La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Secondario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Secondario."— Transcript della presentazione:

1 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Secondario di Primo Grado G.Pascoli Casagiove (Caserta)

2 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL MANUALE DELLA QUALITÀ Norme UNI EN ISO 9004:2000 Cap. 5 Responsabilità della Direzione

3 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SCOPO DEL PRESENTE CAPITOLO È DESCRIVERE COME IL DIRIGENTE SCOLASTICO, COADIUVATO DALLO STAFF DI DIREZIONE E DAGLI ORGANI COLLEGIALI, DEFINISCE, SOSTIENE, MIGLIORA IL SGQ 5.1 GUIDA GENERALE Introduzione La Direzione dellIstituzione Scolastica si impegna alla diffusione, condivisione ed applicazione del Sistema di Gestione della Qualità a tutti i livelli dellorganizzazione. La Direzione dellIstituzione Scolastica nel considerare la centralità dello studente e della famiglia ritiene la soddisfazione dei bisogni dellutenza sia fattore indispensabile per la promozione e lo sviluppo della propria attività istituzionale, pertanto si fa carico delle seguenti responsabilità: Definire la propria politica per la Qualità ed esprimere gli obiettivi funzionali e i relativi indicatori Soddisfare i requisiti cogenti stabiliti dal Ministero della Pubblica Istruzione e dalla Regione e i requisiti espressi dai propri clienti-utenti Garantire la disponibilità delle risorse e la gestione delle stesse Attivare azioni di controllo sul Sistema Gestione Qualità attraverso periodici riesami Promuovere azioni per il miglioramento continuo

4 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Aspetti da prendere in esame La direzione dellistituzione Scolastica intende impostare un sistema di gestione della qualità adeguato alle proprie dimensioni e ai propri fini a tal fine vuole promuovere un miglioramento di tipo continuo e adattato alle proprie necessità. Pertanto tiene nel dovuto conto i seguenti aspetti: Assicurare che la sequenza dei processi e le modalità di svolgimento conducano agli obiettivi desiderati Assicurare che per ogni processi siano identificati elementi in ingresso e in uscita Attivare un efficace sistema di monitoraggio dei processi Assicurare che il sistema operi in modo efficace ed efficiente Individuare per ogni processo un responsabile

5 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.2 Esigenze ed aspettative delle Parti Interessate Generalità Le Parti Interessate sono tutti i soggetti destinatari delle attività dellI.S. e che con lo stesso interagiscono, quindi gli studenti, le famiglie che rappresentano i clienti principali, ma anche il personale della scuola, le Istituzioni, gli Enti Locali, i fornitori e i partner. Il processo di definizione delle esigenze dei clienti e delle parti interessate dovrebbe concretizzarsi nel prendere in esame tali esigenze, tradurle in requisiti, comunicare questi ultimi a tutti i livelli dellorganizzazione, contemperarle e migliorare i processi connessi Esigenze ed Aspettative La Direzione ritiene che la conoscenza e la soddisfazione delle esigenze e delle aspettative del territorio e del bacino di utenza siano fondamentali per il successo della mission dellIstituzione Scolastica pertanto nella fase di definizione delle aspettative Individua i propri clienti, reali e potenziali Stabilisce per ogni fascia di utenti i requisiti Analizza i propri processi in funzione dei requisiti espressi dagli alunni e dalle loro famiglie in conformità delle norme vigenti. Pone attenzione alle esigenze e alle aspettative dei collaboratori, in termini di riconoscimenti, soddisfazione professionale, competenze e sviluppo delle conoscenze. Pone attenzione alle aspettative dello Stato, delle Istituzioni e del sociale e le traduce in requisiti Identificati i principali fornitori si dovrebbe stabilire un rapporto di collaborazione verificando con loro le attese dei clienti

6 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Requisiti di tipo cogente Tutti gli operatori dovrebbero essere a conoscenza dei regolamenti e degli statuti interni, la Direzione si impegna in questo senso ad elaborare un Piano di Comunicazione interno esplicitato in una specifica procedura Gestione delle Comunicazioni

