La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STAGES E ORIENTAMENTO IN USCITA. COSA FARE DOPO IL DIPLOMA ? LE TRE STRADE SONO: 1. CONTINUARE GLI STUDI ALLUNIVERSITA 2. SEGUIRE UN CORSO POST DIPLOMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STAGES E ORIENTAMENTO IN USCITA. COSA FARE DOPO IL DIPLOMA ? LE TRE STRADE SONO: 1. CONTINUARE GLI STUDI ALLUNIVERSITA 2. SEGUIRE UN CORSO POST DIPLOMA."— Transcript della presentazione:

1 STAGES E ORIENTAMENTO IN USCITA

2 COSA FARE DOPO IL DIPLOMA ? LE TRE STRADE SONO: 1. CONTINUARE GLI STUDI ALLUNIVERSITA 2. SEGUIRE UN CORSO POST DIPLOMA 3. ENTRARE NEL MONDO DEL LAVORO

3 IL MATERIALE CHE ARRIVA A SCUOLA VIENE ESPOSTO NELLA BACHECA INFORMAZIONI SULLORIENTAMENTO (VICINO ALLAULA 2) BACHECA INFORMAZIONI

4 POSTER MURALI

5 1.1 UNIVERSITA PUBBLICHE: AFFISSIONE MANIFESTI E LOCANDINE; APRILE 2011: INCONTRO CON IL PROF. CASONI (FACOLTA DI INGEGNERIA DELLUNIVERSITA DI MODENA E REGGIO) (su prenotazione) 1.2 UNIVERSITA E SCUOLE PRIVATE: AFFISSIONE DEI POSTER E DELLE LOCANDINE NELLATRIO DELLA SCUOLA UNIVERSITA

6 OGNI ANNO VENGONO ORGANIZZATI NUMEROSI CORSI DA ENTI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE, TRA I QUALI CITIAMO: IAL CARPI FORMAZIONE AECA CDR (CITTA DEI RAGAZZI) ecc… BISOGNA CONSULTARE I LORO SITI INTERNET PER VISIONARE I BANDI E LE SCADENZE. CORSI POST DIPLOMA

7 CONOSCERE LA REALTA DEL NOSTRO TERRITORIO (PROVINCE DI MODENA, REGGIO, MANTOVA) DAL PUNTO DI VISTA DELLE IMPRESE CHE VI OPERANO: TESTIMONIANZE DI ESPERTI OGGI: INCONTRO CON UNIONE INDUSTRIALI DI MODENA MONDO DEL LAVORO

8 IL NOSTRO TERRITORIO

9 CHIAMATI ANCHE TIROCINI ORIENTATIVI, SONO SEMPRE PIU FREQUENTI NEI PERCORSI SCOLASTICI NEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI SONO OBBLIGATORI NEGLI ISTITUTI TECNICI E NEI LICEI POSSONO ESSERE PROGRAMMATI DAL COLLEGIO DOCENTI STAGES AZIENDALI

10 Legge 24 giugno 1997, n. 196 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento. Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276, art. 60 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30. (Legge Biagi). Tirocini estivi di orientamento. Circolare esplicativa n. 32 del 30 Luglio 2004 Circolare in materia di tirocini estivi di orientamento di cui all'articolo 60 del decreto legislativo n. 276 del Riferimenti normativi:

11 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Art Finalità 1. Al Fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell'ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta dei mondo del lavoro, sono promossi tirocini formativi e di orientamento a favore di soggetti che abbiano già assolto l'obbligo scolastico ai sensi della legge 31 dicembre 1962, n Riferimenti normativi:

12 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Art Garanzie assicurative 1. I soggetti promotori sono tenuti ad assicurare i tirocinanti contro gli infortuni sul lavoro presso l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), nonché presso idonea compagnia assicuratrice per la responsabilità civile verso terzi. Le coperture assicurative devono riguardare anche le attività eventualmente svolte dal tirocinante al di fuori dell'azienda e rientranti nel progetto formativo e di orientamento. Riferimenti normativi:

13 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Art Tutorato e modalità esecutive 1. I soggetti promotori garantiscono la presenza di un tutore come responsabile didattico- organizzativo delle attività; i soggetti che ospitano i tirocinanti indicano il responsabile aziendale dell'inserimento dei tirocinanti cui fare riferimento. Riferimenti normativi:

14 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Art Valore dei corsi 1. Le attività svolte nel corso dei tirocini di formazione e orientamento, possono avere valore di credito formativo e, ove debitamente certificato dalle strutture promotrici, possono essere riportate nel curriculum dello studente o del lavoratore ai fini dell'erogazione da parte delle strutture pubbliche dei servizi per favorire l'incontro tra domanda ed offerta di lavoro. Riferimenti normativi:

15 Decreto legge 25 marzo 1998, n. 142: Art Durata 1. I tirocini formativi e di orientamento hanno durata massima: a. non superiore a quattro mesi nel caso in cui i soggetti beneficiari siano studenti che frequentano la scuola secondaria; c. non superiore a sei mesi nel caso in cui i soggetti beneficiari siano, allievi, degli istituti professionali di Stato, di corsi di formazione professionale, studenti frequentanti attività formative post-diploma, o post- laurea, anche nei diciotto mesi successivi al completamento della formazione; Riferimenti normativi:

16 Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276, art. 60 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30. (Legge Biagi). Art. 60. Tirocini estivi di orientamento 1. Si definiscono tirocini estivi di orientamento i tirocini promossi durante le vacanze estive a favore di un adolescente o di un giovane, regolarmente iscritto a un ciclo di studi presso l'universita' o un istituto scolastico di ogni ordine e grado, con fini orientativi e di addestramento pratico. Riferimenti normativi:

17 Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276, art. 60 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30. (Legge Biagi). 2 Il tirocinio estivo di orientamento ha una durata non superiore a tre mesi e si svolge nel periodo compreso tra la fine dell'anno accademico e scolastico e l'inizio di quello successivo. Tale durata e' quella massima in caso di pluralita' di tirocini. 3. Eventuali borse lavoro erogate a favore del tirocinante non possono superare l'importo massimo mensile di 600 euro. Riferimenti normativi:

18 A cosa serve uno stage ? OBIETTIVI TRASVERSALI: sono quelli generali, valgono un po per tutti OBIETTIVI PROFESSIONALI: legati alla specializzazione ed al ruolo ricoperto in azienda

19 A cosa serve uno stage ? Relazionarsi con le persone dellazienda in modo corretto

20 A cosa serve uno stage ? Rispettare in modo puntuale lorario di lavoro

21 A cosa serve uno stage ? Portare a termine i compiti assegnati senza dovere essere sollecitato

22 A cosa serve uno stage ? Utilizzare un linguaggio tecnico appropriato

23 A cosa serve uno stage ? Imparare a lavorare in team

24 A cosa serve uno stage ? Utilizzare gli strumenti di lavoro rispettando le istruzioni ricevute

25 A cosa serve uno stage ? Attenersi alle norme di sicurezza

26 A cosa serve uno stage ? Obiettivi specifici: DIVERSI DA CASO A CASO

27 Prima dello stage: LA SCUOLA: Stipula convenzione azienda-scuola LO STAGISTA: Presentarsi/prendere contatti con lazienda una settimana prima dellinizio.

28 Convenzione/1 CONVENZIONE STAGE - Vista la normativa nazionale in materia di stages e tirocinio aziendale degli studenti delle istituzioni scolastiche pubbliche (dl 25 marzo 1998, n. 142: Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento). - Preso atto che la Ditta sopra indicata ha dichiarato la propria disponibilità alleffettuazione dello stage; tra lI.T.I.S. Leonardo da Vinci nella persona del Dirigente scolastico prof. G. Cotroneo e la Ditta, qui rappresentata dal sig.: …………………….……….……………………………… SI STABILISCE DI STIPULARE LA SEGUENTE CONVENZIONE: 1) Lallievo/gli allievi indicati a tergo e gli insegnanti tutor hanno la possibilità di frequentare lo stabilimento sede dello stage per fare esperienze cognitive del mondo del lavoro (compreso luso di eventuali apparecchiature) non retribuite; 2) La finalità dello stage è di agevolare la futura scelta professionale degli allievi, mediante la conoscenza diretta delle tecnologie, della organizzazione aziendale, nonché, la visualizzazione dei processi produttivi e delle fasi di lavoro; 3) Il periodo dello stage e gli orari da osservarsi da parte degli allievi sono definiti di comune accordo tra le parti interessate, in relazione agli obiettivi didattici previsti e nel rispetto delle normative e delle leggi vigenti; 4) Durante leffettuazione dello stage gli allievi saranno seguiti da tecnici dellazienda che illustreranno le varie fasi dellattività produttiva, sia a livello teorico che a livello pratico;

29 Convenzione/2 5) Gli allievi dovranno comportarsi in modo tale da non procurare intralcio allattività lavorativa ed uniformare i propri comportamenti nel rispetto delle regole di corretta e civile convivenza e di quelle vigenti per la comunità aziendale; gli allievi sono tenuti alla segretezza a tutela del know how aziendale. 6) Lo svolgimento dello stage non comporta alcun impegno contrattuale presente o futuro tra lallievo e la ditta, che non è tenuta alla corresponsione di qualsiasi forma retributiva agli allievi; 7) LI.T.I.S. Leonardo da Vinci provvede a raccogliere le dichiarazioni di assenso degli allievi (o del genitore in caso di allievi minorenni) rispetto alle condizioni di svolgimento dello stage concordate con la presente convenzione; 8) LI.T.I.S. Leonardo da Vinci comunica di avere in essere la posizione assicurativa presso lINAIL per la copertura del rischio di infortuni sul lavoro ( anche in assenza di effettivo versamento contributivo), e di avere inoltre stipulato una polizza assicurativa con una primaria compagnia nazionale (compagnia e massimali comunicabili a richiesta); 9) Per eventuali danni a persone o cose procurati dagli allievi durante lo svolgimento dello stage, lI.T.I.S. Leonardo da Vinci ha provveduto a stipulare apposita polizza assicurativa con una primaria compagnia nazionale (compagnia e massimali comunicabili a richiesta). 10) La presente convenzione può essere revocata prima della conclusione del periodo di stage qualora vengano a decadere le condizioni che le hanno dato origine. __________, lì ______________ Il Rappresentante Delegato Il Dirigente Scolastico ITIS Leonardo Da Vinci dallAzienda. (prof. G. Cotroneo) ________________________________ ______________________________________ (timbro Azienda)

