La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche Rosa Maiello Università degli studi di Napoli “Federico II” Dipartimento di Discipline Storiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche Rosa Maiello Università degli studi di Napoli “Federico II” Dipartimento di Discipline Storiche."— Transcript della presentazione:

1 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche Rosa Maiello Università degli studi di Napoli “Federico II” Dipartimento di Discipline Storiche Corso di perfezionamento in Saperi storici e nuove tecnologie anno 2006

2 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Di cosa parleremo Contestualizzazione e definizione Valutazione Acquisizione Archiviazione e tutela Servizi Copyright e privacy

3 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Luoghi comuni Che cos’è una biblioteca? a) Una “teca” di libri? b) Un posto dove gli eruditi vanno a studiare? c) Una specie di Jurassic park per dinosauri? d) Altro (specificare)?

4 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Dinosauri in biblioteca! Le biblioteche appartengono alla famiglia delle istituzioni che organizzano documenti (ovvero, oggetti di vario genere che costituiscono fonte di informazioni e conoscenze) Biblioteche, archivi, musei, centri di documentazione si caratterizzano per la specifica natura dei documenti rispettivamente gestiti. Nel caso delle biblioteche, tuttavia, questa caratterizzazione comincia a essere molto più sfumata Tuttora andremmo in un museo di paleontologia e non in biblioteca per osservare lo scheletro di un dinosauro a grandezza naturale, e tuttora la biblioteca è la sede migliore per trovare libri e riviste. Ma l’intera raccolta di un museo oggi può stare in un CD o in un DVD o in un sito Web, e una biblioteca può acquisirla, aggiungendovi una rete sensata di ulteriori notizie e documenti pertinenti all’argomento: saggi, bibliografie, repertori, progetti di ricerca, recapiti utili, annunci di eventi…

5 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Luoghi della comunità Le biblioteche sono organizzazioni di documenti e informazioni di vario genere finalizzate a facilitarne l’incontro con le persone che ne hanno bisogno Sono sistemi aperti, la loro concreta fisionomia (raccolte, linguaggi, servizi) è determinata dalle caratteristiche del loro pubblico attuale e futuro e della comunità circostante Accolgono il pubblico in appositi spazi fisici e/o nello spazio virtuale di Internet

6 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello “Teche” e servizi in ambiente ibrido e digitale La biblioteca è Una porta aperta su una molteplicità di “teche”, locali e remote Un sistema di aggregazione, integrazione e segnalazione dei contenuti secondo modelli concettuali familiari agli utenti La “convergenza al digitale” amplia la possibilità di “contaminazione” tra saperi e tipologie documentarie diversi determina la crescita esponenziale di documenti prodotti Accresce le responsabilità e le competenze delle biblioteche e dei bibliotecari

7 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Risorse elettroniche: definizione Le risorse elettroniche sono documenti caratterizzati - da un supporto ottico o magnetico - dal sistema del digito binario, leggibile da un computer, utilizzato per la loro riproduzione

8 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Risorse elettroniche locali e remote Le RE si distinguono in locali e remote, secondo la localizzazione del supporto Le REL sono fisicamente presenti in biblioteca (CD, DVD, Floppy Disk) e richiedono l’uso di una periferica (p.e., un lettore) per essere consultate le RER sono accessibili a distanza tramite Internet e per accedervi è sufficiente un browser.

9 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Contenuti delle RE Una RE può avere qualunque tipo di contenuti: un’enciclopedia, una rivista, un catalogo, una partitura e/o una performance musicale, un archivio di immagini, un filmato, etc. Può contenere un solo documento o un insieme di documenti, come nel caso dei database e degli ipertesti

10 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Metadati L’unità minima di un documento è il dato Il dato è un singolo segmento dell’informazione contenuta nel documento Per usare i dati contenuti nelle risorse elettroniche sono necessarie ulteriori informazioni: dati sui dati, metadati I metadati forniscono istruzioni sugli aspetti strutturali, amministrativi, formali, concettuali, semantici delle risorse elettroniche Possono essere incorporati nella stessa RE o esterni ad essa

