La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISCERNIMENTO VOCAZIONALE DISCERNIMENTO VOCAZIONALE Criteri e problematiche problematiche Pina Del Core.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISCERNIMENTO VOCAZIONALE DISCERNIMENTO VOCAZIONALE Criteri e problematiche problematiche Pina Del Core."— Transcript della presentazione:

1 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE DISCERNIMENTO VOCAZIONALE Criteri e problematiche problematiche Pina Del Core

2 “Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite che viene la pioggia, e così avviene. E quando soffia lo scirocco, dite che verrà un’ondata di caldo, e avviene. Ipocriti! Sapete discernere l’aspetto della terra e del cielo, e come mai non sapete discernere questo tempo? E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto? “Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite che viene la pioggia, e così avviene. E quando soffia lo scirocco, dite che verrà un’ondata di caldo, e avviene. Ipocriti! Sapete discernere l’aspetto della terra e del cielo, e come mai non sapete discernere questo tempo? E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto? (Lc. 12,54-57)

3 Attualità e urgenza del discernimento e dell’accompagnamento vocazionale Perché?Perché?

4 DISCERNIMENTO: perché? Necessità di … Necessità di … ripensare la formazione e la pastorale giovanile rivisitare i modelli formativi verificare la modalità di attuare il discernimento e l’accompagnamento vocazionale con i giovani di oggi far fronte al cambiamento, alla complessità e alla globalizzazione Necessità di … Necessità di … ripensare la formazione e la pastorale giovanile rivisitare i modelli formativi verificare la modalità di attuare il discernimento e l’accompagnamento vocazionale con i giovani di oggi far fronte al cambiamento, alla complessità e alla globalizzazione

5 DISCERNIMENTO: perché? Istanza e domanda attuale e urgente Difficoltà reale a ‘decifrare’ il mondo giovanile (i paradigmi interpretativi) Compito più difficile in tempi di pluralismo e di cambiamento Domanda proveniente da molti: giovani e non, formatori/formatrici, educatori/educatrici Istanza e domanda attuale e urgente Difficoltà reale a ‘decifrare’ il mondo giovanile (i paradigmi interpretativi) Compito più difficile in tempi di pluralismo e di cambiamento Domanda proveniente da molti: giovani e non, formatori/formatrici, educatori/educatrici

6 Nel solco del cammino di rinnovamento della Chiesa e della Vita Consacrata Necessità di un discernimento spirituale o evangelico continuo e costante Far fronte al fenomeno degli ‘abbandoni’ Da sempre ‘via maestra’ per attraversare la storia e inoltrarsi nel futuro Nel solco del cammino di rinnovamento della Chiesa e della Vita Consacrata Necessità di un discernimento spirituale o evangelico continuo e costante Far fronte al fenomeno degli ‘abbandoni’ Da sempre ‘via maestra’ per attraversare la storia e inoltrarsi nel futuro DISCERNIMENTO: perché?

7 QUALE DISCERNIMENTO? Natura e finalità

8 QUALE DISCERNIMENTO? EVANGELICOEVANGELICO SPIRITUAL E VOCAZIONAL E

9 UN PERCORSO OBBLIGATO UN PERCORSO OBBLIGATO in fase di ricerca vocazionale è parte integrante del processo formativo ha una funzione educativa e non selettiva tende a sviluppare le risorse e le motivazioni nella formazione iniziale nella formazione permanente

10 È anche un METODO, cioè un insieme di momenti, di passi articolati, di esercizi … Una ‘tecnica di aiuto a discernere’ in vista di una scelta e di una decisione sulla propria vita È anche un METODO, cioè un insieme di momenti, di passi articolati, di esercizi … Una ‘tecnica di aiuto a discernere’ in vista di una scelta e di una decisione sulla propria vita UN PROCESSO … UN PROCESSO …

11 Quale rapporto ? Scienze umane e discernimento vocazionale

12 1.Negazione o misconoscimento 2.Distanza critica e/o indifferenza 3.Dialogo e collaborazione

13 Rapporto tra teologia e scienze umane Modello di tipo gerarchico e piramidale Modello ‘ancillare’ Modello di utilizzazione funzionale o strumentale Modello dialogico-relazionale Modello di tipo gerarchico e piramidale Modello ‘ancillare’ Modello di utilizzazione funzionale o strumentale Modello dialogico-relazionale

