La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Simona Dongiovanni DIETISTA. Chi è il Dietista? D.M 14/09/1994 lo definisce: Loperatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Simona Dongiovanni DIETISTA. Chi è il Dietista? D.M 14/09/1994 lo definisce: Loperatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Simona Dongiovanni DIETISTA

2 Chi è il Dietista? D.M 14/09/1994 lo definisce: Loperatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate alla corretta applicazione dellalimentazione e della nutrizione, compresi gli aspetti educativi e di collaborazione alla attuazione delle politiche alimentari

3 In pratica, è un professionista specializzato che si occupa di PROMUOVERE E CURARE LALIMENTAZIONE IN SITUAZIONI FISIOLOGICHE E PATOLOGICHE

4 Elabora piani dietetici terapeutici e personalizzati, in base alla prescrizione medica Elabora menù per gruppi sani o malati (ristorazione collettiva per mense e comunità) Realizza attività didattiche EDUCATIVE E INFORMATIVE

5 Una corretta alimentazione ci aiuta a realizzare una gestione ottimale della nostra vita senza rischio di malattia

6 E importante diffondere e sviluppare una cultura della corretta alimentazione Da molto tempo questo rappresenta uno degli obiettivi principali del Ministero della Salute

7 La cultura della corretta alimentazione inizia dalla mamma (target primario)

8 La cultura della corretta alimentazione si impara da bambini (target secondario)

9 Oggi si incontrano mille difficoltà a trasmettere le informazioni e le conoscenze LA CONFERMA è laumento di malattie in cui lalimentazione gioca un ruolo importante

10 OBESITA: LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA Nel mondo ci sono circa 400 milioni di persone obese,1.6 miliardi sono in sovrappeso. (dati WHO 2005)

11 OBESITA INFANTILE IN ITALIA 20% di bambini e adolescenti (età compresa tra 6-17 anni) sono in sovrappeso 4% sono obesi

12 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE In Italia ci sono 4-8 nuovi casi annui di anoressia e 9-12 casi di bulimia su abitanti

13 OSTACOLI PRINCIPALI ORGANIZZAZIONE DEL SSN CULTURA INDIVIDUALE ERRORI COMUNICATIVI CREDENZE E PREGIUDIZI INPUT FUORVIANTI PUBBLICITA PRESSIONI SOCIALI E PSICOLOGICHE

14 ORGANIZZAZIONE DEL SSN La chiave per la promozione della salute è stabilire un ambiente che favorisca comportamenti positivi riguardo alla salute. Difficoltà: Approccio integrato al problema Migliorare i programmi educativi Migliorare lidentificazione dei bambini a rischio Spinta verso i produttori industriali a sviluppare alimenti che promuovono la salute che siano anche attraenti come qualità sensoriali

15 CULTURA INDIVIDUALE I genitori, in quanto responsabili di acquisti, tendono a condizionare le scelte alimentari della famiglia. Se le conoscenze nutrizionali e le abitudini alimentari sono corrette, il bambino tenderà a mangiare correttamente.

16 ALIMENTI COME STATUS SYMBOL

17

18 ERRORI COMUNICATIVI Se non mangi non ti voglio più bene: il cibo diventa una prova damore. Se si mangia per far piacere a qualcuno, ci si può anche rifiutare per fargli un dispetto. Se mangi tutto ti do una caramella. Il dolce è un premio, la verdura è un obbligo. Guarda tua sorella come è brava, ha già finito. Tre errori: si lega il cibo al comportamento e non allo scopo nutrizionale; si giudica il bambino; si fa leva sulla gelosia. Lho cucinato apposta per te.Si fa leva sui sentimenti e sui sensi di colpa se non mangia. Non mangiare troppo,sei un ciccione. Mangia che sei troppo magro e sei brutto.

19 CREDENZE E PREGIUDIZI La pasta fa ingrassare I dolci e i farinacei non vanno assunti dopo le 17 Mangiare pasta e carne nello stesso pasto è sbagliato Le uova fanno male al fegato Il bambino cicciottello è tutta salute

20 INPUT FUORVIANTI

21 PUBBLICITA Il 30% degli spot televisivi è dedicato alla promozione di alimenti

22 COMUNICARE E LUNICO MODO PER SUPERARE GLI OSTACOLI

23 Mangiare è bello, ma mangiare corretto è meglio

24 FACCIAMO LA DIFFERENZA TRA ALIMENTO E NUTRIENTE

25 ALIMENTI sostanza di origine animale o vegetale introdotta nellorganismo NUTRIENTI FOOD PROCESSING DIGESTIONE Plastica Energetica Protettiva Nervine

