La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giovanni. Giovanni passione e morte = gloria adempimento profezie bibliche morte come ubbidienza a Dio Padre morte che Gesù stesso annunzia morte vicaria,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giovanni. Giovanni passione e morte = gloria adempimento profezie bibliche morte come ubbidienza a Dio Padre morte che Gesù stesso annunzia morte vicaria,"— Transcript della presentazione:

1 Giovanni

2 Giovanni passione e morte = gloria adempimento profezie bibliche morte come ubbidienza a Dio Padre morte che Gesù stesso annunzia morte vicaria, al posto del suo popolo morte in compagnia di malfattori morte di un innocente morte di croce seppellito nella tomba di un uomo facoltoso

3 passione e morte = ha un forte tratto di sovranità e di regalità di Gesù particolari con profondo valore simbolico maternità spirituale madre di Gesù simbologia agnello pasquale sete di Gesù sulla croce vaso di aceto compimento dono dello Spirito

4 Gv 19,25-35 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa. Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete». Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il capo, spirò. Era il giorno della Parascève e i Giudei, perché i corpi non rimanessero in croce durante il sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato crocifisso insieme con lui. Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate.

5 stessi protagonisti del primo segno di Gesù (le nozze di Cana): Gesù, la madre di Gesù e i discepoli teologia sponsale

6 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala viene qui precisato chi sta presso la croce vi sono tre donne, tre Maria è la prima volta che si parla di Maria di Cleofa e di Magdala, perciò diviene difficile lidentificazione di esse pensare che sia una donna già precedentemente presentata, ma con altro nome, diviene impossibile poterlo giustificare

7 Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava degli altri non cè nessuno, tranne che Giovanni, il discepolo che Gesù amava la sequela è fino in fondo, ma andare fino in fondo costa il sacrificio di noi stessi molti sono i chiamati, pochi gli eletti pochi arrivano fino ai piedi della croce, per vivere il martirio dello spirito assieme a Gesù

8 disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa la madre di Gesù, divenuta la madre del discepolo amato, diventa madre della Chiesa la madre è feconda come a Cana di Galilea la madre è simbolo del popolo di Israele che passa nella nuova alleanza il discepolo amato accoglie la madre tra i propri averi: egli rappresenta la comunità

9 Donna, ecco il tuo figlio! Ecco la tua madre! viene costituita una relazione di reciprocità Maria è data come Madre al discepolo il discepolo viene dato come figlio a Maria è necessario che vi sia reciprocità di figliolanza e di maternità è necessario che il figlio senta di essere generato dalla Madre

10 Ecco la tua madre! Maria è la vera ed unica madre di un credente maternità spirituale di Maria il discepolo è il levìr (= cognato), che accoglie la sposa per dare una discendenza allo sposo (diritto del levirato), assume il ruolo del defunto assume il ruolo del figlio, per dare una discendenza

11 Donna in greco gunài Cana: "Donna, che c'è tra te e me? Non è ancora venuta la mia ora" si compiono le nozze messianiche di Cana è questa la sua ora, l'ora della croce è questa la risposta di Gesù alla questione sollevata da Maria con "non hanno più vino, cioè le capacità salvifiche del giudaismo stanno esaurendosi

12 Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete» con la consegna della Madre al discepolo e del discepolo alla Madre, Gesù ha compiuto tutto quanto il Padre gli ha comandato di fare e di dire in mezzo a noi ora Gesù ha sete egli aveva detto: Chi ha sete venga e beva chi crede in me e dal suo seno sgorgheranno fiumi di acqua viva che zampillano per la vita eterna

13 Ho sete avere sete si può, ma solo di Dio Lanima mia ha sete del Dio vivente, quando verrò e vedrò il volto di Dio? desiderio ardente di completare il volto del Padre, di abitare presso di lui Gesù ha sete del Padre, lo ama tanto che vuole raggiungerlo al più presto tutto è compiuto, può lasciare questo mondo perché la sua missione è stata portata a termine

14 questa sete deve sperimentare luomo nella sua vita, sete di Dio, desiderio di cielo quando si ha sete di Dio, non si hanno altre seti la sete per le cose del mondo si trasforma in concupiscenza ed in superbia della vita, cose che apparentemente colmano larsura del cuore, invece altro non fanno che aumentare la sua sete lacqua del mare, piena di sale, non disseta, aumenta la sete di chi la beve

15 sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta tutta la Scrittura si realizza, si compie, quando Gesù conclude la sua opera potrebbe essere tutta la Scrittura, non una citazione particolare se fosse una citazione particolare, sarebbe Sal 69,22: Hanno messo nel mio cibo veleno e quando avevo sete mi hanno dato aceto

16 sete rimando allepisodio della Samaritana sete fisica: Gesù ha assunto in tutto la natura umana sete simbolica: Gesù ha sete dei giudei, che sono laceto, perché il vino buono dei patriarchi si è rovinato sete spirituale: Gesù ha sete della salvezza delluomo

17 metafora per indicare il desiderio delle cose soprannaturali Gesù non solo ha sete, ma è anche lacqua Gesù ha sete di donare amore allumanità Gesù ha sete di quel calice che il Padre gli ha dato Gesù ha sete di amare come il Padre lo ama la sete è il desiderio di donarsi e di donare lo Spirito