11 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Metadati: tipologie Metadati strutturali: – Informazioni sulla struttura del documento (estensione, formato, lunghezza, nome. P.e., XML, HTML) Metadati amministrativi: – Informazioni sulla proprietà e sulle condizioni di accesso (p.e., ONIX) Metadati descrittivi: – Informazioni sui contenuti concettuali del documento (autore, titolo, editore, soggetto… P.e., record bibliografici N.B.: In molti casi, i formati di metadati incorporano metadati di varia tipologia (p.e., UNIMARC)

12 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Standardizzazione e portabilità La standardizzazione, cioè l’adozione di modalità di trattamento comuni, facilita lo scambio e l’integrazione di documenti e informazioni La standardizzazione riguarda: – i formati di metadati (cioè, dei sistemi di etichettatura dei documenti) – i protocolli di trasferimento (cioè, dei sistemi di “impacchettamento” e inoltro dei dati: p.e., HTTP, OSI, Z39.50) – le metodologie di descrizione (p.e., ISBD)

13 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione È l’insieme di strategie attuate dalla biblioteca per garantire l’efficacia della propria offerta Interviene almeno in due momenti: – all’atto della scelta delle risorse da acquisire o della progettazione di quelle da produrre a cura della biblioteca – Successivamente alla produzione o alla realizzazione, per verificare se, come e con quale grado di soddisfazione gli utenti la hanno usata (ed eventualmente, per modificare le scelte iniziali)

14 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione: metodi I metodi per valutare una risorsa sono di due tipi: 1) checklists, cioè griglie predefinite di requisiti 2) Indagini empiriche sull’uso (questionari, osservazione diretta, transaction log files, statistiche)

15 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione: checklists La più completa è la griglia di Whittaker, inizialmente elaborata per i libri a stampa ma, con opportuni accorgimenti, applicabile anche alle RE* * K. Whittaker, Metodi e fonti per la valutazione dei documenti. Edizione italiana a cura di P. Lucchini e R. Morriello. Manziana, Vecchiarelli, 2002

16 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione: Griglia di Whittaker (1) Autorevolezza (autore, altri responsabili, editore) Piano dell’opera (soggetto, motivazione e scopo, destinatari, altre edizioni e versioni, relazioni con altre opere) Contenuto (affidabilità della versione, metodo e fonti di ricerca, chiarezza, estensione e profondità della trattazione per tema, area geografica, arco di tempo, punto di vista dichiarato, opinioni riportate, obiettività, equilibrio tra le parti, livello della trattazione, stile, accuratezza, aggiornamento, bibliografia, illustrazione e grafica) Struttura (suddivisioni, indice delle parti, indici vari, rinvii) Impaginazione (formato, disposizione, leggibilità, estetica) Manifattura (metodi di produzione, esecuzione, materiali) Posizionamento (prezzo, confronti con risorse a contenuto simile o con versioni alternative, originalità, utilità)

17 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione: Griglia di Whittaker (2) Problemi di applicazione alle RE, in particolare quelle remote Autorevolezza – Non sempre l’autore è identificabile; tra gli altri responsabili va incluso il responsabile della realizzazione elettronica; l’editore può essere rilevato dal nome e dal dominio del sito -.edu,.com) Contenuto – L’affidabilità della versione è di non facile rilevazione. Spesso mancano indicazioni circa la “storia bibliografica” o l’esistenza di versioni precedenti o alternative Struttura – Disposizione dei contenuti, appropriatezza dei link, … Impaginazione – Appropriatezza della grafica e usabilità delle pagine Manifattura – Dotazione hw/sw necessaria, velocità di caricamento, accessibilità

18 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Valutazione: altre griglie Per il contenuto: – Precisione, Comprensibilità, Credibilità, Aggiornamento Per il contenitore: – Copertura, Accessibilità, Velocità, Coerenza, Precisione; Nel caso delle RER, anche stabilità della risorsa

19 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Griglie per siti web pubblici e culturali Manuale per la qualità dei siti web culturali - Interoperabilità - Rintracciabilità e promozione - Pubblicità delle politiche per la qualità - Accessibilità (cfr. anche “Legge Stanca” del 9 gennaio 2004 n. 4) - Usabilità (cfr. anche Circolare del 13 marzo 2001 n. 3 del Dipartimento della Funzione pubblica contenente apposite linee guida)