26 CARBOIDRATI O GLUCIDI FONTE PRINCIPALE DI ENERGIA PER LA CRESCITA, IL SOSTENIMENTO E LE ATTIVITA DELLORGANISMO

27 PROTEINE O PROTIDI Contribuiscono a costruire le cellule e i tessuti FUNZIONE PLASTICA Sono importanti perché alcuni di esse formano alcuni ormoni ed altre sostanze chimiche attive quali gli enzimi. Ma non solo. Pensiamo anche a quelle sostanze presenti nel sangue costituite da proteine (es. emoglobina, ecc)

28 GRASSI O LIPIDI Forniscono ENERGIA Formano lo strato di tessuto adiposo sotto la pelle che conserva il calore Proteggono gli organi interni Veicolano le vitamine liposolubili Alcuni di essi costituiscono le membrane cellulari Da esso si formano importanti ORMONI in particolare quelli steroidei

29 VITAMINE Regolano processi biochimici nellorganismo Svolgono azione protettiva VITAMINE LIPOSOLUBILI A, D, E, K VITAMINE IDROSOLUBILI VIT. GRUPPO B, PP, VIT.C

30 SALI MINERALI Rinforzano le ossa Regolano lequilibrio idrico Partecipano anche ad altre reazioni di difesa e alle secrezioni ghiandolari per esempio.

31 ACQUA componente essenziale per la sopravvivenza, che non ha potere calorico Costituisce circa il 60% del nostro peso corporeo di un adulto sano. E distribuita in vari comparti del nostro corpo Mantiene stabile la temperatura corporea, trasporta i nutrienti ed allontana i prodotti di scarto dall'organismo.

32 FIBRA ALIMENTARE (polisaccaridi) contenuta in frutta e verdura, cereali, legumi, tuberi Svolge un ruolo fondamentale sulla regolazione intestinale Scientificamente provato che : - Svolge ruolo importantissimo nella regolarizzazione della GLICEMIA nel sangue nellarco della giornata - Contribuisce a mantenere sotto controllo lIPERCOLESTEROLEMIA

33 DIETA cosè? NON DEVE ESSERE INTESA COME QUALCOSA DI RESTRITTIVO Ma è Uno strumento che ci guida verso un comportamento alimentare migliorare, correggendo ABITUDINI ALIMENTARI SCORRETTE, migliorando e prevenendo lo stato di salute.

34 ABITUDINI SCORRETTE Prima colazione scarsa o assente Saltare gli spuntini Saltare un pasto principale, spesso si salta la cena Non mangiare la frutta e la verdura Bere poca acqua Fumo di sigaretta eccessivo Consumo non intelligente di alcolici sedentarietà

35

36 DIETA = STILE DI VITA Copertura dei Fabbisogni Ci sono LINEE GUIDA (L.A.R.N ) PREVENZIONE PRIMARIA

37 DIETA EQUILIBRATA = razione alimentare dove gli alimenti assunti sono presenti in quantità e qualità tali da garantire le necessità al nostro organismo in: CARBOIDRATI PROTEINE GRASSI VITAMINE SALI MINERALI ACQUA FUNZIONI VITALI E CONTRIBUISCONO A MANTENRE UN BUONO STATO DI SALUTE

38 Come e quanto bisogna mangiare?

39 LA PIRAMIDE DEL NUTRIMENTO

40 PIRAMIDE ALIMENTARE ITALIANA

41 ATTIVITA FISICA LA PRATICA DI UN ATTIVITA SPORTIVA O MOTORIA HA EFFETTI BENEFICI SULLO STATO DI SALUTE IL CORPO UMANO E FATTO PER IL MOVIMENTO

42 ATTIVITA FISICA

43 CONCLUSIONI

44 IL PUZZLE DEL MANGIAR SANO Segui le 10 regole … … …

45 VARIA LALIMENTAZIONE Cerca di mangiare il più possibile alimenti diversi durante la giornata. Fai sempre una prima colazione sostanziosa, un pranzo non troppo ricco, una cena leggera e sempre due spuntini a base di frutta, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio.

46 MANGIA ALIMENTI RICCHI DI AMIDI Nella tua giornata alimentare mangia sempre pane, pasta o riso. Questi alimenti apportano carboidrati necessari ad assicurare il miglior carburante per il nostro organismo per produrre lenergia che serve per lo svolgimento di varie funzioni.

