La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARTE CONTEMPORANEA PICASSO, DUCHAMP, MATISSE, MIRO, (BOSCH), MARTENS SORGH, GOYA, FONTANA, CALDER 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARTE CONTEMPORANEA PICASSO, DUCHAMP, MATISSE, MIRO, (BOSCH), MARTENS SORGH, GOYA, FONTANA, CALDER 1."— Transcript della presentazione:

1 ARTE CONTEMPORANEA PICASSO, DUCHAMP, MATISSE, MIRO, (BOSCH), MARTENS SORGH, GOYA, FONTANA, CALDER 1

2 LARTE -PURA - DIDASCALICA – GIOCOSA – RELIGIOSA – CHE COMMUOVE- PATHOS-CHE DIVERTE – DI ROTTURA DEI CANONI TRADIZIONALI, DEI PROTOTIPI DEL PASSATO- Questa è larte di mirò o di sicuro dei suoi maestri più grandi: Picasso, Dalì, Goya, del surrealismo. 2

3 Lartista Un artista è sempre solo, se è un artista. No, un artista ha bisogno di solitudine." (Henry Miller da "Tropico del Cancro") 3

4 PICASSO Málaga, 1881 – Mougins, 1973 Pittore spagnolo di fama mondiale, è considerato uno dei maestri della pittura del XX secolo. Málaga1881Mougins1973ittorespagnolopitturaXX secolo 4

5 PICASSO « Quando ero piccolo sapevo dipingere come Raffaello, mi ci è voluta però unaRaffaello vita intera per imparare a disegnare come un bambino (con la sua libertà creativa) » (P. Picasso) 5

6 PICASSO - La prima comunione La prima comunione fu il primo quadro che Picasso espose al pubblico. La scena, disegnata con cura in tutti i particolari, sembra essere animata. Il bianco splendente contrasta con i rossi e i toni scuri; tutti gli sguardi sono rivolti alla giovane in raccoglimento; inoltre gli assi obliqui creano leffetto di profondità. 6

7 La bevitrice di assenzio - Picasso 7

8 8

9 PICASSO - GUERNICA I soldati del Führer domandarono a Picasso vedendo il quadro di Guernica "Avete fatto voi questo orrore, maestro?" e lui rispose Guernica "No, è opera vostra.". 9

10 PICASSO - GUERNICA I soldati del Führer domandarono a Picasso vedendo il quadro di GuernicaGuernica "Avete fatto voi questo orrore, maestro?" e lui rispose "No, è opera vostra.". 10

11 DUCHAMP (dadaismo)

12 Marcel DUCHAMP Ritratto di Duchamp padre 12

13 Marcel DUCHAMP 13

14 "Fountain" Readymade: porcelain urinal x 18 cm, hight 60 cm. 1917/1964.Private collection. DUCHAMP - Fontana - 14

15 MATISSE (fauvismo) (Le Cateau-Cambrésis, 31 dicembre 1869 – Nizza, 3 novembre 1954)Le Cateau-Cambrésis31 dicembre1869 Nizza3 novembre1954 PittorePittore, incisore, illustratore e scultore francese.incisoreillustratorescultorefrancese Matisse è uno dei più noti artisti del ventesimo secolo, conosciuto principalmente per essere l'esponente di maggior spicco della corrente artistica dei Fauves. ventesimo secoloFauves 15

16 MATISSE (fauvismo) Il primo ad utilizzare il termine fauves fu un critico darte, precisamente Vauxcelles, che definì la sala in cui esponevano questi artisti come una "cage aux fauves" cioè una "gabbia delle belve", per la selvaggia violenza espressiva del colore, steso in tonalità pure; secondo De Micheli [1] il termine verrebbe da un'esclamazione di Vauxcelles sull'esposizione: "è Donatello in mezzo alle belve!.Vauxcellescolore [1] Il gruppo dei fauves, che fu attivo solo fino al 1908, comprende molti pittori dei quali il più famoso è Matisse.1908Matisse 16

