La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La Rappresentazione dell’Informazione Prof.Ing.S.Cavalieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La Rappresentazione dell’Informazione Prof.Ing.S.Cavalieri."— Transcript della presentazione:

1 1 La Rappresentazione dell’Informazione Prof.Ing.S.Cavalieri

2 2  Un sistema numerico è determinato da:  Un insieme finito di cifre (simboli)  Un insieme finito di regole: Non posizionali: il valore di ciascuna cifra nella rappresentazione è indipendente dalla sua posizione (es.M, C nei numeri romani) Posizionali: ad ogni posizione della cifra all’interno della rappresentazione è associato un peso  Verranno considerati solo i sistemi di codifica posizionali Codifica dell’Informazione

3 3  Il numero è rappresentato da una sequenza di N cifre:  Ogni cifra ha un peso diverso a seconda della posizione (i) che occupa  Detta b la base della rappresentazione, il peso è dato da b i  Il valore numerico si ottiene sommando i prodotti delle N cifre per il rispettivo peso.  Ad esempio nel sistema decimale (base b=10) Codifica di tipo Posizionale

4 4  Qualunque rappresentazione utilizzata in un calcolatore è basata sull’utilizzo di N byte  Le principali modalità di rappresentazione utilizzate nei calcolatori sono:  Numeri interi senza segno (Naturali) e Relativi  Numeri razionali  Caratteri Codifica nei Calcolatori

5 5  I numeri interi senza segno, ossia i numeri Naturali incluso lo 0, vengono rappresentati attraverso la loro conversione in binario su N bits (N multiplo di 8)  L’algoritmo di conversione è:  Si divide il numero da convertire per 2  Si riporta il risultato della divisione ed il resto della divisione  Si ripete il procedimento fino a quando il risultato diviene 0  Il numero binario è costituito da tutti i resti presi da quello ottenuto per ultimo a quello ottenuto per primo Codifica Numeri Naturali

6 6  Esempio: si converta in binario il numero 8 Codifica Numeri Naturali  Il numero binario è: :2= 4 resto 0 4:2= 2 resto 0 2:2= 1 resto 0 1:2= 0 resto 1 Bit meno significativo (LSB) Bit più significativo (MSB) LSB MSB

7 7  Esempio: si converta in binario il numero 71 Codifica Numeri Naturali  Il numero binario è: :2= 35 resto 1 35:2= 17 resto 1 17:2= 8 resto 1 8:2= 4 resto 0 4:2= 2 resto 0 2:2 = 1 resto 0 1:2 = 0 resto 1 Bit meno significativo (LSB) Bit più significativo (MSB)

8 8  La conversione da binario ad intero, si effettua partendo dal bit meno significativo a quello più significativo, moltiplicando ogni bit per la 2 elevato alla posizione del bit: Codifica Numeri Naturali  Esempio (N=16):  Il numero intero è:

9 9  Il più piccolo numero codificabile è: Codifica Numeri Naturali  Il più grande numero codificabile è:  Se N=8, ossia da 0 a (2 N -1)  Se N=16, ossia da 0 a (2 N -1)  Se N=32, ossia da 0 a (2 N -1)

10 10  La codifica esadecimale viene a volte usata al posto della binaria per ridurre spazio  Il numero binario viene suddiviso in blocchi di 4 bits a partire dal meno significativo  Ad ogni gruppo viene sostituito il simbolo esadecimale corrispondete Codifica in base 16 DecimaleBinarioEsadecimale A B C D E F

11 11  Ad esempio:  0101->5  1101->D  1010->A  1000->8  Diventa: 8AD5 Codifica in base 16

12 12  I numeri interi relativi possono essere rappresentati in due modi:  Modulo e segno  Complemento a 2  Quella più utilizzata è il complemento a 2 Codifica Numeri Interi Relativi

