La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola Due Agosto classe IV a Anno Scolastico 2006- 2007 Tutte le pagine nelle quali è presente questo talloncino e *, hanno immagini e/o parti di testo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola Due Agosto classe IV a Anno Scolastico 2006- 2007 Tutte le pagine nelle quali è presente questo talloncino e *, hanno immagini e/o parti di testo."— Transcript della presentazione:

1

2 Scuola Due Agosto classe IV a Anno Scolastico Tutte le pagine nelle quali è presente questo talloncino e *, hanno immagini e/o parti di testo estrapolate dal libro Pronti…Via! Ed. Tredieci, autori: Benendo, Casagrande, De Marchi, Gheller, Grosso, Lorenzon; coordinamento Tosatto; Progetto Taffarel.

3

4 I numeri dellAcqua nel Mondo

5 Risorse dAcqua dolce: quantità e distribuzione nelle regioni. Bacini fluviali nel Mondo.

6

7 LA DESERTIFICAZIONE Desertificazione: espansione dei deserti esistenti per effetto dell'avanzamento della sabbia su ecosistemi fragili, degradati, pre-desertici (savane); degradazione delle terre in zone aride, sub-aride e sub-umide secche dovuta a variazioni climatiche, attività umane. Alcuni scienziati sostengono che è un fenomeno ciclico naturale, altri la considerano un'emergenza reale. CAUSE DELLA DESERTIFICAZIONE Le cause antropogeniche: - il sovra-pascolamento, che comporta una riduzione della copertura vegetale, così come i disboscamenti; - lagricoltura intensiva; - leccessivo utilizzo di fertilizzanti, pesticidi; - gli incendi; - linquinamento dellaria e del suolo; - le discariche e le attività estrattive; - laumento e luso irrazionale delle risorse idriche; - lo sviluppo disorganizzato del turismo. Le cause naturali: - i cambiamenti climatici dovuti ad attività antropogeniche; - le eruzioni vulcaniche. Desertificazione, cambiamenti del clima e vegetazione. La desertificazione è destinata ad aggravarsi per effetto dei cambiamenti climatici in corso come l'aumento medio della temperatura globale dell'atmosfera che avrà effetti anche sugli ecosistemi vegetali.

8 Alcuni numeri sulla desertificazione Alcuni numeri danno un'idea della sua entità: - 1/4 delle terre emerse è a rischio desertificazione; - 3/4 delle terre aride, nel nord America, in Canada e in Africa, sono ad alto rischio; milioni di persone in Africa sono minacciate dalla desertificazione; - 3,3 miliardi di ettari di suoli agricoli in zone aride risultano degradati; - il 20% dei suoli agricoli irrigui si stanno salinizzando, poi si desertificheranno; - 10 milioni di ettari di foreste sono distrutti ogni anno da incendi o uso errato del suolo. Il fenomeno interessa anche il bacino del Mediterraneo e la nostra penisola. - il 6 % della superficie dell'Europa è costituito da terre aride; - il 2 % è la percentuale delle terre già desertificate nel continente europeo; ettari di suoli ad alta fertilità sono sottoposti, ogni anno in Italia, a cambio d'uso da agricolo a urbanistico; - 3,7 milioni di ettari di suolo nell'Italia del sud risultano degradati; ettari di bosco sono, in media, percorsi da incendi nel nostro Paese.

9

10

11 La Desertificazione e l Italia Il 30% del territorio italiano è a rischio desertificazione, soprattutto il meridione. Negli ultimi 20 anni è triplicato l'inaridimento del suolo a causa del clima, del suolo, della vegetazione, e delle attività umane. Degrado del territorio: impoverimento delle qualità del territorio. Un'area desertificata perde irreversibilmente la produzione agricola e forestale. Siccità e desertificazione dipendono dal clima, dallo sfruttamento intensivo dei terreni e delle risorse idriche e dall'uso non sostenibile delle risorse naturali da parte dell'uomo. Si stima che circa 135 milioni di persone rischiano di dover abbandonare la propria terra a causa dell'avanzata del deserto. Il problema è molto grande anche nelle zone temperate, nel Mediterraneo le aree desertificate sono intervallate da quelle a rischio desertificazione. In Italia: qualità del clima, del suolo e della vegetazione sono i 3 indici a cui gli scienziati hanno fatto riferimento. LItalia è un territorio fortemente antropizzato. Anche se siccità e desertificazione in Italia non sono fenomeni drammatici come nel continente africano o in alcune zone di Asia e America Latina, non sono da trascurare. Le regioni a rischio Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna sono in avanzato stato di desertificazione. Anche le regioni del centro nord, in particolare Toscana, la Pianura del Po e lEmilia Romagna, stanno peggiorando anche a causa delle scarse precipitazioni. Il deserto avanza velocemente sulle zone costiere e collinari del Sud.

