La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Donne, salute e sicurezza Roma, 24 settembre 2008 Valentina Cardinali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Donne, salute e sicurezza Roma, 24 settembre 2008 Valentina Cardinali."— Transcript della presentazione:

1 Donne, salute e sicurezza Roma, 24 settembre 2008 Valentina Cardinali

2 I dati Cosa fare… La prospettiva di genere nella SSL Alcuni riferimenti

3 … le donne

4 ESISTE UNA SPECIFICITA’ DI GENERE IN RELAZIONE A SALUTE E SICUREZZA… Uno dei primi studi sui telegrafisti e telefonisti (1884) osserva che “il crampo” del telegrafista colpisce particolarmente le donne che “hanno un temperamento più nervoso, e porta ad insonnia, vertigini, melanconia, perdita di memoria......, e persino pazzia”. La attribuzione di particolare “suscettibilità” alle donne e agli immigrati degli anni 1920 per la malattie “nervose” da lavoro è un tipico errore nel ragionamento epidemiologico: Le donne e gli immigrati (compresi gli ebrei russi) sono entrati in massa in quel periodo nel mercato del lavoro delle comunicazioni e industria, e hanno per la prima volta sviluppato la patologia “nuova” (da stress, da movimenti ripetitivi della mano ecc.) osservata in larga scala. E’ come dire che “i lavoratori maschi in edilizia sono più suscettibili agli infortuni delle donne”. (Figà Talamanca)‏ … la specificità di genere Le differenze sono di due ordini: BIOLOGICHE (sessuali) specialmente dal punto di vista dell’apparato riproduttivo e le sue funzioni (in particolare endocrino)‏ SOCIO-AMBIENTALI (gender), dal punto di vista della sua percezione e dell’ambiente sociale circostante (fattori “contestuali”) dovuti alla “segregazione” “verticale” e “orizzontale”. Le differenze sono di due ordini: BIOLOGICHE (sessuali) specialmente dal punto di vista dell’apparato riproduttivo e le sue funzioni (in particolare endocrino)‏ SOCIO-AMBIENTALI (gender), dal punto di vista della sua percezione e dell’ambiente sociale circostante (fattori “contestuali”) dovuti alla “segregazione” “verticale” e “orizzontale”. Nuova classificazione OMS (ICF) sulla disabilità considera i fattori ambientali che segnano il passaggio da invalido/handicap a persona diversamente abile perché ciascuno in particolare momento della vita, in relazione ad un certo contesto può essere in condizione di disabilità

5 I dati Infortuni sul lavoro in Europa

6 I dati Infortuni sul lavoro in Europa per paese Eurostat

7 I dati Infortuni sul lavoro in Europa per paese e genere Regno Unito (*)‏ Svezia (*)‏ Finlandia Portogallo Austria Paesi Bassi (*)‏ Lussemburgo Italia Irlanda (*)‏ Francia Spagna Grecia Germania Danimarca (*)‏ Belgio UE - Euro Area UE - 15 TOTALEFemmineMaschiSTATI MEMBRI Eurostat

8 I dati Infortuni sul lavoro delle donne in Europa – incidenza % per paese 2006 Eurostat

9 I dati Infortuni sul lavoro in Europa per settore economico - trend Infortuni sul lavoro in Europa per settore economico - trend Eurostat

10 I dati Intermediazione Finanziaria e Attività Immobiliari Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Alberghi e Ristorazione Commercio Costruzioni Elettricità, Gas e Acqua Totale Industria Manifatturiera Agricoltura TOTALE FemmineMaschiATTIVITA' ECONOMICA Infortuni sul lavoro per settore economico e genere Europa 2006 Infortuni sul lavoro per settore economico e genere Europa 2006 Eurostat

11 I dati Infortuni sul lavoro in Europa per settore economico – incidenza di genere 2006 Eurostat

12 I dati Infortuni mortali in Europa

13 I dati Infortuni mortali sul lavoro in Europa per settore economico e incidenza di genere 2006 Infortuni mortali sul lavoro in Europa per settore economico e incidenza di genere , Intermediazione Finanziaria e Attività Immobiliari 3, Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni 24, Alberghi e Ristoranti 9, Commercio 0, Costruzioni 2,639138Elettricità, Gas e Acqua 3, Totale Industria Manifatturiera 6, Agricoltura % donne con incidenti mortali sul totale TOTALEFemmineMaschi ATTIVITA' ECONOMICA Eurostat