20 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Indicatori Minerva di usabilità dei siti web Visibilità (Dichiarazioni esplicite su contenuti, responsabili, finalità e modalità d’uso) Appropriatezza dell’organizzazione rispetto al tema e ai destinatari (raggruppamento dei contenuti, informazioni annidate, suddivisione nelle pagine, sommari e descrizioni brevi, mappe, uso della grafica e dei colori) Qualità dei contenuti (coerenza, aggiornamento, datazione, completezza, comprensibilità, concisione, ricchezza delle informazioni, sensatezza nell’uso di media dinamici, multilinguismo, accuratezza, autorevolezza/responsabilità, obiettività, unicità, qualità del layout, navigabilità, sensatezza dei link e dei percorsi di ritorno indietro, evidenza del contesto, ricerca sui contenuti tramite motore di ricerca)

21 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Qualità degli OPAC Principi (FRBR, Guidelines for OPAC displays, GARR, GSARE) Regole (RICA, ISBDs, Soggettari e schemi di classificazione) Standard (ISBDs, UNIMARC, schemi di traslitterazione, set di caratteri, numeri standard, protocolli, sintassi generalizzate)

22 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Acquisizione Il procedimento di valutazione tecnica e di contenuto permette di stabilire se una determinata RE disponibile sul mercato è coerente con il piano di sviluppo delle raccolte della biblioteca e se è qualitativamente valida A questo punto si passa a verificarne le condizioni di fornitura e le modalità di acquisizione Anche questo aspetto in parte rientra nella valutazione: bisogna stabilire se il rapporto qualità/prezzo e condizioni di fornitura è vantaggioso per la biblioteca Inoltre, la biblioteca deve attuare politiche negoziali tali da assicurarsi l’acquisizione della risorsa alle migliori condizioni possibili. Problemi si pongono soprattutto per le RER

23 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Acquisto o somministrazione? Per molte RER i contratti non prevedono il trasferimento della proprietà sui contenuti, ma solo il servizio di somministrazione Ciò significa che la biblioteca e i suoi utenti hanno diritto ad accedere alla risorsa solo fin quando l’abbonamento è attivo In caso di mancato rinnovo, si perde qualunque diritto di accesso ai contenuti già pubblicati e apparsi quando l’abbonamento era attivo

24 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Doppi abbonamenti Molti editori di periodici elettronici impongono la clausola del mantenimento degli abbonamenti alle versioni cartacee Ciò comporta costi – diretti (la spesa dei periodici elettronici non sostituisce ma si aggiunge a quella per le versioni cartacee) – indiretti (legatoria, scaffalature, spazi, registrazione, manutenzione fisica)

25 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Estinzioni e trasferimenti di testate Quando l’abbonamento riguarda interi pacchetti editoriali o una selezione di più testate prodotte da diversi editori, di rado i contratti prevedono clausole di riduzione dei prezzi in caso di estinzione o trasferimento di testate ad altri fornitori

26 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Statistiche d’uso Non sempre i contratti prevedono la comunicazione delle statistiche d’uso della RER Le statistiche comunicate dagli editori non sempre sono affidabili, dettagliate, accurate e leggibili

27 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Foro competente Quasi sempre il contratto prevede la città del fornitore quale foro competente in caso di controversie legali Ciò è particolarmente oneroso in caso di sede all’estero Inoltre, contrasta con il principio secondo cui il foro naturale delle controversie riguardanti pubbliche amministrazioni è nella sede di queste ultime

28 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Soluzioni Consorzi interistituzionali per gli acquisti Editoria accademica e open archives istituzionali o tematici

29 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Archiviazione e tutela La conservazione e la tutela delle RE è particolarmente complessa. I problemi principali sono l’obsolescenza tecnologica e, per quanto riguarda le RER, la “volatilità”

30 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Obsolescenza: metodi per contrastarla Metodi per contrastare l’obsolescenza tecnologica sono: – La conservazione della strumentazione hw/sw necessaria a consultare la risorsa – La conversione della risorsa in nuovi formati e/o su nuovi supporti (refreshing) – L’uso di metadati standard che facilitano la portabilità dei documenti

