La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CEREBRALE LENTO PAN-IPOENDOCRINO LINFATICO GRASSO CARBONICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CEREBRALE LENTO PAN-IPOENDOCRINO LINFATICO GRASSO CARBONICO."— Transcript della presentazione:

1 CEREBRALE LENTO PAN-IPOENDOCRINO LINFATICO GRASSO CARBONICO

2 CEREBRALE VIGILE IPOENDOCRINO RELATIVO LINFATICO MAGRO FOSFORICO

3 CEREBRALE CONFUSO IPO-DISENDOCRINO LEUCO FLEMMATICO DISCONTINUO FLUORICO

4 CEREBRALE VIVACE IPER-DISENDOCRINO IMMUNOREATTIVO SULFURICO

5 CEREBRALE SINTETICO NORMO-ENDOCRINO NORMO-IMMUNO COMPETENTE MURIATICO

6 CARBONICO - ENDOBLASTICO ASTENIA CONTINUA RESISTENZA ALLO SFORZO FISICO SCARSA ASPETTO INTELLETTIVO INTELLIGENZA ANALITICA, LENTEZZA APPRENDIMENTO.

7 CARBONICO - ENDOBLASTICO ASPETTO CARATTERIOLOGICO CALMO, SONNOLENTO; APATICO, SEDENTARIO, RINUNCIATARIO, METODICO SEGNI NEUROENDOCRINI IPOGONADALE, IPOTIROIDEO, SECONDARIO IPERTIMICO, IPERPARATIROIDEO, VAGOTONICO, IPERTERMICO

8 CARBONICO - ENDOBLASTICO MIND TENDENZA ALLA PSICOSI MANIACO-DEPRESSIVA

9 CARBONICO - ENDOBLASTICO FITODERIVATI PER COSTITUZIONE RIBES NIGRUM:CORTEX SURRENALIS ABIES PECTINATA.:T.R.E. HEDERA HELIX:METABOLISMO CHELIDONIUM:FEGATO PAREIRA BRAVA:RENI HYDRASTIS:APP.DIGERENTE SENNA:PANCREAS SABAL SERR.:PROSTATA

10 CARBONICO - ENDOBLASTICO OLIGOELEMENTI PER COSTITUZIONE MAGNESIO: ATPasi RAME: CICLOOSSIGENASI, SINTETASI,TRANSFERASI.

11 CARBONICO CAUSA COSTITUZIONALE: DIFETTO MESO- ECTOBLASTICO; ENDOBLASTA NON COMPENSANTE. SOGGETTO REATTIVO: DIATESI 5^- 2^- 3^- 4^ SINTOMI: IPOENDOCRINISMO, RETICOLOENDOTELIOSI, IDROFILIA, TURBE CIRCOLATORIE, METABOLISMO RALLENTATO, TURBE DEL S.R.E.. RIMEDIO DI FONDO: Mg

12 SULFURICO - MESOBLASTICO ASTENIA MATTUTINA RESISTENZA ALLO SFORZO FISICO GRANDE, DISCRETE VELOCITA E DESTREZZA ASPETTO INTELLETTIVO INTELLIGENZA REALIZZATRICE

13 SULFURICO - MESOBLASTICO ASPETTO CARATTERIOLOGICO DESIDEROSO DI AGIRE E DI IMPORSI; IMPULSI COMBATTIVI SEGNI NEUROENDOCRINI IPERCORTICO-SURRENALE; IPERGENITALE (ALTI TASSI DI TESTOSTERONE E FOLLICOLINA); IPERPITUITARICO ANTERIORE

14 SULFURICO - MESOBLASTICO MIND TENDENZA A NEVROSI; CICLOTIMIA

15 SULFURICO - MESOBLASTICO FITODERIVATI PER COSTITUZIONE Taraxacum Offic.: Fegato Hieracium Pilos.: Rene Arctium Lappa: Mesenchima/pelle Senna : intestino Allium Cepa : vie respiratorie Berberis : vie urinarie Pareira Brava : parenchima ormonale