14 Orizzonte di riferimento Ogni esperienza autenticamente umana è sostanzialmente ‘aperta’ alla fede Ogni esperienza veramente cristiana si radica e si incarna su di una realtà genuinamente umana Ogni esperienza autenticamente umana è sostanzialmente ‘aperta’ alla fede Ogni esperienza veramente cristiana si radica e si incarna su di una realtà genuinamente umana Ciò esige un corretto quadro epistemologico nel quale sia possibile il dialogo tra SCIENZE UMANE e FEDE

15 Rapporto fede e psicologia Quale psicologia e quale antropologia? Quale teologia? Quale modello teologico? Quale psicologia e quale antropologia? Quale teologia? Quale modello teologico? nell’orizzonte di una comune ANTROPOLOGIA nell’orizzonte di una comune ANTROPOLOGIA nell’incontro su un terreno comune: la PERSONA UMANA che vive la fede e la vocazione con le sue dinamiche psicologiche e nella storicità della sua esistenza …

16 Contributi delle scienze antropologiche Tre aree di ricerca Analisi delle motivazioni vocazionali Studio delle cause delle crisi vocazionali Ricerche psico-sociologiche sui valori vocazionali delle giovani generazioni Tre aree di ricerca Analisi delle motivazioni vocazionali Studio delle cause delle crisi vocazionali Ricerche psico-sociologiche sui valori vocazionali delle giovani generazioni

17 Apporti specifici delle scienze umane Antropologia Sociologia Medicina e psicoterapia Scienze dell ’ educazione (pedagogia, metodologia dell ’ educazione, metodologia pastorale, comunicazione, pedagogia interculturale, … ) Antropologia Sociologia Medicina e psicoterapia Scienze dell ’ educazione (pedagogia, metodologia dell ’ educazione, metodologia pastorale, comunicazione, pedagogia interculturale, … )

18 Discernimento vocazionale I ‘nuovi’ problemi posti al discernimento delle vocazioni I ‘nuovi’ problemi posti al discernimento delle vocazioni

19 ‘NUOVI’ PROBLEMI POSTI AL DISCERNIMENTO DELLE VOCAZIONI Istanze provenienti dal mondo giovanile Istanze formative più complesse ed esigenti

20 Problema cruciale per il discernimento e l’accompagnamento delle vocazioni è la scelta, ma anche la decisione ad essa collegata Generale ‘fatica del dover scegliere’ Moltiplicarsi delle ‘opzioni’ e diminuzione dell’intensità del ’legame’ (vincolo o legatura), come le appartenenze religiose o gruppali Rifiuto di una concezione della vita come itinerario predefinito e fisso: sperimentazione continua, rimessa in discussione del proprio progetto di vita… Imprevedibilità del futuro e del presente … Precarietà e provvisorietà delle scelte (mai definitive …) Generale ‘fatica del dover scegliere’ Moltiplicarsi delle ‘opzioni’ e diminuzione dell’intensità del ’legame’ (vincolo o legatura), come le appartenenze religiose o gruppali Rifiuto di una concezione della vita come itinerario predefinito e fisso: sperimentazione continua, rimessa in discussione del proprio progetto di vita… Imprevedibilità del futuro e del presente … Precarietà e provvisorietà delle scelte (mai definitive …)

21 Caratteristiche del contesto in cui i giovani sono chiamati a scegliere  instabilità e rischio  ‘precariato’ come dato di fondo che accomuna i giovani che cercano un lavoro  dilatazione smisurata del tempo dell’adolescenza (percorsi di studio più lunghi e inserimento più tardivo nel mondo del lavoro e dunque nella società)  reversibilità delle scelte e progettualità ‘inceppata’  instabilità e rischio  ‘precariato’ come dato di fondo che accomuna i giovani che cercano un lavoro  dilatazione smisurata del tempo dell’adolescenza (percorsi di studio più lunghi e inserimento più tardivo nel mondo del lavoro e dunque nella società)  reversibilità delle scelte e progettualità ‘inceppata’

