La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VITTIME: Gruppi di popolazione più deboli

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VITTIME: Gruppi di popolazione più deboli"— Transcript della presentazione:

1 VITTIME: Gruppi di popolazione più deboli
CODINI GABRIELE

2 Gruppi di popolazione più deboli
Minori Donne Persone oltre 65 anni Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

3 Gruppi di popolazione più deboli
Malati mentali Persone con handicap Minoranze Senza dimora Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

4 Altre tipologia di vittime
Omosessuali: omofobia Stranieri: razzismo Turisti Commercianti Lavoratori più a rischio di aggressioni: Taxisti Lavoratori: mobbing ….. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

5 I minori vittime del crimine
Violenze sessuali violenze psicologiche violenze assistite maltrattamenti e incuria Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

6 I minori vittime del crimine 2
sfruttamento da parte della criminalità sfruttamento per prostituzione sfruttamento per pornografia commercio di minori Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

7 I minori vittime del crimine 3
bullismo Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

8 Le donne vittime del crimine
Violenze sessuali violenze domestiche omicidi (femicide) prostituzione mobbing Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

9 Le persone oltre 65 anni vittime del crimine
Violenze domestiche maltrattamenti furti rapine truffe Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

10 MINORI

11 Bambini vittime del crimine
Violenza sessuale Violenza psicologica Violenza assistita Maltrattamenti e incuria CASI SVS MINORI CASI CBM CASI 114 Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

12 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
DATI DEL SERVIZIO SOCCORSO VIOLENZA SESSUALE - SVS DI MILANO IST. CLIN ICI PERFEZIONAMENTO MINORENNI ,69% MAGGIORENNI ,31% MINORENNI 0-4 ANNI ,53% 5-9 ANNI ,35% 10-13 ANNI ,12% 14-17 ANNI ,00% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

13 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
ABUSI SESSUALI L’estraneo rappresenta solo una minima parte della percentuale dei responsabili di abuso sessuale l’abusante 9 volte su 10 fa parte della famiglia (tribunale di Roma) % secondo la letteratura internazionale abuso in famiglia più sommerso, esterno più individuato (dopo numerose vittime) PACSE abusante minorenne abuso esterno in usa 56% dei casi fenomeno sommerso Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

14 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
Violenza su minori 3500 bambini muoiono ogni anno in seguito a maltrattamenti nei 27 paesi più ricchi del mondo (UNICEF 2003) mancanza coerenza criteri classificazione delle morti di bambini crescente certezza che le morti di bambini per maltrattamenti siano sottostimate nelle statistiche attualmente disponibili Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

15 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
DONNE Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

16 La violenza contro le donne
La violenza è la prima causa di morte e di invalidità Per le donne tra i 15 e i 44 anni : ancor più del cancro, della malaria, degli incidenti stradali e persino della guerra. Harvard University "Panos Institute" di Londra, rapporto sulla violenza contro le donne nel mondo la violenza contro le donne è endemica, nei paesi industrializzati come in quelli in via di sviluppo. non conosce differenze sociali o culturali: le vittime e i loro aggressori appartengono a tutte le classi e a tutti i ceti economici. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, almeno una donna su cinque ha subito abusi fisici o sessuali da parte di un uomo nel corso della sua vita. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

17 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
La violenza domestica In Gran Bretagna, ogni anno una donna su dieci viene picchiata a sangue dal partner, marito o amante che sia. In Canada e in Israele è più probabile che una donna venga uccisa dal proprio compagno che da un estraneo. In Russia, un omicidio su cinquanta è compiuto dal marito nei confronti della moglie. In Svezia "ogni dieci giorni una donna muore in seguito agli abusi subiti da parte di un familiare o di un amico" (Marianne Erickson) . Negli Stati Uniti, ogni 15 secondi, viene aggredita una donna, generalmente dal coniuge Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

18 Povertà e prostituzione
Anche la povertà miete vittime in primo luogo tra le donne: in Nepal, circa 10 mila ragazze ogni anno vengono vendute dalle famiglie per essere avviate alla prostituzione. Nell'Asia sudorientale, i trafficanti selezionano le comunità più deboli, arrivano nei villaggi durante un periodo di siccità o una carestia e convincono le famiglie a vendere le figlie in cambio di due soldi. Secondo l'Organizzazione internazionale per l'emigrazione, nei mercati occidentali della prostituzione arriva ogni anno quasi mezzo milione di donne, provenienti un po' dappertutto. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

