La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2012/2013 CLASSI 2AZ -2BZ PROF. SALVATORE BRAY.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2012/2013 CLASSI 2AZ -2BZ PROF. SALVATORE BRAY."— Transcript della presentazione:

1 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2012/2013 CLASSI 2AZ -2BZ PROF. SALVATORE BRAY

2 Situazione di ingresso I test iniziali hanno dimostrato una conoscenza frammentaria e superficiale di alcuni argomenti trattati nel 1^ anno, per cui si rende necessario ripetere ed approfondire i temi di maggiore importanza che vengono sviluppati sia dal docente di economia aziendale che da quello di trattamento testi per la parte di propria competenza, essendo le due discipline complementari ed interdipendenti ai fini di una migliore comprensione e rappresentazione dei fenomeni economici.

3 I MODULO 0 Ripasso e recupero di argomenti dellanno precedente La fattura ed i documenti della compravendita Generalità e classificazioni- Fattura immediata e differita- Documento di trasporto- Impostazione- Calcoli- Sconti- Riparto spese tra più aliquote iva Il sistema tributario Italiano Imposte dirette ed indirette – LIre – LIres – Iva – Ici – Il calcolo delle imposte – Scaglioni di reddito – La liquidazione dellIva SAPERE FARE: - Compilare vari modelli di fatture e documenti di trasporto – Impostazione dei calcoli- Calcolare le imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi – Calcolare e versare Liva mensile o trimestrale – Il mod. F/24 per il versamento delle imposte

4 MODULO 1^ - Il credito e i relativi calcoli finanziari Contenuti: -Linteresse ed i problemi connessi - Lo sconto ed i problemi connessi -Il valore attuale -Il montante - La scadenza media - Sapere fare Calcoli di interesse, sconto, montante, valore attuale con applicazione di formule dirette ed inverse ed il tempo espresso in anni- mesi- giorni

5 I MODULO 2^ I mezzi di pagamento cambiari e non cambiari I mezzi di pagamento ed i titoli di credito Generalità e classificazioni I titoli di credito cambiari La cambiale come titolo di credito - Requisiti della cambiale - Il vaglia cambiario - la cambiale tratta - Gli esiti della cambiale - Le azioni cambiarie Gli assegni bancari e circolari Lassegno bancario - Lassegno circolare Altri mezzi di pagamento I bonifici ed i giroconti- Le ricevute bancarie - Le carte di credito - I mezzi di pagamento postali SAPERE FARE: Individuare i vari tipi di titoli di credito - Compilare moduli cambiari - Interpretare i contenuti di una cambiale - Compilare assegni bancari e circolari - Compilare ricevute bancarie, distinte di versamento, vaglia postali ecc.

6 I MODULO 3^ La gestione ed i suoi risultati : Il patrimonio ed il reddito La gestione di impresa: settore e profili di analisi Le diverse aree della gestione – I diversi aspetti della gestione- I cicli dellattività Il patrimonio delle imprese Aspetto qualitativo e quantitativo – La struttura finanziaria e patrimoniale – Linventario Il risultato economico delle imprese e la sua determinazione Il concetto di reddito di esercizio- La competenza economica dei costi e ricavi- I costi e ricavi di esercizio – Costi e ricavi sospesi- Costi e ricavi futuri – Competenza economica dei fattori pluriennali – Conto economico – Configurazioni di costo SAPERE FARE: Individuare i settori di appartenenza delle fondamentali operazioni aziendali – Redigere il prospetto degli investimenti e finanziamenti iniziali- Individuare le manifestazioni finanziarie ed economiche delle più semplici operazioni aziendali- Classificare e rappresentare gli elementi del patrimonio- Individuare la competenza economica dei principali costi e ricavi- Determinare il reddito di esercizio in ipotesi semplificate

7 I MODULO 4^ Il sistema informativo e le contabilità aziendali La funzione amministrativa ed il sistema delle rilevazioni Il sistema informativo ed i suoi elementi – La rilevazione: concetto e scopi- La base del processo contabile : i documenti originari – Il conto: concetto, forma e classificazioni Le contabilità elementari e le contabilità sezionali La prima nota – La contabilità di cassa, banche, magazzino, clienti, fornitori Larchiviazione di dati e documenti e la sua gestione automatizzata Lelaborazione e larchiviazione dei dati – I criteri di classificazione – La gestione computerizzata degli archivi SAPERE FARE: Individuare il flusso logico delle informazioni e dei documenti in ambito aziendale- Leggere ed interpretare alcuni documenti tipici delle principali contabilità aziendali – Eseguire le fondamentali registrazioni riguardanti i movimenti di cassa e banca, le cambiali, clienti e fornitori, magazzino

