La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P ROGETTO P ILOTA N AZIONALE MIUR-CONI-PCM A LFABETIZZAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA I MPLEMENTAZIONE R EGIONE P IEMONTE Principi di Valutazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P ROGETTO P ILOTA N AZIONALE MIUR-CONI-PCM A LFABETIZZAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA I MPLEMENTAZIONE R EGIONE P IEMONTE Principi di Valutazione."— Transcript della presentazione:

1 P ROGETTO P ILOTA N AZIONALE MIUR-CONI-PCM A LFABETIZZAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA I MPLEMENTAZIONE R EGIONE P IEMONTE Principi di Valutazione e Monitoraggio proposti nel Progetto Pilota Nazionale e... Test valutativi quantitativi e qualitativi Giulia Bardaglio Roberta Bartolomei Stefania Cazzoli CUS Torino, via Braccini 1 Sabato 13 Marzo Ore

2 G LI S TRUMENTI DELLA V ALUTAZIONE

3 WWW. CONI. IT Home Page Promozione Sportiva Alfabetizzazione Motoria nella Scuola Primaria Monitoraggi

4 E LEMENTI DEL SUCCESSO, I NDICATORI E S TRUMENTI

5 M ONITORAGGIO DI A TTUAZIONE

6 S CHEDA DI A TTIVITÀ DI C LASSE

7 M ONITORAGGIO DI I NCLUSIONE : G RADIMENTO

8 I NCLUSIONE : Q UESTIONARI DI G RADIMENTO

9 M ONITORAGGIO M OTORIO

10 P ERCORSO M OTORIO C LASSE 1^ MATERIALE (in successione di utilizzo) Linea di partenza formata da 2 appoggi e 2 tappi verdi (del tappeto). 1 tappeto con 2 tubolari corti, 1 elastico e 2 tubolari lunghi. 1 tappeto con 2 strisce equilibrio a 3 incastri e 1 striscia equilibrio ad 1 incastro. 1 boa formata da 1 connettore su cui è posizionato 1 pallone. 3 birilli formati da 3 appoggi, 3 connettori e 3 tubolari corti. 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori. Linea di traguardo formata da 2 appoggi e 2 tappi rossi DESCRIZIONE 1. Partire dietro la linea di partenza tra i 2 tappi segnaletici verdi 2. Superare liberamente l'ostacolo (posto all'altezza di cm 20 dal tappeto), passandoci sopra 3. Passare sotto il tunnel (2 tubolari lunghi ad arco) 4. Deambulare in avanti sulle strisce dequilibrio 5. Prendere la palla dal supporto; aggirare esternamente la boa (supporto della palla) per invertire la direzione di lavoro 6. Effettuare uno slalom tra 3 birilli con la palla in mano 7. Depositare la palla nel cerchio; superare la linea del traguardo tra i due tappi segnaletici rossi NOTA: è considerata valida la prova eseguita secondo la descrizione Il percorso motorio si svolge allinterno di un rettangolo i cui lati sono 3 m x 12 m. Le misure di riferimento sono costituite da: 1 TUBOLARE CORTO (A = 0,5 m) 2 TUBOLARI CORTI (B = 1 m) 1 TUBOLARE LUNGO (C = 1,60 m)

