La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NORME/REGOLAMENTI UNI EN ISO 14001:2004 Regolamento 1221/09 (EMAS) Regolamento 66/10 (ECOLABEL) MI-SGA –mar 13.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NORME/REGOLAMENTI UNI EN ISO 14001:2004 Regolamento 1221/09 (EMAS) Regolamento 66/10 (ECOLABEL) MI-SGA –mar 13."— Transcript della presentazione:

1 NORME/REGOLAMENTI UNI EN ISO 14001:2004 Regolamento 1221/09 (EMAS) Regolamento 66/10 (ECOLABEL) MI-SGA –mar 13

2 COSè UNA NORMA Un documento che dice come fare bene le cose, garantendo sicurezza, rispetto per lambiente e prestazioni certe. Le norme, quindi, sono documenti che definiscono le caratteristiche (dimensionali, prestazionali, ambientali, di qualità, di sicurezza, di organizzazione ecc.) di un prodotto, processo o servizio, secondo lo stato dell'arte e sono il risultato del lavoro di decine di migliaia di esperti in Italia e nel mondo. MI-SGA – mar 13

3 SCOPO UNI EN ISO 14001:2004 SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE – Requisiti e guida per luso migliorare le performance ambientali al fine di controllare e ridurre limpatto ambientale derivante dallesecuzione delle attività. MI-SGA – mar 13

4 DOCUMENTAZIONE Politica ambientale Analisi Ambientale Iniziale (AAI) Manuale Procedure Modulistica di registrazione di tutte le attività inerenti la gestione ambientale Documentazione tecnica specifica (manuali duso, schede di sicurezza) Procedure di emergenza e istruzioni operative (definizione di ruoli e responsabilità per la conduzione di tutte le attività in condizioni di sicurezza e emergenza). In particolare la documentazione deve: essere presente sui luoghi di lavoro essere periodicamente riesaminata. MI-SGA – mar 13

5 III LIVELLO ManualeI LIVELLO II LIVELLO Procedure Gestionali/Tecniche Istruzioni Politiche dellorganizzazione Processi Attività DOCUMENTAZIONE IV LIVELLO Modulistica Registrazioni MI-SGA – mar 13

6 MANUALE DEL SGA Titolo scopo e campo di applicazione. Indice. Pagine introduttive di presentazione dellorganizzazione e del manuale stesso. Politica e obiettivi ambientali. Descrizione dellorganizzazione, delle responsabilità e delle autorità. Descrizione degli elementi del sistema con riferimento alle procedure. Una sezione riportante le definizioni. MI-SGA – mar 13

7 Logo aziendale Procedura del SGA Nome della procedura Codice Rev delPag di ISTRUZIONI OPERATIVE DI RIFERIMENTO LISTA DI DISTRIBUZIONE ELENCO DEGLI ALLEGATI codicenome data consegnafirma sigla revdatadescrizioneverificaapprovemiss MI-SGA – mar 13

8 Logo aziendale Procedura del SGA Nome della procedura Codice Rev delPag di INDICE - Scopo - Campo di applicazione - Responsabilità - Riferimenti normativi - Modalità procedurali MI-SGA – mar 13

9 REQUISITI DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Appropriata rispetto allOrganizzazione. Individuazione e valutazione degli aspetti ambientali e dei relativi aspetti legali. Obiettivi, finalità e programmi che assicurino il continuo miglioramento delle prestazioni ambientali. Attività di gestione per il controllo degli aspetti ambientali Monitoraggio delle performance ambientali. Riesame, valutazione e miglioramento del sistema Verifica delle attività Miglioramento contnuo. Politica aziendale Valutazione, pianificazione Attuazione e controllo Verifica audit e azioni correttive Riesame Descrizione aziendale Descrizione delle attività dellOrganizzaizone e della sensibilità del sito. MI-SGA – mar 13

10 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA' Descrizione…… Valutazione descrizione dell ambiente circostante descrizione delle attività AAI UNI EN ISO MI-SGA – mar 13

11 UNI EN ISO ANALISI AMBIENTALE INIZIALE descrizione dellambiente circostante Inquadramento geografico territoriale - descrizione del circondario - descrizione delle infrastrutture di trasporto e di altro genere Inquadramento paesaggistico - paesaggio vegetale - caratterizzazione climatica del sito - popolamento animale - agricoltura Inquadramento storico – culturale MI-SGA – mar 13

12 UNI EN ISO ANALISI AMBIENTALE INIZIALE descrizione delle attività Dati generale del sito produttivo - storia della società - presentazione dellazienda - suddivisione del macrosettore in microsettori Inquadramento amministrativo Individuazione degli aspetti ambientali Individuazione degli input – output Normativa ambientale applicabile MI-SGA – mar 13

