del cancelliere tedesco Schmidt verso la nuova presidenza USA e in particolare verso uno dei consiglieri del presidente, Zbigniew Brzezinski -desiderio di Schmidt di sostenere il marco e di non «lasciarlo solo» nei confronti del dollaro svalutato. - convinzione di Schmidt che maggiore ‘disciplina monetaria’ avrebbe rivalutato le monete europee - desiderio di Giscard d’Estaing di legare più strettamente l’economia francese alla stabilità dell’economia tedesca.

9 Regista della ripresa è il presidente della Commissione Roy Jenkins, laburista britannico e convinto europeista. Egli definisce il rilancio dell’ipotesi dell’unione monetaria in una lecture all’Istituto universitario europeo di Firenze, il 27 ottobre 1977 e in un successivo discorso al PE il 17 gennaio Il Consiglio europeo di Copenhagen del 7 e 8 aprile 1978 definisce meglio i particolari dell’unione monetaria e, dopo i rapporti informativi del comitato monetario e del comitato dei governatori della banche centrali, il Consiglio europeo di Brema del 6 e 7 luglio definisce tre elementi principali del progetto: -sistema degli accordi di cambio -potenziamento del sostegno creditizio e finanziario comune -misure di rafforzamento delle economie più deboli

10 Il Consiglio europeo di Bruxelles del 5 dicembre 1978 istituisce lo SME, ma la sua entrata in funzione, prevista per il 1° gennaio 1979, slitta a causa di un altro problema, quello dei montanti compensativi monetari. La Francia solleva il problema dello smantellamento del sistema degli importi compensativi monetari (ICM) pensati per riequilibrare i prezzi agricoli in presenza di fluttuazioni nel valore delle monete e mantenere l’unità dei prezzi. Tale questione trova una prima soluzione solo nel Consiglio di Parigi del 12 marzo 1979 e a quel punto lo SME ha via libera. Nasce l’ECU – European Currency Unit, una unità di conto «virtuale» rappresentata dal «paniere» delle nove monete dei Paesi della Comunità. La percentuale della lira, del marco, del franco nella composizione del paniere è fissa, per cui le monete che si apprezzano aumentano il loro peso nel paniere e viceversa.

11 Marco tedesco33 % Franco francese19,8 % Lira sterlina13,3 % Lira italiana10,5 % Altre 5 monete23,4 % Franco belga, Corona danese, Fiorino olandese, Franco lussemburghese, Lira irlandese Il ‘peso’ delle diverse valute europee nel paniere dell’ECU

12 Lo Sme Ogni moneta ha un tasso o corso centrale espresso in ECU e sulla base di questo corso viene stabilita una griglia di parità bilaterali, cioè di ogni moneta rispetto alle altre. Viene ammessa una banda di oscillazione del 2,25% rispetto al corso centrale: se una moneta si avvicina al limite di oscillazione tutti i Paesi partecipanti intervengono per correggere sul mercato dei cambi il valore della moneta. L’Italia partecipa a condizione di avere riconosciuta una banda di oscillazione del 6%. Lo Sme, insieme all’ECU, prevede anche meccanismi di sostegno finanziario a brevissimo, breve e medio termine. Per sostenere questi meccanismi di sostegno ogni Banca centrale conferisce al (Fondo europeo di cooperazione monetaria) FECOM il 20% delle proprie riserve in valuta e in oro, ricevendo un corrispondente valore in ECU.

13 La Corte di giustizia - Sede e composizione La sede è Lussemburgo La Corte è composta da ventisette giudici e otto avvocati generali nominati per sei anni, più un cancelliere. Il Presidente della Corte viene eletto tra i giudici per tre anni rinnovabili. La Corte si può riunire in seduta plenaria, in grande sezione (13 giudici) o in sezioni composte da tre o cinque giudici. Vassilios Skouris

14 Poteri della Corte Il diritto UE costituisce un ordinamento giuridico autonomo e come tale esso è caratterizzato, sin dalla nascita delle comunità, dai seguenti requisiti, rimarcati nel tempo dalla Corte: Applicabilità diretta Effetto diretto Primato sulle legislazioni nazionali

15 I ricorsi ammissibili Ricorso per inadempimento. Se uno Stato non applica la legislazione comunitaria, la Commissione ha la facoltà di deferire il suo caso alla Corte. Più raramente è uno stato a segnalare l’inadempienza. Il TUE ha dato alla Corte il potere di imporre sanzioni allo Stato inadempiente dopo la sentenza. La sanzione viene applicata su proposta della Commissione. Ricorso di annullamento. Uno Stato, una delle istituzioni o anche un privato avente causa possono chiedere l’annullamento di un atto legislativo (regolamento, direttiva, decisione). Ricorso per carenza. Nel caso che una istituzione non applichi una parte dei trattati, oppure non emetta strumenti legislativi su una determinata materia, gli Stati membri o le altre istituzioni possono ricorrere. Forma di ricorso molto rara.