17 I FAUVES culturalmente vicini all'espressionismo Altri pittori da ricordare sono Rouault, Derain, Vlaminck, Alexis Mérodack- Jeanneau e Marquet:Rouault DerainVlaminckAlexis Mérodack- JeanneauMarquet culturalmente vicini all'espressionismo, questi artisti si differenziano dal gruppo tedesco per il fatto che hanno una minore angoscia esistenziale e un maggiore interesse per il colore. 17

18 Le idee dei fauves La loro arte si basava sulla semplificazione delle forme, sullabolizione della prospettiva e del chiaroscuro, sull'uso di colori vivaci e innaturali, sulluso incisivo del colore puro, spesso spremuto direttamente dal tubetto sulla tela e una netta e marcata linea di contorno. L'importante non era più, come nell'arte accademica, il significato dell'opera, ma la forma, il colore, l'immediatezza. 18

19 Le idee dei fauves Partendo da suggestioni e stimoli diversi, ricercavano un nuovo modo espressivo fondato sullautonomia del quadro: il rapporto con la realtà visibile non era più naturalistico, in quanto la natura era intesa come repertorio di segni al quale attingere per una loro libera trascrizione. 19

20 ESPRESSIONISMO ARTE- Orientamento artistico volto a esprimere, attraverso il supporto e le tecniche prescelte, sensazioni ed emozioni, condizioni spirituali o esistenziali, più che a rappresentare la realtà oggettiva. 20

21 ESPRESSIONISMO Tale scopo viene perseguito enfatizzando elementi della composizione artistica, come il colore o il tratto di contorno delle figure in unopera pittorica, e in genere mediante la forte caratterizzazione di vari aspetti formali o contenutistici, che porta spesso a una deformazione espressiva. 21

22 ESPRESSIONISMO Questa tendenza stilistica, in realtà, è rintracciabile quasi in ogni tempo e in ogni paese: ad esempio possono essere definite espressioniste alcune manifestazioni artistiche orientali, alcune opere europee depoca medievale, i dipinti di El Greco e di Matthias Grünewald.El GrecoMatthias Grünewald 22

23 ESPRESSIONISMO Tuttavia, il termine espressionismo è oggi utilizzato perlopiù per indicare un movimento artistico specifico, affermatosi in Europa a partire dai primi anni del XX secolo. 23

24 ESPRESSIONISMO Allorigine del suo sviluppo vi fu linteresse per le opere di Vincent van Gogh, Paul Gauguin, Edvard Munch, James Ensor,Vincent van GoghPaul Gauguin Edvard MunchJames Ensor artisti capaci di esprimere intense emozioni e stati danimo (perlopiù drammatici o angosciosi) mediante colori violenti, composizioni semplificate e linee calcate. 24

25 ESPRESSIONISMO Forti consonanze legano inoltre gli espressionisti ai fauves francesifauves (André Derain, Raoul Dufy, Georges Braque,André DerainRaoul DufyGeorges Braque Henri MatisseHenri Matisse), che coniugarono la sperimentazione sul colore con uno spiccato gusto decorativo. Lespressionismo figurativo ebbe un parallelo nella musica, nel cinema,musicacinema nel teatro e nella letteratura.letteratura 25

26 MATISSE «La tavola imbandita» (1897) Olio su tela, 100x131 cm. 26

27 matisse - atelier rouge JPG 27

28 Henri Matisse, "La danza", 503 x k - jpg 28

29 l'Atelier di Picasso. 29

30 MIRO (surrealismo) BarcellonaBarcellona, 20 aprile 1893 –20 aprile1893 Palma di Maiorca, 25 dicembre 1983)Palma di Maiorca25 dicembre1983 pittore, scultore e ceramista spagnolo, esponente del surrealismo.pittorescultoreceramistaspagnolosurrealismo 30

31 SURREALISMO Il movimento ebbe come principale teorico il poeta André Breton,André Breton (1896 – 1966) che canalizzò la vitalità distruttiva del dadaismo.dadaismo 31

