La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 PRIMAVERA DI PRAGA 31/12/2013stefania borrello.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 PRIMAVERA DI PRAGA 31/12/2013stefania borrello."— Transcript della presentazione:

1 1 PRIMAVERA DI PRAGA 31/12/2013stefania borrello

2 2 Il periodo da gennaio ad agosto del 1968 è conosciuto come la Primavera di Praga: un periodo di liberalizzazioni nel tentativo di affermare il SOCIALISMO DAL VOLTO UMANO. Fin dalla metà degli anni sessanta in Cecoslovacchia si erano percepiti segni di crescente malcontento verso il regime. Le istanze dei riformisti, il cui leader era Alexandr Dubček, avevano trovato voce in alcuni elementi all'interno dello stesso Partito Comunista Cecoslovacco (PCT). 31/12/2013stefania borrello

3 3 Le riforme politiche di Dubček in realtà non si proponevano di rovesciare completamente il vecchio regime e allontanarsi dall'Unione Sovietica: il progetto era di mantenere il sistema economico collettivista affiancandovi una maggiore libertà politica (con la possibilità di creare partiti non alleati al partito comunista), di stampa e di espressione. Tutte queste riforme furono sostenute dalla grande maggioranza del paese, compresi gli operai. Ciononostante queste riforme furono viste dalla dirigenza sovietica come una grave minaccia all'egemonia dell'URSS sui paesi del blocco orientale, e, in ultima analisi, come una minaccia alla sicurezza stessa dell'Unione Sovietica. 31/12/2013stefania borrello

4 4 Per comprendere i motivi dell'allarme espresso dall'Urss, bisogna tener presente la collocazione geografica della Cecoslovacchia, esattamente al centro dello schieramento difensivo del Patto di Varsavia: una sua eventuale defezione non poteva essere tollerata in periodo di Guerra Fredda. 31/12/2013stefania borrello

5 5 A differenza di quanto era avvenuto in altri paesi dell'Europa centrale, la presa di potere comunista in Cecoslovacchia nel 1948 era stata accompagnata da una genuina partecipazione popolare, e non era stata funestata, come altrove, da brutali repressioni. Le riforme sociali del dopoguerra erano avvenute pacificamente, mentre, ad esempio, in Ungheria si erano avute vere e proprie sommosse. Ciononostante la leadership guidata da Gottwald, prima, Zapotocky e Novotný poi aveva mantenuto un regime totalitario fortemente repressivo che si era espresso in maniera brutale durante le purghe staliniane e che non si era aperto dopo la morte del leader sovietico. 31/12/2013stefania borrello

6 6 La stessa minoranza slovacca rimaneva sottorappresentata nelle istituzioni, che accusavano sempre una distanza ideologica rilevante rispetto alle altre repubbliche popolari che avevano compiuto la destalinizzazione, Ungheria e Polonia in primis. 31/12/2013stefania borrello

7 7 31/12/2013stefania borrello

8 8 Politica estera dell'Unione Sovietica 31/12/2013stefania borrello

9 9 La politica dell'Unione Sovietica di appoggiare ed imporre negli stati satellite solo governi di stile sovietico, usando se necessario anche la forza, divenne nota come Dottrina Brezhnev, dal nome del leader sovietico Leonid Brežnev, che fu il primo a teorizzarla pubblicamente, sebbene di fatto fosse già stata applicata fin dai tempi di Stalin. 31/12/2013stefania borrello

10 10 Questa dottrina fu la base della politica estera sovietica fino a quando, negli anni ottanta, sotto Mikhail Gorbačëv, fu sostituita dalla cosiddetta Dottrina Sinatra. La dirigenza sovietica dapprima usò tutti i mezzi diplomatici possibili per fermare o limitare le riforme portate avanti dal governo cecoslovacco, poi, vista l'inutilità di questi tentativi, iniziò a preparare l'opzione militare. 31/12/2013stefania borrello

11 11 31/12/2013stefania borrello

12 12 Separazione delle cariche di presidente della Repubblica e di primo segretario del partito, (funzione alla quale fu eletto Alexander Dubcek, mentre Antonin Novotny restava alla testa dello Stato fino all'elezione di Ludvik Svoboda); Ingresso di volti nuovi negli organismi dirigenti di partito a ogni livello; Sostituzioni nelle cariche direttive delle istituzioni e delle organizzazioni di massa compresi i sindacati, 31/12/2013stefania borrello

13 13 Avvio dell'elaborazione di un Programma d'azione (maggiore democrazia e libertà proprio per rafforzare il socialismo e far riconquistare al paese, anche in politica estera, la funzione che gli spettava nei rapporti internazionali) che fu reso pubblico in aprile, quasi contemporaneamente alla costituzione di un nuovo governo Abolizione della censura per stampa, radio, televisione. 31/12/2013stefania borrello