16 SULFURICO - MESOBLASTICO OLIGOELEMENTI PER COSTITUZIONE Zolfo Disfunzioni epato-biliari Manganese SOD, Catalasi Cobalto Sistema Simpatico Litio Catecolamine Centrali

17 SULFURICO CAUSA COSTITUZIONALE: ECCESSIVI CATABOLITI ACIDI E INSUFFICIENTE DETOSSINAZIONE EPATICA SOGGETTO REATTIVO: DIATESI 1^- 3^ SINTOMI: INTESTINALI, CUTANEI,MUSCOLARI, DEFICIT EMUNTORIALI, DISEPATISMO, TURBE CARDIOVASCOLARI, INTOLLERANZE, DISMETABOLISMI E LORO COMPLICANZE RIMEDIO DI FONDO: S

18 MURIATICO-CORDOBLASTICO ASTENIA (LEGGERA) SEROTINA RESISTENZA ALLO SFORZO FISICO SUFFICIENTE, PIU RESPIRATORIA CHE MUSCOLARE ASPETTO INTELLETTIVO ELASTICITA MNEMONICO-RELAZIONALE

19 MURIATICO-CORDOBLASTICO ASPETTO CARATTERIOLOGICO AUTOSTEREOTIPIA POSITIVA SEGNI NEUROENDOCRINI IPERCORTICO-SURRENALE; IPERGENITALE (ALTI TASSI DI TESTOSTERONE E FOLLICOLINA).

20 MURIATICO-CORDOBLASTICO MIND CINESTESI PERFETTA ; ANSIA REATTIVA

21 MURIATICO-CORDOBLASTICO FITODERIVATI PER COSTITUZIONE Passiflora Inc.: A.C.H. Rumex Crispus:tonico generale Ficus Car.:catecolammine centr. Juglans Regia : dismetabolismi Pilosella : drenante Eleteurococus sent.: reattivita

22 MURIATICO-CORDOBLASTICO OLIGOELEMENTI PER COSTITUZIONE Fe SOD Se perossidasi Mn catalasi Zn T.R.E. Cu cicloossigenasi

23 MURIATICO CAUSA COSTITUZIONALE: ECCESSIVI CATABOLITI ACIDI E INSUFFICIENTE CONTROLLO RADICALILIBERI. PREDOMINANZA PINEALE E/O TIROIDEA SOGGETTO REATTIVO: DIATESI 1^- 3^ SINTOMI: LINFATISMO ERETISTICO; ARTROPATIE CRONICHE; DISEPATISMO; COLLAGENOPATIE DA RADICALI LIBERI RIMEDIO DI FONDO: Zn/FeSeMn

24 FOSFORICO - ECTOBLASTICO ASPETTO CARATTERIOLOGICO EMOTIVO; IPERSENSIBILITA IMMAGINATIVA E AFFETTIVA; SCARSA VOLONTA; PAUROSO, PESSIMISTA; COMPLESSO DI INFERIORITA ASPETTO INTELLETTIVO INTELLIGENZA ASTRATTA, IDEALISTA, SOGNATORE, NON REALIZZA, NON CONCRETIZZA

25 FOSFORICO - ECTOBLASTICO SEGNI NEUROENDOCRINI IPERSIMPATICOTONICO (CON IPERTIROIDISMO SECONDARIO), IPERPINEALICO, IPOPARATIROIDEO, IPERMEDULLOSURRENALICO (CON MAGGIORE PRODUZIONE DI ADRENALINA E NORADRENALINA), IPOCORTICOSURRENALICO, IPERPITUITARICO POSTERIORE, IPOPITUITARICO ANTERIORE, IPOGONADALE, IPOMENORREA

26 FOSFORICO - ECTOBLASTICO MIND DISTONIE NEUROVEGETATIVE, INTROIEZIONE, DEPRESSIONE.

27 FOSFORICO - ECTOBLASTICO FITODERIVATI PER COSTITUZIONE Equisetum Arv.:mineralizzante Rosa can.:immunostimolante Trigonella foen.:tono-trofismo Ribes Nigrum:antiinfiammatorio Abies Pectinata:ricostituente Echinacea Ang.:anti-infettivo

28 FOSFORICO - ECTOBLASTICO OLIGOELEMENTI PER COSTITUZIONE Mg ATPasi Mn-Cu T.R.E. P ATP;SNC Ca enzimi digestivi Zn A.C.H.