19 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
Lo stupro Lo stupro è una piaga che colpisce ogni parte del globo: i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità fissano tra il 14 ed il 20 per cento il numero di donne che, negli Stati Uniti, subiscono uno stupro durante il corso della vita. Percentuali analoghe sono indicate da studi effettuati in Canada, Corea e Nuova Zelanda. La violenza sessuale è anche un'arma di guerra, solo da poco riconosciuta come tale dalle leggi internazionali. I conflitti con un forte connotato etnico, come quelli nei Balcani o in Africa centrale, vedono l'uso dello stupro come strumento bellico da parte di entrambi i contendenti. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

20 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
Maltrattamenti Fisici verbali psicologici violenze più diffuse si sviluppano soprattutto nell’ambito familiare autori più frequenti di questi maltrattamenti sono i partner o gli ex partner Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

21 Donne vittima di violenza e sintomi di rilevanza patologica
Secondo l’OMS le donne che subiscono violenza possono presentare sintomi di rilevanza patologica: depressione tendenza al suicidio paura senso di vergogna e colpa ansia e attacchi di panica bassa autostima disfunzioni sessuali problemi alimentari disturbi compulsivi-ossessivi, disturbo post-traumatico da stress abuso di farmaci, alcool e droghe (WHO 1996) Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

22 Tappe del percorso dalla violenza al disagio psichico
La prima tappa: la formazione del contesto della violenza e la violenza tollerata la seconda tappa: la violenza cronicizzata la terza tappa la domanda di aiuto al tecnico Elvira Reale Elvira reale di Napoli Centro Prevenzione Salute Mentale Della Donna Az Sanitaria 1 Napoli in Romito 2000 Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

23 Per uscire dalla violenza:
E’ necessario: riconoscere la violenza anche all’interno dei rapporto familiari ed affettivi non tollerare disconnettere i percorsi che portano alla dipendenza Gli operatori devono essere formati per decodificare dietro il disagio psichico e la depressione situazioni di violenza (raccomandazioni ONU 1998) E.Reale Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

24 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
Donne maltrattate Primo rifugio aperto in UK nel 1971 centri anti-violenza, case rifugio e organizzazioni analoghe sono ormai presenti in molti paesi di tutto il mondo. La violenza contro le donne, troppo a lungo considerata un fatto privato è oggi questione di pubblico interesse Lorraine Radford SPESSO LA DONNA MALTRATTAT è MADRE E QUINDI EMERGE IL PROBLEMA DEI BAMBINI CHE VENGONO STRUMENTALIZZATI Uso dei bambini da parte di padri violenti I padri violenti si servono spesso degli spazi loro accordati per le visite ai bambini come occasioni di incontro con la madre allo scopo di mantenere il controllo su di lei (Hester 1996, Radford 1999) Radford 1999 U.K. - Indagine su 130 donne ex partner di violenti e sulla regolamentazione delle visite ai loro figli. il 75% di madri intervistate nella ricerca inglese raccontò che la violenza esercitata dal partner non era stata ritenuta dal giudice una motivazione sufficiente a rifiutare qualsiasi contatto dopo la separazione tra queste il 92% dei casi aveva subito violenze con rischio di omicidio una adeguata supervisione alle visite fu prevista solo per la minoranza dei casi, e tuttavia non fu mantenuta a lungo , molti casi ottennero disposizioni per una supervisione non professionale, mentre ad oltre il 25% dei figli vennero inizialmente imposte visite senza supervisione. il 66% delle madri subì ulteriori violenze in seguito alla messa in atto delle disposizioni sulle visite ai figli da parte dei padri. Il 76% dei figli che aveva subito violenza da parte del padre prima della separazione la subì anche durante le visite Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

25 Milan Seminar Crime Victims Support 26-27 March 2004
DATI SULLA VIOLENZA ALLE DONNE CASA DELLE DONNE MALTRATTATE MILANO 125 RICHIESTE DI ACCOGLIENZA tipi di violenza: psicologica 52,73% fisica 64,04% sessuale 13,01% economica 8,56% autore violenza marito 37,32% CONVIVENTE 17,12% PADRE 6,84% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

26 ANZIANI

27 Maltrattamenti di anziani
Le persone anziani sia uomini che donne di tutti i ceti sociali e gruppi etnici sono vulnerabili al maltrattamento e molto spesso questo è nascosto. Per molti anziani vittima di abusi, l’ospedale è l’unico luogo esterno per un contatto e supporto. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