32 SURREALISMO Breton fu influenzato dalla lettura dell'interpretazione dei sogni di Freud; dopo averlo letto arrivò alla conclusione che era inaccettabile il fatto che il sogno (e l'inconscio) avesse avuto così poco spazio nella civiltà moderna e pensò quindi di fondare un nuovo movimento artistico e letterario in cui il sogno e l'inconscio avessero un ruolo fondamentale. Nacque così il surrealismo. 32

33 BRETON - SURREALISMO Nel primo Manifesto surrealista del 1924,Manifesto surrealista1924 Breton definì così il surrealismo: « Automatismo psichico puro, attraverso il quale ci si propone di esprimere, con le parole o la scrittura o in altro modo, il reale funzionamento del pensiero. Comando del pensiero, in assenza di qualsiasi controllo esercitato dalla ragione, al di fuori di ogni preoccupazione estetica e morale. » 33

34 SURREALISMO Il surrealismo è quindi un automatismo psichico, ovvero quel processo in cui l'inconscio, quella parte di noi che emerge durante i sogni, emerge anche quando siamo svegli e ci permette di associare libere parole, pensieri e immagini senza freni inibitori e scopi preordinati. 34

35 SURREALISMO Il Surrealismo (sur-reale : oltre la realtà) è certamente la più 'onirica' delle manifestazioni artistiche, proprio perché dà accesso a ciò che sta oltre il visibile. Inoltre esso comprende immagini nitide e reali ma accostandole tra di loro senza alcun nesso logico. 35

36 SURREALISMO Il pensiero surrealista si manifestò spesso come ribellione alle convenzioni culturali e sociali, concepita come una trasformazione totale della vita, attraverso la libertà di costumi, la poesia e l'amore. 36

37 BRETON – RIMBAUD - -POESIA- Breton considera Rimbaud un precursore e maestro del surrealismo. 37

38 RIMBAUD ALBA Ho baciato l'alba d'estate. Nulla si muoveva ancora sul frontone dei palazzi. L'acqua era morta. Le zone d'ombra non lasciavano la strada del bosco. Ho cammi- nato, ridestando gli aliti vivi e tiepidi; e le pietre preziose guarda- rono, e le ali si alzarono senza rumore. 38

39 Alba, Rimbaud La prima impresa fu, nel sentiero già pieno di freschi e smorti ful- gori, un fiore che mi disse il suo nome. Io risi alla cascata che si scarmigliò attraverso gli abeti: sulla cima argentata ravvisai la dea. 39

40 Alba, Rimbaud Allora alzai ad uno ad uno i veli. Nel viale, agitando le braccia. Per la pianura, dove l'ho annunciata al gallo. Nella grande città, ella fuggiva tra i campanili e le cupole; e, correndo come un men- dicante sulle banchine di marmo, io la incalzavo. 40

41 Alba, Rimbaud In cima alla strada, presso un bosco di lauro, l'ho avvolta nei suoi veli raccolti, ed ho sentito un poco il suo corpo immenso. L'alba e il fanciullo caddero in fondo al bosco. Al risveglio era mezzogiorno. da Opere,

42 Commento ad Alba E una delle più famose illuminazioni di Rimbaud. Lidea di fondo: un connubio, una fusione con la natura, un abbraccio con lalba, inseguita e raggiunta e colta nel suo corpo immenso. Un desiderio di fusione mistica col mondo e con le sue forme. Cfr. Meriggio di DAnnunzio (PANISMO) 42

43 SURREALISMO Suoi referenti sono Marx e Freud: "Trasformare il mondo, ha detto Marx, cambiare la vita, ha detto Rimbaud. Queste due parole d'ordine sono per noi una sola" (André Breton). 43

44 SURREALISMO Spesso, molti esponenti del surrealismo sposarono la causa del comunismocomunismo e dell'anarchismo,anarchismo per contribuire attivamente al cambiamento politico e sociale che avrebbe poi portato ad una partecipazione più generale alla surrealtà. 44