16 I ricorsi ammissibili Ricorso per risarcimento danni per responsabilità extracontrattuale. Si tratta di una forma di ricorso teso a stabilire se le Comunità possano essere responsabili di eventuali danni causati a privati o imprese dalle stesse Comunità o dai suoi agenti. Il rinvio pregiudiziale. Si tratta della richiesta di interpretazione che un tribunale nazionale fa alla Corte su una questione inerente il diritto comunitario sorta durante una causa qualsiasi. La pronuncia della Corte è vincolante per il giudice a quo e inoltre tale parere vale come precedente per tutta la giurisprudenza degli Stati membri. Ricorso per impugnazione. Si tratta del ricorso contro le sentenze del tribunale di I grado (la Corte non decide sui presupposti di fatto ma solo su questioni procedurali).

17 Importanza della Corte Avere contribuito a definire il primato della legislazione UE sulle legislazioni nazionali Avere chiarito in via pregiudiziale e per sentenze la «forma» e l’applicabilità del diritto UE Avere determinato l’«estensione» del diritto UE Avere contribuito all’applicazione diretta dei «principi costituzionali» dell’Unione Avere reso funzionanti le istituzioni UE e soprattutto le politiche, relativamente a UEM, Fondi strutturali e di coesione, PCC, PCT ecc.

18 Lo SME risolve i problemi? Situazione francese dopo le elezioni del 1981 (debolezza del franco, politica espansiva del governo socialista) Crisi petrolifera del 1979 Instabilità italiana (politica ed economica) Nel 1983 la dirigenza economica francese è ‘costretta’ ad accettare una riduzione della spesa pubblica dietro le insistenze tedesche - cosa che NON avviene in Italia, dove anzi la spesa pubblica si espande.

19 La Germania si conferma pernio dell’integrazione economica E la dimensione politica? Dichiarazione Genscher-Colombo Proposta nel 1981 viene formalizzata al Consiglio europeo di Stoccarda nel giugno 1983 (Dichiarazione Solenne di Stoccarda) Progetto Spinelli Club del coccodrillo (1981) e redazione di un progetto di trattato sull’Unione europea, approvato nel 1984 dal PE

20 Parlamento europeo nel 1979 Le quote nazionali per le prime elezioni a s.u.d. del 1979 sono così ripartite: 81 deputati per Francia, Germania, Italia e Regno Unito 25 per i Paesi Bassi 24 per il Belgio 16 per la Danimarca 15 per l’Irlanda 6 per il Lussemburgo 410 in tutto L’Urss avanza una protesta ufficiale per i tre deputati assegnati a Berlino ovest.

21 Poteri - La definizione del bilancio Il bilancio, predisposto dalla Commissione e approvato dal Consiglio, non è valido senza la firma del Presidente del PE Trattato di Lussemburgo: l’ammissione delle risorse proprie estende il potere di controllo del PE sul bilancio, che non può però modificare le «spese obbligatorie» Trattato di Bruxelles: viene istituita una Corte dei Conti e confermato il controllo del PE sul bilancio, sempre con esclusione delle «spese obbligatorie», per le quali può comunque proporre modifiche. Il PE, a maggioranza dei suoi membri e due terzi dei voti può respingere il bilancio (1979 e 1994).

22 Il progetto Spinelli fa leva sulla sostanza dei poteri esistenti per mostrare la necessità di un cambiamento Esito: il progetto Spinelli verrà snaturato dopo il Consiglio europeo di Fontainebleu nel giugno 1984 Comitato Dooge, incaricato di rivedere il contenuto del trattato Spinelli

23 UK e bilancio Il problema del contributo britannico al bilancio comunitario condiziona l’inizio degli anni Ottanta Novembre Consiglio europeo di Dublino Aprile Consiglio europeo di Lussemburgo. La questione viene parzialmente sanata. Alla Gran Bretagna viene riconosciuto un rimborso di milioni di ECU in due anni La questione viene completamente sanata solo al Consiglio europeo di Fontainebleu (giugno 1984)

24 UK e Cee La risoluzione della questione del contributo britannico ‘sblocca’ anche l’atteggiamento britannico verso il complesso del processo di integrazione. Elementi graditi al punto di vista inglese erano: -la liberalizzazione dei mercati e dei movimenti di merci e servizi -Un reale mercato unico Quindi la Gran Bretagna è per la ‘deregulation’, ma molto meno favorevole a standard comuni. Con la Commissione Delors (1985) la diversa impostazione diventa evidente

