La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN ALTRO MODO EPOSSIBILE per salvaguardare e riqualificare il territorio Affinchè non sia più terra di conquista Napoli, 3 luglio 2009 Doriana Sarli :

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN ALTRO MODO EPOSSIBILE per salvaguardare e riqualificare il territorio Affinchè non sia più terra di conquista Napoli, 3 luglio 2009 Doriana Sarli :"— Transcript della presentazione:

1 UN ALTRO MODO EPOSSIBILE per salvaguardare e riqualificare il territorio Affinchè non sia più terra di conquista Napoli, 3 luglio 2009 Doriana Sarli : UN ALTRO MODO E POSSIBILE

2 E NECESSARIO RECUPERARE LE BIODIVERSITA, E BASARE LE SCELTE STRATEGICHE SULL AGRO ALIMENTARE E LA BIO ECONOMIA. INTEGRARE TERRITORIO E SVILUPPO AL FINE DI RECUPERARE E SALVAGUARDARE I BENI TERRITORIALI E LE RISORSE CON SCELTE CONFORMI ALLE CARATTERISTICHE TIPICHE E ALLE PREDISPOSIZIONI DEL TERRITORIO

3 DALLEMERGENZA UNOPPORTUNITA I CITTADINI INSIEME PER LA DIFESA DEI BENI COMUNI IN TUTTA LA REGIONE

4 Boscofangone (Marigliano) San Tammaro Santa Maria la Fossa Inceneritore Ferrandelle Lo Uttaro e Mastroianni (Caserta) Acerra Inceneritore Giugliano Taverna del Re Discariche di balle: Villa Literno, Giugliano, Caivano, Marcianise, e Capua. Discariche di rifiuti realizzate e previste Inceneritori previsti Discariche abusive di rifiuti tossici (da indagini della magistratura) Area interessata dallaccumulo di rifiuti tossici indicata in Gomorra Area Protetta Acerra Inceneritore Da Prof. Franco Ortolani

5 La L.123/08 11 discariche e 5 inceneritori Si perpetua la volontà Della non soluzione

6 L incenerimento non è una Soluzione Sostenibile

7 Gli impianti di incenerimento rientrano fra le industrie insalubri di classe I in base allarticolo 216 del testo unico delle Leggi sanitarie (G.U. n. 220 del 20/09/1994, s.o.n.129) e, qualunque sia la tipologia adottata (a griglia, a letto fluido, a tamburo rotante) e, qualunque sia il materiale destinato alla combustione (rifiuti urbani, tossici, ospedalieri, industriali, ecc) danno origine a diverse migliaia di sostanze inquinanti, di cui solo approssimativamente il 10-20% è conosciuto. La formazione di tali inquinanti dipende, oltre che dal materiale combusto, dalla mescolanza assolutamente casuale delle sostanze nei forni, dalle temperature di combustione e soprattutto dalle variazioni delle temperature stesse che si realizzano nei diversi comparti degli impianti, come è stato descritto anche recentemente Cormier SA et al - Origin and health impacts of emissions of toxic by-products and fine particles from combustion and thermal treatment of hazardous wastes and material – Environ Health Perspec (2006) vol 114(6): ACID GASES: HCI, HF, SO 2, NO x TOXIC METALS: Pb, Cd, Hg, As, Cr etc NEWCOMPOUNDS:PCBs PCDDs (DIOXINS) PCDFs (FURANS PCDFs (FURANS) CHLORINATED BENZENES, PHENOLS, NAPTHALENES etc… etc… etc… (ULTRA) FINE PARTICULATE MODERN ARCHITECTS DO THEIR BEST TO DISGUISE SMOKE STACK P. Connet 3-(4) TONS TRASH 1 TON ++TOXIC ASH 10% FLY ASH 90% BOTTOM ASH +Discariche ++ tossiche 1 3 2