29 FOSFORICO CAUSA COSTITUZIONALE: IPERSIMPATICOTONISMO, IPERPINALISMO, IPERMIDOLLO- SURRENALISMO, IPERPITUITARISMO POST., IPOPITUITARISMO ANT., IPOCORTICO- SURRENALISMO, IPOGONADISMO, IPOPARATIRODISMO. SOGGETTO REATTIVO: DIATESI 2^-4^ RIMEDIO DI FONDO: P SINTOMI:, TURBE IRRORATIVE, STATI CATARRALI CRONICI, IPOFUNZIONE EPATO- INTESTINALE, DIATESI REUMATICA, IPOFUNZIONE S.R.E., DIMAGRIMENTO E DEMINERALIZZAZIONE

30 FLUORICO - DISBLASTICO ASPETTO CARATTERIOLOGICO INSTABILITA, SEMPRE IN MOVIMENTO, PARADOSSO, INDECISIONE, VERSATILITA, DISORDINE, AGITAZIONE; CAPRICCIOSO, IRRISOLUTO ASPETTO INTELLETTIVO INCAPACE DI PENSARE A LUNGO; REALIZZATORE IMMEDIATO SENZA RIFLETTERE

31 FLUORICO - DISBLASTICO SEGNI NEUROENDOCRINI DISTONIA NEURO-VEGETATIVA CON RISPOSTE VARIABILI, PARADOSSE E IMPREVEDIBILI, STATO TIREO- SIMPATICO, CON SIMPATICOTONIA E AUMENTO DEL METABOLISMO DI BASE; IPOSURRENALISMO DI FONDO, IPERGENITALISMO PRECOCE, TURBE IPOFISO-PANCREATICHE, DISMENORREA, DISFUNZIONI IPOFISARIE, PANCREATICHE, E SURRENALICHE

32 FLUORICO - DISBLASTICO MIND DISTIMIE; FACILE PERVERSIONE MENTALE (E SESSUALE); INSTABILITA (FISICA)- MENTALE, TENDENZA ALLE PSICOSI

33 FLUORICO - DISBLASTICO FITODERIVATI PER COSTITUZIONE Salix Alba:app.osteo-legamentoso Cola Acum.: cortex cerbralis Hamamelis : sistema circolatorio Tecoma curialis :immunoreattività Crataegus Ox.: app.cardiaco Melissa Off.:S.N.C. Artemisia Abs.:psico-emozioni Gingko Bil.:ossigenazione centr./perif.

34 FLUORICO - DISBLASTICO OLIGOELEMENTI PER COSTITUZIONE Zn A.C.H. F connettivo;ossa Li SNC Mg ATPasi I tiroide metabolismo S sistema epatointestin.

35 FLUORICO CAUSA COSTITUZIONALE: DIFETTO FIBROBLASTICO; FOGLIETTI EMBRIONALI NON SINERGICI. SOGGETTO REATTIVO: DIATESI 5^- 4^-2^ SINTOMI: LASSITA LEGAMENTI, MUSCOLI,VASI, TESSUTI DI SOSTEGNO; ASIMMETRIA. RIMEDIO DI FONDO: F