13 13  I numeri interi relativi sono rappresentati in modo analogo a quanto fatto per i numeri senza segno, riservando 1 bit per rappresentare il segno  Si sceglie il bit più significativo per il segno  Se il bit vale 1 allora il segno rappresentato è il –  Se il bit vale 0 allora il segno è il +  Il numero di bit utili per rappresentare il valore assoluto del numero intero relativo è: N-1 Codifica Numeri Interi Relativi Modulo e Segno

14 14 Esempio: si voglia convertire il numero -5 con 8 bit  Il primo bit (quello più significativo) viene posto a 1 perchè il numero è negativo  gli altri 7 bit si calcolano con il metodo visto prima applicato al numero 5, ottenendo  Dunque il numero binario che rappresenta -5 è: Codifica Numeri Interi Relativi Modulo e Segno

15 15 Cosa è il complemento a 2 di un numero binario ?  Dato un numero binario di N bit, il complemento a 2 di tale numero si ottiene tramite il seguente algoritmo:  si procede dal bit meno significativo verso quello più significativo  se si incontrano tutti bit 0, essi vengono lasciati inalterati  se si incontra il primo bit 1 anche esso viene lasciato inalterato  tutti i bit successivi al primo bit 1, vengono invertiti (0 diviene 1, e viceversa) Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

16 16 Esempio: si determini il complemento a 2 del numero  Tutti i bit 0 a partire dal bit meno significativo sono lasciati inalterati e così anche il primo bit 1.  Tutti gli altri bit vengono invertiti, ottenendo: Esempio: si determini il complemento a 2 del numero  In questo caso non esistono bit 0 a partire dal bit meno significativo.  Sono il primo bit 1 viene lasciato inalterato.  Gli altri vengono invertiti, ottenendo: Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

17 17 La rappresentazione in complemento a 2 di un numero intero relativo su N bit, si effettua nella seguente maniera:  i numeri interi positivi (incluso lo zero) sono rappresentati in modulo e segno utilizzando gli N bit:  1 bit di segno (il MSB, pari a 0) e N-1 bit per la codifica  i numeri interi negativi sono rappresentati realizzando il complemento a 2 della codifica binaria su N bit del valore assoluto Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

18 18 Esempio: si voglia convertire il numero 1 con 8 bit Essendo il numero positivo: Segno 0 Codifica binaria su 7 bit di 1: Codifica: Esempio: si voglia convertire il numero -1 con 8 bit Essendo il numero negativo: Codifica binaria del valore assoluto (1) su 8 bits complemento a 2 è Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

19 19 Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2 Esempio Codifica in Complemento a 2 su 4 bit Base 10Codifica su 4 bit del valore assoluto Codifica su 3 bit del valoreBase

20 20 Dato un numero in complemento a 2, la sua conversione in decimale deve avvenire tramite la formula: Da questa formula si vede che il numero più piccolo che può essere rappresentato con N bit è: mentre il numero più grande è: Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

21 21 Dunque se dispongo di N bit, è possibile rappresentare numeri interi relativi il cui intervallo sarà: -(2 N-1 )…….+(2 N-1 -1) Se N=8 ---> -128,….,0,….,+127. Se N=16 ---> ,….,0,…., Se N=32 ---> ,….,0,…., Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

22 22 Esempio: si voglia convertire il numero binario in complemento a Applicando la formula precedente, si ottiene che il numero decimale è 1. Esempio: si voglia convertire il numero binario in complemento a Applicando la formula si ottiene che il numero decimale è dato dalla somma: -1*2 7 +1*2 6 +1*2 5 +1*2 4 +1*2 3 +1*2 2 +1*2 1 +1*2 0 = = =-1 Codifica Numeri Interi Relativi Complemento a 2

23 23 Perchè la Rappresentazione in Complemento a 2 è più Conveniente ?  Il motivo più rilevante è relativo ai vantaggi ottenibili nell'esecuzione di operazioni elementari come la somma e la sottrazione.  Queste due operazioni sono quelle che vengono più frequentemente realizzate in un computer, e, dunque, un risparmio nel tempo necessario alla loro esecuzione comporta un indiscusso aumento delle prestazioni di un computer.  La codifica in complemento a 2 permette un notevole risparmio di tempo nell'esecuzione di somme e sottrazioni Confronto tra le Codifiche Numeri Interi Relativi