7 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.3 POLITICA PER LA QUALITÀ Descrizione dellIstituzione Scolastica La scuola di Istruzione di Primo Grado G.Pascoli di Casagiove consta di due plessi, ubicati in zone diverse della città, con differenti realtà socio -economiche e culturali. La popolazione dellintero comune è costituita da nuclei familiari di media consistenza (3/4 persone), in cui spesso sono presenti figure di anziani (nonni). Si registrano comunità di etnie diverse (rom, albanesi, ucraini, russi, cinesi), per cui si prevede un futuro afflusso di alunni stranieri nella scuola. Le attività economiche della città sono miste, prevale comunque il settore terziario; sono presenti scuole materne, elementari e medie; servizi di medicina scolastica e di coordinamento di servizi sociali dipendenti dal Comune e dallUSSL. Numerosi sono gli spazi per le attività del tempo libero dei ragazzi, organizzate e gestite da: centri sportivi privati, gruppi spontanei di aggregazione (ecologici, scout, musicali), oratori, biblioteca comunale. Gli alunni del plesso Pascoli provengono generalmente da famiglie del ceto medio, sensibili al progresso culturale dei propri figli. Si registrano pochi casi di deprivazione socio-ambientale e familiare. Gli alunni del plesso Milani provengono generalmente da famiglie del ceto operaio e, in misura minore del ceto medio.

8 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Finalità del processo di miglioramento La Politica della Qualità si inserisce in modo coerente nelle linee programmatiche del POF. Lazione educativa e didattica della scuola è finalizzata alla formazione culturale, umana, socio-affettiva e relazionale del preadolescente, pertanto le finalità educative che il Collegio ha deliberato investono sia lambito cognitivo che quello comportamentale e relazionale. La scuola per lattuazione del suo compito istituzionale Fonda la sua attività educativa sui valori comuni della convivenza civile e democratica Promuove occasioni per leducazione al dialogo, al confronto, alla riflessione critica Promuove un apprendimento che passa dai vissuti personali ai saperi culturali Favorisce lo sviluppo della riflessione e delle capacità di scelta autonoma Intende garantire: Uguaglianza e pari opportunità per tutti gli alunni Imparzialità e regolarità del servizio Accoglienza e integrazione Diritto alla scelta, obbligo e frequenza Educazione alla convivenza civile Educazione integrale della persona Orientamento Motivazione e significato Prevenzione dei disagi e recupero degli svantaggi Relazione educativa La scuola inoltre per lattuazione del suo compito istituzionale fonda la sua attività sui seguenti principi: Soddisfare sempre lutenza Migliorare continuamente la qualità del servizio Favorire lautonomia e il sapere Favorire lo sviluppo di abilità trasversali Stimolare la curiosità intellettuale per accrescere il proprio sapere

9 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Obiettivi prioritari della Politica per la Qualità La Politica della Qualità deve essere orientata allimpegno di mantenere e rafforzare il successo dellIstituzione Scolastica pertanto deve essere di costante riferimento a tutte le scelte e le decisioni operative. Orientata a fornire un servizio efficace ed efficiente che possa essere valutato tale da tutti i portatori di interesse, richiede un grande impegno per i servizi erogati e la collaborazione e attenzione di tutto il personale. Deve perseguire i seguenti obiettivi Identificare le richieste dei clienti-utenti garantendone la soddisfazione dei bisogni, aspettative Razionalizzare la struttura organizzativa con la definizione ed esplicitazione dei ruoli e delle responsabilità Definire e ed utilizzare procedure finalizzate ad una corretta realizzazione dei processi attivati Realizzare azioni di controllo e di analisi preventiva sulle caratteristiche del servizio erogato Promuovere una motivazione al lavoro ed una prassi operativa il più possibile condivisa e condivisibile Accertare ed evitare le non conformità nelle varie fasi dei processi attivati