14 I dati Eurostat Infortuni mortali sul lavoro in Europa – incidenza di genere 2006 Infortuni mortali sul lavoro in Europa – incidenza di genere 2006

15 I dati Eurostat Infortuni mortali sul lavoro in Europa – incidenza di genere 2006 Infortuni mortali sul lavoro in Europa – incidenza di genere 2006

16 I dati Eurostat Infortuni mortali sul lavoro in Europa nel settore TRASPORTI 2006 Infortuni mortali sul lavoro in Europa nel settore TRASPORTI 2006

17 I dati… riassumendo Eurostat 3,828,6Regno Unito (*)‏ 8,842,2Svezia (*)‏ 10,825,6Finlandia 3,217,9Portogallo 8,919,8Austria 0,028,0Paesi Bassi (*)‏ 0,016,4Lussemburgo 4,521,2Italia 0,027,0Irlanda (*)‏ 5,626,1Francia 2,321,0Spagna 0,015,5Grecia 6,922,4Germania 7,137,5Danimarca (*)‏ 7,220,3Belgio % donne con infortuni mortali sul totale % donne con infortuni Gli infortuni di genere in Europa 2006 Gli infortuni di genere in Europa 2006

18 I dati… riassumendo Eurostat Gli infortuni di genere in Europa 2006 Gli infortuni di genere in Europa 2006

19 I dati Infortuni sul lavoro in Italia

20 I dati… Inail infortuni sul lavoro di cui 1250 mortali. 27% degli infortuni sul lavoro (circa ) è di donne 7 % infortuni mortali è di donne Trasporti è una voce aggregata dentro “servizi”. Necessario il microdato Inail infortuni sul lavoro di cui 1250 mortali. 27% degli infortuni sul lavoro (circa ) è di donne 7 % infortuni mortali è di donne Trasporti è una voce aggregata dentro “servizi”. Necessario il microdato Inail. Gli infortuni sul lavoro in Italia 2006 Gli infortuni sul lavoro in Italia 2006

21 Negli ultimi 5 anni a parità di addetti, diminuzione del 20% degli infortuni Si infortunano di più gli uomini (93%) tra i 35 e i 49 anni e di nazionalità italiana. Gli infortuni sul lavoro nel settore TRASPORTI (passeggeri) in Italia I dati… Inail

22 I dati… Inail Gli infortuni sul lavoro delle donne in Italia 2006 Gli infortuni sul lavoro delle donne in Italia 2006 Nel 2006 gli infortuni femminili hanno segnato la percentuale più alta rispetto al totale degli infortuni mai fatta registrare in Italia

23 Gli infortuni aumentano con l’aumento dell’occupazione femminile dai del 2001 ai del 2006 Aumento degli infortuni in itinere, ovvero quelli avvenuti lungo il tragitto casa lavoro e viceversa: dal 10,6% del 2001 al 17% del In diminuzione le morti bianche, dalle 127 del 2001 alle 99 del 2006 (7,4% del totale). Rilevante il peso delle lavoratrici straniere. Sono stati gli infortuni sul lavoro che hanno colpito lavoratrici straniere nel Le più colpite sono state le romene con incidenti, le marocchine con e le albanesi con Diverso il caso delle donne ucraine, che hanno registrato meno incidenti sul lavoro (845), ma più dei loro connazionali uomini (esattamente il 52,6% del totale). Le caratteristiche degli infortuni delle donne in Italia I dati… Inail

24 La fascia d'età più colpita è quella tra i 35 e i 49 anni, che conta quasi la metà degli infortuni occorsi alle donne e delle quasi cento morti bianche del Il 31% si registra nella classe anni, il 24% al di sotto dei 35 anni. oltre il 60% degli infortuni femminili si verifica nel Nord del Paese, dove sono presenti i più grandi distretti industriali. infortuni alle donne superano quelli degli uomini: a.tra il Personale addetto ai servizi domestici 9 infortuni su 10 riguardano colf e badanti, per lo più straniere; b.nella Sanità i tre quarti dei casi interessano donne, in genere infermiere. c.nella Pubblica Amministrazione, d.nel settore Alberghi e ristoranti; e.nell’Istruzione. Le caratteristiche degli infortuni delle donne in Italia I dati… Riflette la struttura dell’occupazione femminile Inail

