La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Scuola Media Statale G.Macherione Giarre Insegnare e apprendere discipline in lingua straniera 11 Settembre – 27 Novembre 2008 Menu of the day Dove eravamo?…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Scuola Media Statale G.Macherione Giarre Insegnare e apprendere discipline in lingua straniera 11 Settembre – 27 Novembre 2008 Menu of the day Dove eravamo?…"— Transcript della presentazione:

1 1 Scuola Media Statale G.Macherione Giarre Insegnare e apprendere discipline in lingua straniera 11 Settembre – 27 Novembre 2008 Menu of the day Dove eravamo?… Aspetti Didattici Attività Cooperativa …!!! Costruzione di un percorso CLIL Analisi di modelli

2 2 CLIL ??? … Lingua & altre discipline.. CLIL ovvero… Content and Language Integrated Learning ……ovvero… ALI -Apprendimento Linguistico Integrato EMILE -Enseignement dune Matière par lIntégration dune Langue Etrangère internazionalizzazione / plurilinguismo motivazione degli alunni e..dei docenti team teaching competenza linguistico-comunicativa nuove dinamiche interattive integrazione dei curricoli

3 3 CLIL??? Marzo Lisbona -CONSIGLIO DEUROPA futuri obiettivi concreti dei sistemi di istruzione e di formazione - Piano dAzione Commissione Europea - Programma Integrato Direttive Europee Politica Educativa Nazionale Progetto TIE-CLIL Progetto ALI –CLIL ( Lombardia )

4 Clil/Emile The European Dimension (europa.eu.int/comm/education/policies/lang/doc/david_marsh- report.pdf) EURYDICE

5 5 Si potrebbe cominciare con un modulo… - una piccola esposizione al CLIL può dare esiti molto positivi - Collegio docenti, Consiglio dIstituto, POF, Consiglio di classe, - propria classe/classi parallele/ progetti spendibili nella scuola - orario ( prevedere compresenze ) Lavorare in team Scelta del materiale (autentico, da costruire,adattare) - Insegnante di disciplina ( contenuto, programmazione disciplinare, liv. ) -Insegnante di lingua ( livello linguist., attività di supporto ) Quanta Lingua Straniera ? -code-switching Come…? Organizzazione / Didattica

6 6 Soltanto lingua straniera ? code-switching - translanguaging Introdurre i concetti nuovi in una lingua e riprenderli nellaltra L2 in particolari ambiti / concentrarla in alcune attività; A condizione di definire il motivo delle diverse strategie ed essere consapevoli delle diverse linee di condotta, si può usare nella stessa materia sia L1 che L2, in base a: – argomenti specifici – materiale – attività interattive – abilità linguistica dei discenti

7 7 Come generare più L2 in classe? Consentire luso della L1 nel lavoro a coppie/di gruppo Fornire un sostegno linguistico per L2: –lessico- e/o strutture-chiave Incoraggiare gli allievi a partecipare in L2: –quando limpegno linguistico è più facile –quando il contesto è più familiare Insistere che sia L2 la lingua pubblica della classe

8 8 Come generare più L2 in classe? Far presentare in L2 i risultati del lavoro di gruppo (prevedendo i tempi necessari) Far stilare una relazione scritta/orale dei risultati (fornendo il sostegno linguistico necessario) Concordare le regole-base della classe per quanto riguarda la lingua da usare Learn by doing, o apprendimento esperienziale

9 9 una questione di…input ? La crescita linguistica degli alunni dipende dallinput linguistico ricevuto…. in termini qualitativi, si ha solo quando linput è tanto e comprensibile, cioè compreso dallo studente processo dacquisizione rallentato allinizio ritardo nel conseguimento degli obiettivi recuperato entro fine percorso loutput comprensibile = meta da raggiungere NON viene da sé….. Input pre-modificato ( linsegnante riduce la complessità sintattica): teacher talk semplificato Input comprensibile interattivo (significato negoziato dagli interanti): chiedendo e fornendo spiegazioni, chiarimenti, si arriva ad una qualità linguistica superiore Incorporare con consapevolezza e la ridondanza nellinput!!

10 10 Quali Strategie per…facilitare la comprensione ? Uso di audiovisivi Fare un uso chiaro di marcatori di discorso Scrivere il piano della lezione ( Menu ) alla lavagna, con i punti nellordine in cui saranno trattati Presentare sia oralmente che per iscritto i termini e le definizioni Enfatizzare i punti importanti per distinguerli da aspetti secondari/dettagli [Merrill Swain]

11 11 Strategie per facilitare la comprensione Rapportare concetti astratti ad esempi concreti Prevedere attività preparatorie allascolto/alla lettura Preparare attività da svolgere durante lascolto o la lettura Controllare la comprensione in itinere: non aspettare la fine

12 12 Consolidare la comprensione: –prevedere momenti di domande/risposte; –far fare agli studenti un riassunto orale/scritto (ad es., preparare un lucido/tabellone in gruppo, poi presentarlo alla classe); –far tenere agli allievi un diario delle lezioni (cose fatte, difficoltà incontrate); –far stilare glossari/dizionari di termini specialistici; –generare mappe concettuali –Ripetere i concetti importanti ( ridondanza verbale e non verbale ) –Riformulare, parafrasare –Riciclare il lessico

13 13 Lavorare insieme per … Per progettare il modulo Per individuare e selezionare il materiale Per definire le attività ( contenuti, lingua ) Individuare metodologie e strategie comuni per rendere comprensibile linput Individuare strumenti di valutazione condivisi Modelli Interattivi Diversi

14 14 Attività Cooperativa….?