12 Le regioni a rischio Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna sono in avanzato stato di desertificazione. Anche le regioni del centro nord, in particolare Toscana, la pianura del Po e lEmilia Romagna, stanno peggiorando anche a causa delle scarse precipitazioni. Il deserto avanza velocemente sulle zone costiere e collinari del Sud.

13

14 Mari, Fiumi, Laghi MARI: a nord-ovest LIGURE; a ovest TIRRENO; a sud-est IONIO; a est ADRIATICO; a ovest DI SARDEGNA. Ovvero, da est a ovest: Adriatico, Ionio, Mediterraneo, Tirreno, Ligure. LAGHI: da nord-ovest a nord-est: Lago Maggiore (Piemonte e Lombardia), Lago di Como, Lago dIseo, Lago di Garda (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto) è il più vasto (sono tutti nati da ghiacciai, sono tutti in Lombardia). Al centro: Lago Trasimeno (Umbria-nato da un avvallamento); Lago di Bolsena, Lago di Bracciano (sono vulcanici e si trovano nel Lazio). Al centro Sud: Lago di Lesina (costiero), Lago di Varano (entrambi sono in Puglia). FIUMI: a nord, nord-est: Adige, Isarco, Brenta, Piave, Isonzo, Tanaro, Po, Reno; a nord-ovest:Dora Baltea e Riparia, Ticino, Adda, Oglio, Mincio. Al centro: Arno, Tevere, Casentino, Tronto, Sangro. Al sud: Volturno, Gravina. Fiumi in Emilia-Romagna: Po, Trebbia, Taro, Enza, Secchia, Panaro, Reno, Santerno, Montone, Savio.

15

16 Le caratteristiche dellAcqua Lacqua è un solvente universale, perché diluisce quasi tutto. Quando arriva a noi in bottiglia o esce dal rubinetto, è ricca di sostanze chimiche e sali minerali sciolti nella terra, nelle rocce attraverso le quali è passata, che modificano le proprietà dellacqua.I sali dellacqua del mare se sono concentrati, fanno congelare con più difficoltà gli oceani. Lacqua può essere leggera o dura. E dura se contiene calcio, magnesio o altri metalli disciolti, residui biancastri che restano nella pentola quando cuoci la pasta. Se lacqua è troppo dura altera il sapore dei cibi, incrosta le tubature, diminuisce lazione dei saponi. LA SOLUBILITÀ Molte sostanze si trovano in soluzione, infatti l'acqua è uno dei componenti principali degli organismi viventi. Il corpo umano è composto per il 75% da acqua. In natura vi sono sostanze che si mescolano allacqua perché formate da molecole idrofile, che amano l acqua (zucchero, sale); altre non si mescolano all acqua perché formate da molecole idrofobe, che temono l acqua e che messe in acqua si ammassano tra loro (olio). Le soluzioni sono miscugli formati da un solvente (acqua) e un soluto (sostanza che viene sciolta in acqua). Il soluto può essere solubile, parzialmente solubile o insolubile. La soluzione diventa satura quando raggiunge la quantità massima di soluto disciolto nel solvente. Gli stati dell acqua L'acqua è l'unica sostanza che si trova in natura, a temperatura ambiente, contemporaneamente nei tre stati di aggregazione: solido, liquido e gassoso. L'acqua allo stato solido: ghiaccio, neve, grandine, brina. Le particelle sono molto vicine le une alle altre, non sono libere di muoversi e di spostarsi. L'acqua allo stato liquido: pioggia e rugiada, fiumi, mari e oceani, che ricoprono il 70% della superficie terrestre. Le particelle possono spostarsi, ma entro certi limiti: se una particella si sposta il suo posto viene subito preso da un'altra. L'acqua allo stato gassoso: nebbia, vapore acqueo, nuvole. Le particelle possono muoversi liberamente, perchè non ci sono legami chimici tra loro.

