La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione del 17-01-20041 IL CICLO DEI RIFIUTI PROBLEMATICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione del 17-01-20041 IL CICLO DEI RIFIUTI PROBLEMATICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione del IL CICLO DEI RIFIUTI PROBLEMATICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI

2 Presentazione del Aimag S.p.A. ha sede a Mirandola (Modena) e gestisce i servizi di erogazione acqua e gas, fognatura, depurazione, illuminazione pubblica e servizi ambientali in un territorio comprendente 21 Comuni: di cui 14 nell’area nord della Provincia di Modena e 7 nell’area alla destra del Po, nella Provincia di Mantova. PRESENTAZIONE DI AIMAG SPA

3 Presentazione del L’azienda, nata nel 1964 come AMAG, Azienda Municipalizzata Acqua e Gas Comune di Mirandola, si espande rapidamente fino a trasformarsi, nel giro di pochi anni, in AIMAG Azienda Intercomunale Municipalizzata Acqua e Gas, che comprende 10 Comuni della Bassa Pianura modenese; in tale assetto permane fino al Dal 1997 in poi si registra, in rapida successione, l’adesione di 11 nuovi Comuni e l’acquisizione di nuovi servizi. Dal 1° gennaio 2000 il Consorzio Aimag si è unificato, mantenendo la stessa denominazione, con il Consorzio Smaltimento Rifiuti (CSR) di Carpi, operante nell’ambito della gestione dei servizi di igiene ambientale. Il 1° gennaio 2001 da Consorzio AIMAG (ai sensi della L.142 di riforma degli Enti Locali del 1990) l’azienda si trasforma in Società per Azioni. LA STORIA DI AIMAG

4 Presentazione del AIMAG S.p.A. 21 Comuni Soci 845 Kmq di territorio Abitanti 305 Dipendenti 190 automezzi e mezzi d’opera 103 MLN € di fatturato 12 società partecipate Servizio distribuzione e vendita Gas Abitanti Comuni serviti 17 Utenti gas Sviluppo rete Km Volume gas ceduto 230 milioni mc/anno Servizio Idrico Integrato Abitanti Comuni serviti21 Utenti acqua Sviluppo rete1.900 Km Volume acqua erogato 16,6 milioni mc/anno Impianti di depurazione33 Impianti di sollevamento104 Rete fognaria893 Km Servizi ambientali Abitanti Comuni gestiti 11 Imp. compostaggio 1 Discariche 4 (di cui 3 attive) Stazioni ecologiche attrezz.16 Cassonetti oltre Mezzi per raccolta e trasp. 103 Illuminazione pubblica Comuni serviti 10 Punti luce Climatizzazione (mediante la controllata SINERGAS) Conduzione e manutenzione centrali termiche e impianti di raffrescamento Punti Calore 830 Informatica Territoriale Base dati cartografica al servizio dei Comuni soci e dell’esercizio di reti tecnologiche Acquedotto industriale Trattamento terziario dei reflui nell’impianto di depurazione produzione di acqua ad uso industriale m³/g (futuri ) I SERVIZI OFFERTI

5 Presentazione del Tutto è cominciato con l’ idea “moderna” che ogni cosa esistesse in quanto funzionale ad uno scopo. Finito lo scopo, finita la cosa! Che diventa rifiuto, cioè rimossa, abbandonata. Ma poiché niente è cominciato e finirà con noi, non è che anche noi subiremo la stessa sorte?

6 Presentazione del LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA (2002)

7 Presentazione del LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA (2002) La raccolta differenziata è molto importante non in quanto fine a se stessa ma come presupposto per lo “sviluppo sostenibile”. La raccolta differenziata consente di avviare, il rifiuto così raccolto, al recupero cioè consente di trasformare il rifiuto in nuova materia prima ottenendo, in questo modo, due importanti risultati a vantaggio dello “sviluppo sostenibile”: Minor consumo del territorio (discariche, inceneritori…) Minor consumo di materie prime naturali.

8 Presentazione del SVILUPPO SOSTENIBILE “UNA METODOLOGIA DI SVILUPPO ECONOMICO COMPATIBILE CON LA SALVAGUARDIA E LA CONSERVAZIONE DELLE RISORSE NATURALI ED AMBIENTALI, CHE LASCI ALLE GENERAZIONI FUTURE LE STESSE OPPORTUNITA’ CHE ABBIAMO AVUTO NOI!! “

9 Presentazione del COMPOSIZIONE MERCEOLOGICA DEI RIFIUTI URBANI (dati in percentuale ). ORGANICO28-30% CARTA-CARTONE25-27% PLASTICA13-15% VETRO7-8% METALLI4-5% ALTRO (legno, metalli, tessili, minerali)22-16%

10 Presentazione del COME E’ STATO AFFRONTATO IL PROBLEMA RIFIUTI FINO A META’ ANNI ‘70 DALL’INZIO ANNI ‘90 DA META’ ANNI ’70 A INZIO ANNI ‘90 PROSPETTIVA ANNI 2000 sottovalutazione del fenomeno scarsa regolamentazione fiducia nella capacità di autodepurazione del sistema concetto dello smaltimento più rapido ed economico fase dello smaltimento controllato “command and control”: regolamentazione degli effetti e controllo a valle degli effetti da smaltimento a gestione dei rifiuti: -riduzione della produzione e riuso -recupero e riciclaggio di materia ed energia -smaltimento residuale controllato e limitato la qualità ambientale dei prodotti e dei processi come fattore competitivo sui mercati