8 3) Cormier S.A., Lomnicki S., Backes W., Dellinger B.: Origin and health impacts of emissions of toxic by-products and fine particles from combustion and thermal treatment of hazardous wastes and materials. Environ. Health Perspect., n. 114(6), pp , ) Tarchi P., Morandini S.: Emergenza rifiuti. Editrice Missionaria Italiana, Bologna, 2007, p. 121

9 Chlorinated hydrocarbons Brominated/chlorinated dioxins and furans Polycyclic aromatic hydrocarbons Catalytic oxidizers

10

11 La Gestione delle Ceneri Tossiche La Germania e la Svizzera mettono le ceneri volatili dentro sacchetti di nylon messi in miniere di sale In Giappone alcuni inceneritori vetrificano le ceneri In Danimarca… le spediscono tutte in Norvegia Italia ????

12 Le ceneri trattenute dai filtri dell inceneritore di Vienna finiscono nella discarica di Rautenweg, che Greenpeace classifica tra i siti più inquinati dalle diossine. UNA BOMBA ECOLOGICA I Carabinieri del NOE di Lecce hanno effettuato il sequestro del sistema di monitoraggio e controllo per le emissioni in atmosfera dellinceneritore di Brindisi gestito dalla Veolia; La notizia che a Brescia - che " vanta" il più grande inceneritore d Europa – il latte di alcuni allevamenti eccede le quantità ammesse in diossine e pcb e che a Mantova il pool di esperti che da anni indaga sulla presenza di diossine reputa credibile l associazione di queste sostanze con l eccesso di sarcomi che si è registrato in quel territorio, non può più lasciarci indifferenti.!! TROPPA DIOSSINA NEGLI ANIMALI VICINI ALLICENERITORE DI MONTALE

13 Adottare il principio di precauzione e quello di responsabilità significa anche accettare il dovere di informareaccettare il dovere di informare impedire l'occultamento di informazioni su possibili rischi per la saluteimpedire l'occultamento di informazioni su possibili rischi per la salute evitare che si continui a considerare l'intera specie umana come un insieme di cavie sulle quali saggiare tutto quanto è capace di inventare il progresso tecnologico (Lorenzo Tomatis)evitare che si continui a considerare l'intera specie umana come un insieme di cavie sulle quali saggiare tutto quanto è capace di inventare il progresso tecnologico (Lorenzo Tomatis)

14 In questo piano si afferma che gli impianti di incenerimento e termovalorizzazione, quale quello che entrerà in funzione ad Acerra, sono costruiti secondo le moderne tecnologie e non rappresentano un rischio aggiuntivo per la salute delle popolazioni residenti nelle aree circostanti … Il loro impatto ambientale è infatti paragonabile a quello conseguente a normali situazioni di traffico urbano…

15 Dai documenti ufficiali Europei ( dati dell' inventario della Commissione Europea) rapporto finale del , III volume, pag 69) risulta che gli impianti di incenerimento in Italia producono 295,5 gr/anno di diossine in tossicità equivalente (TE) di cui 170,6 gr/anno dal solo incenerimento di rifiuti urbani. E l'inquinamento dal traffico 5,1 gr/anno. Trenta milioni di autovetture, senza tener conto degli altri autoveicoli, non producevano insomma che l'1,1% della diossina che vomitavano gli (allora pochissimi) inceneritori.

16 ORDINANZE DEL 6 E DEL 18 MARZO 2009 Ma davvero, come affermò Berlusconi ad Acerra, un termovalorizzatore può inquinare "solo come tre automobili di media cilindrata? Pio Russo Krauss - responsabile del settore Educazione sanitaria e ambientale Asl Napoli 1 ha fatto, due controlli incrociati. Scoprendo una verità imbarazzante quanto lapalissiana. E cioè che un inceneritore, naturalmente, inquina, e non poco. Affermazione supportata da una serie di cifre dallo stesso Krauss in una lettera inviata al sito iustitia.it. Quanto inquina allora il termovalorizzatore acerrano? Almeno, scrive il medico, come auto per quanto riguarda la Co2, come auto per quanto riguarda gli ossidi di azoto, come auto per quanto riguarda le polveri e come 562 per quanto riguarda il monossido di carbonio.