22 IL RISCHIO COME FATTORE DOMINANTE … si deve fare i conti con un futuro personale molto più aperto che in passato, con tutte le opportunità e tutte le incognite che ciò comporta… (GIDDENS 2000) Nulla è garantito, nulla può essere dato per scontato, sempre esposti ad infinite possibilità di alternative o a facili ritorni sulle proprie decisioni, nella convinzione che ogni scelta è reversibile … … si deve fare i conti con un futuro personale molto più aperto che in passato, con tutte le opportunità e tutte le incognite che ciò comporta… (GIDDENS 2000) Nulla è garantito, nulla può essere dato per scontato, sempre esposti ad infinite possibilità di alternative o a facili ritorni sulle proprie decisioni, nella convinzione che ogni scelta è reversibile …

23 Guardando al futuro … Uno dei fattori che più influenzano quando si deve compiere una scelta e prendere una decisione è la propria visione del futuro, la rappresentazione del futuro e le aspettative circa il proprio futuro Uno dei fattori che più influenzano quando si deve compiere una scelta e prendere una decisione è la propria visione del futuro, la rappresentazione del futuro e le aspettative circa il proprio futuro

24 L’immagine del futuro  Pieno di possibilità e di sorprese  Pieno di rischi e di incognite  È importante avere degli obiettivi e delle mete  È inutile fare tanti progetti perché succede sempre qualcosa che ti impedisce di realizzarli  Il successo dipende dal lavoro sodo, la fortuna conta poco  E’ inutile fare progetti per il futuro perché molto dipende dalla fortuna  Meglio fare presto scelte ben precise  Meglio tenersi aperte molte possibilità e molte strade  Le scelte non sono mai per sempre  Viene il momento delle scelte decisive  Pieno di possibilità e di sorprese  Pieno di rischi e di incognite  È importante avere degli obiettivi e delle mete  È inutile fare tanti progetti perché succede sempre qualcosa che ti impedisce di realizzarli  Il successo dipende dal lavoro sodo, la fortuna conta poco  E’ inutile fare progetti per il futuro perché molto dipende dalla fortuna  Meglio fare presto scelte ben precise  Meglio tenersi aperte molte possibilità e molte strade  Le scelte non sono mai per sempre  Viene il momento delle scelte decisive GARELLI – IARD ,6% 57,1% 32,4% 32,0% 85,3% 76,7% 14,7% 18,6% 64,8% 56,3% 35,2% 24,9% 24,4% 16,4% 75,6% 76,6% 57,8% 57,1% 43,0% 34,0%

25 Come immagini il tuo futuro? MedieSuperiori f%f% Avere amici veri14916,62159,1 Avere dei figli171,9622,6 Avere un lavoro sicuro e ben retribuito707,82018,5 Potermi realizzare10812,134314,5 Innamorarmi della persona giusta ,7 Avere un lavoro che permetta di conoscere tante persone182381,6 Avere un lavoro che mi dia soddisfazione546,11546,5 Avere una famiglia16518, Essere una persona serena9710,837115,6 Fare carriera10311,52118,9 Totale Indagine IARD-COSPES

26 Come immagini il tuo futuro? (al primo posto) MedieSuperiori % Avere un lavoro che mi dia soddisfazione 91,687,7 Avere un lavoro sicuro e ben retribuito 90,187,7 Essere una persona serena 89,190,3 Innamorarmi della persona giusta 90,187,1 Indagine IARD-COSPES

27 Futuro: come e dove? Futuro: come e dove? Gli ambiti di proiezione Tre fattori o dimensioni:  Affetti  Lavoro  Benessere personale Tre fattori o dimensioni:  Affetti  Lavoro  Benessere personale

28 Progetti personali e professionali Determinati, aperti e flessibili… Dimensione vocazionale delle scelte professionali e affettive

29 QUALE VOCAZIONE? Vocazione come opportunità per tutti Vocazione come autorealizzazione Una accezione più laica e personalistica di vocazione Vocazione come impegno ‘bifronte’ (per sé e per gli altri insieme) Vocazione per poco (tempo) e per pochi (eletti) ‏ Vocazione religiosa come forma di impegno pubblico e sociale Il confronto con esperienze di vocazione Ambienti più che persone … Vocazione come opportunità per tutti Vocazione come autorealizzazione Una accezione più laica e personalistica di vocazione Vocazione come impegno ‘bifronte’ (per sé e per gli altri insieme) Vocazione per poco (tempo) e per pochi (eletti) ‏ Vocazione religiosa come forma di impegno pubblico e sociale Il confronto con esperienze di vocazione Ambienti più che persone …