36 Collegamento tra diatesi oligoelementiche, miasmi omeopatici e nutrizionali

37 Stigmatizzazioni dei miasmi omeopatici PSORISMO Turbe del ricambio,centrifugazione allergica e centripetazione anergica SICOTISMO (o sicosi) Fenomeni di iper- patologia, spesso definita come locale ipereattività esagerata, reticolo- endoteliosi cronica, idrogenoidismo auto-etero-intossicazione cronica Sclerosi,necrosi Patologie croniche app. respiratorio, gastrointestinale, osteoarticolare. LUETISMO TUBERCOLINISMO degenerazione progressiva, distribuzione che parte dalla circolazione e invade tutto lorganismo disidratazione, demineralizzazione e ossigenoidismo progressivo

38 PSORA REATTIVA- DIATESI 1^Mn Biotipi Muriatici e Sulfurici a predominanza muscolare (hanno bisogno di esercizio fisico per eliminare le tossine Fase – Stenica, di azione centrifuga (gli emuntori eliminano ciò che può andare a nocumento) Caratterizzata da: alternanza di fenomeni patologici, ricorrenze e/o alternanze di malattie in vari distretti organici; centrifugazione verso la pelle e il tubo gastro-intestinale intolleranze.

39 PSORA AREATTIVA- DIATESI 4^CuAuAg Biotipi Sulfurici e Carbonici hanno bisogno di esercizio fisico per eliminare le tossine Fase A – Defaillance degli emuntori Fase B – Centripeta o di scompenso (anergia funzionale conclamata, lesioni a livello dei sistemi osteo-articolare, arterioso e dei visceri) Caratterizzata da: alternanza di fenomeni patologici, ricorrenze e/o alternanze di malattie in vari distretti organici; insufficienza progressiva emuntori carico tossinico.

40 SICOSI DIATESI 3^ MnCo Biotipi Muriatici e Sulfurici (specie disepatici dismetabolici grassi) Etero-intossicazione amplificata da infezioni e vaccinazioni ripetute Esagerate imbibizioni tissutali con eccesso di liquidi interstiziali tendenza allidrogenoidismo facili proliferazioni cellulari anormali tentativi di coli mucopurolenti acuti e subacuti Turbe PNEI : dismetabolismo disendocrinie

41 LUE - DIATESI 5^ ZnCu/ZnNiCo Biotipi misti e FLUORICI e/o CARBONICI Soggetti sulfo-fluorici Soggetti carbo-fluorici Soggetti fosfo-fluorici Modalità di reazione povera agli stimoli micro e macro ambientali. Probabili fattori etiologici: - Tossina sifilitica - M.Autoimmuni - Fattori igienico-dietetici che alterano la normale crescita - tutto ciò che inficia la normale fisiologia dellindividuo (alcol, malattie ripetitive, malnutrizione I sintomi diatesici fondamentali sono: la tendenza ai processi distruttivi dei tessuti di sostegno con una reazione di sclerosi e un disquilibrio nervoso, con un aggravamento soprattutto notturno di tutti i sintomi.

42 La capacità di risposta del soggetto dipende dalla sua efficienza Maggior capacità di avere il corredo enzimatico completo e attivo, disposto a meglio recepire linformazione terapeutica. Individuo Stimolazione oligoelementica Organismo con attività enzimatica globale migliore che potrà elaborare meglio linformazione della correzione terapeutica La correzione terapeutica avrà un effetto migliore e duraturo

43 SOGGETTI PSORICI REATTIVI DIATESI 1^ Mn Fase 1. Stenica centrifuga,intolleranze, ipertrasmissioni nervose periferiche La risposta dellorganismo a correzioni relative a questa fase migliorerà la predisposizione genetica alliper-reattività iniziale potenzialmente direzionabile in una insufficienza degli emuntori per la presenza degli oligoelementi propri della 1^ diatesi Menetreriana

44 SOGGETTI PSORICI ANERGICI DIATESI 4^ CuAuAg, Fase 2. Astenica centripeta, fase di defaillance,inficiamento progressivo delle attività emuntoriali La risposta dellorganismo a correzioni relative a questa fase migliorerà la predisposizione genetica al mutismo biologico degli organi emuntoriali, con aumento di radicali liberi, rallentamento delle funzioni centrali di controllo, rischio eteroplastico.