17 EVAPORAZIONE CONDENSAZIONE * *

18 SOLIDIFICAZIONE FUSIONE * *

19 Evaporazione, Condensazione, Solidificazione, Fusione I passaggi di stato avvengono grazie al CALORE: più la temperatura è alta e maggiormente gli atomi si allontanano quindi dallo stato solido si passa allo stato liquido e a quello gassoso o aeriforme; più la temperatura diminuisce e più gli atomi si riavvicinano quindi dallo stato aeriforme si passa a quello liquido e si torna allo stato solido. EVAPORAZIONE: passaggio di una sostanza da liquido a vapore. Lacqua allo stato liquido, grazie al calore, si trasforma in piccolissime gocce leggere di vapore e si diffonde nellaria sotto forma di VAPORE ACQUEO. CONDENSAZIONE: passaggio di una sostanza da vapore a liquido.Lacqua allo stato liquido scaldata e portata ad ebollizione si trasforma in vapore acqueo che condensa e torna acqua quando trova una temperatura più fredda (ad esempio il vapore acqueo a contatto col coperchio della pentola). SOLIDIFICAZIONE: il passaggio di una sostanza da liquida a solida. Lacqua allo stato liquido posta in un luogo a temperatura molto bassa (congelatore) diventa ghiaccio, cioè solidifica. FUSIONE: il passaggio di una sostanza da solida a liquida. Lacqua allo stato solido posta vicino ad una fonte di forte calore torna allo stato liquido. * *

20 IL CICLO DELLACQUA Il ciclo dellacqua: serie di processi attraverso i quali parte dellacqua passa dal mare allatmosfera, raggiunge i continenti sotto forma di precipitazioni e ritorna nuovamente al mare. Questo complesso sistema è alimentato dallenergia del Sole. Lacqua evapora dalla superficie degli oceani e forma le nubi; le nubi si spostano verso i continenti e danno luogo alle precipitazioni (pioggia, neve); circa il 64% delle acque cadute sulle terre emerse viene temporaneamente trattenuto dalla vegetazione e dal suolo finchè torna in atmosfera grazie allevaporazione e traspirazione. Il 25% scorre sulla superficie del suolo, alimenta corsi dacqua e arriva velocemente al mare. L11% si infiltra nelle rocce del sottosuolo e alimenta le falde acquifere. Questacqua si muove lentamente e una parte affiora nelle sorgenti e alimenta i corsi dacqua. Una parte dellacqua che cade evapora o si disperde nel suolo, una parte si raccoglie nelle falde idriche sotterranee e una parte alimenta i fiumi. Ognuno di noi deve occuparsi e preoccuparsi della quantità di acqua che consuma ogni giorno. L'acqua potabile non è più un bene garantito. Dopo l'utilizzo, l'acqua non è definitivamente perduta, può essere riciclata un numero infinito di volte in alcuni casi nel giro di una settimana in altri casi dopo anni: dipende da come, e quanto è inquinata. L'acqua viene recuperata attraverso purificazioni. Per mantenere l'acqua sicura e salubre, è indispensabile la purificazione e la sua protezione. Inoltre l'acqua calda assorbe più metalli che l'acqua fredda, quindi è meglio utilizzare sempre l'acqua fredda quando si cucina; l'acqua che ristagna nei tubi assorbe più piombo, per questo è opportuno far scorrere l'acqua fino a che sia fresca, in modo da evitare l'utilizzo di quella più inquinata. Oggi abbiamo a disposizione strumenti sofisticati che ci permettono di conoscere la composizione dell'acqua meglio che in passato.

21 Alcune persone usano filtri per migliorare il gusto, l'odore o il colore dell'acqua potabile ma ciò non sempre rende l'acqua più sana o sicura da bere. L'acqua in bottiglia non è sempre più sana di quella del rubinetto perché l'acqua che finisce in bottiglia non è controllata dallo Stato. L'acqua di fonte e' migliore dell'acqua del rubinetto? Sull'intero pianeta è pochissima l'acqua che può essere definita nuova. La maggior parte dell'acqua è già stata utilizzata in un'attività degli uomini o degli animali. Perfino nelle zone ancora selvagge ed inesplorate sono state trovate tracce di inquinanti che rendono l'acqua contaminata. È sempre opportuno bere acqua che sia stata trattata. Prima di bere l'acqua da un ruscello se siete a livello del mare è meglio bollirla per almeno un minuto, tre minuti se siete a valle di un centro abitato. Questo trattamento ucciderà completamente i batteri, i virus e i germi ma non eliminerà i metalli pesanti e i pesticidi. Le fonti anche se appaiono pure possono essere inquinate da metalli e pesticidi sparsi anche a distanza di parecchi chilometri.