11 P ERCORSO M OTORIO C LASSE 2^ DESCRIZIONE 1. Partire dietro la linea di partenza posta tra i 2 tappi segnaletici verdi 2. Deambulare avanti entrando almeno con un appoggio in ogni cerchio dei tre posti in successione 3. Passare sotto il 1° arco, sopra l'ostacolo (posto all'altezza di 20 cm dal tappeto), sotto il 2° arco 4. Deambulare in avanti sulla 1^ striscia dequilibrio eseguendo almeno due appoggi + sulla bascula eseguendo almeno 2 appoggi + sulla 2^ striscia di equilibrio eseguendo almeno due appoggi 5. Prendere la palla dal supporto; aggirare esternamente la boa (supporto della palla) per invertire la direzione di lavoro 6. Effettuare uno slalom tra i birilli, facendo rotolare la palla con le mani; al termine raccogliere la palla 7. Entrare nel cerchio per depositare la palla; uscire dalla parte posteriore e superare la linea del traguardo passando tra i 2 tappi segnaletici rossi NOTA: è considerata valida la prova eseguita secondo la descrizione MATERIALE (in successione di utilizzo) Linea di partenza formata da 2 appoggi e 2 tappi verdi (del tappeto). 3 cerchi piccoli formati da 3 tubolari lunghi e 3 connettori. 1 tappeto con 2 tubolari corti, 1 elastico e 2 tubolari lunghi. 1 tappeto con 1 striscia di equilibrio a 3 incastri +1 bascula di equilibrio +1 striscia di equilibrio a 3 incastri. 1 boa formata da 1 connettore su cui è posizionato 1 pallone. 4 birilli formati da 4 appoggi, 4 connettori e 4 tubolari corti. 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori. Linea di traguardo formata da 2 appoggi e 2 tappi rossi (del tappeto) Il percorso motorio si svolge allinterno di un rettangolo i cui lati sono 3 m x 12 m Le misure di riferimento sono costituite da: 1 TUBOLARE CORTO (A = 0,5 m) 2 TUBOLARI CORTI (B = 1 m) 1 TUBOLARE LUNGO (C = 1,60 m)

12 P ERCORSO M OTORIO C LASSE 3^ DESCRIZIONE 1. Partire dietro la linea di partenza posta tra i 2 tappi segnaletici verdi 2. Entrare nel primo cerchio e prendere la palla; lanciarla in alto almeno all'altezza del capo e riprenderla per riposizionarla nel cerchio 3. Entrare nel secondo cerchio; impugnarlo a due mani farlo scorrere in alto, di seguito riposizionarlo a terra 4. Saltare liberamente in successione i 3 ostacoli (posti all'altezza di 30 cm dal tappeto) 5. Deambulare in avanti sulla prima striscia di equilibrio, di seguito due passi sui 2 appoggi, di seguito deambulare in avanti sulla seconda striscia di equilibrio 6. Correre e aggirare esternamente la boa per invertire la direzione di lavoro ed effettuare uno slalom tra gli appoggi 7. Entrare nel cerchio con entrambi i piedi, uscire dalla parte posteriore e superare la linea del traguardo passando tra i 2 tappi segnaletici rossi NOTA: è considerata valida la prova eseguita secondo la descrizione MATERIALE (in successione di utilizzo) Linea di partenza formata da 2 appoggi e 2 tappi verdi (del tappeto). 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori; 1 palla. 1 cerchio medio formato da 1 tubolare lungo, 1 tubolare corto e 2 connettori. 1 tappeto con 6 tubolari corti e 3 elastici. 1 tappeto con 1 striscia di equilibrio a 3 incastri + 2 appoggi +1 striscia di equilibrio a 3 incastri. 1 boa formata da 1 appoggio, 1 connettore e 1 tubolare corto. 4 birilli formati da 4 appoggi e 4 connettori. 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori. Linea di traguardo formata da 2 appoggi e 2 tappi rossi (del tappeto). Il percorso motorio si svolge allinterno di un rettangolo i cui lati sono 3 m x 12 m. Le misure di riferimento sono costituite da: 1 TUBOLARE CORTO (A = 0,5 m) 2 TUBOLARI CORTI (B = 1 m) 1 TUBOLARE LUNGO (C = 1,60 m)