13 NORMATIVA AMBIENTALE SCARICHID.Lgs 152/99 RIFIUTID.Lgs 22/97 BONIFICA DEI SITI INQUINATI DM 471/99 ARIAD.P.R. 203/88 D.P.R 25 luglio 1991 RUMOREL. Quadro 447/95 TUT STR OZL. 549/93 AMIANTOL. 257/92 PCB-PCTD.P.R.216/88 MI-SGA – mar 13

14 NORMATIVA AMBIENTALE D. Lgs 152/20006 NORME IN MATERIA AMBIENTALE D.Lgs 4/2008 "Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale" MI-SGA – mar 13

15 Materie prime Detergenti Acqua Energia: Elettricità Combustibile Gas … H INPUT OUTPUT Struttura turistico-alberghiera Servizi: Pernottamenti Ristorazione Rifiuti Scarichi Emissioni Rumore MI-SGA – mar 13

16 ASPETTI AMBIENTALI IMPATTI AMBIENTALE produzione di rifiutiinquinamento delle acque, del suolo o dellatmosfera produzione di emissioni in atmosfera inquinamento atmosferico produzione di scarichi idriciinquinamento delle acque Consumi di prodotti inquinanti inquinamento delle acque, del suolo o dellatmosfera utilizzo delle fonti di energiaspreco di energia utilizzo di acquaspreco risorse naturali produzione di rumoreinquinamento acustico MI-SGA – mar 13

17 Descrizione della sensibilità del sito Descrizione delle attività Individuazione input/output di processo Identificazione aspetti ambientali Definizione impatti ambientali MI-SGA – mar 13

18 VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI CRITERIOLIVELLO AB Gravità Probabilità Economia Sensibilità del sito Rilevabilità INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI MI-SGA – mar 13

19 POLITICA AMBIENTALE Stabilire gli obiettivi generali di prevenzione dellinquinamento ambientale da conseguire e limpegno al loro raggiungimento Indica i valori essenziali le convinzioni dellazienda sulla prevenzione dellinquinamento. Serve a definire la direzione, i principi dazione e i risultati a cui tendere ed esprime limpegno del vertice aziendale nel promuovere al personale la conoscenza degli obiettivi, la consapevolezza dei risultati a cui tendere, laccettazione delle responsabilità e le motivazioni. Politica aziendale MI-SGA – mar 13

20 REQUISITI LEGALI ED ALTRI Il sistema deve stabilire le responsabilità e regole per assicurare linformazione tempestiva sulle disposizioni di legge e norme applicabili in tema di protezione ambientale, a livello locale, regionale, nazionale al fine di consentire una corretta pianificazione delle attività. ……..Pianificazione MI-SGA – mar 13

21 PIANIFICAZIONE La concretizzazione della politica passa attraverso un processo di pianificazione che porta alla formulazione di uno specifico piano nellambito del SGA. I requisiti chiave del processo di pianificazione da tener presente sono: Definizione degli obiettivi. Determinazione dei criteri di valutazione atti a dimostrare leffettivo raggiungimento degli obiettivi. Predisposizione di un piano per il raggiungimento di ciascun obiettivo, contenente le mete intermedie. Definizione delle risorse necessarie. Previsione delle modalità di verifica del raggiungimento dellobiettivo. MI-SGA – mar 13

22 OBIETTIVI LOrganizzazione deve stabilire gli obiettivi, ove possibile quantificati in termini di risorse e tempi, in tema di riduzione dellimpatto ambientale derivante dallesecuzione delle attività. MI-SGA – mar 13

23 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE Deve essere stabilito e diffuso un programma per il conseguimento degli obiettivi in tema di riduzione dellimpatto ambientale relativamente alle attività lavorative ordinarie e straordinarie, comprese le situazioni di emergenza. Il programma deve: - definire responsabilità e compiti necessari per il raggiungimento degli obiettivi. - indicare risorse, strumenti e scadenze previste. - dettagliare il programma generale di attuazione della politica di riduzione dellimpatto ambientale. Attuazione e controllo MI-SGA – mar 13

24 OBIETTIVO TRAGUARDOModalità di esecuzione Pianificazione (entro) Resp.Budget () Monitoraggio trimestrale IIIIII IV Attuazione di una gestione adeguata dei rifiuti (differenziazione rifiuti) Attuazione della differenziazione rifiuti del 60% in un anno. Utilizzo di raccoglitori specifici dei rifiuti per la raccolta differenziata Ottobre 2013RSGA500 Formazione e sensibilizzazione del personale Ottobre 2013RSGA500 Stipula di contratti con ditte specializzate nel trasporto e smaltimento rifiuti speciali Maggio 2013RSGA750 MI-SGA – mar 13