31 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Volatilità Le RER possono essere trasferite senza preavviso ad altro indirizzo, oppure chi le pubblica può ritirarle dalla rete per mancanza di possibilità o di interesse a mantenerle Inoltre, è tipica del documento digitale l’infinita modificabilità senza lasciare tracce dell’originale La nuova normativa sul deposito legale prende in considerazione i siti web e ne impone il deposito finalizzato all’archiviazione e alla tutela

32 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Deposito legale In Italia, la L. 15 aprile 2004 n. 106 affida alle Biblioteche nazionali centrali e alle Regioni il compito di archiviare i siti web culturali e rinvia a un regolamento di attuazione il compito di definire le modalità di tale archiviazione Probabilmente (come avviene altrove) la soluzione tecnica sarà simile a quella usata dai comuni motori di ricerca per il web, ossia l’harvesting tramite un apposito sw. Non mancano resistenze da parte degli editori, che temono la violazione del copyright

33 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Organizzazione dell’informazione Come si garantisce accesso integrato ai contenuti (cartacei o comunque analogici e digitali) della biblioteca ibrida?

34 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello OPAC, VRD, Portali Finora, biblioteche e bibliotecari hanno risposto con soluzioni molto differenziate: – Integrazione nell’OPAC delle descrizioni relative alle RE e “arricchimento” dell’OPAC con link diretti alle risorse – Integrazione dell’OPAC nel sito web della biblioteca, dove alle RE solo dedicate apposite pagine di reference – Integrazione dell’OPAC e di tutte le RE in un apposito “portale”, ovvero un metamotore di ricerca corredato di interfaccia web

35 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello La copia di Harvard Una stessa risorsa può essere commercializzata da più fornitori, ciascuno dei quali la rende disponibile da un indirizzo diverso: come fa la biblioteca a indirizzare l’utente alla “copia appropriata” (o “copia di Harvard”?) A tale scopo esistono in commercio sistemi di reference linking che permettono alla biblioteca di selezionare le risorse a cui è abbonata e i rispettivi fornitori da un apposito database e di indirizzare l’utente a tali risorse (quando disponibili) o a servizi alternativi (quando non è disponibile un abbonamento online), quali la ricerca nel catalogo locale o la richiesta di ILL e DD.

36 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Copyright: duplicazione online La facilità di accesso e duplicazione rende le risorse internet particolarmente esposte al rischio di violazione dei diritti d’autore A meno che dichiarazioni esplicite su un sito ad accesso libero o accordi specifici con i suoi responsabili non autorizzino espressamente la duplicazione online dei contenuti, questa è da considerarsi vietata Anche se autorizzata, la duplicazione online deve essere accompagnata dalla citazione della fonte e deve rispettare l’integrità dei contenuti Ai motori di ricerca come Google, la duplicazione online (copia nella cache memory) finalizzata all’indicizzazione è tacitamente consentita, perché dà visibilità al sito indicizzato Ciò vale per le RER ad accesso libero, non per quelle ad accesso riservato (e spesso a pagamento), che non sono indicizzate dai motori di ricerca.

37 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Copyright: download, stampa, DD La stampa e il download dei contenuti sono invece da ritenersi sempre consentiti, così come l’invio agli utenti, fatto salvo ovviamente l’uso di studio e non di lucro Alcuni fornitori includono nei contratti una clausola di esclusione del DD elettronico La materia del DD elettronico è controversa. Almeno a favore degli utenti autorizzati deve ritenersi consentita

38 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Copyright: DRM Alle RER a pagamento (o comunque ad accesso riservato) si accede tramite e password o identificazione di indirizzi IP La biblioteca è responsabile dell’uso che viene fatto delle password Nel caso di identificazione di indirizzi IP, in mancanza di accordi diversi vanno comunicati al fornitore l’esistenza di eventuali proxy server e le modalità di accesso ai medesimi

39 Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche / Rosa Maiello Privacy I fornitori e le biblioteche sono tenuti a rispettare la privacy delle transazioni degli utenti: la rilevazione di dati sull’uso è consentita solo a fini statistici e in forma del tutto anonima Eventuali dispositivi di controllo sulle abitudini individuali degli utenti sono da ritenersi illeciti


Scaricare ppt "Napoli, 16 maggio 2006 La gestione delle risorse elettroniche Rosa Maiello Università degli studi di Napoli “Federico II” Dipartimento di Discipline Storiche."

Presentazioni simili


Annunci Google