13 P ERCORSO M OTORIO C LASSE 4^ DESCRIZIONE 1. Partire dietro la linea di partenza posta tra i 2 tappi segnaletici verdi 2. Strisciare a terra sotto i 2 ostacoli (posti all'incastro più alto dei supporti) 3. Saltare liberamente, in successione, i 3 ostacoli (posti all'altezza di 30 cm dal tappeto) 4. Deambulare in avanti sulle 4 strisce dequilibrio eseguendo almeno due appoggi su ogni striscia e seguendone la direzione 5. Passare esternamente ai 2 tubolari lunghi, seguendo la curva, e aggirare esternamente la boa 6. Effettuare di corsa uno slalom tra i 5 appoggi (attacco esterno al primo birillo) 7. Entrare nel cerchio con entrambi i piedi, uscire dalla parte posteriore e superare la linea del traguardo passando tra i 2 tappi segnaletici rossi NOTA: è considerata valida la prova eseguita secondo la descrizione MATERIALE (in successione di utilizzo) Linea di partenza formata da 2 appoggi e 2 tappi verdi (del tappeto). 2 ostacoli formati da 4 strisce equilibrio a 3 incastri, 8 connettori e 2 tubolari corti. 1 tappeto con 6 tubolari corti e 3 elastici. 1 tappeto con 2 strisce di equilibrio a 2 incastri e 2 strisce di equilibrio ad 1 incastro. 2 tubolari lunghi 1 boa formata da 2 appoggi e 1 connettore 5 birilli formati da 5 appoggi e 5 connettori. 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori. Linea di traguardo formata da 2 appoggi e 2 tappi rossi (del tappeto). Il percorso motorio si svolge allinterno di un rettangolo i cui lati sono 3 m x 12 m Le misure di riferimento sono costituite da: 1 TUBOLARE CORTO (A = 0,5 m) 2 TUBOLARI CORTI (B = 1 m) 1 TUBOLARE LUNGO (C = 1,60 m)

14 P ERCORSO M OTORIO C LASSE 5^ DESCRIZIONE 1. Partire dietro la linea di partenza posta tra i 2 tappi segnaletici verdi, con la palla in mano 2. Lanciare la palla in alto, passare sopra l'ostacolo, riprendere la palla; ripetere la stessa azione sul secondo ostacolo; riposizionare la palla sul supporto 3. Camminare indietro sulla striscia dequilibrio 4. Superare liberamente i 3 ostacoli (posti all'altezza di 35 cm dal tappeto) in successione 5. Procedere in quadrupedia in avanti, appoggiando prima le mani in simultanea e di seguito i piedi in simultanea (coniglietto), superando in successione i 4 tubolari lunghi 6. Aggirare esternamente la boa, per invertire la direzione di lavoro 7. Correre per entrare nel cerchio con entrambi i piedi; uscire dalla parte posteriore e superare la linea del traguardo passando tra i 2 tappi segnaletici rossi NOTA: è considerata valida la prova eseguita secondo la descrizione MATERIALE (in successione di utilizzo) Linea di partenza formata da 2 appoggi e 2 tappi verdi (del tappeto). 2 connettori per il posizionamento del pallone; 1 pallone. 1 ostacolo formato da 2 strisce equilibrio a 3 incastri, 4 connettori, 2 appoggi e 1 tubolare corto. 1 ostacolo formato da 2 strisce equilibrio a 1 incastro, 4 connettori e 1 tubolare corto. 1 tappeto con 2 strisce equilibrio a 3 incastri e 1 striscia equilibrio a 2 incastri. 1 tappeto con 6 tubolari corti e 3 elastici. 4 tubolari lunghi. 1 boa formata da 1 appoggio e 1 connettore. 1 cerchio grande formato da 2 tubolari lunghi e 2 connettori. Linea di traguardo formata da 2 appoggi e 2 tappi rossi (del tappeto). Il percorso motorio si svolge allinterno di un rettangolo i cui lati sono 3 m x 12 m. Le misure di riferimento sono costituite da: 1 TUBOLARE CORTO (A = 0,5 m) 2 TUBOLARI CORTI (B = 1 m) 1 TUBOLARE LUNGO (C = 1,60 m)

15 S CHEDA DI R ILEVAZIONE M OTORIA

16 R ILEVAZIONI PER IL MONITORAGGIO Percorso Motorio: 1. Fase iniziale 2. Fase finale Scheda di Attività di Classe (tutte le lezioni) Questionari di Gradimento per la Famiglia e i Dirigenti Scolastici (Fase finale)