14 14 31/12/2013stefania borrello

15 15 31/12/2013stefania borrello

16 16 31/12/2013stefania borrello

17 17 31/12/2013stefania borrello

18 18 31/12/2013stefania borrello

19 19 Il senso del mutamento era quello espresso, del resto, nel Programma d'azione: Non fu per caso che crebbe costantemente il numero degli iscritti al partito comunista e agli altri partiti fino ad allora formalmente esistenti. 31/12/2013stefania borrello

20 20 Com'era naturale, i giovani erano in prima fila, dappertutto, nei partiti come nelle organizzazioni già esistenti e in quelle che si costituivano o che si voleva far nascere o rinascere. A migliaia affollavano le assemblee che si tennero a Praga, a Bratislava e altrove, erano loro gli animatori dei capannelli che la sera si riunivano per discutere nelle strade e nelle piazze delle città e dei paesi del presente, del passato, del futuro. 31/12/2013stefania borrello

21 21 31/12/2013stefania borrello

22 22 31/12/2013stefania borrello

23 23 La notte tra il 20 e il 21 agosto 1968 un contingente formato da soldati e fra veicoli corazzati dellarmata sovietica dell URSS invade la Cecoslovacchia. L'invasione coincise con la celebrazione del congresso del Partito Comunista Cecoslovacco, che avrebbe dovuto sancire definitivamente le riforme e sconfiggere l'ala vetero - comunista. 31/12/2013stefania borrello

24 24 I comunisti cecoslovacchi intenzionati a dare una svolta democratica al paese, furono costretti dal precipitare degli eventi a riunirsi clandestinamente in una fabbrica, ed effettivamente approvarono tutto il programma riformatore, ma quanto stava accadendo nel paese rese le loro deliberazioni completamente inutili. Successivamente questo congresso del partito comunista cecoslovacco venne sconfessato e formalmente cancellato dalla nuova dirigenza fantoccio imposta da Mosca a governare del paese. 31/12/2013stefania borrello

25 25 Dubcek e altri leader del governo vennero condotti a Mosca, dove il 24 agosto furono costretti ad accettare la presenza delle truppe straniere e a bloccare il programma di riforme. Nei mesi successivi venne avviata la normalizzazioneì. Tutti i protagonisti della primavera di Praga furono epurati e fu ripristinata la vecchia nomenklatura. 31/12/2013stefania borrello

26 26 Il 16 gennaio 1969, in piazza Venceslao, il giovane Jan Palach si dà fuoco in segno di estrema protesta verso l'invasione sovietica. Lo emuleranno Jan Zajic, studente appena diciottenne e Evzen PloceK, operaio e dirigente del PCT. 31/12/2013stefania borrello

27 27 Poiché i nostri popoli sono sull'orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa. 31/12/2013stefania borrello

28 28 Poiché ho avuto l'onore di estrarre il numero 1, è mio diritto scrivere la prima lettera ed essere la prima torcia umana. Noi esigiamo l'abolizione della censura e la proibizione di Zpravy (il giornale delle forze d'occupazione sovietiche). 31/12/2013stefania borrello

29 29 Se le nostre richieste non saranno esaudite entro cinque giorni, il 21 gennaio 1969, e se il nostro popolo non darà un sostegno sufficiente a quelle richieste, con uno sciopero generale e illimitato, una nuova torcia s'infiammerà. Jan Palach Funerale di Jan Palach (Foto di Josef Koudelka Magnum/Contrasto) 31/12/2013stefania borrello

30 30 31/12/2013stefania borrello

31 31 31/12/2013stefania borrello

32 32 31/12/2013stefania borrello

33 33 31/12/2013stefania borrello

34 34 31/12/2013stefania borrello

35 35 31/12/2013stefania borrello

36 36 31/12/2013stefania borrello

37 37 31/12/2013stefania borrello

38 38 31/12/2013stefania borrello

39 39 31/12/2013stefania borrello

40 40 31/12/2013stefania borrello

41 41 31/12/2013stefania borrello

42 42 31/12/2013stefania borrello

43 43 31/12/2013stefania borrello

44 44 31/12/2013stefania borrello

45 45 31/12/2013stefania borrello

46 46 31/12/2013stefania borrello

47 47 31/12/2013stefania borrello

48 48 31/12/2013stefania borrello

49 49 31/12/2013stefania borrello

50 50 31/12/2013stefania borrello

51 51 31/12/2013stefania borrello

52 52 31/12/2013stefania borrello

53 53 31/12/2013stefania borrello

54 54 31/12/2013stefania borrello

55 55 31/12/2013stefania borrello

56 56 31/12/2013stefania borrello

57 57 31/12/2013stefania borrello

58 58 31/12/2013stefania borrello

59 59 31/12/2013stefania borrello

60 60 31/12/2013stefania borrello


Scaricare ppt "1 PRIMAVERA DI PRAGA 31/12/2013stefania borrello."

Presentazioni simili


Annunci Google