La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mobile Robots Running Tuple Support Implementazione di un semplice middleware per la gestione della informazione di stato globale in una colonia di robots.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mobile Robots Running Tuple Support Implementazione di un semplice middleware per la gestione della informazione di stato globale in una colonia di robots."— Transcript della presentazione:

1 Mobile Robots Running Tuple Support Implementazione di un semplice middleware per la gestione della informazione di stato globale in una colonia di robots

2 Coordinazione di Robots Problema: colonia di robots (agenti) con esigenza di mantenere una informazione globale (o stato globale) al fine di agire complessivamente in modo coordinato. ? ? ? ? ? ?

3 Analisi del problema (I) Capacità di comunicazione: alcuni nodi sono connessi direttamente, altri no (es. a causa della morfologia del territorio)

4 Analisi del problema (II) Capacità di comunicazione: La capacità di comunicazione, intesa come relazione sull’insieme dei robots, è perciò rappresentabile attraverso un grafo che connette con archi solo i nodi che possono comunicare direttamente R1R4 R3 R2 R6 R5 R7 R8 R11 R10 R9

5 Analisi del problema (III) Capacità di comunicazione: a ciò va aggiunto il fatto che i robots sono mobili e quindi la relazione di connessione diretta varia nel tempo in modo non predicibile. HP: per ogni nodo esiste sempre un cammino di archi che lo connette ad un qualunque altro. non partizionamento nel tempo della rete per permettere la coordinazione tramite scambio di informazioni Per queste caratteristiche l’interconnessione analizzata rappresenta un particolare tipo di MANET

6 Comunicazione Modalità di comunicazione: diretta: limitata ai nodi vicini, non necessita di coordinamento indiretta (oltre l’insieme dei nodi in connessione diretta): necessita del coordinamento delle entità del sistema. Necessaria per permettere ad un robots di influenzare il comportamento della colonia. globale: caso limite della comunicazione indiretta. Permette ad un robot di notificare la sua informazione all’intera colonia. Fornita dalla relazione Necessità di coordinare gli agenti

7 Semplice esempio (I) GOAL: estrazione di ferro e nichel AGENTI del sistema: 2 robot specializzati in estrazione di ferro 1 robot specializzato in estrazione di nichel 1 robot specializzato in riparazione, manutenzione tutti i robot con capacità esplorative SITUAZIONE INIZIALE: robots collocati in un territorio vasto e non noto

8 Semplice esempio (II) I robots decidono quale parte della loro informazione sia utile condividere con la colonia I robots acumulano informazioni relative al territorio e al loro funzionamento La mappa globale deve essere nota a tutti e aggiornata nel tempo

9 Semplice esempio (III) Conclusioni: Ogni robots accumula informazioni durante l’esplorazione del territorio Emerge la necessità di condividere parte dell’informazione raccolta dai robots al fine di ottenere coordinazione globale (nell’esempio tramite la mappa globale) Informazione globale (mappa) intesa come informazione comune a tutti gli agenti L’informazione una volta identificata come stato globale deve perciò appartenere non ad un nodo specifico ma a tutta la colonia

10 Stato e spazi di tuple Uno spazio di tuple è in grado di modellare un insieme di informazioni, strutturate secondo una relazione nota, di diversa natura, e quindi si presta anche per modellare l’informazione di stato dei robots Soluzione in accordo ad altre proposte per la modellazione di informazioni in reti MANET Particolarmente indicato per il disaccoppiamento indotto in tempo e conoscenza reciproca S

11 Stato e spazi di tuple Modello di riferimento: LINDA Altri modelli adottati in ambito MANET: GVDS-based systems LIME, XMiddle, etc. GVDS intesa come struttura dati condivisa fra i nodi, visione globale della informazione (tuple space) presente sulle singole entità LIME core idea: Transparent Context Maintainace spazio di tuple globale come partizionato sui nodi e transient sharing come meccanismo per ottenere visione globale ottimo funzionamento per i nodi vicini, mancanza di pattern per la diffusione globale di informazione TOTA?

12 TOTA: tuple on the air La tupla è definita come una coppia: T=(P,C) P: regole di propagazione C: contenuto Attraverso una copia del middleware presente su ogni nodo (interfaccia standard) la tupla può: decidere se entrare nel nodo modificare il proprio contenuto C modificare le regole di propagazione P modificare l’ambiente locale del nodo propagarsi verso i vicini Side effects sulla tupla Side effects sul nodo Utilizzo API del nodo

13 TOTA: tuple on the air In TOTA la tupla è responsabile della propria propagazione e degli effetti che genera nei nodi visitati Concettualmente quindi essa viene iniettata attraverso alla rete non appartenendo quindi ad un nodo specifico Questo modello è concettualmente in accordo all’idea di stato globalmente condiviso che si vuole realizzare per il coordinamento dei robots 1131 P RULES