25 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Devono essere definiti: Ruoli e responsabilità Identificazione e necessità in materia di informazione del personale Coinvolgimento dei lavoratori Coinvolgimento degli appaltatori, subappaltatori, manutentori e prestatori dopera MI-SGA – mar 13

26 ORGANIGRAMMA AZIENDALE Amministratore unico Responsabile SGA/SGSL Resp ricevimento Resp. balneazione/ Resp.servizi piscine/sauna Resp. balneazione/ Resp.servizi piscine/sauna Resp. laboratorio bar Resp. trasporto Resp. man Resp. Approv/Comm bagnini cuoco cameriere/lavapiatti barman/mag MI-SGA – mar 13

27 FORMAZIONE –Le attività di formazione di tutto il personale devono essere pianificate sulla base delle capacità professionali e delle specifiche conoscenze necessarie a ciascuno per svolgere le mansioni assegnate. –La pianificazione delle attività di formazione deve tener conto anche del prevedibile sviluppo futuro delle attività aziendali e degli obiettivi ambientale e deve considerare le disposizioni di legge vigenti. MI-SGA – mar 13

28 COMUNICAZIONE La Direzione deve definire e attuare efficaci modalità di comunicazione su politiche, obiettivi, programmi e risultati, deve incoraggiare il ritorno di informazione in materia di salvagardia ambientale. Il personale deve essere: - consultato sulle questioni afferenti la gestione ambientale - informato su chi e in quale misura detiene responsabilità per la gestione ambientale - chi sono i soggetti che hanno incarichi specifici inerenti la gestione ambientale MI-SGA – mar 13

29 COMUNICAZIONE La Direzione deve garantire: Adeguata comunicazione interna per sviluppare la cooperazione fra tutti i livelli aziendali e per raccogliere e diffondere le informazioni (in modo orizzontale e verticale). Opportuna comunicazione esterna rivolta ai collaboratori esterni, fornitori, clienti, soggetti interessati, Enti locali. La diffusione della politica ambientale aziendale. MI-SGA – mar 13

30 CONTROLLO OPERATIVO Devono essere identificate le operazioni e le attività associate agli aspetti ambientali alle quali devono essere associate misure di controllo operativo. Devono essere pianificate le attività identificate, compresa la manutenzione o le modifiche a impianti, provvedendo a realizzare procedure necessarie ad assicurare lassenza di non conformità rispetto al SGA. MI-SGA – mar 13

31 PREPARAZIONE ALLE EMERGENZE E RISPOSTA Devono essere previste procedure per la gestione delle emergenze ambientali, degli infortuni e del primo soccorso. Tali procedure devono essere provate, ove applicabile. MI-SGA – mar 13

32 SORVEGLIANZA E MISURAZIONE Vengono previsti due livelli di monitoraggio: - Modalità e responsabilità del monitoraggio di raggiungimento degli obiettivi. - Monitoraggio sulla funzionalità del SGA (verifica ispettiva interna) al fine di stabilire se il sistema è conforme a quanto pianificato, è correttamente applicato, mantenuto attivo. MI-SGA – mar 13

33 SORVEGLIANZA E MISURAZIONE Variazione percentualeN° sacchi raccoltiTIPOLOGIA RIFIUTO MI-SGA – mar 13

34 VERIFICHE ISPETTIVE Esame sistematico e indipendente per determinare se le attività sono in accordo con le disposizioni pianificate e se queste disposizioni sono efficacemente realizzate e adatte allottenimento degli obiettivi, in accordo con quanto previsto dalla politica aziendale. Verifica audit e azioni correttive MI-SGA – mar 13

35 OBIETTIVI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE Valutare ladeguatezza e lefficacia del SGA di una organizzazione attraverso la raccolta e luso di prove oggettive. Identificare e registrare casi di non adeguamento rispetto alle disposizioni definite ed indicare le ragioni. MI-SGA – mar 13

36 VERIFICHE E AZIONI CORRETTIVE Devono essere definite le azioni correttive e preventive delle carenze, inadempienze o aree di miglioramento. Devono essere definite e documentate le azioni e le frequenze di ispezioni e controlli periodici da effettuare su strutture, apparecchi impianti critici per la sicurezza, compresa lorganizzazione. Deve essere stabilito e mantenuto attivo un programma e procedure atte a definire il processo periodico per lo svolgimento di audit del SGA, specificando le responsabilità e le modalità per la programmazione, la conduzione degli audit ed il riscontro dei risultati. MI-SGA – mar 13