24 24  Dati due numeri binari in rappresentazione modulo e segno, le operazioni di somma o di sottrazione dipendono dai segni  Se i segni sono gli stessi:  Si considerano tutti i bit meno quello del segno  Si sommano tali sequenze  Il numero binario risultante sarà ottenuto aggiungendo il bit di segno ai bit ottenuti dalla somma.  Se i segni dei due numeri sono diversi:  Si considerano tutti i bit meno quello del segno  Si sottrae il numero più piccolo in valore assoluto dal numero più grande  Il numero binario risultante sarà ottenuto aggiungendo ai bit ottenuti dalla sottrazione il bit di segno del numero in valore assoluto più grande. Somme e Sottrazioni in Modulo e Segno

25 25 Addizione Le regole per realizzare l'addizione tra numeri binari:   0+0=0  0+1=1  1+0=1  1+1=0 con riporto di 1 Esempio: si vogliano sommare i numeri 0001 (1) e 1010(10) = _______ 1011 (11) Esempio: si vogliano sommare i numeri 0011 (3) e 1010(10) = _______ 1101 (13)

26 26 Somme e Sottrazioni in Complemento a 2  Dati due numeri binari in complemento a due, si applicano le regole dell'addizione a tutti i bit compreso il bit di segno. Esempio: Si sommino i numeri a 4 bit 0010 (+2) e 1010 (-6) = ______ 1100 (-4) Il numero binario risultante è già il risultato con il segno giusto.

27 27 Somme e Sottrazioni in Complemento a 2 Esempio: Si sommino i numeri in complemento a (+12) e (-32) = _______ (-20) Il numero binario risultante è già il risultato con il segno giusto.

28 28 Perchè la Rappresentazione in Complemento a 2 è più Conveniente ? Da quanto detto è evidente la semplificazione nel calcolo della somma e della sottrazione dei numeri rappresentati in complemento a due. Confronto tra le Codifiche Numeri Interi Relativi

29 29  Si supponga di lavorare con codifica complemento a 2 su 4 bit (-8,…,+7)  si consideri la seguente operazione di somma in complemento a due: 1001 (-7) e 1111 (-1).  La somma è -8 che è il limite inferiore codificabile con 4 bit  Eseguendo la somma, il calcolatore ottiene: = _________  Si ha overflow: l'1 a sinistra, ottenuto come resto, viene perso per superamento della capacità dei registri.  Il numero 1000 in complemento a 2 significa –8, che rappresenta il risultato corretto. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

30 30  Si supponga di lavorare sempre con codifica complemento a 2 su 4 bit (-8,…,+7)  Si consideri la seguente operazione di somma in complemento a due: 1001 (-7) e 1110 (-2).  E’ chiaro che la somma è -9, non codificabile con 4 bit.  Eseguendo la somma, il calcolatore ottiene: = ________  Si ha overflow: l'1 a sinistra, ottenuto come resto, viene perso per superamento della capacità dei registri.  Il numero 0111 in complemento a 2 significa +7, che rappresenta un risultato errato. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

31 31  Si supponga adesso di lavorare ad 8 bit (-128,….,+127)  Si consideri la seguente operazione di somma in complemento a due: (126) e (3).  E’ chiaro che la somma è 129 superiore al numero massimo positivo codificabile con 8 bit, tramite la codifica in complemento a due.  Eseguendo la somma, il calcolatore ottiene: = ____________  Non si ha overflow  Il numero in complemento a 2 significa -127, che rappresenta palesemente un risultato errato. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

32 32  Il calcolatore deve capire se il risultato che è stato ottenuto sia valido o meno.  Per segnalare un risultato non valido esiste il flag:  Overflow Flag (OF)=1 se il risultato non è valido  In base al suo valore, la CPU capisce che è successo Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