25 Caduta in piano su qualcosa casi. a industria e servizi (di cui 820 inabilità permanente)‏ b.2381 agricoltura (di cui 214 con conseguenze invalidanti permanenti)‏ c.2044 nella PA (di cui 168 hanno dato luogo ad inabilità permanente)‏ urto contro qualcosa, casi a nell’industria, commercio e servizi, b.989 in agricoltura c nella PA colpiti da qualche cosa, casi a nell’industria, commercio e servizi, b.965 in agricoltura c.727 nella PA colpita da sola con qualcosa, con casi Essere investita, con casi, un incidente mentre per lavoro si era alla guida, con casi. Le cause di infortuni delle donne in Italia I dati… Anmil

26 Parti del corpo colpite a.Mani casi - di cui 70% nel settore industria b.Colonna vertebrale casi - di cui 80% in PA c.Caviglie casi d.Ginocchia casi Settori economici a rischio: 1.Industria e manifatturiero (12,7% del totale infortunato è donna)‏ 2.Sanità (9,9%)‏ 3.Commercio (9,5%)‏ 4.Immobiliare (8,9%)‏ 5.PA (8,1%)‏ 6.Alberghi e ristorazione (7%)‏ 7.Agricoltura (6,3%)‏ Le conseguenze degli infortuni delle donne in Italia I dati… Il 23,6% mortali Il 11,1% mortali Il 12,5% mortali Anmil

27 Rappresentano una fetta sempre maggiore negli anni: 23,5 % del totale, contro il 17,2 % del 2001 Il dato più recente è il peggiore mai registrato nella storia del lavoro femminile italiano. La maggiore incidenza di malattie professionali femminili si verifica nell’industria manifatturiera. Cresce l’incidenza delle “malattie non tabellate” dal 2001al 2006: le malattie non tabellate sono quelle per cui il medico sospetta una causa legata all’attività o all’ambiente di lavoro, benché tali patologie non siano specificamente individuate e nominate nelle apposite tabelle della malattie professionali. Le malattie professionali I dati…

28 Le percezioni in Europa IV indagine europea sulle condizioni di lavoro: Salute e sicurezza dei lavoratori sono minacciate a causa dello svolgimento dell’attività lavorativa circa il 28 % dei lavoratori europei dichiara di soffrire di problemi sanitari non accidentali che sono o possono essere causati o aggravati dall'occupazione attuale o da quella svolta in passato; in media, il 35 % dei lavoratori ritiene che il lavoro svolto rappresenti un rischio per la loro salute.

29 Quasi il 30% dei lavoratori italiani ( 1 su 3) ritiene a rischio la propria salute.(+9% dal 2002).  36% tra chi lavora più di 45 ore settimanali,  40% tra gli operai e supera il 48% tra chi svolge almeno un turno notturno al mese. Il rischio è maggiormente percepito dai lavoratori 'con esperienza’ : 32% di chi lavora da più di 20 anni, meno del 20% tra chi lavora da non più di 5 anni)‏ La percezione del pericolo sul luogo di lavoro non è propria di chi fa lavori pesanti. Emergono, ad esempio, nuovi fattori di disagio percepiti anche nell'ambito dei settori dei servizi.  Per il 65% dei lavoratori, il disagio deriva dall'impegno mentale che le mansioni implicano  per il 62% dal coinvolgimento psicologico-emotivo, spesso causato dal tipo di organizzazione del lavoro nei comparti esposti alle sollecitazioni degli utenti e dei clienti (call-center, luoghi di cura, grande distribuzione).  Con circa venti punti di distacco segue la percezione della gravosità in termini di sforzo e disagio (42%). Sono tuttavia questi ultimi, più degli altri, che temono conseguenze gravi per la loro salute. Quasi il 17% degli occupati ha subito un infortunio nel corso della sua vita lavorativa, la cui gravosità pare nettamente correlata sia con la gravosità del lavoro, in termini di sforzo e disagio fisico, sia con la durata dell'orario di lavoro. L'8,4% degli occupati ritiene di aver contratto malattie a causa del lavoro, anche se sono relativamente pochi i casi di malattie croniche o invalidanti. Le percezioni in Italia Isfol, indagine sulla qualità del lavoro

