La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIAGNOSI DI EMBOLIA POLMONARE R. LANDOLFI ISTITUTO DI MEDICINA INTERNA E GERIATRIA UNIVERSITA CATTOLICA, ROMA V CORSO EDUCAZIONALE SISET LIVORNO 27-3-2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIAGNOSI DI EMBOLIA POLMONARE R. LANDOLFI ISTITUTO DI MEDICINA INTERNA E GERIATRIA UNIVERSITA CATTOLICA, ROMA V CORSO EDUCAZIONALE SISET LIVORNO 27-3-2004."— Transcript della presentazione:

1 DIAGNOSI DI EMBOLIA POLMONARE R. LANDOLFI ISTITUTO DI MEDICINA INTERNA E GERIATRIA UNIVERSITA CATTOLICA, ROMA V CORSO EDUCAZIONALE SISET LIVORNO

2 TEV: una stretta relazione tra TVP ed EP Circa il 50% dei pazienti con TVP prossimale degli arti inferiori presenta unEP asintomatica Una TVP, spesso asintomatica, è presente in circa l80% dei pazienti con EP Migrazione Trombosi Embolizzazione

3 1.Gillum RF. Am Heart J. 1987;114(5):1262– Anderson FA Jr, et al. Arch Intern Med.1991;151(5):933–938 3.Silverstein MD, et al. Arch Intern Med. 1998;158(6):585–593 4.NIH Consensus Development. JAMA Aug 8;256(6):744–749 5.Giuntini C, et al. Chest Jan;107(Suppl 1):3–9S Trombosi venosa profonda (TVP) isolata Embolia polmonare (EP) con o senza TVP Incidenza annua (dati USA) 69/ / Incidenza di TEV < <

4 Incidenza di EP Fino a 4 volte più frequente nei pazienti ospedalizzati rispetto alla popolazione generale (1-3) Incidenza annua di EP in reparti ospedalieri specialistici (1) (% ricoveri ospedalieri) Anni Stein PD, et al. Chest. 1999;116(4):909– Anderson FA Jr, et al. Arch Intern Med. 1991;151(5):933– Silverstein MD et al. Arch Intern Med. 1998;158(6):585–593

5 Esordio clinico Diagnosi EP asintomatica EP

6 AGENDA LA SINTOMATOLOGIA CLINICA DI EP DIAGNOSI DIFFERENZIALE E TEST DI I LIVELLO I CASI URGENTI LA CONFERMA DELLA DIAGNOSI ALGORITMO DIAGNOSTICO

7 EP: SINTOMI CLINICI IN 2454 PAZIENTI * DISPNEA92% FR>20/MIN 60% FC>100/MIN40% DOLORE TORACICO49% TOSSE20% SINCOPE14% EMOFTOE 7% * DA : INTERNATIONAL COOPERATIVE PULMONARY EMBOLISM REGISTRY (LANCET 353:1386, 1999)*

8 DIAGNOSI DIFFERENZIALE IMA POLMONITE SCOMPENSO CARDIACO IPERTENSIONE POLMONARE PRIMITIVA ASMA PERICARDITE MASSA ENDOTORACICA FRATTURA COSTALE OSTEOCONDRITE DOLORE MUSCOLARE ANSIA

9 TEST DI I LIVELLOTE ECG PaO2 Rx TORACE D-DIMERO

10 ECG: segni di sovraccarico dx BBDX ZONA DI TRANSIZIONE IN V5 S IN I E Avl > 1.5 mm Q S IN III E aV F MA NON IN II ASSE > 90° O NON DETERMINABILE BASSI VOLTAGGI PERIFERICI INVERSIONE T IN III E aV F O IN V 1 -V 4

11 EMBOLIA POLMONARE: EFFETTI EMODINAMICI DIFETTO PERFUSIONALE PRESSIONE ARTERIOSA DISF VENT DX >50%SHOCKPRESENTE 30-50%PA NORMALEPRESENTE <30%PA NORMALERARA-ASSENTE

12 RX TORACE ESCLUSIONE DI ALTRE PATOLOGIE SEGNI INDIRETTI DI EP

13 RX torace: segni diagnostici ingrandimento ilare sollevamento emidiaframma oligoemia versamento pleurico strie di atelettasia opacità parenchimale

