La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodi Per maggiori informazioni: Andrea Ranzi – Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente dell’Emilia Romagna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodi Per maggiori informazioni: Andrea Ranzi – Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente dell’Emilia Romagna."— Transcript della presentazione:

1 Metodi Per maggiori informazioni: Andrea Ranzi – Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente dell’Emilia Romagna Viale Fontanelli, 23 – Modena – Italy Tel.: fax: – L’esperienza effettuata ha permesso di integrare dati provenienti da varie fonti informative eterogenee, in ottica di risk assessment. La modularità del sistema RAIMS permette di aggiungere o rimuovere strati informativi senza alterare la struttura logica del sistema e ne garantisce sia l’esportabilità a realtà differenti che l’applicabilità alle diverse matrici ambientali legate a potenziali danni per la salute. Introduzione Risk Assessment Information Management System (RAIMS): sistema informativo per la valutazione del rischio sanitario per le acque potabili Ranzi A 1, Brunelli G 2, Guariglia A 2, Lauriola P 1, Minervini L 2, Santangelo R 2, Colangelo A 2 1 ARPA Emilia Romagna, Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale; 2 AqP, Acquedotto Pugliese SpA Le fonti informative da cui sono stati ricavati i dati sono le più diversificate: informazioni georeferite (CORINE, reticolo idrografico, morfologia…), dati sanitari su mortalità, incidenza di patologie tumorali e registri ospedalieri di patologie, dati ambientali sulla qualità delle acque, dati socio-demografici ricavati dagli uffici statistici centrali. E’ stato realizzato un prototipo del sistema RAIMS su una realtà territoriale polacca (Slesia). Sono stati identificati 37 strati informativi (19 Stressors, 10 Vulnerabilities, 8 Output): per ciascuno di essi sono stati riportati una descrizione del contenuto informativo, l’origine dei dati, la tipologia (vettoriale, raster), la lista di parametri quali- quantitativi, come riportato sotto a titolo esemplificativo. La localizzazione spaziale dei dati inseriti rappresenta il legame tra i vari strati informativi, con cui integrare procedure di risk assessment cumulato. La struttura del sistema RAIMS nasce dall’esigenza, di considerare differenti tipologie di potenziali agenti inquinanti delle acque potabili. L’impostazione del RAIMS deriva da una serie di pubblicazioni dell’EPA ( Framework for Cumulative Risk Assessment ). Il rischio cumulato è definito come “i rischi combinati da esposizioni aggregate a molteplici agenti o fattori di pressione”. Gli agenti o fattori di pressione possono essere di tipo chimico, fisico o biologico, ma anche attività o situazioni che, direttamente o indirettamente, concorrono alla determinazione del rischio nell’area. La definizione riportata implica la combinazione di questi fattori nella valutazione del rischio. Il sistema sviluppato vuole permettere proprio questa operazione, partendo dalla locazione geografica come criterio di aggregazione. L’infrastruttura applicativa su cui è stato sviluppato il sistema RAIMS è una piattaforma GIS. La risoluzione spaziale di riferimento è definita in funzione della disponibilità di dati disaggregati. Nella realtà polacca è stato identificato il “Gmina” (unità di divisione territoriale della Polonia, assimilabile ai nostri comuni) come dettaglio minimo di riferimento. All’interno del sistema sono stati identificati dei “macro-strati” informativi, suddivisi concettualmente in tre categorie: Stressors, Vulnerabilities, Outputs. I primi definiscono i potenziali fattori di pressione che provocano inquinamento delle acque (es. utilizzo del territorio, attività antropiche, utilizzo di pesticidi, rischi derivanti da eventi naturali, …); le Vulnerabilities sono gli elementi di vulnerabilità dell’ecosistema o della popolazione interessata (es. distribuzione della popolazione per età e sesso, rete idrografica, caratteristiche idro-geologiche del territorio, …); gli Outputs rappresentano eventi che possono essere legati agli indicatori del sistema: sono informazioni sulla qualità delle acque (analisi nei punti di captazione) e sulle malattie potenzialmente ricollegabili ad esposizione ad acque potabili. All’interno del progetto Twinning (PL2004/IB/EN/02, “Management system on drinking water monitoring in Chief Sanitary Inspectorate”), svoltosi in Polonia dall’Aprile 2006 a Febbraio 2007, è stata proposta una metodologia per realizzazione di un sistema di gestione delle informazioni per la valutazione del rischio sanitario per le acque potabili. Come risultato dell’esperienza è stato realizzato un prototipo di tale sistema (RAIMS) in una regione della Polonia (Slesia). Risultati Conclusioni Definizione spazio-temporale della struttura dati del RAIMS Macro-strati informativi inseriti in RAIMS Gmina Sampling Point Time dimension Indicator Indicators for RAIMS Stressors Vulnerabilities Outputs (Sentinel) Framework for Cumulative Risk Assessment STRESSOR MAPS VULNERABILITY MAPS MULTISCENARIO MAPS


Scaricare ppt "Metodi Per maggiori informazioni: Andrea Ranzi – Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente dell’Emilia Romagna."

Presentazioni simili


Annunci Google