30 Esistono differenze tra lavoratori maschi e femmine nell’esposizione e negli effetti dei tossici anche a “parità” di lavoro eseguito dovute sia a fattori biologici che di “genere”. Le conoscenze di queste sono spesso non note e/o non documentate. Le donne Italiane hanno conquistato negli ultimi anni un importante spazio nel mondo dell’ istruzione e del lavoro, ma l’Italia risulta ancora tra i paesi più arretrati nella parità dei generi. Esiste una forte segregazione verticale e orizzontale tra uominie donne nel lavoro e questo comporta anche differenze sia nei rischi che nei danni (malattie e infortuni) tra i due generi. Tuttavia i rischi riproduttivi interessano spesso tutti due i sessi. Si ipotizza un rischi per tumori per donne da lavoro a turni (es: assistenti di volo). Esistono gruppi nella popolazione ancora trascurati in particolare le lavoratrici domestiche e le donne immigrate. … in sintesi

31 Cosa fare..

32 Migliorare la qualità e la produttività sul luogo di lavoro: strategia comunitaria per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro entro il 2012 e per l'EU-27, intende ridurre del 25% il tasso complessivo d'incidenza degli infortuni sul lavoro migliorando la protezione della salute e la sicurezza dei lavoratori, fornendo in tal modo un contributo essenziale al successo della strategia per la crescita e l'occupazione prendere “meglio in considerazione gli aspetti della salute e della sicurezza che sono specifici per le donne”. Soggetti coinvolti: Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro Comitato consultivo per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro (CCSS)‏ Comitato di alti responsabili dell’ispettorato del lavoro Obiettivi: garantire una buona attuazione della legislazione dell'UE sostenere le PMI nell'applicazione della legislazione in vigore; adattare il contesto giuridico all'evoluzione del mondo del lavoro e semplificarlo favorire lo sviluppo e l'attuazione di strategie nazionali promuovere un mutamento dei comportamenti dei lavoratori, nonché approcci orientati alla salute presso i datori di lavoro; mettere a punto metodi per l'identificazione e la valutazione dei nuovi rischi potenziali migliorare il follow-up dei progressi realizzati promuovere la salute e la sicurezza a livello internazionale Cosa fare

33 Chi fa cosa.. L'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro : le azioni di sensibilizzazione, promozione e diffusione di buone prassi nei settori ad alto rischio e nelle PMI. Il CCSS : definire i settori nei quali è necessario elaborare guide delle buone prassi, nonché per renderle più comprensibili per le PMI Lo SLIC è invitato a: esaminare le ragioni all'origine delle differenze tra i tassi d'incidenza degli infortuni sul lavoro negli Stati membri e a procedere ad uno scambio di esperienze per quanto riguarda soluzioni innovatrici di provata efficacia; approfondire i lavori, nell'ambito dell'analisi dell'impatto del regolamento REACH, per quanto riguarda il ruolo degli ispettorati del lavoro e sviluppare sinergie in collaborazione con altri organi d'ispezione responsabili del controllo del mercato e della politica dell'ambiente; sviluppare ulteriormente i meccanismi per lo scambio d'informazioni relative ai problemi d'applicazione pratica e che permettono di affrontarli a livello congiunto.

34 Le strategie nazionali dovrebbero prendere in considerazione, a titolo prioritario, l'applicazione di un insieme di strumenti che garantiscano un elevato livello di rispetto della legislazione, in particolare nelle PMI e nei settori ad alto rischio: diffusione di buone prassi a livello locale; formazione dei dirigenti e dei lavoratori; elaborazione di strumenti semplici per facilitare la valutazione dei rischi; diffusione, in un linguaggio semplice, di informazioni e linee guida di facile comprensione e applicazione; migliore diffusione delle informazioni e miglior accesso a fonti di consulenza; accesso a servizi esterni di prevenzione di alto livello qualitativo e con costi ragionevoli; ricorso a ispettori del lavoro quali intermediari per promuovere un miglior rispetto della legislazione nelle PMI, in primo luogo grazie all'istruzione, alla persuasione e all'incoraggiamento, in secondo luogo, se del caso, mediante misure coercitive; ricorso a incentivi economici a livello comunitario (ad esempio attraverso i fondi strutturali) e a livello nazionale, in particolare per le micro e le piccole imprese Cosa fare

35 Cosa fare… Salute Ambiente insalubre Accesso ai servizi/strutture Regime del lavoro – stress (turnazione)‏ Postura e sforzo Condizioni esclusive di genere: (es: periodo mestruale, fecondità)‏ Sicurezza Mobilità casa- lavoro Fasce orarie a rischio Rischio aggressioni a contatto con pubblico (fisiche, morali)‏ Contatto con zone a rischio … per la salute e la sicurezza delle donne ? … alcuni ambiti di attenzione