10 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.4 Pianificazione della Qualità Obiettivi per la Qualità Il Sistema di gestione per la qualità è monitorato in continuo attraverso un sistema di misura che consente di verificare il livello di attuazione della Politica della Qualità. Con frequenza almeno annuale, sono definite aree di intervento/miglioramento e ad esse correlate, indicatori di qualità per misurare andamenti e scostamenti. Gli obiettivi vengono fissati durante il processo di pianificazione coerentemente alla politica della Qualità. Essi sono misurabili e quantificabili per una oggettiva valutazione. Nella definizione degli obiettivi la direzione esamina esigenze presenti e future dellistituzione scolastica. La pianificazione degli obiettivi viene attuata attraverso la definizione delle risorse messe in campo, degli strumenti utilizzati, della misura dei risultati delle responsabilità e dei relativi tempi di attuazione. Gli obiettivi devono essere rivisti e, in fase di riesame, vengono definiti obiettivi di miglioramento. Gli obiettivi vengono comunicati e per la loro realizzazione sono attribuite le responsabilità ai vari livelli organizzativi

11 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Matrice delle responsabilità

12 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Alla Direzione e al RSQ è demandato il compito di definire e documentare come i requisiti della qualità vengano soddisfatti, in linea con la Politica della Qualità dellIstituzione Scolastica e i punti della norma ISO 9004:2000 La Direzione e il RSQ hanno il compito di pianificare le attività per il raggiungimento degli obiettivi partendo da: Analisi esigenze parti interessate Individuazione dei requisiti espressi dalle parti interessate Trasformazione dei requisiti in obiettivi Individuazione delle risorse umane e strumentali già disponibili e quelle necessarie per il raggiungimento degli obiettivi Redazione di piani annuali per le verifiche ispettive interne, laddestramento e la formazione del personale, la rilevazione della Customer Satisfaction Preparazione di documenti di registrazione e loro archiviazione

13 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Responsabilità, Autorità e Comunicazione Responsabilità ed autorità Tutti i processi aventi influenza sulla Qualità sono governati da documenti che definiscono le responsabilità nellambito del processo descritto. La struttura organizzativa della Scuola Secondaria di 1° Grado Pascoli è rappresentata graficamente nellorganigramma Allegato Le responsabilità di tipo generale delle varie Funzioni sono riportate di seguito;mentre le responsabilità di dettaglio sono riportate nelle specifiche procedure. Tali documenti sono illustrati ai responsabili e da questi analizzati, discussi e condivisi.

14 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI DIRIGENTE SCOLASTICO: Ha la rappresentanza dellIstituto. Dirige, promuove, coordina, valorizza le risorse umane e professionali, è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Partecipa e concorre al processo di realizzazione dellautonomia scolastica. Assicura la gestione unitaria dellistituzione scolastica e la finalizza allobiettivo della qualità dei processi formativi, predisponendo gli strumenti attuativi del P.O.F. Organizza la propria presenza in servizio e i propri tempi di lavoro secondo i criteri della flessibilità, in rapporto alle esigenze connesse allesercizio delle sue funzioni. Si avvale della collaborazione di docenti da lui individuati secondo criteri di efficienza ed efficacia nel servizio scolastico. In relazione agli specifici aspetti di carattere generale e organizzativo inerenti al P.O.F. il Dirigente Scolastico, allinizio dellanno scolastico, consulta il DSGA e informa il personale A.T.A. in unapposita riunione. Stabilisce rapporti con gli enti locali e le risorse culturali presenti nel territorio alla ricerca comune di unofferta formativa che risponda alle esigenze del contesto socioeconomico in cui il proprio Istituto opera. Definisce la Politica e gli Obiettivi per la Qualità ed esegue il Riesame del Sistema Qualità, verifica lefficacia di eventuali Azioni Preventive, Correttive o di Miglioramento. Approva il contenuto del Manuale Qualità, le Procedure, cui sono allegati Istruzioni e Moduli Approva il Piano delle Verifiche ispettive interne.