30 Patto formativo/1 Il sottoscritto………. DICHIARA di esser a conoscenza che le attività che andrà a svolgere nellimpresa assegnata costituiscono parte integrante del proprio ciclo formativo; di essere a conoscenza che la partecipazione allo Stage in Azienda non comporta alcun legame diretto tra il sottoscritto e lAzienda in questione e che ogni rapporto con lAzienda stessa cesserà al termine dello stage di accettare, per tutta la durata dello stage, le norme comportamentali previste dal C.C.N.L., di osservare gli orari, i regolamenti interni e le norme antinfortunistiche dellAzienda assegnata; di essere a conoscenza che, nel caso si dovessero verificare episodi di particolare gravità, in accordo con lAzienda si procederà in qualsiasi momento alla sospensione dello stage/tirocinio; di essere a conoscenza che nessun compenso o indennizzo di qualsiasi natura gli è dovuta in conseguenza della sua partecipazione al programma di stage/tirocinio. di essere a conoscenza che lo stage non comporta impegno di assunzione, presente o futuro, da parte dellAzienda; di esser a conoscenza delle coperture assicurative, a cui ha diritto, sia per i trasferimenti alla sede di stage che per la permanenza nella stessa; di essere a conoscenza che lIstituto potrebbe rimborsare una parte o tutte le spese di viaggio e vitto sostenute, nel limite del finanziamento concesso allIstituto stesso, sempre che le modalità di spesa siano state precedentemente concordate con la scuola.

31 Patto formativo/2 SI IMPEGNA a rispettare rigorosamente gli orari di stage stabiliti dallAzienda; ad avvisare tempestivamente sia lAzienda che il tutor scolastico se si verificano condizione che rendano impossibile il recarsi sul posto del tirocinio/stage; a presentare idonea certificazione in caso di assenza per malattia; a tenere un comportamento rispettoso nei riguardi di tutte le persone con le quali verrà a contatto in Azienda; a completare in tutte le sue parti, leventuale Registro di Presenza in azienda; a far controfirmare al titolare o al tutor aziendale quanto riportato giornalmente sul Registro dello Stage; a comunicare tempestivamente e preventivamente al tutor scolastico o al coordinatore del corso eventuali trasferte al di fuori della sede di stage in occasione di fiere, visite presso imprese appartenenti al gruppo dellAzienda ospitante, o presso qualunque altro luogo non preventivamente concordato. Data __________________ Firma __________________________________________________________________ Il sottoscritto Cognome ________________________________________ Nome ______________________________ genitore che esercita la patria potestà dellalunno ______________________________________________ dichiara di aver preso visione di quanto sopra riportato nella presente nota e di condividerla in pieno. Si autorizza. Data __________________ Firma __________________________________________________________________

32 Documentazione durante lo stage: Lo stagista deve compilare quotidianamente il registro di stage indicando in modo sintetico le attività svolte.

33 Registro di stage: Stage in Azienda 2011 REGISTRO ATTIVITA IN STAGE Studente ………………………………….

34 Documentazione al termine dello stage: AL RITORNO A SCUOLA :Consegnare al tutor scolastico il registro di stage; il registro deve essere completo in tutte le sue parti e recare timbro e firma dellazienda.

35 Discussione e condivisione dellesperienza, Sondaggio conclusivo AL RITORNO A SCUOLA :

36 Sondaggi grafici

37

38

39

40

41 Domande frequenti: 1.Rimborso pasti 2.Assenze 3.Rimborso trasferta

42 4,50 a pasto solo per i fuori sede (ricevuta o scontrino parlante !) 1.Rimborso pasti

43 Telefonare subito ad azienda e tutor scolastico Assenze

44 Solo se effettuata con mezzi pubblici, conservare gli scontrini! Rimborso trasferta


Scaricare ppt "STAGES E ORIENTAMENTO IN USCITA. COSA FARE DOPO IL DIPLOMA ? LE TRE STRADE SONO: 1. CONTINUARE GLI STUDI ALLUNIVERSITA 2. SEGUIRE UN CORSO POST DIPLOMA."

Presentazioni simili


Annunci Google