La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luca. dogma centrale della fede cristiana: Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, consustanziale al Padre e allo Spirito per la divinità, consustanziale a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luca. dogma centrale della fede cristiana: Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, consustanziale al Padre e allo Spirito per la divinità, consustanziale a."— Transcript della presentazione:

1 Luca

2 dogma centrale della fede cristiana: Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, consustanziale al Padre e allo Spirito per la divinità, consustanziale a noi per l'umanità dice «di essere venuto» (dal Padre) (cf. Mc 1,38), «di essere stato mandato» per «annunziare la buona novella del regno di Dio» (cf. Lc 4,48)

3 Gesù va incontro a coloro ai quali egli deve annunziare la buona novella Dio desiderava rispondere al desiderio di bene e di felicità radicato profondamente nell'uomo

4 tentazioni di Gesù nel deserto (cf. Lc 4,1-13) avidità materialistica (pane) avidità politica (dominio sui regni del mondo) avidità spirituale (richiesta gratuita di un miracolo) non loggetto in se stesso, ma lidolatria è peccato

5 la vittoria di Gesù diventa anche la vittoria del popolo ebraico contro le antiche tentazioni dellEsodo, mentre esso vagava nel deserto Gesù è ormai pronto per la sua missione evangelizzatrice Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e tutti ne facevano grandi lodi (vv )

6 Si recò a Nazaret, dove era stato allevato; ed entrò, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; apertolo trovò il passo dove era scritto: Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore. Poi arrotolò il volume, lo consegnò all'inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. Allora cominciò a dire: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi». Tutti gli rendevano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose: «Di certo voi mi citerete il proverbio: Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnao, fàllo anche qui, nella tua patria!». Poi aggiunse: «Nessun profeta è bene accetto in patria. Vi dico anche: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova in Sarepta di Sidone. C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo, ma nessuno di loro fu risanato se non Naaman, il Siro». All'udire queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno; si levarono, lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro città era situata, per gettarlo giù dal precipizio. Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò. Luca 4,16-30

7 entrò, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga normale funzione liturgica erano venuti in massa per vedere il loro concittadino che era diventato famoso (cf. la sua fama si sparse per tutta la regione all'intorno) la gente si aspettava di essere stupita da miracoli

8 si alzò a leggere la sinagoga era un luogo familiare: fin da bambino era solito recarvisi lo invitano a leggere la Scrittura e a commentarla: era un grande onore poterlo fare

9 Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia un incaricato aveva preso il rotolo del libro sacro da unapposita teca, tolta la protezione di tessuto e glielaveva consegnata si era soliti leggere una porzione dalla Legge, seguita da una lezione dai profeti e un discorso gli avevano consegnato il rotolo di Isaia senza che questo venisse richiesto occasione per Gesù di presentare la sua vera identità di Messia e la sua missione

10 Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione Gesù è pieno di Spirito Santo per essere profeta (= colui che parla al posto di Dio) il profeta era luomo, ispirato da Dio per riferire la parola divina mediante la propria bocca: la bocca del profeta comunicava la parola come se fosse usata da Dio stesso (cf. Giovanni, la voce) pienezza di Dio, Messia, Unto

11 mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore il testo di Isaia parla di poveri, carcerati, ciechi e oppressi (cf. Is 61,1-2): rispecchia la situazione della gente della Galilea al tempo di Gesù Gesù prende posizione in difesa della vita del suo popolo

12 Gesù definisce la sua missione annunciare la Buona Notizia ai poveri proclamare ai prigionieri la liberazione ridare la vista ai ciechi restituire la libertà agli oppressi proclamare un anno di grazia da parte del Signore

13 poveri con denaro e proprietà, senza di lui siamo poveri coloro che sono consapevoli della loro miseria spirituale e del loro peccato

14 prigionieri schiavitù interiore e schiavitù esteriore asservimento al peccato ed alle cose di questo mondo

15 ciechi persone, pur avendo occhi buoni, sono disperatamente cieche di fronte alle realtà dello Spirito