15 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL CONSIGLIO DI ISTITUTO E composto da: Dirigente Scolastico, che è membro di diritto, otto rappresentanti dei docenti, otto dei genitori e due degli ATA.. E presieduto da uno dei rappresentanti dei genitori eletto a maggioranza assoluta. Traccia gli indirizzi generali del P.O.F. sia in ordine alle attività didattiche (di cui segnala le esigenze), sia in ordine alla gestione finanziaria. Elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento. Delibera il programma annuale e il conto consuntivo e dispone in merito allimpiego dei mezzi finanziari. Delibera in merito a: Regolamento dellIstituto; acquisto delle attrezzature tecnicoscientifiche e dei sussidi didattici; adattamento del calendario scolastico alle esigenze ambientali; criteri generali per la programmazione educativa; corsi di recupero e di sostegno; visite guidate e viaggi di istruzione; collaborazioni con altre scuole; criteri per la formazione delle classi, lassegnazione ad esse dei docenti e lorario delle lezioni. IL CdI elegge LA GIUNTA ESECUTIVA composta dal Dirigente Scolastico che la presiede, dal DSGA (membri di diritto), da due rappresentanti dei genitori e da un docente. Predispone il programma annuale ed il conto consuntivo; prepara i lavori del Consiglio dIstituto

16 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI I COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Collaborano con la presidenza secondo le esigenze che, di volta in volta, si presentano. Svolgono compiti in ordine ad attività di gestione e di organizzazione dellistituzione scolastica; inoltre, gli sono affidati compiti in coerenza con il P.O.F., alla luce della evoluzione della normativa scolastica. Uno di essi viene nominato COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CON FUNZIONI VICARIE con i seguenti compiti: · Verbalizza le sedute del Collegio dei docenti. · Sostituisce il Dirigente Scolastico, in tutte le sue funzioni, in caso di assenza o impedimento.

17 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL RESPONSABILE QUALITÀ (RQS) Ha una funzione nodale nellorganizzazione della scuola secondo il Sistema Qualità. Ha il compito di coordinare e impostare tutta lattività di coloro che hanno responsabilità allinterno dellorganizzazione del Sistema Qualità. E il principale collaboratore del Dirigente Scolastico nella gestione del sistema e cura lemissione, laggiornamento e la distribuzione del Manuale della Qualità e del Manuale delle Procedure. Ha inoltre il compito di raccogliere ed elaborare tutte le segnalazioni di malfunzionamenti, disguidi, inosservanza delle norme, al fine di attivare rapidamente tutte le azioni correttive e preventive necessarie. Elabora e diffonde agli interessati i risultati delle tecniche statistiche al fine di permettere il riesame ed il miglioramento. Predispone il Piano Annuale di Verifiche Ispettive Interne ed segue o fa eseguire tali Verifiche, provvedendo allarchiviazione dei risultati. E il riferimento essenziale del Dirigente Scolastico nel compito di mantenere sotto controllo lintero Sistema Qualità, al fine di permettere il riesame ed il miglioramento. La Direzione nomina il RQS come suo rappresentante con le seguenti responsabilità: · assicurare che i processi necessari per il sistema di gestione per la qualità siano predisposti, attuati e tenuti aggiornati, · riferire alla Direzione sulle prestazioni del sistema di gestione per la qualità e su ogni esigenza per il miglioramento, · assicurare la promozione della consapevolezza delle aspettative del cliente nellambito di tutta lorganizzazione.

18 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI STAFF CONSIGLIO DI PRESIDENZA E istituito lo Staff del Consiglio di Presidenza composto da membri di diritto e membri di nomina del Dirigente scolastico. Membri di diritto: · Dir, Collaboratori del Dir, DSGA, Funzioni Strumentali. · Membri di nomina del Dir: docenti ai quali vengono affidati compiti particolari.

