La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 1900..1920 195019601970 Teoria ago ipodermico Scuola Toronto 1930 1940 Comunicazione a due stadi Usi e gratificazioni Scuola Francoforte Cultural studies.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 1900..1920 195019601970 Teoria ago ipodermico Scuola Toronto 1930 1940 Comunicazione a due stadi Usi e gratificazioni Scuola Francoforte Cultural studies."— Transcript della presentazione:

1 Teoria ago ipodermico Scuola Toronto Comunicazione a due stadi Usi e gratificazioni Scuola Francoforte Cultural studies Media fortiMedia deboli ….Ritorno ai media potenti

2 2 Teoria dell’ago ipodermico: i mass media sono in grado di inoculare sotto la pelle delle persone qualsiasi messaggio Modello comunicativo stimolo-risposta: ogni messaggio produce naturalmente sul pubblico l’effetto desiderato La società come massa di singoli individui alienati, privi di legami significativi, privi di qualsiasi autonomia massa Lasswell: il “modello delle cinque W” (Who, What, Whom, Where, What Effects)Lasswell Limiti: determinismo, mancanza di attenzione al contesto, pubblico concepito come totalmente passivo *Le grandi prospettive teoriche: teoria dell’ago ipodermico*

3 3 I fattori che influiscono sullo sviluppo della teoria ipodermica Le riflessioni sulla società moderna ( disgregazione comunità  individualismo  società di massa ) Supporto psicologia comportamentistapsicologia comportamentista Importanza comunicazione di massa come strumento di propaganda e manipolazione

4 4 La propaganda dei regimi totalitari e in tempo di guerra …. la diffusione di informazioni, vere o false, allo scopo di sostenere un'azione (politica o di governo). Propaganda - Wikipedia.htm

5 5 Comunicazione politica La ricerca di Lazarfeld da cui ha avuto origine la teoria a due stadi “The people’s choice” analizza la campagna presidenziale americana del 1940

6 6 La pubblicità

7 7 Per essere efficace, il messaggio dev’essere costruito tenendo conto del contesto e del tipo di destinatario Modello comunicativo Stimolo-Variabili Intervenienti- Risposta (S-IV-R): caratteri socio- demografici e psicologici mediano l’impatto dello stimolo e indirizzano la risposta *Le grandi prospettive teoriche: comunicazione a due stadi* Violenza in TV Livello di istruzione Conferma clima aggressivo rifiuto

8 8 messaggio effetto Variabili socio- demografiche Atteggiamenti e opinioni pre-esistenti Processi psicologici individuali

9 9 Teoria del flusso a due stadi: i messaggi vengono mediati dai c.d. leader d’opinione, che ne elaborano e filtrano i contenuti. Le relazioni più importanti dei contenuti Comunicazione come influenza: i media possono rafforzare convinzioni già presenti, ma non possono crearne di nuove o mutarne radicalmente di esistentiinfluenza *Le grandi prospettive teoriche: comunicazione a due stadi* messaggio Leader d’opinioneeffetti

10 10 Solo il 5% cambiarono opinione in seguito alla pubblicità elettorale

11 11 Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Il Mulino, La comunicazione di massa Indagine sul ruolo complessivo dei media, visti come istituzioni centrali della società moderna Evoluzione nei paradigmi di indagine: teoria degli “Usi e Gratificazioni” come parte dell’approccio struttural- funzionalista Centrale il concetto di funzione: la domanda chiave è “che cosa fanno le persone coi media?” Scarto concettuale rispetto ai precedenti paradigmi: si studiano gli effetti della comunicazione (spesso generali, inattesi, di lungo periodo) anziché i suoi obiettivi (situati, di breve periodo) *Le grandi prospettive teoriche: usi e gratificazioni (1)*

12 12 Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Il Mulino, La comunicazione di massa Superamento del concetto di massa: i media si rivolgono a un pubblico attivo, attento e autonomo che si serve dei media per soddisfare i propri bisogni (gratificazioni) I bisogni soddisfatti dai media sono di diversi tipi: bisogni informativi, di relazione, ma anche legati alla condivisione di modelli comportamentali o valoriali Competizione tra media e altre agenzie per la gratificazione dei bisogni (alternative funzionali) Gli effetti dipendono insieme dal contenuto e dal contesto di fruizione. Emergono i prodromi di “costruzione sociale”: la comunicazione vista come costruzione condivisa di significato *Le grandi prospettive teoriche: usi e gratificazioni (2)*

13 13 Guardo la televisione perchè apprendimento relax compagnia oblio adrenalina Comprensione di se stessi abitudine

14 14 Stimolazione dell’immaginazione: contributo offerto dai media nella costruzione di giochi, fantasie, proiezioni, ecc. Interazione sostitutiva: presenza di persone e storie che riempiono un silenzio e che creano una sorta di interazione virtuale Terreno comune per i contatti sociali: offerta di argomenti di conversazione (dimensione relazionale), forma di interazione fondata sulla condivisione del consumo di un prodotto mediale

15 15 Distensione emotiva: coglie il bisogno che molti individui hanno di ottenere un alleggerimento delle emozioni. Secondo Klapper (1960), si realizza in molti modi diversi: “indicando all’ascoltatrice che non è sola nei suoi dispiaceri e fornendole un modo più comodo di percepirli; facendola sognare di quel che avrebbe potuto essere”

16 16 Scuola di vita: la capacità di offrire modelli, stili di vita e di comportamento ai quali potersi adeguare. “Quando la vicina del piano di sopra mi chiede un consiglio le dico sempre di ascoltare quelli della radio, perché sono più in gamba di me. …… Penso che se le dicessi io di fare qualcosa e poi le cose andassero male, mi sentirei in colpa. Ma se capita per una di queste storie, allora non è colpa di nessuno” (Herzog 1944)

17 17 manipolazione persuasione influenza Teoria ipodermica Studi sperimentali Teoria a due stadi gratificazione Usi e gratificazioni potere


Scaricare ppt "1 1900..1920 195019601970 Teoria ago ipodermico Scuola Toronto 1930 1940 Comunicazione a due stadi Usi e gratificazioni Scuola Francoforte Cultural studies."

Presentazioni simili


Annunci Google