33 33  Siano X e Y i due numeri in complemento a due da sommare  Sia S il risultato ottenuto  Alla fine dell’operazione di somma, OF=1, ossia il risultato S non è valido, se i bit più significativi di X e Y sono uguali e il bit più significativo di S è diverso da essi. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

34 34 Esempio: Siano dati i numeri a 4 bit 0010 (+2) e 1010 (-6) = _______ 1100 (-4)  OF=0, ossia il risultato S è valido, perché i bit più significativi di X e Y sono diversi. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

35 35 Esempio: Siano dati i numeri a 8 bit (+126) e (+3) = ___________  OF=1, ossia il risultato S NON è valido, perché i bit più significativi di X e Y sono uguali e il bit più significativo di S NON è uguale a loro. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

36 36  Esempio: si consideri la seguente operazione di somma in complemento a due: 1001 (-7) e 1111 (-1).  Eseguendo la somma, il calcolatore ottiene: = _________ (-8)  OF=0, ossia il risultato S è valido, perché i bit più significativi di X e Y sono uguali e il risultato ha il bit più significativo uguale ad essi. Riconoscimento Automatico di un Risultato Corretto

37 37 Codifica dei Numeri Reali I numeri reali possono essere rappresentati in due modalità:  virgola fissa  virgola mobile, più diffusa

38 38 Codifica dei Numeri Reali Virgola Mobile In un numero rappresentato in virgola mobile vengono stabiliti un certo numero di bit assegnati per codificare il segno (s), la mantissa (m) ed un certo numero di bit per codificare l'esponente (e). E’ possibile in teoria avere un numero elevatissimo di codifiche in virgola mobile, cambiando:  Numero bit  Tipo di codifica binaria per mantissa ed esponente  Formula di conversione decimale/binario e viceversa s (1 bit)em

39 39 Codifica dei Numeri Reali Virgola Mobile IEEE 754  Nell'anno 1985 l'IEEE (The Institute of Electrical and Electronics Engineering) ha definito uno standard per la codifica dei numeri reali in virgola mobile: IEEE 754.  Lo standard prevedeva inizialmente due codifiche a 32 (float) e a 64 bit (double). Esistono poi delle estensioni, ad esempio quella a 80 bits.  La rappresentazione IEEE 754 prevede due diverse forme:  Normalizzata (default)  Denormalizzata (risultato di calcoli che producono numeri piccoli)

40 40 Codifica dei Numeri Reali Virgola Mobile IEEE 754  Nella codifica float a 32 bit, vengono assegnati:  1 bit per il segno (il bit più significativo), s  8 bit per l'esponente, e  23 bit per la mantissa, m  Nella codifica double a 64 bit, vengono assegnati:  1 bit per il segno (il bit più significativo), s  11 bit per l'esponente, e  52 bit per la mantissa, m

41 41 Codifica dei Numeri Reali Virgola Mobile IEEE 754 Normalizzata 1  e  max max=254 (float) max=2046 (double) m = codifica decimale della sequenza di bit della mantissa p=127 (float) p=1023 (double) Denormalizzata e=0m = codifica decimale della sequenza di bit della mantissa min= -126 (float) min= –1022 (double) Zeroe=0m=0 Infinito e=( ) 2 =255 e=( )2=2047 m=0

42 42 Codifica dei Numeri Reali Virgola Mobile IEEE 754 normalizzata 1x  3.4 x denormalizzata float double normalizzata 1x  1.7 x denormalizzata

43 43 Codifica Alfanumerica  L’insieme dei caratteri alfanumerici: lettere dell'alfabeto e dalle dieci cifre decimali. A questi vanno aggiunti diversi altri simboli come lo spazio, i segni di interpunzione, i simboli per indicare il passaggio alla riga o alla pagina successiva, ecc.  Questo insieme di caratteri alfanumerici può essere facilmente rappresentato attribuendo in maniera univoca a ciascuno dei suoi elementi un numero intero (codice).  Osserviamo che il numero delle lettere dell'alfabeto inglese sono 26, per un totale di 52, considerando anche quelle maiuscole. Se ad esse aggiungiamo le dieci cifre numeriche, una quarantina di simboli extra, arriviamo ad un totale di un centinaio di simboli da rappresentare. Tale numero suggerisce che soli 7 bit sono sufficienti per rappresentare l'insieme dei caratteri alfanumerici (7 bit permettono di rappresentare 128 simboli diversi).  E' chiaro che è necessario che la rappresentazione dei simboli sia la stessa in tutto il mondo, pena la totale incomunicabilità. E', dunque, necessario l'adozione di una comune rappresentazione.