30 NODI ‘critici’ tempo e progettualitá autonomia e decisione corporeitá e sessualitá relazioni interpersonali mondo emozionale e simbolizzazione delle esperienze ricerca di senso della vita rapporto con le cose rapporto con l’autoritá … in rapporto alle scelte vocazionali

31 ISTANZE FORMATIVE ISTANZE FORMATIVE nell’identità nei modelli formativi nella trasmissione generazionale nella progettazione della formazione INCERTEZZA E PROVVISORIETÁ A CONFRONTO CON BISOGNI FORMATIVI ‘NUOVI’

32 ‘ NUOVI ’ BISOGNI FORMATIVI  Riconciliazione con il proprio tempo  Capacit à di pensare in modo complesso e a convivere con la complessit à  Progressiva abilit à a imparare dall ’ esperienza  Ri-appropriazione di spazi intersoggettivi (spazi di relazione)  Riconciliazione con il proprio tempo  Capacit à di pensare in modo complesso e a convivere con la complessit à  Progressiva abilit à a imparare dall ’ esperienza  Ri-appropriazione di spazi intersoggettivi (spazi di relazione)

33 ‘ NUOVI ’ BISOGNI FORMATIVI  Capacit à di gestire conflitti e tensioni  Dialogo interculturale e intergenerazionale  Capacit à di comunicazione interpersonale  Dinamica di ri-definizione della propria identit à man mano che si cresce (identit à in cambiamento)  …  Capacit à di gestire conflitti e tensioni  Dialogo interculturale e intergenerazionale  Capacit à di comunicazione interpersonale  Dinamica di ri-definizione della propria identit à man mano che si cresce (identit à in cambiamento) ……

34 Bisogni/domande formative emergenti dalla situazione dei giovani  Autonomia e libertà ‘critica’  Relazioni, affettività e sessualità  Processi decisionali e reversibilità delle scelte  Progettualità e senso della vita  Interiorità e fraternità  …

35 accoglienza di un dono dello Spirito impegno e responsabilità umana nella ricerca e nella conoscenza della volontà di Dio un esercizio nello Spirito, ma attuato anche con l’aiuto di attitudini umane collegate alla virtù della prudenza un esercizio quotidiano di ascolto, di ricezione, di apertura e di decisione esistenziale accoglienza di un dono dello Spirito impegno e responsabilità umana nella ricerca e nella conoscenza della volontà di Dio un esercizio nello Spirito, ma attuato anche con l’aiuto di attitudini umane collegate alla virtù della prudenza un esercizio quotidiano di ascolto, di ricezione, di apertura e di decisione esistenziale DISCERNIMENTO VOCAZIONALE Come intenderlo e come attuarlo?

36 UN PROCESSO … UN PROCESSO … È anche un METODO, cioè un insieme di momenti, di passi articolati, di esercizi … Una ‘tecnica di aiuto a discernere’ in vista di una scelta e di una decisione sulla propria vita È anche un METODO, cioè un insieme di momenti, di passi articolati, di esercizi … Una ‘tecnica di aiuto a discernere’ in vista di una scelta e di una decisione sulla propria vita Un discernimento autentico non è possibile senza un lungo esercizio, non si può improvvisare: esige un ascolto attento, una comprensione approfondita, di se stessi e della realtà, una grande umiltà e chiarezza per poter decodificare i segni del tempo e rintracciare in essi gli appelli e i segnali di Dio

37 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE un processo di conoscenza volto a valutare gli aspetti della realtà personale del/della giovane per comprendere se è davvero chiamato/a a quella specifica vocazione un processo di conoscenza volto a valutare gli aspetti della realtà personale del/della giovane per comprendere se è davvero chiamato/a a quella specifica vocazione DISCERNIMENTO SPIRITUALE DELLA ‘VOCAZIONE’

38 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE UN MOMENTO UNA TAPPA UN PROCESSO UN MOMENTO UNA TAPPA UN PROCESSO COSA?COSA?

