La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti - Università degli Studi di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti - Università degli Studi di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 LA TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti - Università degli Studi di Bologna

2 Bandura e i concetti teorici principali Apprendimento per osservazione (es. l’esperimento della bambola Bobo) Apprendimento per osservazione (es. l’esperimento della bambola Bobo) Causazione triadica reciproca Causazione triadica reciproca Autoefficacia Autoefficacia

3 APPRENDIMENTO PER OSSERVAZIONE (imitazione nei neonati di 36 ore, Meltzoff e Moore, 1983)

4 APPRENDIMENTO PER OSSERVAZIONE

5 OSSERVAZIONE DEL MODELLO (REALE O SIMBOLICO) APPRENDIMENTO = COMPORTAMENTO OSSERVATO (NON RINFORZATO) IMITAZIONEMODELLAMENTO RIPRODUZIONE DEL COMPORTAMENTO COMPORTAMENTALE ASTRATTO

6 Esperimento della bambola Bobo (Bandura, Ross & Ross, 1961) 1961

7 1. Gruppo Sperimentale (video con modello aggressivo) 2. Gruppo di Confronto (video con modello non-aggressivo) 3. Gruppo di Controllo (video senza modello) I BAMBINI (MASCHI) MOSTRARONO UN NUMERO SIGNIFICATIVAMENTE MAGGIORE DI COMPORTAMENTI AGGRESSIVI

8 PRESTAZIONE ACQUISIZIONE

9 Skinner (1971) “Non è la persona ad agire sul mondo, ma il mondo ad agire su di lei”

10 Causazione triadica reciproca COMPORTAMENTO PERSONA (PROCESSI COGNITIVI) AMBIENTE (FATTORI SITUAZIONALI) AMBIENTE: IMPOSTO SELEZIONATO CREATO

11 Bunk e Henggeler (1984) Bambino ansioso e introverso BambinoAggressivo Madre che offre più aiuto e un maggior numero di ricompense Madre mostra più disinteresse e offre un minor numero di ricompense

12 Fattori cognitivi alla base dell’apprendimento PROCESSI DI RITENZIONE ATTENZIONE (modello e osservatore) PROCESSI DI PRODUZIONE PROCESSIMOTIVAZIONALI

13 Variabili Evolutive Maturazione fisica Maturazione fisica L’esperienza nel mondo sociale (osservatore e mondo sociale) L’esperienza nel mondo sociale (osservatore e mondo sociale) Sviluppo cognitivo (dimensione verbale- simbolica) Sviluppo cognitivo (dimensione verbale- simbolica)

14 Autoefficacia Le implicazioni per lo sviluppo: 1. I giudizi di self-efficacy più favorevoli allo sviluppo, sono forme di lieve sovrastima che motivano i bambini a tentare compiti più difficili che potrebbero affinare le loro abilità. 2. La motivazione dei bambini a diventare apprendisti che si gestiscono da soli.

15 Condizionamento vicario “Non è raro che gli individui sviluppino forti reazioni emotive nei confronti dei luoghi, persone e cose con cui non hanno avuto personalmente alcun contatto” Bandura (1986) - L’esempio del bambino che guarda un compagno che viene lodato o punito dall’insegnante.

16 Aspetti Applicativi Autoefficacia (applicazioni terapeutiche) Autoefficacia (applicazioni terapeutiche) Giudizio morale Giudizio morale Aggressività Aggressività Ruoli di genere Ruoli di genere

17 Punti di forza e limiti Punti di forza Causazione triadica reciproca Causazione triadica reciproca Verificabilità Verificabilità La promozione di nuove e numerose ricerche La promozione di nuove e numerose ricerche Punti limite Manca di sistematicità di unitarietà teorico- concettuale

18 Confronto teorico Confronto teorico Teoria psicodinamica freudiana Teoria psicodinamica freudiana Teorie classiche dell’apprendimento (Watson, Pavlov, Skinner) Teorie classiche dell’apprendimento (Watson, Pavlov, Skinner) Vygotskji, Bruner e i modelli contestualisti Vygotskji, Bruner e i modelli contestualisti Teoria stadiale piagettiana Teoria stadiale piagettiana Teoria dell’elaborazione dell’informazione Teoria dell’elaborazione dell’informazione Teoria sistemica Teoria sistemica

19


Scaricare ppt "LA TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE dott.sa Chiara Mazzanti - Università degli Studi di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google