45 SOGGETTI TUBERCOLINICI DIATESI 2^ MnCu Ausilio degli oligoelementi correttivi della 2^ diatesi di Menetrier ipostenica, manganese- rame. Utilizzo di Oligoelementi propri dele COSTITUZIONI LINFATICHE per correggere la difficoltà assimilativa, la demineralizzazione, la scarsa biodisponibilità degli oligoelementi,la scarsa capacità immuno-competente sia nella fase relativamente più reattiva simpaticotonica-fosforica che nella fase ipoergica, rallentata parasimpaticotonica-carbonica.

46 SOGGETTI SICOTICI-DIATESI 3^ MnCo La 3^ diatesi di Menetrier si avvicina a una reticolo- endoteliosi-cronica, in cui vi è una iperattività che diventa facilmente disreattività. Vantaggioso lutilizzo di manganese-cobalto I rimedi di fondo devono migliorare e prevenire le disfunzioni PNEI e il dismetabolismo generale. Per i soggetti con difficoltà costituzionali (SULFURICI-CARBONICI) per alterazioni del mesenchima da abnorme presenza di cataboliti acidi e scarso controllo sulle iperpatologie locali,in una fase più passiva parasimpaticotonica, i rimedi di fondo sono OLIGOELEMENTI S e Mg.

47 SOGGETTI LUESINICI-DIATESI 5^ ZnCu/ZnNiCo In questi soggetti dove prevale disarmonia per difetto di controllo dellA.C.H., vi è una correzione con oligoelementi della 5^ diatesi di Menetrier. Utili gli oligoelementi propri della Costituzione FLUORICA nella fase di reattività simpaticotonica, con poliartralgie, lassità capsulari e legamentose, lassità muscolari, turbe vascolari periferiche. Utili gli oligoelementi propri della Costituzione CARBONICA nella fase slatentizzata parasimpaticotonica, con turbe dellasse cortico-ipofisario, dellasse ipofisi-endocrinia periferica, con malattie autoimmuni, turbe vascolari non solo periferiche ma anche centrali.

48 RIASSUMENDO Psora in fase stenicaManganese Psora in fase astenica anergica TubercolinismoManganese-rame SicosiManganese-cobalto Luetismo Zinco-nichel-cobalto Zinco-rame RameOroArgento

49 P.N.E.I.

50 Turbe psicosomatiche Schema semplificato illustrante le vie neurofisiologiche che portano dallemozione alla lesione. CORTECCIA CEREBRALE SISTEMA LIMBICO IPOTALAMOSISTEMA RETICOLATO ASSE IPOFISO- CORTICO-SURRENALE SISTEMA NEUROVEGETATIVO TESSUTIVASI SANGUIGNI TENSIONE MUSCOLARE

51 NomeTeoriaFormePunto di vistaRappresentanti MONISMOEsistenza di un unico principio nelluomo: corpo o anima Idealismo Materialismo Lanima spirituale è lunica realtà Il corpo materiale è lunica realtà Berkeley, idealisti del XIX secolo; Hegel Hobbes, de La Mettrie, Cabanis Moleshhott, Haeckel DUALISMOEsistenza di due diversi principi nelluomo: corpo e anima Ilomorfismo Interazionismo Parallellismo Parallellismo psico-fisico Corpo e anima costituiscono ununica sostanza Corpo e anima sono due sostanze dotate di influenza reciproca Corpo e anima sono due sostanze agenti in maniera indipendente Corpo e spirito sono due aspetti diversi delluomo Aristotele, Tomaso dAquino, neoscolastici Descartes Leibniz Wundt IL PROBLEMA CORPO-SPIRITO

52 Corpo e Spirito Corporeo Mentale INTERAZIONISMO: Corpo e spirito sono diversi e separati, ma esercitano uninfluenza reciproca. PARALLELLISMO: Corpo e spirito sono distinti e separati, non esercitano influenza reciproca, ma, le attività corporee e mentali sono in perfetta correlazione. ILOMORFISMO: Corpo e spirito costituiscono una sostanza completa. TEORIE DEL DUPLICE ASPETTO: Lessere umano è un organismo che si manifesta sotto due diversi aspetti: corporeo e mentale.