44 44 Codifica Alfanumerica Codifica ASCII 2.Codici Alfanumerici L'evoluzione dei calcolatori li ha portati a diventare, oltre che elaboratori di numeri, anche elaboratori di altri tipi di informazione, prima fra tutti quella testuale. I simboli che vengono usati per rappresentare testi sono, come noto, i caratteri alfanumerici, cioè l'insieme costituito dalle lettere dell'alfabeto e dalle dieci cifre decimali. A questi vanno aggiunti diversi altri simboli come lo spazio, i segni di interpunzione, i simboli per indicare il passaggio alla riga o alla pagina successiva, ecc. Questo insieme di caratteri alfanumerici può essere facilmente rappresentato attribuendo in maniera univoca a ciascuno dei suoi elementi un numero intero (codice). Osserviamo che il numero delle lettere dell'alfabeto inglese sono 26, per un totale di 52, considerando anche quelle maiuscole. Se ad esse aggiungiamo le dieci cifre numeriche, una quarantina di simboli extra, arriviamo ad un totale di un centinaio di simboli da rappresentare. Tale numero suggerisce che soli 7 bit sono sufficienti per rappresentare l'insieme dei caratteri alfanumerici (7 bit permettono di rappresentare 128 simboli diversi). E' chiaro che è necessario che la rappresentazione dei simboli sia la stessa in tutto il mondo, pena la totale incomunicabilità. E', dunque, necessario l'adozione di una comune rappresentazione. Attualmente esistono due diverse rappresentazioni: codifica ASCII e relative estensioni e codifica Unicode.  La codifica ASCII (che si pronuncia ASKI), prende il nome da American Standard Code for Information Interchange.  Tale codifica si basa sull'utilizzo di 7 bit per un totale di 128 simboli rappresentabili.  Da notare che i caratteri dell'alfabeto e le cifre numeriche successive hanno codice anch'esso successivo (ad esempio a ha codice 97, b codice 98, c codice 99, il numero 0 ha codice 48, il numero 1 codice 49, etc.)  Tra le più utilizzate codifiche ASCII (entro i primi 128 simboli) vi sono:  ~ (tilde) codice 126  { codice 123  } codice 125  | codice Codifiche derivate dalla codifica ASCII Esistono numerose estensioni della codifica ASCII. Tali estensioni derivano dalla necessità di codificare simboli legati a particolari lingue, e dal fatto che operando su 8 bit, la codifica ASCII consente l'utilizzo dell'ottavo bit, lasciando gli altri 7 inalterati. Tutte le estensioni della codifica ASCII non modificano tale codifica ma aggiungono semplicemente altri 128 simboli. Tra le estensioni più diffuse vi è la ISO Latin Codifica Unicode La codifica Unicode supera i limiti della codifica ASCII e relativi derivati, in quanto estende il numero di simboli codificabili. Attualmente sono più di simboli codificati con lo standard Uncode. Essi sono divisi in:  Script Moderni: Latino, Greco, Giapponese, Cinese, Koreano, etc.  Script Antichi: Sumero, Egiziano, etc.  Segni Speciali La codifica Unicode è in ogni caso compatibile con la codifica ASCII, e richiede ovviamente più di un byte (da 1 a 4) per la codifica.