47 IL PANE 100 gr di pane comune apportano 275 kcal Alimento tipicamente energetico, apporta carboidrati, discrete quantità di proteine, pochi grassi e sali minerali. Ricco di fibra è quello integrale

48 LA PASTA La pasta è un alimento importante nellalimentazione quotidiana. 100 gr di pasta apportano 353 kcal

49 IL RISO Cereale importante nella nostra alimentazione, contiene piccole quantità di vitamine del gruppo B e minerali. 100 gr di riso apportano 332 kcal E privo di glutine, quindi importante per chi soffre di celiachia.

50 MANGIA TANTA FRUTTA E VERDURA Consuma tutti i giorni la frutta a merenda e la verdura a pranzo e cena. Hanno un ridotto contenuto calorico e forniscono al nostro organismo importanti nutrienti: acqua, carboidrati, proteine, vitamine, minerali e fibra.

51 MANGIA TANTA FRUTTA E VERDURA Danno un maggiore senso di sazietà di altri alimenti. Sono la miglior fonte di acqua in quanto ne contengono dall80 al 95% per 100 gr di alimento.

52 MANGIA TANTO PESCE Mangia 2-3 volte a settimana i pesci che ti piacciono. I pesci contengono proteine molto importanti, pochi carboidrati e quantità variabili di grassi.

53 ATTENTO AI GRASSI ANIMALI Limita il consumo di grassi animali e favorisci lutilizzo dellolio doliva. Quali sono i grassi animali? -Burro -Lardo -Strutto -Panna Leccesso di questi alimenti ha effetti negativi sulla salute.

54 RIDUCI IL CONSUMO DI ZUCCHERI SEMPLICI Stai attento alla cioccolata, alle caramelle, ai gelati e ai pasticcini. I dolci sono alimenti che apportano molte calorie e mangiarli spesso possono aumentare il tuo peso. Preferisci i gelati alla frutta, i dolci secchi o con marmellata, evitando quelli farciti con panna e creme. 100 gr di zucchero apportano 392 kcal

55 BEVI MOLTA ACQUA Durante il giorno bevi tante piccole quantità di acqua. È il costituente più importante del tuo corpo ne costituisce il 60% e serve per svolgere tutte le tue funzioni vitali. Quando hai sete non dimenticarti di bere! E se non hai sete bevi lo stesso!

56 LACQUA Lequilibrio idrico deve essere mantenuto bevendo acqua, sia quella del rubinetto, sia quella imbottigliata. Ricorda che quando giochi e quando fai sport bevi più acqua perché hai una perdita maggiore con la sudorazione.

57 LOLIO EXTRA VERGINE DOLIVA Lolio extra vergine doliva è un alimento di origine vegetale ottenuto dalla spremitura delle olive. Usalo sempre per condire alimenti sia cotti che crudi. 100 gr di olio apportano 990 kcal

58 MENO SALE… Meno sale… più sapore! Più salute! Non aggiungere sale agli alimenti perché già è contenuto in essi. Luso eccessivo di sale fa male alla salute. Ricorda che trovi tanto sale nei crackers, nelle patatine fritte confezionate, nei salumi e nei formaggi.

59 NON BERE BEVANDE ALCOLICHE Sono bevande contenenti alcol etilico (etanolo) Si ottengono dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nei frutti (vino) o nei cereali (birra) oppure dalla successiva distillazione (brandy) 1 gr di alcol apporta 7 kcal

60 PIU MOVIMENTO! Fai giochi allaperto per muoverti tutti i giorni. La pratica di unattività sportiva o motoria ha effetti benefici sullo stato di salute.

61 QUALE ATTIVITA FISICA ???

62 IL MIO SCOPO DA DIETISTA OGGI FARVI CHE CAPIRE CHE MANGIARE CORRETTO NON E TANTO DIFFICILE ALLONTANRCI DA FALSI MITI POSSIAMO SFORZARCI DI FARE UN PO DI MOVIMENTO, per esempio NON PRENDERE LA MACCHINA PER ANDARE A FARE LA SPESA SE IL SUPERMERCATO è DIETRO CASA PER ANDARE IN CHIESA LA DOMENICA, POSSIAMO FARE UNA PASSEGGIATA SE ABITIAMO IN CITTA POSSIAMO SCENDERE UNA FERMATA DI AUTOBUS PRIMA DELLA NOSTRA DESTINAZIONE

63

64 GRAZIE…


Scaricare ppt "Dott.ssa Simona Dongiovanni DIETISTA. Chi è il Dietista? D.M 14/09/1994 lo definisce: Loperatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate."

Presentazioni simili


Annunci Google