36 Cosa fare I rischi per la salute e la sicurezza delle donne sul lavoro tendono ad essere sottovalutati e trascurati Una nuova relazione dell’Agenzia Gender issues in safety and health - A review (Problemi di genere nella sicurezza e la salute – Resoconto) rivela come la progettazione del lavoro, la sua organizzazione e la sua dotazione in attrezzature siano spesso basate sul modello dell’uomo “medio”, benché il principio dell’adeguamento del lavoro ai lavoratori sia contemplato nella legislazione dell’UE. La valutazione e la prevenzione dei rischi devono essere maggiormente volte al genere e prendere in considerazione la cresente diversità nella forza lavoro europea.’ L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro è stata istituita dall’Unione europea al fine di contribuire a soddisfare le esigenze di informazione nel settore della sicurezza e della salute sul lavoro. L’Agenzia, che ha sede a Bilbao, in Spagna, intende migliorare le condizioni di lavoro favorendo il flusso di dati tecnici, scientifici ed economici tra tutti coloro che sono coinvolti nelle questioni riguardanti la sicurezza e la salute sul lavoro.

37 Cosa fare Integrazione della dimensione di genere valutazione/prevenzione Riparazione indennizzo La relazione dell’Agenzia Gender issues in safety and health at work — A review fornisce maggiori informazioni sui rischi per le donne che lavorano e sulla loro prevenzione. Questa relazione si trova al seguente indirizzo: La Factsheet 42 che riassume la relazione si trova al seguente indirizzo: Il sito web dell’Agenzia ha una sezione che contiene i link ad altre informazioni riguardanti la SSL per le donne al seguente indirizzo: Il sito web dell’Agenzia contiene anche altre risorse riguardanti i lavori «tipici» delle donne, tra cui risorse sulla prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici e dello stress e sui rischi per le persone che lavorano nel settore dell’assistenza sanitaria

38 Cosa fare Valutazione dei rischi Procedimento di valutazione dei rischi per la sicurezza e la sanità dei lavoratori, nell’espletamento delle loro mansioni, derivante dalle circostanze del verificarsi di un pericolo sul luogo di lavoro Nuovo ruolo datori di lavoro con 626 La valutazione dei rischi deve essere effettuata non soltanto dal datore di lavoro o dal suo rappresentante isolatamente, bensì attraverso il coinvolgimento dei dipendenti o dei loro rappresentanti, i quali devono essere consultati nell’ambito di tale procedure e devono ricevere tutte le informazioni riguardanti le conclusioni delle valutazioni e i provvedimenti di prevenzione da porre in atto.

39 Cosa fare 1.identificazione dei pericoli 2.identificazione dei lavoratori (o di terzi) esposti a rischi potenziali 3.valutazione dei rischi, dal punto di vista qualitativo o quantitativo 4.studio sulla possibilità di eliminare i rischi e, in caso contrario 5.decisione sulla necessità di introdurre ulteriori provvedimenti per eliminare o limitare i rischi. sedi con impianti fissi (fabbriche, uffici)‏ posti di lavoro soggetti a cambiamento (per es.: cantieri edili, banchine portuali, cantieri navali )‏ posti di lavoro mobili (per es.: posti di lavoro temporanei per l’esecuzione di servizi pubblici, ispezioni, ecc.) Attività che seguono linea di produzione, o andamento predeterminato Attività itineranti (es:ispezioni). Valutazione dei rischi

40 Cosa fare osservazione dell’ambiente di lavoro (per es.: vie di accesso, condizioni dei pavimenti, sicurezza dei macchinari, fumi e polveri, temperatura, illuminazione, rumore, ecc.)‏ -identificazione dei compiti eseguiti sul posto di lavoro (per definire tutti i compiti, in modo da inserirli nella valutazione dei rischi)‏ -osservazione del lavoro in corso di esecuzione (le procedure sono rispettate oppure comportano altri rischi)‏ -esame dei fattori esterni che possono avere effetti sul posto di lavoro (per es.: aspetti climatici per i lavoratori all’esterno)‏ rassegna dei fattori psicologici, sociali e fisici che possono contribuire a creare stress sul lavoro e studio del modo in cui essi interagiscono fra di loro e con altri fattori nell’organizzazione e nell’ambiente di lavoro esame dell’organizzazione destinata a mantenere condizioni soddisfacenti di lavoro, tra cui le misure di salvaguardia (per es.: assicurarsi che siano in atto i sistemi opportuni di valutazione dei rischi derivanti dall’impiego di un nuovo impianto, di nuovi materiali ecc., in modo da aggiornare le informazioni sui rischi). Valutazione dei rischi Gli orientamenti relativi alla valutazione dei rischi sul lavoro, di cui ci si serve di norma, si basano sugli aspetti seguenti:

41 Cosa fare 1.la consultazione e la partecipazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, i quali sono tenuti a esprimere le proprie valutazioni dei pericoli e dei loro effetti dannosi 1.l’esame sistematico di tutti gli aspetti dell’attività lavorativa, e cioè: guardando cosa succede di fatto sul posto di lavoro o durante l’attività lavorativa (la situazione vera e propria può essere diversa da quella prevista dal manuale)‏ pensare alle operazioni che esulano dalla routine e che hanno carattere intermittente tener conto di eventi non pianificati ma prevedibili, quali le interruzioni dell’attività di lavoro identificare gli aspetti del lavoro che costituiscono altrettante cause potenziali di danno (pericoli) concentrandosi su quelli che possono aver luogo a causa dell’attività lavorativa applicando il concetto di pericolo in modo assai ampio, così da tener conto non soltanto dei vari aspetti citati nell’elenco dei rischi, bensì anche del modo in cui i dipendenti interagiscono con gli stessi durante l’esecuzione delle proprie mansioni e modificano quindi il livello di rischio. Valutazione dei rischi Cosa fare e con chi

42 Cosa fare La valutazione dei rischi deve tenere conto delle problematiche, delle differenze e delle disuguaglianze legate al genere. Il lavoro, la sua organizzazione e le attrezzature per svolgerlo devono essere concepiti per adattarsi alle persone e non viceversa. Questo principio si trova nella legislazione dell’UE. La legislazione richiede che i datori di lavoro procedano ad una gestione dei rischi basata sulla valutazione dei rischi, il che può essere suddiviso in cinque fasi: 1. Individuazione dei pericoli 2. Valutazione dei rischi 3. Attuazione delle soluzioni 4. Controllo 5. Riesame Valutazione dei rischi … in ottica di genere Punti fondamentali per una valutazione dei rischi «sensibile al genere» ■ Impegnarsi positivamente e considerare seriamente le problematiche legate al genere ■ Esaminare la situazione di lavoro reale ■ Coinvolgere tutti i lavoratori, uomini e donne, a tutti i livelli ■ Evitare di stabilire a priori quali sono i pericoli e quali sono le persone a rischio

43 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere 1. Individuazione dei pericoli Per esempio, inserire la dimensione del genere nel modo seguente: ■ considerare i pericoli più frequenti nei lavori a prevalenza maschile e in quelli a prevalenza femminile; ■ considerare i pericoli per la salute come pure i pericoli per la sicurezza; ■ chiedere ad ogni lavoratore, donna e uomo, quali problemi incontra nel suo lavoro, in modo strutturato; ■ evitare di dare per scontato ciò che può sembrare «evidente»; ■ considerare l’intera forza lavoro, ad es. il personale addetto alle pulizie e al ricevimento; ■ non dimenticare il personale ad orario ridotto, temporaneo o interinale ed i dipendenti in congedo malattia al momento della valutazione; ■ incoraggiare le donne a segnalare i problemi che, secondo loro, possono influire sulla loro sicurezza e salute sul lavoro come pure i problemi di salute che possono essere correlati all’attività lavorativa; ■ esaminare i problemi più vasti di lavoro e di salute e informarsi al riguardo.

44 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere 2. Valutazione dei rischi 1 Esaminare i lavori che vengono svolti realmente e il vero ambiente di lavoro; ■ non stabilire nulla a priori sull’esposizione basandosi esclusivamente sulla descrizione o sul titolo del posto di lavoro; ■ fare attenzione ad evitare i pregiudizi legati al genere nell’attribuire una priorità alta, media o bassa ai rischi; ■ fare partecipare le donne alla valutazione dei rischi. Considerare l’impiego di circoli di salute e di metodi di mappatura dei rischi. L’ergonomia partecipativa e gli interventi sullo stress possono offrire alcuni modelli; ■ assicurarsi che gli addetti alla valutazione dispongano di informazioni sufficienti ed abbiano una formazione adeguata in merito alle problematiche legate al genere nel campo della sicurezza e salute sul lavoro (SSL); ■ verificare che gli strumenti ed i dispositivi usati per la valutazione tengano conto dei problemi specifici per le donne e per gli uomini. In caso negativo, adeguarli; ■ informare gli eventuali uffici di valutazione esterni che devono adottare un approccio «sensibile al genere» e verificare che siano in grado di farlo; ■ non trascurare le problematiche legate al genere quando si esaminano le implicazioni sulla SSL di eventuali cambiamenti in programma sul luogo di lavoro.