17 COSTI Un inceneritore costa almeno 300 milioni di euro IN Campania 5 inceneritori beneficerebbero di quasi 600mila euro al giorno di contributi statali Chi appalta quindi: –costruisce con soldi pubblici (300Ml x 5) –guadagna con contributi statali (600 mila al giorno) –produce sostanze nocive per lambiente

18 RECUPERO DELLA MATERIA Atto etico necessario Le risorse, anche rinnovabili, in esaurimento.

19 Recupero di Energia: Riciclaggio contro incenerimento (ICF consulting, 2005) 10.9 X altre plastiche 26.4 X PET 4.2 X Carta mista Energia in più recuperata con il riciclaggio confrontata con lincenerimento Energia prodotta con lincenerimento producendo energia elettrica Energia salvata con il riciclaggo materiali GigaJoules/t

20 L incenerimento E uno spreco di denaro pubblico E uno spreco di preziose risorse materiali E uno spreco di energia E una perdita di unopportunita di combattere il riscaldamento globale del pianeta Gli inceneritori producono ceneri tossiche Gli inceneritori producono emissioni tossiche nellatmosfera Esistono alternative

21 Un altro modo è possibile Doriana Sarli

22 NO ciclo integrato dei rifiuti –riuso –Riciclo –recupero energetico SI FILIERA DEI MATERIALI –Recupero dellumido –Recupero del multimateriale –Recupero dellindifferenziato

23 Rifiuti Zero Riduzione Alla Fonte e Raccolta Differenziata riduzione dei consumi riduzione degli imballaggi vietare il monouso vuoto a rendere prodotti alla spina mense scolastiche( cestino da casa) rivalutare lacqua del rubinetto, luso del pannolino non usa e getta.

24 NO Riduzione dei consumi; Riduzione degli imballaggi; vietare il monouso incentivare il vuoto a rendere; i prodotti alla spina Rivalutare lacqua del rubinetto; incentivare luso del pannolino non usa e getta

25 Rifiuti Zero Incremento della Raccolta Differenziata –Al 65% nel 2010, –RIFIUTI ZERO nel 2020 lestensione, a tutto il territorio regionale, della raccolta domiciliare detta PAP (porta a porta) recupero della frazione organica

26 Rifiuti Zero Recupero Della Dotazione Impiantistica Della Campania. Sufficiente a traghettare la Regione fuori dallemergenza rifiuti e disporla velocemente sullobiettivo R.Z. Molti dei problemi allorigine dellemergenza rifiuti derivano da incompetenza tecnica e gestione volutamentescorretta dellimpiantistica esistente.

27 Impianti già presenti in Campania 11 impianti di compostaggio Rotovagliatori mobili mai utilizzati Impianti mobili di stabilizzazione della frazione organica Sette impianti cosiddetti ex CDR

28 IL PIANO GOVERNATIVO PREVEDE DI SMANTELLARLI Perché intanto intende bruciare il tal quale LA REGIONE LI VUOLE RIPRISTINARE PER FARNE BUON C.D.R. DA BRUCIARE …ANCHE NEI CEMENTIFICI…ma i cementifici risultano però… industrie insalubri di prima classe

29 SONO IMPIANTI COSTATI OLTRE 270 MILIONI DI EURO DA FONDI STRUTTURALI UE SPESSO IL DANNO NON DIPENDE DALLO STRUMENTO… MA DA COME LO SI USA… Sono stati una tragedia per la Regione… potrebbero essere parte della SOLUZIONE

30 7 impianti oggi meri compattatori domani 7 impianti di TM recupero di materiale fino al 99% Inutili le 11 discariche e i 5inceneritori previsti dal governo. Scelta buona economicamente e socialmente per amministrazioni,imprese locali e cittadini Più occupazione minor impatto ambientale