11 Presentazione del POLITICHE DI INTERVENTO per una corretta gestione dei rifiuti 1. PREVENZIONE PRIMARIA 3. SMALTIMENTO IN DISCARICA 2. RECUPERO E RICICLAGGIO DI MATERIA ED ENERGIA -nuovi modelli di produzione e di consumo -tecnologie pulite -ecodesign -certificazioni di qualità ambientale -orientamento ai consumi corretti -raccolta differenziata: necessaria per un recupero di qualità -chiusura dei cicli in impianti specializzati -strumenti economici finanziari per sostenere il mercato del recupero: ecotasse, incentivi, agevolazioni, da tassa a tariffa sui rifiuti, ecc.. -solo frazioni non recuperabili e rif. pretrattati -procedura di V.I.A. -gestione post mortem, contributo compensativo -sindrome N.I.M.B.Y. (riduzione nella prevenzione di rifiuti)

12 Presentazione del ALLA BASE DI TUTTE QUESTE POLITICHE attraverso CREARE UNA NUOVA CULTURA DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE formazione educazioneinformazione sensibilizzazione comunicazione governo del territorio governo dell’economia la scuola ricerca scientifica e tecnologica

13 Presentazione del

14 Presentazione del

15 Presentazione del

16 Presentazione del

17 Presentazione del

18 Presentazione del

19 Presentazione del

20 Presentazione del

21 Presentazione del

22 Presentazione del

23 Presentazione del

24 Presentazione del

25 Presentazione del

26 Presentazione del

27 Presentazione del IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI CARPI

28 Presentazione del FRAZIONE ORGANICA DA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEL RIFIUTO URBANO SCARTI AGROINDUSTRIALI SFUSI CARTONI PER BEVANDE post consumo RIFIUTI LIGNOCELLULOSICI COMPOSTAGGIO AMMENDANTE COMPOSTATO MISTO IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO TIPOLOGIE DI RIFIUTI TRATTATI SCARTI AGROINDUSTRIALI CONFEZIONATI RIFIUTI CARTACEI

29 Presentazione del PROPORZIONI TRA RIFIUTI TRATTATI

30 Presentazione del AMMENDANTE COMPOSTATO MISTO  Conforme ai parametri previsti dall’allegato I C, paragrafo 2.1., punto 5 della Legge 748/84 modificata dal D.M. 27 marzo 1998  L’utilizzo del prodotto, ai sensi della circolare MiPAF dell’8 settembre 1999, è consentito in agricoltura biologica  E’ inserito nel “Registro dei Fertilizzanti per l’Agricoltura Biologica” predisposto dall’Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante.  Ammendante: Qualsiasi sostanza, naturale o sintetica,minerale od organica, capace di modificare e migliorare le caratteristiche chimiche, fisiche, biologiche e meccaniche di un terreno.

31 Presentazione del SETTORI DI COLLOCAZIONE del prodotto (2002) AGRICOLTURA 65% RIPRISTINI 1% CITTADINI 2% TAPPETI ERBOSI 2% FLOROVIVAISMO 2% COPERTURA DISCARICHE 12% PRODUTTORI DI TERRICCI 16%

32 Presentazione del Progetto di realizzazione di una nuova sezione di RICEVIMENTO, MISCELAZIONE, BIOSSIDAZIONE dei rifiuti organici da raccolta separata (biotunnels) VIA VALLE DISCARICA BIOTUNNELS LOCALIZZAZIONE DELL’INTERVENTO

33 Presentazione del UBICAZIONE DEL NUOVO IMPIANTO

34 Presentazione del FASE DI BIOSSIDAZIONE -L’ARIA VIENE INSUFFLATA ALL’INTERNO DEL MATERIALE, -IL MATERIALE RESTA FERMO, -E’ L’ARIA CHE SI MUOVE. non vi è propagazione di odori BIOFILTRO EMISSIONE ARIE DEPURATE

35 Presentazione del DISCARICHE

36 Presentazione del DISCARICHE

37 Presentazione del TRED CARPI

38 Presentazione del TRED CARPI

39 Presentazione del COMUNE DI MIRANDOLA Costo dei servizi erogati nell’ anno 2003 Costo complessivo di gestione dei rifiuti urbani: € Costo delle attività di accertamento e riscossione della tariffa: € Costo totale a carico degli utenti: €

40 Presentazione del COMUNE DI MIRANDOLA Attribuzione delle principali voci di costo del servizio: -Pulizia della città (strade, piazze,foglie, mercati,fiere, feste):€ (18%) -Raccolta e smaltimento rifiuto indifferenziato ( ton) :€ (59%) (116.5€/ton) -Raccolta recupero e/o avvio al recupero della R.D. (30%):€ (23%) (99.8€/ton) -TOTALE€ (100%)

41 Presentazione del COMUNE DI MIRANDOLA Le utenze domestiche (famiglie) hanno sostenuto un costo di € pari mediamente a € 154 a famiglia. Le utenze non domestiche (attività) hanno sostenuto un costo di € pari mediamente a € 567 per attività Ai suddetti importi va aggiunto il 10% di IVA ed il 5% di addizionale provinciale.


Scaricare ppt "Presentazione del 17-01-20041 IL CICLO DEI RIFIUTI PROBLEMATICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI."

Presentazioni simili


Annunci Google