22 * *

23 LACQUA E LE FALDE ACQUIFERE Una parte dellacqua che penetra nel terreno viene assorbita dalle radici delle piante e unaltra parte, invece, si infiltra finchè trova uno strato di terreno impermeabile che non la fa più passare. Qui si formano dei grandi serbatoi sotterranei detti FALDE ACQUIFERE. In alcune zone lacqua delle falde serve per rifornire le cisterne degli acquedotti. * *

24 LACQUEDOTTO In alcune zone lacqua che esce dai rubinetti proviene direttamente dalle falde acquifere ma nelle città, è lacquedotto che la distribuisce. Lacqua viene raccolta da un torrente, un lago o una falda, in un grande serbatoio costruito molto in alto. La pressione della grande quantità spinge lacqua nelle case. Qualche volta per far arrivare lacqua in alto nei grattacieli o in certe zone di montagna, viene spinta da apposite pompe. Lacqua che esce dai rubinetti proviene da un fiume (1), un lago (2), una falda (3). Viene prelevata, depurata e incanalata nei tubi dellacquedotto (4) della città e arriva alle case (5). * *

25 IL RISCALDAMENTO DELLE CASE Nei freddi mesi invernali ci si riscalda nelle case tramite il riscaldamento. Il cuore dellimpianto di riscaldamento è la CALDAIA, grande recipiente dove lacqua viene riscaldata. Accanto ad essa cè un meccanismo detto BRUCIATORE, che per scaldare lacqua brucia gas metano, gasolio o carbone. Dalla caldaia partono delle tubazioni che raggiungono gli appartamenti. Lacqua calda, spinta dalle pompe, attraverso le tubazioni viene fatta circolare nei RADIATORI, contenitori dove lacqua calda si raccoglie per diffondere il calore in tutta la stanza. Lacqua poco a poco si raffredda, ma allora ridiscende nella caldaia per essere riscaldata di nuovo e continua il suo viaggio. * *

26 Lacqua con le ORECCHIE: è - rumorosa - ticchettante - scrosciante - saltellante - fragorosa - insistente - battente. Lacqua con gli OCCHI: è - verde acqua - azzurra - agitata - ferma - piatta - chiara - trasparente - limpida. Lacqua con le MANI: è - fresca - calda - fredda - ghiacciata - sgocciola. Lacqua con il NASO: è - profumata - puzzolente - inodore - aromatica - salmastra. Lacqua con la BOCCA: è - salata - dolce - frizzante - naturale - calda - tiepida - fredda. Le azioni dellacqua: cosa fa? - ondeggia - scorre - pulisce - brilla - bagna - lava - cade - scivola - scende - saltella - evapora - pesa - sciacqua - ride - gorgoglia.

27

28 RIPARIAMO I RUBINETTI: ricordiamoci che un rubinetto che perde 30 gocce al minuto spreca circa 200 litri d'acqua al mese e all'anno; uno sciacquone che perde acqua nel water, anche in modo impercettibile, scarica oltre litri di acqua in un giorno. Ogni volta che è possibile, al posto del bagno scegliamo di FARE LA DOCCIA, con una sola doccia risparmiamo tra i 120 e i 150 litri. LAVIAMO FRUTTA E VERDURA IN APPOSITI CONTENITORI, senza usare l'acqua corrente; RICICLIAMO l'acqua del contenitore PER INNAFFIARE LE NOSTRE PIANTE. USIAMO LA LAVATRICE E LA LAVASTOVIGLIE SOLO A PIENO CARICO. RIUTILIZZIAMO PER LAVARE I PIATTI L'ACQUA CALDA CON CUI SI CUOCE LA PASTA. È un'acqua molto sgrassante, per cui non solo evitiamo gli sprechi ma, potendo utilizzare meno detersivo, otteniamo un lavaggio più efficace ed ecologico. Cerchiamo di RISPARMIARE CON LO SCARICO DEL WATER: si può usare un sistema a rubinetto al posto dello sciacquone, risparmiando così circa litri di acqua all'anno. Possiamo installare le cassette del WC con lo scarico differenziato, o ridurre il livello d'acqua nelle cassette regolando il galleggiante. Cerchiamo di UTILIZZARE CORRETTAMENTE LO SCARICO DEL BAGNO: ogni volta che si usa consumiamo fino a 20 litri d'acqua, per cui evitiamo di utilizzarlo come cestino della spazzatura per gettare fazzoletti di carta, cotone e simili. LAVIAMO L'AUTOMOBILE SENZA UTILIZZARE ACQUA CORRENTE: utilizzare un secchio permette di risparmiare 130 litri ogni lavaggio. Possiamo anche rivolgerci ad autolavaggi che riciclano l'acqua. VERIFICHIAMO PERIODICAMENTE L'IMPIANTO IDRICO: se il contatore del consumo di acqua continua a girare anche con tutti i rubinetti chiusi, bisogna intervenire per eliminare perdite nelle condutture o riparare eventuali guasti all'impianto.