16 rimettere in libertà gli oppressi vangelo per eccellenza Isaia 56,8: vero digiuno è dedicarsi al servizio del prossimo mediante opere di misericordia tra cui la liberazione dei prigionieri liberazione da ogni forma di schiavitù, fisica e morale, già in questa vita, prima ancora che nella vita eterna

17 anno di grazia del Signore anno del Giubileo (greco yobel = ariete; latino iubilaeus) ogni 7 anni (cf. Dt 15,1; Lv 25,3) era necessario restituire le terre al clan delle origini, per impedire la formazione di latifondi e garantire alle famiglie la sopravvivenza; bisognava anche perdonare i debiti e riscattare gli schiavi (cf.Dt 15,1-18) dopo lesilio, ogni 50 anni (cf. Lv 25,8-12) strumento legale per ritornare al senso originale della Legge di Dio, per ristabilire i diritti dei poveri, accogliere gli esclusi e reintegrarli nella convivenza, occasione offerta da Dio per fare una revisione del cammino, scoprire e correggere gli errori e ricominciare tutto da capo

18 anno di grazia anno di misericordia, tempo di grazia e di condono, tempo della salvezza "riparare" i cuori = missione di recupero grande Medico, Redentore non solo annuncio, ma autorità e potere di rimettere in libertà grazia = è lui stesso

19 Gesù non è semplicemente venuto a proclamare il Giubileo, ma Egli stesso è il Giubileo potere di Dio, che interviene nella storia in favore dei poveri, degli indebitati, degli schiavi, degli schiacciati e dei falliti Gesù non completa la lettura del testo di Isaia, ma si ferma prima delle parole che annunciano la vendetta del nostro Dio (messianismo senza rivalsa nazionalistica )

20 Poi arrotolò il volume, lo consegnò all'inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui sedette = intronizzazione del Maestro e Signore sguardo intenso di tutti su di lui concentrazione sul mistero della sua persona

21 Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi infinite volte quel testo è stato letto nelle sinagoghe, ma oggi queste parole antiche sono assolutamente nuove le parole antiche si adempiono sulle labbra di Gesù è lui il grande protagonista, l'unico ciò che in Isaia era un annuncio, in Gesù diventa realtà, diventa il presente, l'oggi della salvezza

22 Non è il figlio di Giuseppe? non accettano che Gesù sia il messia annunciato da Isaia il problema era nel fatto che un concittadino, ossia uno di loro, che conoscevano e avevano visto crescere, parlava con autorità sulle cose della vita, sulle trasformazioni da operare nei cuori il fatto che uno di loro diventi diverso, pur essendo identico a loro, suona come un'accusa implicita, insopportabile

23 Nessun profeta è bene accetto in patria rifiuto che Dio parli e operi nella vita di ogni giorno è difficile vedere la realizzazione di attese grandiose in persone con le quali si convive fianco a fianco Gesù delinea il suo destino di profeta inascoltato, emarginato, squalificato

24 tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno rimangono scandalizzati perché Gesù parla di accogliere i poveri, i ciechi e gli oppressi la gente non accetta la proposta di Gesù nel momento in cui presenta il progetto di accogliere gli esclusi, lui stesso è escluso

25 lo cacciarono fuori della città ci si avvia alla sua tumultuosa eliminazione, fuori dalla città, come il vangelo racconterà nel seguito la minaccia che riceve dai suoi compaesani, prefigura già l'esito finale della sua vicenda umana il modo in cui Gesù ha scandalizzato i suoi concittadini di allora è identico a quello con cui scandalizza noi oggi

26 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò la tentazione di addomesticare Cristo è di tutti e di sempre, ma Gesù non si lascia intrappolare: o si accoglie nel modo giusto o se ne va prosegue il suo cammino verso Gerusalemme


Scaricare ppt "Luca. dogma centrale della fede cristiana: Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, consustanziale al Padre e allo Spirito per la divinità, consustanziale a."

Presentazioni simili


Annunci Google