19 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL COLLEGIO DEI DOCENTI E composto da tutto il personale docente dellIstituto. Delibera in materia di funzionamento didattico dellistituto; in particolare cura la programmazione dellazione educativa anche al fine di adeguare, nellambito degli ordinamenti della scuola stabiliti dallo Stato, i programmi di insegnamento alle specifiche esigenze ambientali e di favorire il coordinamento interdisciplinare.Formula proposte al Dirigente Scolastico e al Consiglio di Istituto in merito alla formazione delle classi, allassegnazione ad esse dei docenti, allorario delle lezioni. Delibera, ai fini della valutazione degli alunni, la suddivisione dellanno scolastico in due o tre periodi.Valuta periodicamente landamento complessivo dellazione didattica per verificarne lefficacia in rapporto agli obiettivi programmati, proponendo, ove necessario, opportune misure migliorative. Promuove iniziative di sperimentazione e di aggiornamento dei docenti. Elegge i suoi rappresentanti in seno al Consiglio di Istituto e al Comitato per la Valutazione del Servizio del Personale Docente. Propone iniziative volte al recupero degli studenti il cui profitto sia scarso. Provvede alladozione dei libri di testo. Il C.d.D. è formato da tutti i DOCENTI la cui funzione si fonda sullautonomia culturale e professionale; essa si esplica nelle attività individuali e collegiali e nella partecipazione alle attività di aggiornamento e formazione in servizio. I docenti, nella loro dimensione collegiale, elaborano, attuano e verificano, per gli aspetti pedagogico-didattici, il P.O.F. I contenuti della prestazione professionale dei docenti si definiscono nel quadro degli obiettivi generali perseguiti dal sistema nazionale di istruzione e nel rispetto degli indirizzi delineati nel P.O.F. A questo proposito secondo lart. 30 C.C.N.L. del 24/7/2003 in C.d:D. vengono stabilite FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ricoperte da docenti, con funzioni a loro attribuite, di durata annuale, sulla base di riconosciute competenze. Gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di insegnamento ed in attività funzionali allinsegnamento, quali programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, formazione, documentazione, ecc.

20 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL COMITATO PER LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DEI DOCENTI E composto dal Dirigente Scolastico, che ne è il presidente, e da due docenti eletti dal Collegio dei Docenti più due supplenti. Valuta le competenze previste dagli art. 440 e 501 in materia di anno di formazione del personale docente dellIstituto o di riabilitazione del personale docente. GRUPPI DI LAVORO (COMMISSIONI) Sono nominati ogni anno dal Collegio dei Docenti, del quale sono organi funzionali. Ogni commissione ha un coordinatore responsabile, che stabilisce un programma di lavoro in base ai compiti attribuitigli dal C.d.D. Le riunioni sono verbalizzate su appositi registri a cura di un segretario, nominato tra i componenti della commissione stessa. GRUPPI DI PROGETTO Sono individuati dal Collegio dei Docenti ed hanno lo scopo di predisporre larticolazione dei progetti sia curriculari che extracurriculari. RESPONSABILI DI LABORATORIO I docenti sono responsabili del materiale in dotazione ai laboratori e, per conto dei colleghi, presentano agli organi di gestione, proposte per lacquisto di materiali e attrezzature.

21 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI IL DIRETTORE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI Esercita funzione di direzione dei servizi di segreteria nel quadro delle direttive impartite dal Dirigente Scolastico. Sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi generali amministrativo-contabili e ne cura lorganizzazione svolgendo funzioni di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei risultati conseguiti, rispetto agli obiettivi assegnati ed agli indirizzi impartiti, dal personale A.T.A., posto alle sue dirette dipendenze. Ha autonomia operative e responsabilità diretta nella definizione e nellesecuzione degli atti a carattere amministrativo-contabile, di ragioneria e di economato. firma tutti gli atti di sua competenza. Assicura che la gestione dei servizi amministrativi e generali della scuola sia coerente rispetto alle finalità del P.O.F.