15 15 Il modulo spesso un mini o micro-modulo, unità, tema, argomento o attività: molti insegnanti incominciano la sperimentazione con pochissime ore In ogni caso strutturare un percorso che –stimoli gli studenti –accresca le competenze disciplinari –accresca le competenze linguistiche –dia un senso di compiutezza

16 16 Progettazione comune Per tracciare nuovi percorsi, nuovi curricoli, anche interdisciplinari Per pianificare la crescita disciplinare e linguistica Per fornire maggiore supporto tanto al docente quanto ai discenti Per facilitare la riproducibilità dellesperienza Per cercare di far fronte alle costrizioni dorario, data la lievitazione dei tempi

17 17 Come progettare un modulo CLIL? Prerequisiti Obiettivi relativi alla disciplina Obiettivi linguistici Abilità cognitive Abilità di studio e di apprendimento Tempi e modalità Strategie Supporti Verifica e valutazione

18 18 Prerequisiti DISCIPLINARI ( contenuti /argomenti disciplinari propedeutici ) LINGUISTICI(calibrato sul livello linguistico degli studenti, quali competenze occorrono…) LESSICALI (attenzione alla microlingua e alle strutture morfosintattiche necessarie per le attività del modulo)

19 19 Obiettivi Disciplinari Contenuti curricolari (argomenti, tematiche, idee) Microlingua ( lessico specifico della materia )

20 20 Obiettivi Linguistici Abilità Linguistiche Ricettive (ascoltare, leggere) Produttive (parlare, scrivere) Interazione orale, scritta Nozioni/funzioni linguistiche Grammatica e lessico

21 21 Abilità Cognitive Definire/ classificare Paragonare e contrapporre Descrivere una sequenza cronologica Descrivere oggetti e procedimenti Descrivere proprietà Fare ipotesi Esprimere unopinione, fare delle previsioni Identificare rapporti di causa ed effetto Riassumere e sintetizzare etc…

22 22 Abilità di studio & apprendimento Saper utilizzare la biblioteca, testi di riferimento, vocabolari Saper prendere appunti Abilità di lettura (i.e. identificare gli elementi essenziali di un testo, gli scopi per cui è stato scritto, etc) Abilità di scrittura (i.e. scaletta, brutta copia, correzioni, revisioni, etc ) Completare diagrammi, tabelle, etc Presentare delle informazioni attraverso un grafico Fare una presentazione (anche con supporto visivo )

23 23 Tempi e Modalità Ore di lezione per le diverse fasi e attività Tipologia delle attività stesse Insegnanti coinvolti (solo docente disciplinare, solo docente L2, compresenza…)

24 24 Modalità Lezione frontale interattiva Lavoro individuale Lavoro a coppie Lavoro di gruppo Cooperative learning Ecc..

25 25 Supporti Lavagna Lavagna luminosa Fotocopie, schede di lavoro ( worksheets ) Registratore/Video Computer ( Internet, software, Power Point presentation …) Laboratorio linguistico, informatico, di scienze….

26 26 Verifica e Valutazione Verifiche scritte (domande, esercizi vero/falso, scelta multipla, cloze tests, relazioni etc) Verifiche orali ( presentazioni, domande orali, etc. ) Lettura e comprensione Problem solving etc…..

27 27 Scuola ___________________________ classe/i _________________ Modulo di _______________ Titolo ___________________________ Livello (classe, scuola) Livello linguistico (intermedio avanzato..) Pre-requisiti ( linguistici/ disciplinari ) Obiettivi disciplinari Obiettivi linguistici Abilità cognitive

28 28 Scuola ___________________________ classe/i _________________ Modulo di _______________ Titolo ___________________________ TempiContenuti disciplinari StrategieTipologia di esercizi ModalitàSussidi

29 29 Verifica TempiContenutiStrategieTipologia di esercizi Sussidi

30 30 Cosa fare..? 1.Compilare lo schema del progetto 2. - Pianificare ogni lezione - Selezionare / semplificare il materiale - Costruire le schede di lavoro dei ragazzi ( sia x attività di lingua che disciplinari ) - Formulare prove di verifica - definire il prodotto da realizzare

31 31 Analisi di Modelli Laboratorio CLIL

32 32

33 33


Scaricare ppt "1 Scuola Media Statale G.Macherione Giarre Insegnare e apprendere discipline in lingua straniera 11 Settembre – 27 Novembre 2008 Menu of the day Dove eravamo?…"

Presentazioni simili


Annunci Google