53 Storia e dottrine

54 Illustrazione schematica del concetto di specificità nelleziologia delle turbe delle funzioni viscerali. Questo diagramma mostra due generi di risposta viscerale agli stati emozionali. A destra, si vedono le turbe che possono svilupparsi quando lespressione delle tendenze ostili aggressive (lotta o fuga) è bloccata e non si traduce in comportamento manifesto; a sinistra, le turbe che si sviluppano quando le tendenze alla dipendenza e alla ricerca di appoggio sono bloccate.

55 Tessuto connettivo (istiociti) Fegato (cellule di Kupffer) Polmone (macrofagi alveolari) Linfonoidi (macrofagi sessili e cellule interdigitate) Milza e midollo (macrofaci stanziali) Osso (osteoclasti) Cute (istiociti e cellule di Langerhans) Sinovia (cellule di tipo A) Altri tessuti (macrofagi tissutali) T.R.E.

56 Basi anatomo-funzionali della immunoendocrinologia Rappresentazione schematica delle tappe differenziative delle cellule della linea monocitario-macrofagica Cellula staminale Cellula staminale orientata Monoblasti Pro-monociti Monociti Macrofagi Midollo osseo Sangue periferico Tessuti

57 Differenziazione delle cellule staminali linfomieloidi pluripotenti

58 Sviluppo, interazioni e cellule effettrici del sistema immunitario

59 Principali malattie associate alla candidosi muco-cutanea cronica MalattiaPercentuale dei casi Endocrinopatie iposurrenalismo ipoparatiroidismo insufficienza ovarica ipotiroidismo diabete mellito poliendocrinopatie autoimmuni Malattie cutanee alopecia totale vitiligine Altre malattie cheratite cronica sindrome da malassorbimento epatite cronica

60 KENT Concomitanza dei sintomi MINDBODY Sintomi psichici Sintomi psico-neurologici Sintomi neuro-metabolici Sintomi neuro-endocrini Sintomi endocrini Sintomi disfunz. dorgano Sintomi patol. dorgano

61 SELYE 1. Regolazioni diencefaliche 2. Sistema nervoso autonomo 3. Sistema endocrino 4. Sistema immunocompetente

62 ADATTAMENTO A STRESS 1.Reazione di allarme, acuta (stato di shock e contro shock) 2. Reazione di Adattamento (fase di difesa e compensazione) 3. Fase di esaurimento (decompensazione dei meccanismi di adattamento) Lungo lasse adrenergico Asse anteipofiseo ACTH glucocorticoidi Ormone somatotropo STH mineralcorticoidi Scompenso S.R.E.

63 MITSCHERLICH RIMOZIONE DI EMOZIONE per soddisfare i propri bisogni libidici per soddisfare i propri bisogni di punizione SOMATIZZAZIONE Esempio: prurito anale Esempio: dolore Fonte di autopunizione Esempio: prurito Fonte di piacere

64 WOLFF STRESS INDIVIDUO REAZIONI CORPOREE PROTETTIVE ORGANO BERSAGLIO OFFENSIVE DIFENSIVEADATTATIVE Fattori non specifici Fattori specifici Ad personam

65 ASSE IPOFISI-TIROIDE DOSE DIPENDENTE T.S.H. T3 - T4 Incremento di produzione di Ig indotta da attivatori policlonali Potenzia (in modo indipendente) risposte anticorpali verso antigeni T-dipendenti Stimola linfociti secrezione di molecole immunocompetenti