22 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI LA SEGRETERIA è suddivisa in: UFFICIO DIDATTICO: · Svolge attività di registrazione e coordinamento per quanto riguarda la documentazione degli alunni. · svolge attività di coordinamento agli insegnanti per gli esami di stato. · Redige atti, dietro direttive, autonomamente, sia per stesura che per contenuti. · Partecipa al progetto di messa in rete della segreteria collaborando direttamente con i responsabili della rete informatica. · Svolge attività di informazione con lutenza interna e esterna. · Svolge attività di coordinamento per gli stages degli alunni. · Collabora al processo di informatizzazione delle assenze, delle votazioni degli alunni, degli scrutini e quantaltro inerente la messa in rete della segreteria. · Svolge il protocollo della corrispondenza in entrata e in uscita. · Scarica e stampa la corrispondenza Intranet e la posta elettronica. · Svolge attività ci coordinamento per la distribuzione di fax e circolari.

23 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI UFFICIO AMMINISTRATIVO: · Svolge attività di coordinamento dei Progetti dIstituto curandone gli aspetti contrattuali. · Redige atti, dietro direttive, autonomamente, sia per stesura che per contenuti. · Svolge attività di coordinamento per quanto riguarda i corsi interni · Svolge attività di coordinamento degli addetti inseriti nel settore personale previsto dallorganigramma dellistituto. · Cura tutti gli atti relativi allimmissione in ruolo e rilascia ampia informazione. · Collabora con il DSGA. · Avvia la procedura ministeriale SIDI per quanto concerne la parte relativa alla gestione del personale al fine di renderla operativa entro lanno scolastico. · Partecipa alla procedura per la riconversione dei dati tra il software in dotazione ed il software ministeriale. · Svolge attività di coordinamento, curandone anche gli aspetti contabili,degli addetti inseriti nel settore contabile previsto dallorganigramma dellIstituto. · Svolge attività inerenti la contabilità di bilancio collaborando direttamente con il Responsabile Amministrativo. · Redige atti, dietro direttive, autonomamente, sia per la stesura che per i contenuti. · Avvia la procedura ministeriale SIDI al fine di renderla operativa entro lanno scolastico, per quanto concerne la parte contabile (stipendi e bilancio). · Gestione beni patrimoniali e degli acquisti.

24 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI I COLLABORATORI SCOLASTICI Sono addetti ai servizi generali della scuola, con compiti di accoglienza nei confronti degli alunni e del pubblico; di pulizia degli spazi scolastici e degli arredi; di collaborazione con i docenti. In particolare, sorvegliano gli alunni in caso di momentanea assenza degli insegnanti; accompagnano gli alunni in occasione di loro trasferimenti dalla scuola ad altre sedi anche non scolastiche, comprese visite guidate e viaggi di istruzione; Sorvegliano gli ingressi, lapertura e la chiusura degli stessi; aiutano gli alunni portatori di handicap nellaccesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche e nelluscita da esse; possono svolgere compiti di centralinista telefonico.

25 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico nomina rappresentante della direzione il Responsabile Qualità con specifica autorità per: · assicurare che sia istituito, applicato e mantenuto attivo un SQ conforme alla norma applicata e alle linee guida per la gestione dei processi emesse dalla Regione · riferire alla direzione sullandamento del SQ al fine di permetterne il riesame ed il miglioramento.

26 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Comunicazione interna La Scuola Secondaria di Primo Grado ha definito ed istituzionalizzato un sistema di comunicazione tra le diverse funzioni scolastiche. Tale sistema di comunicazione include: · Riunioni periodiche, documentate in appositi verbali (per es. riunioni del Collegio Docenti, del Consiglio di Istituto, di classe, interclasse o intersezione, per disciplina, per progetto ecc.); · Circolari e comunicazioni interne. In particolare, durante il Collegio Docenti di delibera del Riesame della Direzione la direzione comunica le modalità operative relative al sistema di gestione degli indicatori (per le funzioni con incarichi specifici viene valutata lopportunità di organizzare corsi di aggiornamento). LIS per assicurare che siano attivati adeguati processi di comunicazione si è dotato di una specifica procedura Gestione delle comunicazioni, a cui si rimanda per la definizione delle responsabilità e delle modalità operative.