31 CONFRONTO ECONOMICO E COMPARAZIONE DEL SISTEMA DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI "A FREDDO" ED "A CALDO I tempi di realizzazione variano da 6 mesi per un Centro di Riciclo a 4-5 anni per un inceneritore. Il primo Impiega un decimo delle risorse per la costruzione (ed un decimo del tempo per entrare in esercizio ( 125 euro/T – euro/T) Il costo di conferimento in discarica viene azzerato Il costo di conferimento in discarica viene azzerato, liberando ingenti risorse pubbliche. Sviluppa unoccupazione locale decuplicata rispetto alla tecnologia a caldo Evita costi oggi incalcolabili a carico della collettività in merito ai costi di bonifica ambientale ed ai costi per il servizio sanitario nazionale dovuti a cure e ricoveri per allergie, malattie croniche e costosi trattamenti tumorali. ( V.I.A.)

32 Nella nostra specifica situazione lo sbilancio economico tra il Piano governativo e la proposta è gravato dal fatto indiscutibile che i sette impianti sono già presenti sul territorio. Ed il loro revamping, compresa la realizzazione della linea di estrusione, necessiterebbe di non oltre 3 milioni di euro/ linea Quattro dei cinque inceneritori sono ancora da localizzare, individuare larea provvedere agli studi geologici alle progettazione ai bandi alle VIA., alle gare dappalto e quantaltro. Costano in media 300.milioni di euro luno Le discariche sono strutture costosissime da tutti i punti di vista e di lunga realizzazione che continuamente causano problemi strutturali e di gestione senza considerare lo scempio ambientale ed il disagio sulla popolazione locale Lallestimento della sola discarica di SantArcangelo è costata circa 32 milioni di euro (oltre euro per palo per 750 nuovi pali di contenimento, che non si erano considerati in progetto) ; così come la discarica di Chiaiano, che è costata fino ad ora oltre 50 milioni di euro, comprese le compensazioni, senza considerare il costo dellesercito. Altri quattro inceneritori, oltre quello di Acerra che è costato 500 milioni di euro, costerebbero circa 1 miliardo e duecento milioni di euro

33 . Questa soluzione può incontrare realisticamente linteresse di tutte le componenti: le amministrazioni locali, perché utilizzano impianti che hanno già una localizzazione definita; le imprese esistenti e quelle che potranno nascere che avranno interesse a operare sulla filiera del recupero sia nelle fasi iniziali della selezione e nobilitazione sia in quelle a valle dellutilizzo dei materiali riciclati; le associazioni e i comitati costituiti per difendere il territorio dallinquinamento operato da sversamenti devastanti di rifiuti indifferenziati.

34 La massimizzazione del recupero da materia dai rifiuti urbani è, a nostro avviso, la strada obbligata per uniformarsi agli indirizzi in vigore nei principali paesi europei e al decreto Ronchi che prevede lutilizzo della miglior tecnologia a tutela del territorio e allultima direttiva EU 99/2008 che stabilisce lobbligo di scegliere tra 2 soluzioni di impianti di smaltimento rifiuti quello che abbia un minor impatto ambientale e che sia meno dannoso per la salute.

35 Per alimentare inceneritori e cementifici previsti in Campania non basterebbe la produzione regionale rifiuto urbano tal quale (no differenziata) 8 milioni di tonnellate di eco-balle della Fibe- Impregilo. Rifiuti povenienti da fuori Regione

36 CHIEDIAMO la fine della gestione commissariale il passaggio in tempi stretti alle Amministrazioni locali e a nuovi soggetti da queste delegate.

37 Siamo avvelenati più di una regione industrializzata A danno della nostra economia basata sul turismo e produzione agro alimentare

38 MAI PIUDELEGHE come sancito dalla convenzione di Aahrus eserciteremo il nostro diritto alla partecipazione

39 Albert Einstein solo coloro che sono così folli da pensare di cambiare il mondo CI RIESCONO

40 Grazie per lattenzione Doriana Sarli Un altro modo è possibile


Scaricare ppt "UN ALTRO MODO EPOSSIBILE per salvaguardare e riqualificare il territorio Affinchè non sia più terra di conquista Napoli, 3 luglio 2009 Doriana Sarli :"

Presentazioni simili


Annunci Google