45 45 2.Codici Alfanumerici L'evoluzione dei calcolatori li ha portati a diventare, oltre che elaboratori di numeri, anche elaboratori di altri tipi di informazione, prima fra tutti quella testuale. I simboli che vengono usati per rappresentare testi sono, come noto, i caratteri alfanumerici, cioè l'insieme costituito dalle lettere dell'alfabeto e dalle dieci cifre decimali. A questi vanno aggiunti diversi altri simboli come lo spazio, i segni di interpunzione, i simboli per indicare il passaggio alla riga o alla pagina successiva, ecc. Questo insieme di caratteri alfanumerici può essere facilmente rappresentato attribuendo in maniera univoca a ciascuno dei suoi elementi un numero intero (codice). Osserviamo che il numero delle lettere dell'alfabeto inglese sono 26, per un totale di 52, considerando anche quelle maiuscole. Se ad esse aggiungiamo le dieci cifre numeriche, una quarantina di simboli extra, arriviamo ad un totale di un centinaio di simboli da rappresentare. Tale numero suggerisce che soli 7 bit sono sufficienti per rappresentare l'insieme dei caratteri alfanumerici (7 bit permettono di rappresentare 128 simboli diversi). E' chiaro che è necessario che la rappresentazione dei simboli sia la stessa in tutto il mondo, pena la totale incomunicabilità. E', dunque, necessario l'adozione di una comune rappresentazione. Attualmente esistono due diverse rappresentazioni: codifica ASCII e relative estensioni e codifica Unicode. Come si vede:  I caratteri di controllo (non riproducibili) hanno i codici più bassi.  Il blank (Spazio) è il primo dei caratteri riproducibili.  Le maiuscole/minuscole sono ordinate (codice Progressivo). 2.2.Codifiche derivate dalla codifica ASCII Esistono numerose estensioni della codifica ASCII. Tali estensioni derivano dalla necessità di codificare simboli legati a particolari lingue, e dal fatto che operando su 8 bit, la codifica ASCII consente l'utilizzo dell'ottavo bit, lasciando gli altri 7 inalterati. Tutte le estensioni della codifica ASCII non modificano tale codifica ma aggiungono semplicemente altri 128 simboli. Tra le estensioni più diffuse vi è la ISO Latin Codifica Unicode La codifica Unicode supera i limiti della codifica ASCII e relativi derivati, in quanto estende il numero di simboli codificabili. Attualmente sono più di simboli codificati con lo standard Uncode. Essi sono divisi in:  Script Moderni: Latino, Greco, Giapponese, Cinese, Koreano, etc.  Script Antichi: Sumero, Egiziano, etc.  Segni Speciali La codifica Unicode è in ogni caso compatibile con la codifica ASCII, e richiede ovviamente più di un byte (da 1 a 4) per la codifica. Codifica Alfanumerica Codifica ASCII

46 46 Codifiche Alfanumeriche derivate dalla Codifica ASCII  Esistono numerose estensioni della codifica ASCII.  Tali estensioni derivano dalla necessità di codificare simboli legati a particolari lingue, e dal fatto che operando su 8 bit, la codifica ASCII consente l'utilizzo dell'ottavo bit, lasciando gli altri 7 inalterati.  Tutte le estensioni della codifica ASCII non modificano tale codifica ma aggiungono semplicemente altri 128 simboli.  Tra le estensioni STANDARD più diffuse vi è la ISO Latin1 (caratteri per linguaggi europa occidentale)

47 47 Codifica Alfanumerica Codifica Unicode  La codifica Unicode supera i limiti della codifica ASCII e relativi derivati, in quanto estende il numero di simboli codificabili.  Operava inizialmente su 2 byte ( codifiche)  E’ stata estesa fino a 32 bit e attualmente sono più di simboli codificati con lo standard Unicode. Essi sono divisi in:  Script Moderni: Latino, Greco, Giapponese, Cinese, Koreano, etc.  Script Antichi: Sumero, Egiziano, etc.  Segni Speciali  La codifica Unicode ingloba la codifica ISO Latin1.


Scaricare ppt "1 La Rappresentazione dell’Informazione Prof.Ing.S.Cavalieri."

Presentazioni simili


Annunci Google