39 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE MOMENTI DEL PROCESSO DI DISCERNIMENTO MOMENTI DEL PROCESSO DI DISCERNIMENTO COME?COME? BILANCIO DELLE RISORSE PERSONALI ANALISI DELLE MOTIVAZIONI SITUAZIONI PROBLEMATICHE

40 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE COME? 1. BILANCIO DELLE RISORSE PERSONALI qualita’ umane e relazionali disposizioni e attitudini (livello culturale) cammino di crescita della fede attitudine alla missione / carisma

41 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE presa di coscienza delle motivazioni vocazionali (coscienti e inconsce) verifica della validitá (autenticitá) progressiva purificazione delle motivazioni iniziali imperfette o inautentiche presa di coscienza delle motivazioni vocazionali (coscienti e inconsce) verifica della validitá (autenticitá) progressiva purificazione delle motivazioni iniziali imperfette o inautentiche COME? 2. ANALISI DELLE MOTIVAZIONI

42 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE contro-indicazioni (criteri negativi) eventuali impedimenti (CDC) elementi prudenziali contro-indicazioni (criteri negativi) eventuali impedimenti (CDC) elementi prudenziali 3. SITUAZIONI PROBLEMATICHE COME?

43 SOGGETTI DEL DISCERNIMENTO PERSONAPERSONA CHIESA ISTITUTO

44 RESPONSABILI DEL DISCERNIMENTO PERSONAPERSONA coloro che accompagnano la comunità eventualispecialisti

45 CONDIZIONI PER UN ADEGUATO DISCERNIMENTO CONDIZIONI PER UN ADEGUATO DISCERNIMENTO NEI GIOVANI NEI FORMATORI-FORMATRICI NELLA COMUNITÁ

46 ALTRE CONDIZIONI ALTRE CONDIZIONI CONOSCENZA DEI GIOVANI INCULTURAZIONE ACCOMPAGNAMENTO

47 CRITERI DI DISCERNIMENTO Qualit à Disposizioni Attitudini Maturit à Cammino di fede Religiosit à Preghiera Abilit à educative … Qualit à Disposizioni Attitudini Maturit à Cammino di fede Religiosit à Preghiera Abilit à educative … In base a che cosa pensi che un giovane o una giovane ‘ abbia vocazione ’ ? Generalmente che cosa ti aspetti da un giovane o una giovane che chiede di entrare nella comunità religiosa o di seguire Gesù nel sacerdozio o in una consacrazione laicale?

48 CRITERI DI DISCERNIMENTO CRITERI NEGATIVI (contro-indicazioni e/o situazioni problematiche) CRITERI NEGATIVI (contro-indicazioni e/o situazioni problematiche) CRITERI POSITIVI (disposizioni e attitudini) L’unico criterio valido è LA PRUDENZA L’unico criterio valido è LA PRUDENZA

49 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE percezione di sé competenze e risorse nella direzione del compito-missione potenziamento e recupero motivazionale  scoperta delle reali e profonde ragioni della scelta  esperienza di integrazione nella vita comunitaria ed apostolica percezione di sé competenze e risorse nella direzione del compito-missione potenziamento e recupero motivazionale  scoperta delle reali e profonde ragioni della scelta  esperienza di integrazione nella vita comunitaria ed apostolica ALCUNE ATTENZIONI COME?COME?

50 MATURAZIONECRISTIANA MATURAZIONE CARISMATICA MATURAZIONEUMANA AREE DI MATURAZIONE

51 CRITERI POSITIVI maturazione cristiana A livello di  esperienza cristiana  vita morale * generali * specifici maturazione umana  salute fisica  maturazione cognitiva  maturazione affettiva  autonomia personale maturazione carismatica Attitudine alla  missione  spiritualità e carisma

52 MATURAZIONE UMANA Disposizioni e attitudini di base Indole buona e ‘sincera’ Grado di maturazione e integrazione umana raggiunto Disposizioni e attitudini di base Indole buona e ‘sincera’ Grado di maturazione e integrazione umana raggiunto In questa area di maturazione il discernimento dovrebbe tener conto dei seguenti elementi: ATTENZIONE alla situazione attuale della persona con le sue risorse positive di base situazione attuale della persona con le sue risorse positive di base possibilità di un reale sviluppo possibilità di un reale sviluppo