27 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.6 Riesame da parte della Direzione Generalità La direzione della Scuola Secondaria di 1° grado Pascoli effettua annualmente un riesame del SGQ, indicativamente allinizio del secondo quadrimestre, al fine di valutare la sua idoneità, la sua adeguatezza ed efficacia e lefficacia del sistema di gestione degli indicatori utilizzando come riferimento la documentazione predisposta dal Responsabile Qualità. Riesami più frequenti possono essere effettuati qualora esigenze organizzative, modifiche significative o altre situazioni particolari ne rendano necessaria lattuazione.

28 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Elementi in entrata per il riesame La documentazione predisposta dal Responsabile Qualità è costituita da: · i risultati delle verifiche ispettive interne e delle verifiche da parte dellOrganismo di certificazione; · i reclami e i suggerimenti provenienti dai clienti; · landamento dei processi di erogazione del servizio; · landamento delle non conformità imputabili ai processi, alle procedure, al personale e ai fornitori; · le azioni correttive e preventive avviate, in corso e concluse; · le azioni avviate a seguito di precedenti riesami; · le proposte per il miglioramento continuo; · le modifiche allorganizzazione, ai processi e a tutto quello che può influenzare il SGQ interno; · gli indicatori e gli indici individuati quale monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi per la qualità. In tal modo il Responsabile Qualità illustra in modo organico lo stato della qualità del servizio erogato, le aree e le attività che influenzano negativamente le prestazioni, il sistema di gestione per la qualità, i possibili obiettivi di lavoro. Sulla base di tale report il Responsabile Qualità indice una riunione con la Direzione.

29 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Elementi in uscita dal riesame In questa riunione vengono analizzate le problematiche illustrate nel report, vengono prese decisioni relative a (dato di uscita): · emissione del Piano delle Verifiche ispettive; · apertura di eventuali Azioni Correttive e Preventive a seguito dei dati di input; · definizione di un Piano di Miglioramento che contiene: o obiettivi sia strategici che relativi agli indicatori individuati o azioni da intraprendere per il raggiungimento degli stessi o relativi responsabili o tempi di attuazione. Inoltre la Direzione ha modo di verificare la validità della Politica della Qualità e l'implementazione del Sistema di Gestione per la Qualità. Quanto emerso dalla riunione viene riportato nel "Verbale di riesame" redatto dal Responsabile della Qualità, verificato e approvato dalla Direzione. Il Riesame della Direzione viene sottoposto allapprovazione del Consiglio di Istituto e Collegio dei docenti. Le registrazioni dei riesami sono conservate per 3 anni a cura del Responsabile della Qualità.

30 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI 5.7 DOCUMENTI OPERATIVI DI RIFERIMENTO PRO Gestione della comunicazione interna Strumento per il rilevamento delle aspettative e dei bisogni delle parti interessate (questionario) Piano di Miglioramento Lettera Incarico Verbale di riesame

31 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI Dirigente Scolastico Collegio Docenti Funzioni Strumentali FS 5 Sostegno agli alunni FS 1 Orientamento FS 2 Sostegno ai docenti FS 3 Gestione POF FS 4 Controllo del sistema Scolastico Docenti ccordinatori di Dipartimento Area dellinterazion e del recupero Dipartimento Materie letterarie Dipartimento Matematica e Tecnologia Dipartimento Lingue straniere Dipartimento Linguaggi non verbali Docenti Coordinatori Commissioni Commissione Visite guidate Commissione Orario Commissione Collaudo Commissione Continuità Responsabili Laboratori Consigli di classe Consiglio dIstituto Giunta esecutiva Servizi Amministrativi DSGA Assistenti Amministrativi Collaboratori Scolastici Funzioni Aggiuntive Staff di Direzione Docente Vicario Addetti alla Sicurezza Squadra antincendio Squadra Primo soccorso Responsabile Qualità ORGANIGRAMMA Della Scuola Secondaria di 1° Grado G. Pascoli Casagiove All.1


Scaricare ppt "Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE GENERALE POLO QUALITÀ DI NAPOLI a.s. 2007/2008 Istituto Secondario."

Presentazioni simili


Annunci Google