14 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA Il middleware è composto in tre parti distinte: ENGINE o Tuple Support: presente sul nodo e accessibile alle tuple Componente standard, si deve occupare di: Esecuzione della tupla Supporto per le modifiche sul nodo Supporto alla propagazione Tuple base da cui ereditare: Tupla come cuore del middleware, depositaria delle funzionalità (meccanismi e politiche) Ereditarietà come strumento per definire nuovi meccanismi e politiche Forte incapsulamento e quindi flessibilità nell’aggiunta di nuove caratteristiche API vere e proprie che presuppongono l’esistenza di tuple ad hoc per la loro realizzazione

15 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA Definizione della classe base per la propagazione di informazioni: RunningTuple tupleSupport: tupleSupport void init(TupleSupport t) void propagate() Riferimento all’ENGINE locale del nodo che fornisce le API di supporto alla tupla Regole di propagazione P sotto forma di codice eseguito sul nodo Legame tra la tupla e il supporto

16 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA Definizione delle classi depositarie della gestione del contenuto informativo: Tuple void accept(QueryTuple q) attributes: attributesType QueryTuple void visit(Tuple t) attributes: attributesType Contenuto informativo C Oggetto depositario della interrogazione dello spazio di tuple. Meccanismo del double dispatch per l’accesso ad una istanza di tupla da parte di una QueryTuple Contiene le regole di match M

17 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA Realizzazione delle API di alto livello out: operazione di inserimento di una tupla di stato nello spazio inRead: lettura della tupla dallo spazio globale in: prelievo della tupla dallo spazio globale in e out simili alle primitive di Linda: out: incapsulata in una RunningTuple T=(C,P) {content; propagation rules} in: incapsulata in una QueryTuple T=(C,M) {content; matching rules}

18 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA out() Necessita della coordinazione fra i nodi per la diffusione globale della informazione: floading e stato sul nodo inRead() Azione locale sul repository delle tuple che rappresenta lo spazio comune a tutti gli agenti pattern visitor e iterazione sugli oggetti Tuple utilizzando le regole M della tupla di in() in() Rispetto alla inRead necessita di coordinazione per aggiornamento dello spazio di tuple di tutte le entità protocollo ad hoc basato su gestore di tupla e notifica globale del consenso al prelievo da parte di un nodo specifico induce un forte coordinamento nel gruppo dei robots (sincronizzazione per accesso in mutua esclusione)

19 API(I): out() Diffusione di una tupla tramite il meccanismo implementato per la primitiva out() sender connection accepted not accepted

20 API(II): in() Diffusione della richiesta e del consenso alla operazione di in() in() connection query not accepted gestore tupla consensus

21 Realizzazione di un semplice Middleware basato su TOTA Si è ottenuto: ad alto livello una interfaccia di tipo Linda il compito di realizzare le specifiche richieste dalla primitiva è affidato alle tuple dalla quale sono state generate: diffusione delle informazioni da parte delle tuple di out ricerca del corrispondente attraverso un pattern interno specificato da parte delle tuple di in Il middleware garantisce in modo trasparente che lo stato globale sia replicato su ogni nodo, realizzando la struttura informativa richiesta

22 Possibili estensioni del modello Il modello Linda può essere ancora meglio mappato nelle tuple del Middleware al fine di renderlo ancora più flessibile: LindaTuple: T=(C,P,M,O) C: content P: propagation rules (sia per le in che per le out) M: matching rules O: output rules Flessibilità, context-awarness, adattatività

23 TOTA come modello di mobilità (I) In definitiva cosa distingue il modello TOTA rispetto ad altri modelli? Qual è la differenza rispetto ad un sistema MA? Mobile Agent: insieme di codice, dati e stato di esecuzione in grado di decidere autonomamente di migrare da un nodo ad un altro con possibilità di riprendere la esecuzione da dove era terminata (strong-weak mobility) In TOTA l’elemento base è la TUPLA, essa trasporta: dati generici (es: attributi in accordo ad una relazione) stato della tupla modificato durante la propagazione, dipendente dalle precedenti propagazioni della stessa riferimento ad un automatismo (automa) comune a tutti i nodi che opera in funzione dello stato interno della tupla stessa e dello stato presente sul nodo P C

24 TOTA come modello di mobilità (II) Alla creazione della tupla avviene un legame tra la informazione contenuta nella stessa e l’automa depositario della propagazione implementazione di una classe specifica che si appoggia ad un automa specifico (contenuto nel codice della classe stessa) ereditarietà da altre ‘classi automa’ predefinite con meccanismi e politiche base La tupla contiene solo lo stato del proprio automa, modificato durante il trasferimento sul nodo. Il codice è presente su ogni nodo, essendo le classi note a tutti gli agenti T=(C,P) -> T=(C,S0,*A) basso overhead nella diffusione della tupla! paradigma ad oggetti per ottenere buona flessibilità nell’aggiunta di altri meccanismi

25 Sviluppi futuri Estensione del middleware: nuove API (join,etc.) nuovi meccanismi (maggiori garanzie, etc.) Supporto del modello di tupla generale (LindaTuple) Ridefinizione delle classi base Verifica dei modelli di stato implementabili, anche in riferimento alla nozione di tempo fin qui trascurata (estensione real-time?)


Scaricare ppt "Mobile Robots Running Tuple Support Implementazione di un semplice middleware per la gestione della informazione di stato globale in una colonia di robots."

Presentazioni simili


Annunci Google