25 UK e Cee Ruolo di Cockfield (commissario per l’attuazione del mercato unico) Abbattimento delle barriere improprie, in pieno accordo con Delors Quando la Commissione, in accordo con la Corte di Giustizia, avvia un poderoso lavoro di messa a ‘norma Cee’ di tutte le regole di fabbricazione europee, la Gran Bretagna non ci sta (soprattutto per quanto riguarda l’armonizzazione dei regimi fiscali europei)

26 Consiglio europeo di Milano (1985) UK, Grecia e DK contro tutti gli altri Craxi e Andreotti mettono ai voti la proposta di convocare una CIG che lavorasse sui contenuti dei lavori del comitato Dooge e sulle prospettive di un mercato unico (come impostato dalla Commissione Delors)

27 AUE Procedura di cooperazione tra PE e Consiglio dei ministri Politica sociale, coesione economica e sociale, ambiente, R&S diventano politiche riconosciute della Cee Ma l’impulso maggiore viene dato all’Unione economica e monetaria (obiettivo del 1992 per l’Unione economica e, per l’unione monetaria…)

28 Il rilancio con Delors Dalla metà degli anni Ottanta, con l’arrivo della Commissione Delors, l’attenzione rivolta dalla Commissione verso la questione del mercato unico rilancia anche la moneta unica. L’interesse tedesco e francese spingono verso la moneta unica e l’attuazione dell’UEM, (artefici Edouard Balladur, ministro delle finanze francese e poi primo ministro con Mitterand, e Hans Dietrich Genscher, ministro degli Affari esteri tedesco). Al Consiglio europeo di Hannover del giugno 1988 viene proposta la nomina di un comitato composto dai governatori delle banche centrali più tre esperti, presieduto dallo stesso Delors. L’abbattimento delle barriere fisiche, improprie e fiscali impostato con grande energia ed efficacia dalla Commissione Delors, spiana la strada alla prospettiva della moneta unica. Un mercato unico - questo il ragionamento di fondo della Commissione - non ha senso senza l’integrazione dei mercati e una sola moneta.

29 Il rapporto Delors - 1 Il 17 aprile 1989 il Comitato Delors espone i risultati del suo lavoro. Tre fasi: la prima, la cui data d’inizio è fissata al 1° luglio abolizione di ogni restrizione ai movimenti di capitale -convergenza delle politiche economiche -completamento del mercato interno -comitato dei governatori delle Banche centrali che siede in permanenza

30 Il rapporto Delors - 2 La fase intermedia, con inizio il 1° gennaio attuazione completa del mercato interno - creazione dell’IME (Istituto monetario europeo) La negoziazione del trattato di Maastricht recepisce, nei lavori della CIG sull’Unione economica e monetaria, tutto il rapporto Delors. Inoltre obbliga i Paesi a tenere determinati comportamenti sul piano delle politiche macroeconomiche interne (definiti nel Patto di stabilità e crescita e nei cosiddetti parametri di Maastricht). L’allargamento dell’Unione a Svezia, Finlandia e Austria interviene nel corso delle fasi di attuazione dell’UEM ( ) L’allargamento dell’Unione a Svezia, Finlandia e Austria interviene nel corso delle fasi di attuazione dell’UEM ( ).

31 IME L’Ime non ha soltanto permesso il sorgere della Bce con solide basi organizzative e logistiche; tra le altre cose, è stato anche il curatore ufficiale dell’aspetto delle nuove banconote e monete che sono entrate in circolazione il 1° gennaio Accanto a questa funzione di public relations, l’Ime ha anche approntato una serie di strumenti conoscitivi, tra i quali va segnalato il «Rapporto sulla convergenza» nel marzo Con tale rapporto, previsto dall’art. 109j del Trattato di Maastricht, venivano analizzati nel dettaglio i progressi effettuati dai paesi membri in vista della partecipazione alla moneta unica. Tale analisi veniva effettuata anche per i tre paesi che hanno poi deciso di non partecipare alla terza fase dell’Uem: Regno Unito, Danimarca e Svezia.

32 Rapporto Delors - 3 La terza fase, 1° gennaio creazione del SEBC e della BCE Dopo avere fissato nel maggio 1998 i cambi tra le monete europee e l’euro in maniera irrevocabile (per l’Italia, 1 euro = 1.936,27 lire), gli undici paesi che avrebbero partecipato alla terza fase dell’Uem (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna più la Grecia, che si è aggiunta al gruppo nel gennaio 2001) hanno nominato i componenti degli organi esecutivi della Bce, che guiderà di fatto il Sebc.

33

34


Scaricare ppt "La lezione americana porta a importanti sviluppi Vertice di Parigi (dicembre 1974) -Istituzione del Consiglio europeo (capi di stato e di governo) -Accettazione."

Presentazioni simili


Annunci Google