66 P.T.H., CALCITONINA, VITAMINA D3 P.T.H. VITAMINA D3 Inibisce funzioni di IL-2 Aumenta risposta immune ad antigeni esogeni Diminuisce risposta immune ad antigeni esogeni CALCITONINA

67 ORMONI SESSUALI F.S.H., L.H., H.C.G. influenza diretta su sistema immunitario = Estrogeni progestinici ANDROGENI Soppressione di risposte UMORALI CELLULARI 1- regolazione secrezione IgA secretorie 2- amplificazione risposte di tipo umorale 3- inibizione di funzioni effettrici mediate da cellule

68 CATECOLAMINE E ACETILCOLINE LINFOCITI GRANULOCITI E MASTOCITI PIASTRINE 1- recircolazione e distribuzione linfociti in organismo 2- incremento attività citossica-linfociti T 3- risposta proliferativa ai fitomitogeni 4- sintesi di componenti del complemento da parte dei macrofagi 5- releaseability di mediatori chimici da mastociti AZIONE Recettori α Recettori β per catecolamine

69 G.H. P.R.L. Effetto immunostimolatorio (specie sintesi di IgA) 1. Sviluppo e mantenimento di competenza immunologica Azione su INSULINA G.H., P.R.L., INSULINA INFLUENZANO IL SISTEMA IMMUNITARIO IN MANIERA INDIRETTA (CONDIZIONANDONE IL METABOLISMO) 2. Stimola risposte di tipo sierologico di tipo cellulare Mantenimento del corretto funziona- mento del sistema immunitario recettori di linfociti T e B attivati 2 recettori dai monociti

70 ASSE IPOTALAMO-IPOFISI-SURRENE A.C.T.H. surrene regolazione glucocorticoidi Immunosoppressione P.R.L. immunostimolazione antagonismo

71 Attiva endonucleasi timociti lisi cellulare Inibisce IL-1 di monociti Inibisce IL-2 di linfociti T Riduce livelli serici di IG Riduce linfociti B in milza e linfonodi Riduce chemiotassi Riduce fagocitosi Riduce funzione citossica Riduce capacità di presentare antigene Riduce risposta a linfochine C.S. (in eccesso) Su linea monociti macrofagi

72 ASSE IPOTALAMO-IPOFISI-SURRENE 2 Cortisolo (normale) Stimola migrazione di polimorfonucleati endorfine β-endorfina Stimola migrazione di polimorfonucleati Incremento dellattività citotossica di cellule NK regolate a feedback da glucocorticoidi monocitiinterleuchina

73 4° chakra Fuoco (Diatesi 3^Mn-Co- Sicosi) 3°-6° chakra 5°-7° chakra 3° chakra 1° chakra Terra (Diatesi 5^ Zn-Cu;Zn- Ni-Co--- Lue) Legno (Diatesi 1^ Mn- Psora) Acqua (Diatesi 4^Mn-Zn- Se;Cu- Au-Ag--Psora) Metallo (Diatesi 2^Mn- Cu-Tubercolinismo)

74 Diatesi areattiva = Loggia Acqua = PSORA ANERGICA Diatesi ipereattiva = Loggia Legno = PSORA CENTRIFUGA Diatesi disreattiva = Loggia Fuoco = SICOSI Diatesi da disadattamento = Loggia Terra Lue Diatesi iporeattiva = Loggia Metallo =Tubercolinismo

75 Diatesi areattiva = Loggia Acqua = PSORA ANERGICA Diatesi ipereattiva = Loggia Legno = PSORA CENTRIFUGA Diatesi disreattiva = Loggia Fuoco = SICOSI Diatesi da disadattamento = Loggia Terra Lue Diatesi iporeattiva = Loggia Metallo =Tubercolinismo


Scaricare ppt "CEREBRALE LENTO PAN-IPOENDOCRINO LINFATICO GRASSO CARBONICO."

Presentazioni simili


Annunci Google