17 VALUTAZIONE QUANTITATIVA Per tecnica di misurazione quantitativa si intende una scala di misura fisica che permetta di quantificare in modo preciso una caratteristica valutata. Una tecnica di misura quantitativa viene dunque considerata oggettiva in sè, perché chi valuta, escludendo errori di misura o di protocollo, non interferisce negativamente sulla scala di valori (Bouschard, Brunelle, Godbout 1971) Le tecniche quantitative portano sempre a risultati quantitativi, questi però possono essere trasformati ed espressi su una scala qualitativa come: eccellente, buono, medio, scarso, mediocre (ad. Esempio attraverso i percentili). Viene da sè che, contrariamente alle tecniche qualitative, quelle quantitative vengono considerate oggettive, cioè indipendenti dal giudizio di chi valuta.

18 SALTO IN LUNGO DA FERMO Obiettivo: valutazione della forza dinamica degli arti inferiori e delle capacità motorie generali. Il soggetto si pone in posizione eretta, piedi leggermente divaricati con la punta dietro la linea di partenza. Si prepara al salto piegando le gambe e portando le braccia indietro. Quindi salta slanciando le braccia in avanti e ricadendo nella fossa di caduta o sui materassini a piedi pari. Successivamente viene annotata la misura del salto rilevata dalla linea di partenza allimpronta più vicina lasciata dai talloni sul terreno. Vengono effettuate tre prove.

19 SALTO IN LUNGO DA FERMO Salto in lungo da fermo, espresso in cm: Prima prova: …………… Seconda prova: …………… Terza prova: …………… Note:… ……………………………………………………………………………………….

20 S ALTO IN ALTO DA FERMO ( S ERGEANT TEST ) Obiettivo: valutazione della forza dinamica degli arti inferiori e delle capacità motorie generali. Il soggetto si pone in posizione eretta con i piedi leggermente divaricati, gambe tese, sguardo in avanti, di fianco (sinistro o destro a scelta) ad una parete della palestra sulla quale è stata in precedenza fissata una scala centimetrata. Il soggetto viene invitato a sollevare un braccio teso verso lalto in corrispondenza del nastro centimetrato (la spalla è protesa verso lalto, i talloni rimangono a terra). Viene rilevata una pre-misurazione. Il soggetto ritorna nella posizione di partenza e dopo un rapido piegamento sugli arti inferiori compie un salto verso lalto con contemporaneo slancio delle braccia in alto; nel punto più alto del salto, tocca a mano tesa la scala centimetrata. Viene rilevata la seconda misura. La misura del salto verrà calcolata successivamente dalla differenza delle due misure. Vengono effettuate tre prove.

21 SALTO IN ALTO DA FERMO Salto in alto da fermo, espresso in cm: Prima prova: …………… Seconda prova: …………… Terza prova: …………… Note:………………………………………………………………………………………….

22 C ORSA DI VELOCITÀ 30 METRI Obiettivo: valutazione della rapidità, della forza veloce degli arti inferiori e delle capacità motorie generali. Il soggetto parte in piedi con un piede in avanti allaltro appena dietro la linea di partenza. Al via corre al massimo della velocità sino allarrivo posto 3 metri oltre i 30 metri misurati e contrassegnato da una striscia ben visibile a terra. Vengono effettuate 2 prove cronometrando il tempo intercorso tra il via e il passaggio ai 30 m con cronometro con sensibilità al centesimo di secondo.

23 C ORSA A NAVETTA Obiettivo: valutazione della rapidità, della forza veloce degli arti inferiori e capacità motorie generali. Vengono posizionati due coni ad una distanza di 9 metri. Il soggetto si pone in piedi con un piede davanti allaltro, appena dietro la linea di partenza posta in corrispondenza di un cono, fronte rivolta in direzione del cono opposto. Al via, più rapidamente possibile, compie 2 tornate complete toccando ogni volta con una mano i coni che delimitano lo spazio della corsa a navetta. Viene registrato il tempo totale impiegato per effettuare i 36 metri complessivi.