53 MATURAZIONE CRISTIANA Atteggiamento di fede che diventa criterio di scelte e di vita Relazione con Cristo (amore personale, amicizia, bisogno di stare con Lui,…) Centralità dell’Eucaristia Preghiera personale e comunitaria Crescita nelle virtù umane e cristiane Senso di Chiesa (appartenenza e adesione al magistero, inserimento nella comunit à cristiana locale, … ) Celebrazione del Sacramento della Riconciliazione e disponibilit à a lasciarsi guidare (direzione spirituale) Apertura e interesse per la causa del Regno Atteggiamento di fede che diventa criterio di scelte e di vita Relazione con Cristo (amore personale, amicizia, bisogno di stare con Lui,…) Centralità dell’Eucaristia Preghiera personale e comunitaria Crescita nelle virtù umane e cristiane Senso di Chiesa (appartenenza e adesione al magistero, inserimento nella comunit à cristiana locale, … ) Celebrazione del Sacramento della Riconciliazione e disponibilit à a lasciarsi guidare (direzione spirituale) Apertura e interesse per la causa del Regno

54 MATURAZIONE CRISTIANA Coscienza sufficientemente formata Capacità di discernere ciò che conviene fare, ciò che è bene, ciò che è gradito a Dio, … Impegno per vivere i valori umani e cristiani, in particolare la lealtà, l’onestà, la giustizia, il perdono, … Capacità di sacrificio e di rinuncia, … Coscienza sufficientemente formata Capacità di discernere ciò che conviene fare, ciò che è bene, ciò che è gradito a Dio, … Impegno per vivere i valori umani e cristiani, in particolare la lealtà, l’onestà, la giustizia, il perdono, … Capacità di sacrificio e di rinuncia, … sufficiente cultura religiosa Si richiederebbe almeno una sufficiente cultura religiosa e l’aver vissuto qualche esperienza di direzione spirituale A livello di vita morale:

55 CRITERI NEGATIVI ATTENZIONE A DISTINGUERE tra … semplici difficoltà evolutive chiari impedimenti (CDC) situazioni problematicheATTENZIONE A DISTINGUERE tra … semplici difficoltà evolutive chiari impedimenti (CDC) situazioni problematiche CONTRO-INDICAZIONI VERE E PROPRIE: elementi o segni che negherebbero l’idoneità vocazionale ed escluderebbero la possibilità di vivere la vita consacrata o sacerdotale CONTRO-INDICAZIONI VERE E PROPRIE: elementi o segni che negherebbero l’idoneità vocazionale ed escluderebbero la possibilità di vivere la vita consacrata o sacerdotale

56  Salute fisica  Intelligenza  Equilibrio psichico  Maturazione affettiva e sessuale  Maturazione relazionale e attitudini alla vita comunitaria  Situazioni familiari  Salute fisica  Intelligenza  Equilibrio psichico  Maturazione affettiva e sessuale  Maturazione relazionale e attitudini alla vita comunitaria  Situazioni familiari Aree … CRITERI NEGATIVI

57 Salute FISICA  Malattie vere e proprie  Tutta la vasta gamma di disturbi psico- somatici (cefalee persistenti, insonnia, anoressia, bulimia, ipocondria, ecc.)  Eventuali handicap fisici e psichici  Dipendenze da droga, alcool, tabacco, ecc.  Sieropositività (AIDS)  …  Malattie vere e proprie  Tutta la vasta gamma di disturbi psico- somatici (cefalee persistenti, insonnia, anoressia, bulimia, ipocondria, ecc.)  Eventuali handicap fisici e psichici  Dipendenze da droga, alcool, tabacco, ecc.  Sieropositività (AIDS) ……

58 EQUILIBRIO PSICHICO Malattie e disturbi psichici  Psicosi  Nevrosi strutturate  Gravi forme di labilit à emotiva  Stati gravi di immaturit à affettiva Altri indizi negativi  Eccessiva minuziosità nel comportamento  Manie o fobie  Esasperato formalismo religioso  Scrupoli, dubbi e ansietà  Tendenza a mettersi in mostra in maniera esagerata e con comportamenti strani Malattie e disturbi psichici  Psicosi  Nevrosi strutturate  Gravi forme di labilit à emotiva  Stati gravi di immaturit à affettiva Altri indizi negativi  Eccessiva minuziosità nel comportamento  Manie o fobie  Esasperato formalismo religioso  Scrupoli, dubbi e ansietà  Tendenza a mettersi in mostra in maniera esagerata e con comportamenti strani