18 Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca luomo non comprende il linguaggio di Gesù il fatto che alla sete di Dio luomo risponda con una misera e povera spugna imbevuta di aceto, è segno che nessuna creatura umana, nessun uomo può colmare il nostro cuore solo Gesù può dissetare luomo e lacqua che egli gli dona è il suo Santo Spirito

19 Vi era lì un vaso cè un rimando alle giare delle nozze di Cana, ma anche alle bende per terra nel sepolcro (cf. Gv 20,5) cè un rimando al segno sponsale di Cana e al contesto della risurrezione

20 pieno d'aceto bevanda data da una mistura dato a Gesù per calmare il dolore, come narcotizzante si vuole infierire con unulteriore tortura cè un rimando a Rut 2,14 dove si ritrovano due gesti caratteristici, cioè lintingere il boccone (cf. Giuda) e lutilizzare laceto come bevanda (cf. croce) Gesù vuole completare la ritualità del banchetto e portare a compimento il dono di sé

21 posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna simbologia dellAgnello le ossa di Gesù non furono spezzate lo stelo di issopo (la canna) su cui viene posata la spugna imbevuta di aceto lissopo era usato per i riti di aspersione (cf. Lv 14); in Egitto viene usato per aspergere il sangue dellagnello sugli stipiti delle porte (cf. Es 12,22) Gesù è il vero agnello pasquale che viene immolato

22 dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!» per Giovanni Gesù non subisce la morte, ma porta a compimento la sua vita la morte non è un evento improvviso, ma è preparata, per arrivare al compimento tetelestài = è condotto a termine indica un'azione completa nel passato ma che dura nei suoi effetti fino al presente e tende al futuro

23 Tutto è compiuto Giovanni per indicare l'adempimento delle Scritture usa plerò, mentre per indicare l'adempimento dell'opera del Padre usa telèo Gesù vede compiuta e terminata tutta l'opera del Padre Gesù non sarebbe potuto morire senza aver prima espresso e manifestato il suo desiderio, la sua sete di Dio

24 E, chinato il capo, spirò paredoken to pneuma = consegnò lo spirito Gesù consegna la vita in obbedienza al Padre consegnò lo spirito al Padre consegnò lo Spirito Santo agli uomini qui viene narrata la morte vera Gesù accogliendo la morte si predispone alla vittoria sulla morte

25 chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe la Pasqua per i Giudei era un giorno di grande festa lasciare appesi al palo tre condannati avrebbe turbato la celebrazione chiedono a Pilato che si acceleri artificialmente il processo di morte questa non può essere chiamata pietà

26 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato crocifisso insieme con lui. Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe i soldati spezzano le gambe alluno e allaltro dei due crocifissi posti ai lati di Gesù Gesù era morto a lui non vengono spezzate le gambe

27 uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua uno dei soldati gli dona come un colpo di grazia, gli colpisce il fianco con una lancia si apre la porta della vita la porta dellarca di Noè il fianco di Adamo da cui è tratta Eva

28 ne uscì sangue e acqua lettura pneumatologica = Spirito Santo donato da Gesù lettura cristologico-sponsale = persona di Cristo (umanità e divinità) dal fianco aperto di Gesù nasce la comunità con il dono dello Spirito Santo Gesù è lo Sposo, che si consegna per amore alla sua sposa e dona la vita

29 sangue e acqua sono lo Spirito che sgorga dal nuovo tempio e che deve inondare la terra sono i sacramenti, attraverso i quali lo Spirito del Signore opera la rigenerazione e la santificazione delluomo Battesimo e Eucarestia acqua promessa alla samaritana, acqua trasformata in vino alle nozze di Cana

30 il discepolo che Gesù ama è colui che capisce, è colui che vede già nella croce l'adempimento della gloria con la morte avviene la perfetta glorificazione del Padre la gloria che Gesù ha dato al Padre è così sovrabbondante che si trasforma per lui in merito di salvezza e di grazia per lintero genere umano ogni effusione di Spirito Santo e di grazia è sempre sgorgante dal costato di Gesù che dorme sulla croce lobbedienza che conduce alla morte delluomo, cioè al dono della sua vita a Dio, produce e genera leffusione dello Spirito

31 Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate Giovanni che ha visto quanto è avvenuto, lo testimonia e lo attesta egli lo sa che quanto dice è vero, sa che dal costato di Gesù è uscito sangue ed acqua ciò che viene dal costato di Gesù è un evento soprannaturale, è il compimento della redenzione

32 amare lo stato di morte che avviene attraverso lobbedienza a Dio significa trasformarsi in datori di vita per il mondo intero così la ragione viene messa al bando nel cristianesimo Gesù ci insegna che è nel pieno della nostra morte che si dona la vita anche a noi non resta che una sola scelta: la via della morte per la vita

33 egli sa che dice il vero egli (ekéinos) per alcuni autori non è lo stesso di colui che ha visto, bensì è il Cristo glorioso cè qui un secondo testimone, più autorevole, che conferma il primo altri autori dicono che egli sia il Padre altri autori dicono che è lo stesso redattore finale, o meglio la comunità

34 la fede si fonda sulla Scrittura e su quanto è stato visto e sperimentato della vita di Gesù tutto il IV Vangelo è scritto come cammino verso la fede ora si arriva a un compimento il progetto è perfettamente realizzato


Scaricare ppt "Giovanni. Giovanni passione e morte = gloria adempimento profezie bibliche morte come ubbidienza a Dio Padre morte che Gesù stesso annunzia morte vicaria,"

Presentazioni simili


Annunci Google