24 CORSA A NAVETTA Corsa a Navetta (sec): Prova Unica:…………….. Note:…………………………………………………………………………………

25 L ANCIO DELLA PALLA MEDICA (2/3 KG ) Obiettivo: valutazione della forza dinamica degli arti superiori. Il ragazzo si pone con le punte dei piedi dietro la linea di lancio, fronte rivolta nella direzione del lancio, gambe leggermente divaricate, afferra la palla e dopo aver portato la palla dietro la nuca a braccia flesse iperestendendo il tronco, effettua il lancio estendendo rapidamente le braccia in direzione alto avanti e riportando il tronco in posizione eretta. La misura viene rilevata con nastro centimetrato dalla linea di lancio al punto più vicino dellimpronta lasciata dalla palla sul terreno. Vengono effettuate 3 prove.

26 LANCIO DELLA PALLA MEDICA Lancio della palla medica (2/3 Kg), espresso in mt.: Prima prova: …………… Seconda prova: …………… Terza prova: …………… Note:………………………………………………………………………………………….

27 TEST QUALITATIVI I TEST MOTORI QUALITATIVI permettono di rilevare: A. Aspetti dinamici delle abilità grosso motorie B. Schemi di movimento del bambino I bambini che presentano deficit nella prestazione motoria in termini di tempo, distanza o accuratezza evidenziano anche schemi immaturi di movimento. Il test qualitativi sulle abilità motorie forniscono informazioni rilevanti per: 1. presa di decisioni nella progettazione e realizzazione del processo di insegnamento-apprendimento 2. ricaduta diretta sulla didattica e la prassi didattica 3. valutazione degli apprendimenti delle abilità grosso motorie nellinsegnamento dell EF/Scienze Motorie Sportive Curriculari (Ulrich D.A., 1985)

28 1° I TEM CORSA A TTREZZATURA : S PAZIO DI 15 M NASTRO COLORATO, GESSO, OGGETTI DI DEMARCAZIONE ( CONETTI, CINESINI, BOTTIGLIE ACQUA MINERALE ) I STRUZIONI : TRACCIATE DUE LINEE DI PARTENZA E ARRIVO A DISTANZA DI 15 M, DITE ALL ALUNNO DI CORRERE PIÙ VELOCEMENTE POSSIBILE C RITERI DI ESCUZIONE : 1. C ONTEMPORANEAMENTE ENTRAMBI I PIEDI TOCCANO A TERRA 2. L E BRACCIA SI MUOVONO IN OPPOSIZIONE ALLE GAMBE 3. I PIEDI TOCCANO TERRA SEGUENDO UNA LINEA DRITTA 4. L A GAMBA CHE NON SOSTIENE IL PESO È PIEGATA A 90° ( VICINO AI GLUTEI

29

30

31 RILEVAZIONE QUALITATIVA ABILITA GROSSO MOTORIE EtàCognome NomeDataClasse CORSA 1 - SIO -NO 1 Breve istante con entrambi i piedi sollevati da terra 2 Braccia in opposizione alle gambe, gomiti piegati 3 I piedi toccano terra seguendo una linea a terra 4 La gamba che non sostiene il peso è piegato a 90° SALTO 1 Si prepara piegando le ginocchia e le braccia caricano da dietro 2 Stende le braccia avanti alto sopra il capo 3 Atterra con i due piedi simultaneamente 4 Nellatterraggio le braccia sono portate verso il basso LANCIO 1 La mano con la palla si porta dietro basso descrivendo un arco dal basso verso lalto 2 Le anche e le spalle ruotano e il tronco portato frontalmente al bersaglio 3 Il peso del corpo si sposta dal lato della mano che lancia verso il lato opposto 4 Lanciata la palla la mano e il braccio si spostano sopra la parte opposta


Scaricare ppt "P ROGETTO P ILOTA N AZIONALE MIUR-CONI-PCM A LFABETIZZAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA I MPLEMENTAZIONE R EGIONE P IEMONTE Principi di Valutazione."

Presentazioni simili


Annunci Google