45 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere 2. Valutazione dei rischi 2 In particolare, per lo stress inserire: ■ l’interfaccia casa-lavoro e gli orari di lavoro degli uomini e delle donne; ■ l’evoluzione della carriera; ■ le molestie; ■ i fattori di stress emotivo; ■ le interruzioni impreviste e lo svolgimento di più compiti alla volta. In particolare, per la salute riproduttiva: ■ inserire i rischi riproduttivi tanto per gli uomini quanto per le donne; ■ considerare tutti i settori interessati dalla salute riproduttiva, non soltanto la gravidanza. In particolare, per i disturbi muscoloscheletrici: ■ esaminare con occhio critico il «lavoro leggero». Quanto sforzo muscolare statico comporta? Esige molto tempo in piedi? Quali carichi sono realmente manipolati in pratica e con quale frequenza?

46 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere 3. Attuazione delle soluzioni Cercare di eliminare i rischi alla fonte al fine di fornire un luogo di lavoro sicuro e sano per tutti i lavoratori. Questo comprende i rischi per la salute riproduttiva; ■ considerare le diverse popolazioni e adeguare il lavoro e le misure preventive ai lavoratori. Ad esempio, scegliere l’equipaggiamento di protezione in base alle esigenze individuali, adatto anche alle donne ed agli uomini «non medi»; ■ fare partecipare le donne al processo decisionale e all’attuazione delle soluzioni; ■ assicurarsi che tanto le donne quanto gli uomini ricevano informazioni e formazione sulla SSL relative ai compiti che svolgono, alle loro condizioni di lavoro ed alle ripercussioni sulla salute. Verificare che sia considerato anche il personale ad orario ridotto, il personale temporaneo e quello interinale.

47 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere 4. Controllo e riesame Verificare che le donne partecipino ai processi di controllo e di riesame; ■ tenersi aggiornati sui nuovi sviluppi nel campo della salute professionale in relazione al genere. La sorveglianza della salute può far parte sia della valutazione dei rischi che del controllo: ■ inserire la sorveglianza relativa ai compiti sia degli uomini che delle donne; ■ fare attenzione quando si decide, ad esempio in base al titolo del posto di lavoro, su chi inserire nelle attività di controllo.I registri degli infortuni sono una parte importante sia della valutazione dei rischi che del controllo. ■ incoraggiare la registrazione dei problemi di salute professionale e degli infortuni.

48 Cosa fare Valutazione dei rischi in ottica di genere Misure generali per promuovere la «sensibilità al genere» nella gestione della SSL Riesaminare le politiche di sicurezza, aggiungendovi un impegno specifico per l’integrazione della dimensione del genere, ed i relativi obiettivi e procedure ■ Assicurarsi che i servizi di salute professionale utilizzati, interni ed esterni, adottino una strategia «sensibile al genere» ■ Fornire un’adeguata formazione e le informazioni necessarie sulle problematiche relative al genere per i rischi di sicurezza e salute ai responsabili della valutazione dei rischi, ai responsabili della loro gestione, ai responsabili del controllo, ai rappresentanti sindacali, ai comitati di sicurezza ecc. ■ Collegare la sicurezza e salute sul lavoro a tutte le azioni di uguaglianza sul posto di lavoro, compresi i piani di uguaglianza ■ Cercare modi per incoraggiare maggiormente le donne a partecipare ai comitati di sicurezza, ad esempio, cercando di organizzare le riunioni in ore in cui le donne possono partecipare.

