La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPARECCHIATURE INTERFACCE - DEVICES Dott.ssa A. Mattei LA VENTILAZIONE NON INVASIVA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPARECCHIATURE INTERFACCE - DEVICES Dott.ssa A. Mattei LA VENTILAZIONE NON INVASIVA."— Transcript della presentazione:

1 APPARECCHIATURE INTERFACCE - DEVICES Dott.ssa A. Mattei LA VENTILAZIONE NON INVASIVA

2 E SE NON LO INTUBASSIMO ? A. Mattei SUN

3 LA VENTILAZIONE NON INVASIVA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA Consente di applicare un supporto ventilatorio senza ricorrere alla intubazione orotracheale Consente di applicare un supporto ventilatorio senza ricorrere alla intubazione orotracheale La ragione della crescente popolarità di questa metodica di ventilazione è dovuta alle ripetute dimostrazioni della sua efficacia nel ridurre le complicanze legate alla I.O.T. La ragione della crescente popolarità di questa metodica di ventilazione è dovuta alle ripetute dimostrazioni della sua efficacia nel ridurre le complicanze legate alla I.O.T. A. Mattei SUN

4  Instabilità emodinamica per grave aritmia, IMA  Stato neurologico compromesso ( score Kelly >3 )  Recente chirurgia esofago gastrica, cervico facciale, addome acuto  Traumi cranio – facciali  Assenza di riflessi di protezione delle vie aeree.  Impossibilità di eliminare le secrezioni  Grave agitazione del paziente, claustrofobia CRITERI DI ESCLUSIONE A. Mattei SUN

5 PREREQUISITI PER UTILIZZARE LA NIV Disponibilità di personale adeguatamente preparato nell’impiego della NIV Disponibilità di personale adeguatamente preparato nell’impiego della NIV Scelta del ventilatore e assortimento delle interfacce per far fronte alle diverse esigenze del paziente. Scelta del ventilatore e assortimento delle interfacce per far fronte alle diverse esigenze del paziente. Monitoraggio adeguato alla gravità delle condizioni del paziente Monitoraggio adeguato alla gravità delle condizioni del paziente Possibilità immediata di ricorrere alla I.O.T. Possibilità immediata di ricorrere alla I.O.T. A. Mattei SUN

6 COME E CON QUALI INTERFACCE ? APPLICANDO UNA PRESSIONE NEGATIVA, SUB- ATMOSFERICA, INTORNO AL TORACE DEL PAZIENTE. APPLICANDO UNA PRESSIONE NEGATIVA, SUB- ATMOSFERICA, INTORNO AL TORACE DEL PAZIENTE. ADOPERANDO IL VENTILATORE PER APPLICARE UNA PRESSIONE POSITIVA ALLE VIE AEREE TRAMITE UNA INTERFACCIA CHE NON SIA IL TUBO ORO TRACHEALE ADOPERANDO IL VENTILATORE PER APPLICARE UNA PRESSIONE POSITIVA ALLE VIE AEREE TRAMITE UNA INTERFACCIA CHE NON SIA IL TUBO ORO TRACHEALE A. Mattei SUN

7 LA VENTILAZIONE NON INVASIVA Con pressione positiva continua o CPAP Con pressione positiva continua o CPAP Con pressione positiva continua o CPAP Con pressione positiva continua o CPAP Con pressione di supporto : PSV Con pressione di supporto : PSV Con ventilazione A/C a volume o a pressione Con ventilazione A/C a volume o a pressione In modalità PAV In modalità PAV A. Mattei SUN

8

9 Parametri M. Nasale M. Facciale CASCO CASCO TollerabilitàMaggioreMinore Maggiore Maggiore AdattabilitàMaggioreMinore Sempre Sempre Comun. verbale PossibileImpossibile Possibile Possibile EspettorazionePossibileImpossibile Ostruzione vie aeree ImpossibilePossibileImpossibile AereofagiaMinoreMaggioreMinore Lesioni cutanee FrequentiFrequentiAssenti A. Mattei SUN

10 10

11 A. Mattei SUN

12

13

14 RISULTATI La PEEP applicata è stata maggiore nel gruppo casco rispetto al gruppo maschera senza perdite d’aria La PEEP applicata è stata maggiore nel gruppo casco rispetto al gruppo maschera senza perdite d’aria Durata dell’applicazione più lunga e senza disconnessioni nel gruppo casco Durata dell’applicazione più lunga e senza disconnessioni nel gruppo casco I pazienti ventilati con casco hanno tollerato il trattamento e le complicanze quali necrosi cutanea, distensione gastrica, irritazione oculare sono stati significativamente minori I pazienti ventilati con casco hanno tollerato il trattamento e le complicanze quali necrosi cutanea, distensione gastrica, irritazione oculare sono stati significativamente minori A. Mattei SUN

15 NIV:CASCO vs MASCHERA Esiste il problema del rebreathing di CO2 all’interno del casco? Esiste il problema del rebreathing di CO2 all’interno del casco? Con il casco realizzo una CPAP adeguata anche senza il pallone di riserva? Con il casco realizzo una CPAP adeguata anche senza il pallone di riserva? A. Mattei SUN