59 DISCERNIMENTO VOCAZIONALE ACCOMPAGNAMENTO PERSONALIZZATO STRUMENTI DI VERIFICA E DI ACCOMPAGNAMENTO STRUMENTI DI VERIFICA E DI ACCOMPAGNAMENTO STRUMENTI FORMATIVI PROPRI DELLE DIVERSE TAPPE DI FORMAZIONE STRUMENTI FORMATIVI PROPRI DELLE DIVERSE TAPPE DI FORMAZIONE PSICODIAGNOSI VOCAZIONALE PSICODIAGNOSI VOCAZIONALE

60 DISCERNIMENTO E PSICODIAGNOSI La psicodiagnosi non coincide con il discernimento vocazionale Attenzione a non confondere i piani: psicologico e teologico Allo psicologo non compete il ‘giudizio’ sulla ‘verità’ della vocazione La psicodiagnosi non coincide con il discernimento vocazionale Attenzione a non confondere i piani: psicologico e teologico Allo psicologo non compete il ‘giudizio’ sulla ‘verità’ della vocazione QUALE RAPPORTO?

61 DISCERNIMENTO E PSICODIAGNOSI Discernimento vocazionale e psicodiagnosi sono due realtà distinte, anche se complementari La psicodiagnosi offre un supporto per la comprensione degli aspetti umani e psicologici implicati nella complessità della vocazione: identità, libertà psicologica, consistenza, equilibrio, integrazione affettivo-sessuale,… Discernimento vocazionale e psicodiagnosi sono due realtà distinte, anche se complementari La psicodiagnosi offre un supporto per la comprensione degli aspetti umani e psicologici implicati nella complessità della vocazione: identità, libertà psicologica, consistenza, equilibrio, integrazione affettivo-sessuale,…

62 PSICODIAGNOSI: cosaè? PSICODIAGNOSI: cosa è? Un momento ‘puntuale’ nel processo di discernimento vocazionale Diagnosi psicologica della personalità dei chiamati Metodo scientifico di conoscenza e di intervento sullo psichismo dei soggetti, sulla struttura e sulla dinamica della personalità, con riferimento alle attitudini e alle motivazioni… Un momento ‘puntuale’ nel processo di discernimento vocazionale Diagnosi psicologica della personalità dei chiamati Metodo scientifico di conoscenza e di intervento sullo psichismo dei soggetti, sulla struttura e sulla dinamica della personalità, con riferimento alle attitudini e alle motivazioni…

63 cosaè? PSICODIAGNOSI cosa è? Un apporto di chiarificazione oggettiva e profonda della persona nel tentativo di comprenderne gli aspetti consci ed inconsci della personalità … a scopo conoscitivo, nosologico, pedagogico ed anche ‘terapeutico’ … orientata alla formazione, alla crescita vocazionale della persona Un apporto di chiarificazione oggettiva e profonda della persona nel tentativo di comprenderne gli aspetti consci ed inconsci della personalità … a scopo conoscitivo, nosologico, pedagogico ed anche ‘terapeutico’ … orientata alla formazione, alla crescita vocazionale della persona

64 PSICODIAGNOSI l’accertamento dell’idoneità di base con l’indicazione di eventuali controindicazioni la conoscenza della struttura e dinamica della personalità per una risposta vocazionale più matura l’indicazione di itinerari da seguire per la formazione, il sostegno, il recupero, la cura l’accertamento dell’idoneità di base con l’indicazione di eventuali controindicazioni la conoscenza della struttura e dinamica della personalità per una risposta vocazionale più matura l’indicazione di itinerari da seguire per la formazione, il sostegno, il recupero, la cura Si propone come obiettivi:

65 DISCERNIMENTO e psicodiagnosi VOCAZIONALE  DURANTE LA FORMAZIONE INIZIALE QUANDO? PRIMA DI ENTRARE NELL’ISTITUTO PRIMA DI ENTRARE NELL’ISTITUTO  NELLA FORMAZIONE PERMANENTE

66 PROBLEMI ANCORA APERTI … PROBLEMI ANCORA APERTI APERTI … maturità-immaturitàmaturità-immaturità convergenza su criteri comuni formazione dei formatori/formatrici continuità formativa formazione dell’identità chi fa la psicodiagnosi ?


Scaricare ppt "DISCERNIMENTO VOCAZIONALE DISCERNIMENTO VOCAZIONALE Criteri e problematiche problematiche Pina Del Core."

Presentazioni simili


Annunci Google