14

15 D-DIMERO E DIAGNOSI DI EP ALTA SENSIBILITA DIAGNOSTICA BASSA SPECIFICITA, SOPRATTUTTO NELLA POPOLAZIONE OSPEDALIERA NORMALI LIVELLI PLASMATICI PERMETTONO DI ESCLUDERE LA DIAGNOSI NEI SOGGETTI CON PROBABILITA CLINICA BASSA O INTERMEDIA

16 202 con EP sospetta D-dimero + probabilita clinica Esclusione EP (d-dimero normale + probabilità bassa o int.) Scintigrafia/angiografia e/o ecografia EP 59 pz Norm. 79 pz Leclercq et al Thromb Haemost :97

17 VISUALIZZAZIONE DIRETTA EP Angiografia polmonare Scintigrafia perfusionale Scintigrafia ventilatoria (?) Angio TC Angio RM

18

19

20 ANT O P DX LAT DX POST O P SINLAT SIN

21 ANT POST O P DX O P SIN LAT DXLAT SIN

22 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI NELLEMBOLIA POLMONARE TC ANGIOGRAFIA SPIRALE POLMONARE TC STUDIO VENOSO SPIRALE (v.cava, v. iliache, v.femorali- poplitee) Esame facilmente eseguibile anche nel paziente dispnoico e sofferente, tecnologia in rapida evoluzione

23 SOSPETTO CLINICO VALUTAZIONE PROBABILITA TEST DI I LIVELLO SOSPETTA DISFUNZIONE DIAGNOSI INCERTA VENTRICOLARE DXE ESCLUSIONE EP O DIAGNOSI ALTERNATIVAE ANGIO-TC O ANGIO-RME ECOCARDIOGRAMMA

24 Esame diretto con HRCT : spessore di strato :1mm intervallo tra gli strati :10 mm Esame contrastografico : spessore di strato : 3 mm avanzamento : 5 mm intervallo di ricostruzione: 2.5 mm mdc : ml (iodio al 30%) velocità iniezione : 4-5 ml/sec ritardo acquisizione : sec Protocollo di studio mediante TC

25 SISET 2003

26

27

28

29

30

31 Diagnosis of acute pulmonary embolism in outpatient: comparison of multi slice angio CT and V/P scintigraphy Coche et al Radiology 2003 Dec. 229:757-65

32 94 pazienti con sospetta EP CT V/P scan Valutazione risultati Angiografia in 12 casi discordanti o dubbi

33 96% (27/28) 86% (24/24) 98% (65/66)* 88% (58/66) CT SCINTIGRAPHY SENSITIVITY SPECIFICITY *Alternative diagnosis in 19 of 66 patients

34 Normal or Low Intermediate High Total Comparison of diagnostic performance of V-P scan and Multi-slice CT in patients with proven EP Probability of PE at V-P scintigraphy Presence of PE at CT Negative Indeterminate Positive Total

35 Normal or Low Intermediate High Total Comparison of diagnostic performance of V-P scan and Multi-slice CT in patients without EP Probability of PE at V-P scintigraphy Presence of PE at CT Negative Indeterminate Positive Total

36

37 CONCLUSIONI IL SOSPETTO CLINICO, LA VALUTAZIONE DELLA PROBABILITA CLINICA E LA ESCLUSIONE DI ALTRE PATOLOGIE SONO ELEMENTI CRITICI NELLA DIAGNOSI DI EP NORMALI LIVELLI DI D-DIMERO CONSENTONO DI ESCLUDERE LA DIAGNOSI NEI SOGGETTI CON PROBABILITA CLINICA BASSA O INTERMEDIA LA VISUALIZZAZIONE DIRETTA DELLA EP E NECESSARIA NEGLI ALTRI CASI E, A QUESTO FINE, LA MULTI-SLICE ANGIO-TC SEMBRA ESSERE LESAME DI PRIMA SCELTA


Scaricare ppt "DIAGNOSI DI EMBOLIA POLMONARE R. LANDOLFI ISTITUTO DI MEDICINA INTERNA E GERIATRIA UNIVERSITA CATTOLICA, ROMA V CORSO EDUCAZIONALE SISET LIVORNO 27-3-2004."

Presentazioni simili


Annunci Google