16 . Head helmet versus face mask for non-invasive continuous positive airway pressure: a physiological study. Patroniti N, Foti G, Manfio A, Coppo A, Bellani G, Pesenti A. Intensive Care Med Oct; 29(10): Intensive Care Med Oct; 29(10): A. Mattei SUN

17

18 La concentrazione media di CO2 all’interno dell’elmetto dipende dalla produzione di CO2 (VCO2) da parte del paziente e dal flusso totale che passa attraverso l’elmetto (TF); quindi la concentrazione media di CO2 all’interno dell’elmetto sarà la risultante del rapporto TF/VCO2 indipendentemente dalla misura e compliance del casco La concentrazione media di CO2 all’interno dell’elmetto dipende dalla produzione di CO2 (VCO2) da parte del paziente e dal flusso totale che passa attraverso l’elmetto (TF); quindi la concentrazione media di CO2 all’interno dell’elmetto sarà la risultante del rapporto TF/VCO2 indipendentemente dalla misura e compliance del casco Intensive Care Med Oct; 29(10): A. Mattei SUN

19 Helmet CPAP in Acute Respiratory Failure …..For this reason, we do not recommend the use of the helmet with gas flows lower than 30l/min, both with continuos and demand system. Intensive Care Med Oct; 29(10): A. Mattei SUN

20 CPAP/CASCO vs CPAP/MASCHERA ….. le due interfacce sono egualmente efficaci nel determinare un significativo incremento dei volumi polmonari a livelli crescenti di CPAP ….durante CPAP con casco il Δ Pawi e Δ Pawe durante tutto il ciclo respiratorio non è stato significativo rispetto al sistema CPAP in maschera ….il casco dunque funziona come un reservoir. Intensive Care Med Oct; 29(10): Intensive Care Med Oct; 29(10): A. Mattei SUN

21

22 Le fluttuazioni di pressione durante la inspirazione sono dovute all’elevata richiesta di flusso del paziente un questa fase del ciclo respiratorio e per minimizzarle può essere adoperato un pallone ad alta compliance come reservoir. Questo studio ha Incoraggiato l’uso del casco fuori dalla rianimazione e dall’ospedale.

23 A. Mattei SUN La più elevata compliance del casco può “dissipare” la pressione applicata al sistema e interferire con buona pressurizzazione delle vie aeree e quindi con la funzione ventilatoria?

24 CASCO vs MASCHERA IN VOLONTARI SANI Durante CPAP HF e CPAP VENT non ci sono differenze tra le interfacce per le variabili considerate: V T e WOB Durante CPAP HF e CPAP VENT non ci sono differenze tra le interfacce per le variabili considerate: V T e WOB Anche in modalità PSV le interfacce incrementano il V T e riducono il WOB Anche in modalità PSV le interfacce incrementano il V T e riducono il WOB La maschera facciale ha significativamente ridotto anche il T PS rispetto al casco La maschera facciale ha significativamente ridotto anche il T PS rispetto al casco A. Mattei SUN

25 Intensive Care Med. (2003) 29: A. Mattei SUN

26 Intensive Care Med. (2003) 29: A. Mattei SUN

27

28 Conclusioni Intensive Care Med. (2003) 29: A. Mattei SUN In modalità CPAP ad alto flusso, le interfacce maschera- casco sono egualmente efficaci nel mantenere costante il livello di PEEP durante l’intero ciclo respiratorio e nel ridurre il lavoro respiratorio; In modalità PSV la maschera facciale pressurizza più velocemente ma il maggior confort e la tollerabilità del casco ne consentono l’applicazione anche in pazienti che necessitano di un lungo periodo di assistenza.

29 Am J Respir Crit Care Med( 2001)163: Am J Respir Crit Care Med( 2001)163: Delclaux C, et al. 2000; JAMA 284: Delclaux C, et al. 2000; JAMA 284: Principi T. et al.Intensive Care Med Vol.30, N.1, Gennaio 2004 Principi T. et al.Intensive Care Med Vol.30, N.1, Gennaio 2004 Disconfort e intolleranza sono le cause più frequenti di insuccesso della ventilazione con maschera sia in CPAP che in NPPV. A. Mattei SUN

30 Non Invasive Positive Pressure Ventilation Using a Helmet in Patients with Acute Exacerbation of Chronic Obstructive Pulmonary Disease: A Feasibility Study. Anesthesiology. 100(1):16-24, January Antonelli, Massimo M.D. *; et al. Conclusions: Helmet NPPV is feasible and can be used to treat chronic obstructive pulmonary disease patients with acute exacerbation, but it does not improve carbon dioxide elimination as efficiently as does FM NPPV. A. Mattei SUN


Scaricare ppt "APPARECCHIATURE INTERFACCE - DEVICES Dott.ssa A. Mattei LA VENTILAZIONE NON INVASIVA."

Presentazioni simili


Annunci Google