29 INSTALLIAMO IMPIANTI IDRICI DUALI: cerchiamo di dotare la casa di impianti idrici a due tubi, così da poter distinguere l'acqua potabile da quella non potabile. Avviene già in molti paesi europei, non richiede grosse spese e permette di tagliare i consumi idrici. Inoltre, è opportuno ISOLARE TERMICAMENTE LE CONDUTTURE, così da ottenere in minor tempo la temperatura desiderata di acqua calda e ridurre gli sprechi. INSTALLIAMO semplici riduttori/REGOLATORI DI FLUSSO, ciò permette un risparmio del 50% sul consumo. SPAZZIAMO VIALETTI E MARCIAPIEDI anziché pulirli con l'acqua dell'annaffiatoio. CERCHIAMO DI ESSERE CITTADINI ATTIVI: quando vediamo una fontanella sempre aperta, ci accorgiamo di una tubatura che perde, chiediamo all'azienda competente o al comune, d'intervenire. CHIEDIAMO LA COPIA DELLA CARTA DEI SERVIZI all'azienda che gestisce il servizio idrico, per conoscere e poter verificare il rispetto degli standard di qualità del servizio. FACCIAMO VALERE I NOSTRI DIRITTI DI UTENTI dei servizi idrici: informiamoci ed informiamo gli altri su quali sono e su come possiamo tutelarli. PROMUOVIAMO INIZIATIVE D'INFORMAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE ALL'USO RAZIONALE E RESPONSABILE DELL'ACQUA.

30 Promulgata il 6 maggio 1968 a Strasburgo dal Consiglio dEuropa è ancora scarsamente conosciuta e osservata anche dai maggiori responsabili delle condizioni e dei pericoli che vi sono accennati ma anche dai consumatori che usano e trattano lacqua sconsideratamente. 1) Non c'è vita senza acqua. L'acqua è un bene prezioso, indispensabile a tutte le attività umane. 2) Le disponibilità di acqua dolce non sono inesauribili. E' indispensabile preservarle, controllarle, e, se possibile, accrescerle. 3) Alterare la qualità dell'acqua significa nuocere alla vita dell'uomo e degli altri esseri viventi che da essa dipendono. 4) La qualità dell'acqua deve essere mantenuta in modo da poter soddisfare le esigenze delle utilizzazioni previste, specialmente per i bisogni della salute pubblica. 5) Quando l'acqua, dopo essere stata utilizzata, viene restituita all'ambiente naturale, deve essere in condizione da non compromettere i possibili usi dell'ambiente, sia pubblici che privati. 6) La conservazione di una copertura vegetale appropriata, di preferenza forestale, è essenziale per la conservazione delle risorse idriche. 7) Le risorse idriche devono essere accuratamente inventariate. 8) La buona gestione dell'acqua deve essere materia di pianificazione delle autorità competenti. 9) La salvaguardia dell'acqua implica uno sforzo importante di ricerca scientifica, di formazione di specialisti e di informazione pubblica. L'acqua è un patrimonio il cui valore deve essere riconosciuto da tutti. Ciascuno ha il dovere di economizzarla e di utilizzarla con cura. 10) La gestione delle risorse idriche dovrebbe essere inquadrata nel bacino naturale, piuttosto che entro frontiere amministrative e politiche. 11) L'acqua non ha frontiere. Essa è una risorsa comune la cui tutela richiede la cooperazione internazionale.


Scaricare ppt "Scuola Due Agosto classe IV a Anno Scolastico 2006- 2007 Tutte le pagine nelle quali è presente questo talloncino e *, hanno immagini e/o parti di testo."

Presentazioni simili


Annunci Google