La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CHIRURGIA PEDIATRICA Divisione Clinicizzata Chirurgia Pediatrica Ospedale Regionale Treviso e Università di Padova Direttore: Prof. G. Perrino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CHIRURGIA PEDIATRICA Divisione Clinicizzata Chirurgia Pediatrica Ospedale Regionale Treviso e Università di Padova Direttore: Prof. G. Perrino."— Transcript della presentazione:

1 LA CHIRURGIA PEDIATRICA Divisione Clinicizzata Chirurgia Pediatrica Ospedale Regionale Treviso e Università di Padova Direttore: Prof. G. Perrino

2 LA CHIRURGIA PEDIATRICA Le origini; La chirurgia neonatale e la cura delle malformazioni (multidisciplinarietà).

3 LA CHIRURGIA PEDIATRICA AGLI ARBORI 1860: J.Cooper Forster The Surgical Disease of Children 1909: S.W.Kelley Primo testo del Nord America 1920: Istituita la figura del Chirurgo Pediatra.

4 LA CHIRURGIA PEDIATRICA Londra: Barrington Word; Seattle: Coe; Boston: Ladd; Detroit: Perberthy; Edinburg: Freser.

5 LA CHIRURGIA PEDIATRICA: I TRATTATI 1953: Gross, Duhamel; 1957: Gross; 1958: Fevre; 1959: Potts.

6 LA CHIRURGIA PEDIATRICA Errore comune: trasferire indicazioni, diagnosi e terapia delladulto al piccolo bambino ( per es. Ernia diaframmatica congenita, Occlusioni intestinali, Rettorragie, Nevi ed Angiomi, etc.).

7

8 DEFINIZIONI Malformazione: difetto primitivo di struttura di un organo o parte del corpo conseguente ad un alterato sviluppo durante il periodo embrionario. Vi sono spesso cause genetiche (per es. labbro leporino). Deformazione: anomalie di forma, struttura o posizione di una parte del corpo conseguenti a forze meccaniche agenti in epoca successiva a quella embrionaria. Non cause genetiche (per es. piede torto, torcicollo congenito).

9 DEFINIZIONI Lacerazione: difetto morfologico di un organo o parte del corpo conseguente allinterruzione estrinseca o allinterferenza con un processo di sviluppo normale; involuzione di un organo differenziato e sviluppato normalmente durante lembrio-feto genesi. A volte cause genetiche (per es. Disgenesia gonadica in SDR di Turner, Ernia diaframmatica congenita). Displasia: anomalia dellorganizzazione delle cellule di un tessuto e del risultato morfologico: processo e conseguenza della disistogenesi.

10 DEFINIZIONI Difetto politopico di settore: spettro di anomalie derivate dallalterazione di un singolo settore di sviluppo embriologico. Sequenza: spettro di anomalie multiple conseguenti ad un singolo evento presunto o riconosciuto come primitivo.

11 DEFINIZIONI Sindrome: Spettro di anomalie multiple patogeneticamente correlate ma non inquadrabili in sequenza o difetto politopico di settore, ovvero concorrenza di diversi sintomi e/o malformazioni associati, con probabilmente la stessa eziologia, e non secondaria ad un errore singolo e localizzato della morfogenesi. Associazione: presenza non casuale, ben riconosciuta in due o più soggetti, di anomalie multiple non inquadrabili in difetto politopico di settore, sequenza o sindrome.

12 ERRORI DELLA MORFOGENESI Malformazione; Deformazione; Lacerazione ; Displasia; Difetto politopico di settore; Sequenza; Sindrome; Associazione. Sviluppo normale:

13

14

15

16

17


Scaricare ppt "LA CHIRURGIA PEDIATRICA Divisione Clinicizzata Chirurgia Pediatrica Ospedale Regionale Treviso e Università di Padova Direttore: Prof. G. Perrino."

Presentazioni simili


Annunci Google