28 Definizione dell’abuso di anziani
Abuso fisico: infliggere un dolore o danno fisico quale schiaffeggiamento, strattonamento o molestia sessuale, ecc. Abuso psicologico – causare angoscia mentale o emotiva quale minacce, intimidazione, aggressione verbale, ecc. Abuso finanziario – l’uso illegale o improprio di fondi o di altre risorse. Negligenza attiva – un tentativo consapevole o intenzionale di causare dell’angoscia fisica o emotiva attraverso il rifiuto anche parziale di adempiere alle responsabilità di dare assistenza, quale il trattenimento o la soppressione di cibo o medicine Negligenza passiva – La mancanza non intenzionale di rispettare le responsabilità di dare assistenza quale il rifornimento di cibo o di servizi del tipo sanitario a causa della conoscenza inadeguata o dell’infermità dell’assistente stesso. Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

29 Abuso su anziani/negligenza screening -valutazione strumento
1 Qualcuno Le ha mai fatto del male? 2 Qualcuno Le parla e urla in maniera tale da farLe sentirsi a disagio? 3 Qualcuno Le ha mai preso qualcosa o usato il Suo denaro senza il Suo permesso? 4 Ha paura di qualcuno o ha ricevuto delle minacce da qualcuno? 5 Qualcuno ha mai rifiutato di aiutarLa? 6 Ritiene che il Suo cibo, i Suoi vestiti e le Sue medicine siano disponibili in qualsiasi momento? 7 Lei è libero di uscire in qualsiasi momento che vuole? 8 Riesce a vedere altri parenti ed amici? 9 Ha libero accesso al telefono? 10 Vive con qualcuno o con parenti stretti che usano droghe e alcool o che ha una malattia psichiatrica o emotiva? Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

30 CARATTERISTICHE DELL’ABUSO SU ANZIANI
Generalmente, gli anziani difficilmente diventano vittime di crimini violenti. Gli atti di violenza contro gli anziani sono principalmente quelle dove prima del reato esisteva un legame familiare tra gli aggressori e la vittima. Molto spesso e in modo sproporzionato sono le donne anziane le vittime di borseggi. Ahlf EH 1994 Frequentemente , i pronto soccorso e le unità di cura intensiva sono il primo punto di contatto per la vittima di abuso anziana. Lay T. 1994 Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

31 CARATTERISTICHE DELL’ABUSO SU ANZIANI
L’abuso avviene in tutti gli strati socioeconomici, razziali e religiosi. I fattori di rischio comprendono una storia di malattia mentale, di abuso di alcool/droga, Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

32 ANZIANI VIOLENZA DOMESTICA A MILANO DATI DAL CENTRALINO TAM (Telefono Anziani Maltrattati) DELLA ASSOCIAZIONE LN-A ONLUS

33 TAM - Telefono Anziani Maltrattati
Chiamate ricevute : 1764 Chiamate ricevute 2002: 422 sedute effettuate : 2002: casi di maltrattamento: : 2002: Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

34 TAM - Telefono Anziani Maltrattati CASI 2002
Categorie di maltrattamenti finanziari 32,8% negligenze 13,8% psicologici 20,7% fisici 8,6% vicinato 8,6% diritti civili 12,1% medicali 3,4% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

35 TAM - Telefono Anziani Maltrattati CASI 2002
Sede dei maltrattamenti domicilio 91,4% istituto 3,4% altro 5,2% Sesso delle vittime maschi 27,6% femmine 72,4% eta’ % ,7% oltre ,9% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

36 TAM - Telefono Anziani Maltrattati CASI 2002
Stato civile delle vittime vedovo 55,2% coniugato 27,6% celibe/nubile 3,4% divorziato/separato 1,7% convivente - non specificato 12,1% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

37 TAM - Telefono Anziani Maltrattati CASI 2002
Chi sono i maltrattatori famigliari ,2% di cui figli 53% e coniugi 22% caregiver 3,4% vicini ,1% amici altro ,1% non specificato 5,2% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004

38 TAM - Telefono Anziani Maltrattati CASI 2002
Principali motivazioni cupidigia ,0% storia familiare difficile 10,4% fragilità psichica/psicologica 15,5% negligenza 10,4% dipendenza da alcool o stupefacenti 3,4% burnout da caregiver - problemi familiari 1,7% altro 8,6% Milan Seminar Crime Victims Support March 2004


Scaricare ppt "VITTIME: Gruppi di popolazione più deboli"

Presentazioni simili


Annunci Google