45 SURREALISMO 45

46 Joan Mirò: Paesaggio catalano con chitarra, 1924, Madrid, Museo 46

47 Joan Mirò "Il Villaggio di Prades" - 47

48 Joan Mirò "Il Villaggio di Prades" - Sei un animo spensierato e solare. La vita per te è uno splendido gioco in cui non si finisce mai di perdersi, come fa un aquilone nell'azzurro del cielo. Il tuo ottimismo non conosce confini ed il mondo ti appare pieno di colori e di fantasia, come nell'opera "Il Villaggio di Prades" di Joan Mirò. ____________ 48

49 Joan Miró. Paesaggio con coniglio e fiore,

50 Joan MIRO Contadino catalano con chitarra

51 Contadino catalano a riposo Mirò 51

52 JJJJoan Mirò Joan Mirò - Joan Mirò - Il carnevale di Arlecchino, 510 x k 52

53 Joan Mirò fattoria con asino

54 Joan Mirò Carnivale di Arlecchino

55 Mirò -Terra Arata - 55

56 Hieronimus BOSCH (pittore fiammingo) 's Hertogenbosch, 2 ottobre 1450 – 9 agosto 1516) 's Hertogenbosch2 ottobre14509 agosto

57 Hieronymus Bosch Protagonista dei suoi dipinti è l'umanità, che attraverso il peccato è condannata all'Inferno;peccatoInferno l'unica via che sembra suggerire l'artista per redimersi si trova sia nelle tavole con la vita dei santi,santi attraverso l'imitazione della loro vita dedita alla meditazione meditazione anche se circondati dal male,male 57

58 Hieronymus Bosch sia nelle tavole con la Passione di Cristo, attraverso la meditazione sulle pene sofferte dal Cristo,Passione di CristoCristo per riscattare dal peccato universale il genere umano, che porta all'immedesimazione stessa del riguardante e alla salvezza.salvezza 58

59 Bosch TRE DELIZIE 59

60 MIRO (surrealismo) 60

61 Joan MIRO- Personaggio che getta un sasso ad un uccello

62 Joan MIRO – Cane che abbaia alla luna- 62

63 Mirò Paesaggio con coniglio e fiore- 63

64 MIRO - Paesaggio (la lepre) 64

65 MIRO Donna, uccello al chiaro di luna 65

66 HENRIQUE MARTENS SORGH 66

67 Sorgh - Il suonatore di liuto- 67

68 Il suonatore di liuto SORGH 68

69 MIRO 69

70 Mirò Interno olandese 70

71 Mirò – Interno olandese- 71

72 Mirò –La poetessa

73 Mirò – Canto dellusignolo a mezzanotte - 73

74 Mirò – Costellazione: la stella del mattino - 74

75 Mirò – La corsa dei tori - 75

76 Francisco GOYA Saragozza (Spagna) 1746 – 1826 (ritrattista) 76

77 GOYA – La tauromachia - 77

78 Goya – La tauromachia- 78

79 PICASSO (cubismo) 79

80 PICASSO – La corrida - 80

81 PICASSO – La corrida –

82 PICASSO – La corrida – Olio su tela - 82

83 PICASSO -GUERNICA- 83

84 DUCHAMP 84

85 Marcel DUCHAMP Fontana

86 PICASSO 86

87 Mirò – Sua Maestà 87

88 Mirò – La ragazza che fugge- 88

89 Mirò - L'oro dell'azzurro- 89

90 LUCIO FONTANA (spazialismo) ( ) 90

91 Concetto Spaziale – Attesa Lucio Fontana ( ) tempera on canvas 91

92 Lucio FONTANA Concetto Spaziale – Attesa 92

93 ALEXANDER CALDER (arte cinetica) Alexander Calder (Lawnton, 22 luglio 1898 – New York, 11 novembre 1976) è stato uno scultore statunitense.Lawnton22 luglio1898 New York11 novembre1976 scultorestatunitense 93

94 CALDER Mobil 94

95 Alexander Calder Mobile 95

96 Alexander Calder Mobile in Philadelphia 96


Scaricare ppt "ARTE CONTEMPORANEA PICASSO, DUCHAMP, MATISSE, MIRO, (BOSCH), MARTENS SORGH, GOYA, FONTANA, CALDER 1."

Presentazioni simili


Annunci Google