37 RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Si dovrà prevedere un riesame o verifica periodica del SGA per verificarne la congruenza alla politica aziendale, il grado di attuazione, ladeguatezza e lefficacia. Il processo di riesame deve essere documentato e prevedere lacquisizione di tutte le informazioni necessarie al fine di garantire una corretta valutazione. Il riesame deve anche considerare lopportunità o necessità di cambiamenti della politica, degli obiettivi, delle procedure e di eventuali altri elementi del sistema. Riesame MI-SGA – mar 13

38 VERIFICHE ISPETTIVE Prima parte: compiuta da unorganizzazione, per i propri fini, su se stessa. Seconda parte: compiuta da unorganizzazione, per i propri fini, su unaltra organizzazione (informazioni sufficienti riguardo il SGA di un fornitore). Terza parte: compiuta da unOrganizzazione indipendente. È espletata da un Organismo di Certificazione accreditato di terza parte ed ha lobiettivo di certificare il SGA di unOrganizzazione. MI-SGA – mar 13

39 STADI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE ESTERNE Verifica Ispettiva Documentale. Viene accertata la conformità della Documentazione di sistema rispetto alla norma di riferimento. Verifica Ispettiva Preliminare. Effettuata presso lazienda per raccogliere tutte le informazioni compresa la verifica legislativa prima di procedere alla Verifica (di Certificazione) Iniziale. Verifica Ispettiva Iniziale. Attraverso interviste, osservazioni dirette e controllo delle registrazioni, si procede alla valutazione del sistema in attività in base ad un programma di verifica precedentemente concordato. Verrà controllata la conformità del sistema rispetto ai requisiti definiti dallo standard, dal manuale, dalle procedure. MI-SGA – mar 13

40 STADI DELLE VERIFICHE ISPETTIVE ESTERNE Verifiche periodiche. Almeno con cadenza annuale sono previste verifiche periodiche di sorveglianza, con lobiettivo di verificare il mantenimento del livello di conformità raggiunto ed individuare spunti di miglioramento. Rinnovo della Certificazione. Con cadenza triennale sono previste verifiche periodiche di riesame. MI-SGA – mar 13

41 REQUISITI DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Appropriata rispetto allOrganizzazione. Individuazione e valutazione degli aspetti ambientali e dei relativi aspetti legali. Obiettivi, finalità e programmi che assicurino il continuo miglioramento delle prestazioni ambientali. Attività di gestione per il controllo degli aspetti ambientali Monitoraggio delle performance ambientali. Riesame, valutazione e miglioramento del sistema Verifica delle attività Miglioramento contnuo. Politica aziendale Valutazione, pianificazione Attuazione e controllo Verifica audit e azioni correttive Riesame Descrizione aziendale Descrizione delle attività dellOrganizzaizone e della sensibilità del sito. MI-SGA – mar 13

42 VANTAGGI – migliorare le prestazioni delle attività relative alla riduzione dellimpatt o ambientale derivante dallesecuzione delle attività – ridurre e/o tenere sotto controllo gli aspetti ambientali, i rischi associati alle attività – migliorare la produttività individuale – migliorare i rapporti con le autorità – migliorare le prestazioni economiche (ridurre i costi) – prevenzione dei danni ambientali – diminuzione dei costi assicurativi – migliorare i rapporti con gli Organi di Controllo – aiutare lazienda a far crescere unimmagine responsabile sul mercato MI-SGA – mar 13

43 AZIENDE CERTIFICATE ISO dati ACCREDIA aggiornati al 2013 ITALIA NORMA CAMPANIA UNI EN ISO 14001: MI-SGA – mar 13

44 Lombardia 2876 Emilia Romagna 1847 Sicilia768 Toscana 1232 AZIENDE CERTIFICATE ISO dati ACCREDIA aggiornati al 2013 MI-SGA – mar 13

45 Che cosa è l UNI un'associazione privata senza scopo di lucro, i cui soci, oltre 7000, sono imprese, liberi professionisti, associazioni, istituti scientifici e scolastici, realtà della Pubblica Amministrazione. Svolge attività normativa in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario ad esclusione di quello elettrico ed elettrotecnico di competenza del CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano. ENTE NAZIONALE ITALIANO DI UNIFICAZIONE MI-SGA – mar 13

46 CERTIFICAZIONE UNI EN ISO studiata per aiutare le aziende a formulare gli obiettivi e le politiche tenendo conto delle prescrizioni legislative e delle informazioni riguardanti gli impatti ambientali significativi. MI-SGA – mar 13


Scaricare ppt "NORME/REGOLAMENTI UNI EN ISO 14001:2004 Regolamento 1221/09 (EMAS) Regolamento 66/10 (ECOLABEL) MI-SGA –mar 13."

Presentazioni simili


Annunci Google