49 Cosa fare Integrazione della dimensione di genere valutazione/prevenzioneRiparazione / indennizzo Il Primo Rapporto Anmil sulla salute e sicurezza sul lavoro delle donne 2008 evidenzia che: + veloce per uomini No considerazione della differenza di genere nel “patrimonio bioattitutidnale” No considerazione di genere nelle tabelle relative alla menomazione Proposta Anmil di doppio indennizzo femminile

50 Cosa fare La Tabella dei coefficienti fa riferimento alla categoria di attività lavorativa di appartenenza per determinare la percentuale di retribuzione da prendere a base per l’indennizzo delle conseguenze delle menomazioni subite dalle vittime tenga conto, a sua volta del complesso delle attività svolte dalle vittime, che vengono considerate come “adeguate” al “patrimonio bio-attitudinale-professionale” la differenza tra uomini e donne ha un peso notevole Per calcolare quale sia la rendita che spetta ad una donna dopo un infortunio sul lavoro o una malattia professionale, la considerazione del patrimonio bio- attitudinale-professionale rappresenta un esplicito riferimento alla discriminazione sessuale tra uomini e donne, causando una diminuzione generalizzata degli indennizzi e delle rendite liquidate alle donne infortunate Integrazione della dimensione di genere nell’indennizzo La attuale discriminazione?

51 Cosa fare 1.Non vi è, infatti, nella Tabella delle menomazioni, nessuna differenza tra uomini e donne nella valutazione percentuale del danno estetico (valuta indifferentemente per uomini e donne le cicatrici cutanee) o malattie come la porfiria 2. Nella Tabella delle menomazioni non c’è una esplicita definizione della mastectomia femminile, che è invece diventata una terapia chirurgica di elezione per patologie gravi sempre più diversificate. Quindi l’asportazione della mammella vale, sia per l’uomo che per la donna, al massimo 10 punti su 100, come qualsiasi altro intervento conseguente a neoplasie 3. Le menomazioni degli organi genitali riproduttivi, mostra una considerazione maggiore per quelli dei maschi rispetto a quelli delle femmine. Gli organi genitali riproduttivi degli uomini sono valutati mediamente il 25 % in più di quelli delle donne. Integrazione della dimensione di genere nell’indennizzo La attuale discriminazione?

52 Cosa fare L’Anmil ha più volte sostenuto, in diverse sedi, la teoria del doppio indennizzo spettante alle donne per il danno da lavoro: si tratta di riconoscere il valore dell’assistenza che la donna presta alla famiglia ed alla casa in aggiunta alla perdita di reddito causata dall’inabilità al lavoro esterno Vi sono poi conseguenze sociali e morali dell’infortunio femminile che non sono nemmeno facilmente quantificabili, pur essendo legate a fenomeni misurabili e verificabili. Da una ricerca svolta dall’Anmil risulta, infatti, che molte donne che subiscono gravi traumi fisici, dopo l’infortunio vedono radicalmente modificata la propria vita familiare ed affettiva: molte vivono un difficile momento psicologico che ne altera e possibilità relazionali all’interno della famiglia fino ad arrivare in molti casi alla separazione della coppia ed al divorzio. Da una ricerca condotta dall’Anmil risulta che molte donne dopo un infortunio mutilante o deturpante non riescono a trovare la forza per rientrare nel proprio abituale posto di lavoro Integrazione della dimensione di genere nell’indennizzo La attuale discriminazione?

53 Esistono parti del manuale sulla sicurezza specificamente dedicate ai rischi di genere Abbott Accor Aeroporti di Roma Cir Food CNA Servizi Arezzo Consorzio Agorà Coop Il Labirinto Costa Edutainment Enel Metapontum Agrobios Metro Italia Sanofi Aventis Telecom Unicredit Vodafone Integrazione della dimensione di genere Esempi Esperienze Bollino Rosa

54 Riferimenti Commissione europea OSHA – Agenzia europea per la salute e la sicureza sul lavoro Isfol Inail ( banca dati al femminile – soluzioni aziendali, buone praticje, portale per la prevenzione)‏ Indagine salute e sicurezza patronato Inca Ispesl Anmil ETF Gender equlality action plan ISFORT; ETF e CER Rappresentazione e migliore integrazione delle donne nelle professioni ferroviarie Ilo Codice buone prassi sulla salute e sicurezza nei porti Ricerca lavoro femminile e ambiente sociale. Salute e sicurezza sul lavoro in prospettiva di genere – Consigliera di òarità ER su dati IPL (collegamento con temi della discriminazione)‏


Scaricare ppt "Donne, salute e sicurezza Roma, 24 settembre 2008 Valentina Cardinali."

Presentazioni simili


Annunci Google