8 Obiettivi trasversali Per il biennio si concordano quali obiettivi trasversali: comportamentali - partecipazione attiva durante le lezioni; dialogo costruttivo con linsegnante e con i compagni; rispetto delle regole della comunità scolastica; disponibilità allascolto e al rispetto reciproco; senso di responsabilità; ordine e precisione nella cura del materiale scolastico; capacità di consegnare un lavoro finito, pertinente e corretto nellesecuzione; capacità di lavorare autonomamente e in gruppo; capacità di orientarsi autonomamente nelluso dei materiali di studio; cognitivi – acquisizione di un metodo di studio e di lavoro autonomo; capacità di organizzazione (rispetto delle scadenze); uso personale degli strumenti; capacità di prendere appunti; capacità di schematizzare e cogliere i nodi concettuali, al fine di uno studio meno mnemonico e più consapevole; capacità di comprensione di fatti e fenomeni collocati nel tempo e nello spazio linguistici – arricchimento del proprio repertorio lessicale; conoscenza strutture grammaticali e logiche comuni a più materie; capacità di adeguarsi alle varie situazioni comunicative; acquisizione dei linguaggi specifici (proprietà terminologica). Allinterno della disciplina cercherò di raggiungere gli obiettivi indicati dal Consiglio di Classe attraverso varie modalità: favorendo e incentivando la discussione in classe su argomenti attinenti quanto illustrato dallinsegnante e su quanto appreso attraverso la lettura di giornali o ricerche specifiche lavori personali che cerchino di favorire il corretto uso di terminologie o tecniche acquisite lezioni frontali aperte: da una idea base stimolare lintervento della classe alla costruzione del caso e da questo alla estrapolazione di generalizzazioni (dal caso allidea) utilizzo di strumenti tratti dalla realtà per favorirne linterazione costante con il mondo esterno.

9 In relazione alla classe in oggetto intendo evidenziare quanto segue: Tenendo conto degli Assi culturali inclusi nel Documento Tecnico per il Biennio delle Scuole Superiori ( D. M. n 139/2007 ), nonché delle peculiarità della disciplina, le cui competenze spaziano in tutti e quattro gli Assi, si individuano i seguenti obiettivi trasversali: ASSE DEI LINGUAGGI Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. ASSE MATEMATICO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo computistico, Individuare le strategie appropriate per la soluzione dei problemi, Analizzare dati ed interpretarli, sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi, anche con lausilio strumenti informatici. ASSE STORICO-SOCIALE Orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO Essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale, sociale ed economico in cui vengono applicate. Gli obiettivi disciplinari, riconducibili prevalentemente allAsse Storico-Sociale saranno individuati con la finalità di fornire agli studenti gli strumenti per la conoscenza del tessuto sociale ed economico del territorio e delle regole del mercato.

10 I METODOLOGIE E STRUMENTI Nelle ore in comune con trattamento testi, dopo che gli allievi avranno acquisito una certa familiarità con Word ed Excel, verranno effettuate delle applicazioni pratiche sui vari documenti aziendali via via studiati ( Bilanci, fatture, calcoli percentuali, riparti ecc.) Accostarsi ai problemi in maniera semplice e con riferimento agli interessi degli allievi Partire dallosservazione diretta dei fenomeni aziendali per giungere allanalisi dellambiente esterno Sviluppare nello studente capacità di analisi e di valutazione delle situazioni studiate Attraverso: o Problem solving o Lezioni frontali o Esercitazioni guidate individuali e di gruppo o Esercitazioni di laboratorio individuali e di gruppo Libro di testo – Riviste/Giornali - Moduli in bianco – Laboratorio di informatica

11 TEMPI DI REALIZZAZIONE MODULO 0 MODULO 1 MODULO 2 MODULI SETTEMBRE - OTTOBRE OTTOBRE - NOVEMBRE NOVEMBRE - DICEMBRE GENNAIO - MAGGIO


Scaricare ppt "PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2012/2013 CLASSI 2AZ -2BZ PROF. SALVATORE BRAY."

Presentazioni simili


Annunci Google