La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL BASSO MEDIOEVO 1000_______________1492 476 d.C.___________1000_______________1492 Prof.ssa E. Sabuzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL BASSO MEDIOEVO 1000_______________1492 476 d.C.___________1000_______________1492 Prof.ssa E. Sabuzi."— Transcript della presentazione:

1 IL BASSO MEDIOEVO 1000_______________ d.C.___________1000_______________1492 Prof.ssa E. Sabuzi

2 I SECOLI DELLA RINASCITA Finiscono le ultime invasioni Migliora il clima Cresce la produzione Rinascono i mercati e le città Intanto lamicizia tra Chiesa e Impero si trasforma in una rivalità spietata Lotta delle investiture Prof.ssa E. Sabuzi

3 LA RINASCITA DELLE CAMPAGNE Prof.ssa E. Sabuzi

4 Le campagne nellAlto Medioevo Laddove ai tempi dei Romani si stendevano ordinate distese di campi di grano, vigne e oliveti, nel corso dellAlto Medioevo la natura era tornata selvaggia. Il sistema curtense si era limitato a coltivare le pendici dei colli o i pochi terreni asciutti delle pianure risparmiate da boschi e paludi, ma da ciò di ricavava solo di che far sopravvivere il signore e i suoi contadini. Prof.ssa E. Sabuzi

5 Le campagne dopo il 1000 Tornano distese di campi coltivati. I contadini arano e seminano negli stessi luoghi che prima la natura aveva strappato alluomo CHE COSA E SUCCESSO? Prof.ssa E. Sabuzi

6 RINASCITA DOPO IL 1000 determinano Migliora il clima raccolti più abbondanti CRESCITA DEMOGRAFICA consente Fine ultime invasioni Diminuzione infanticidio femminile favorisce Riconquista terre incolte Introduzione nuovi strumenti agricoli stimola Rotazione triennale Aratro pesante Mulino Ferro di cavallo Prof.ssa E. Sabuzi

7 Introduzione nuovi strumenti agricoli produce raccolti più abbondanti (Aumento produttività) ECCEDENZE - SURPLUS consente Servono per Aumento demografico Rinascita delle città determinano Rinascita mercati e fiere Circolazione denaro Sviluppo artigianato Rinascita del commercio (economia di mercato) Prof.ssa E. Sabuzi

8 Il miglioramento del clima Dopo un periodo molto freddo, tra il 1000 e il 1300 si registra un periodo caldo, tanto che si ha testimonianza di fattorie fondate dai Vichinghi in Groenlandia! Il miglioramento climatico determinò raccolti più abbondanti Prof.ssa E. Sabuzi

9 Finiscono le Ultime Invasioni Dopo le ultime invasioni (Saraceni, Vichinghi e Ungari), lEuropa vive un periodo di pace. La popolazione, al riparo da guerre e scorrerie, aumentò e poté dedicarsi con più sicurezza al lavoro nei campi, che non correvano più il rischio di essere distrutti Prof.ssa E. Sabuzi

10 Aumenta la popolazione Tra il 1000 e il 1300 la popolazione dItalia raddoppiò, quelle della Francia, della Germania e dellInghilterra triplicarono! Si passò da circa 38 a circa 73 milioni di abitanti Prof.ssa E. Sabuzi

11 NUOVI TERRENI SONO MESSI A COLTURA La maggiore disponibilità di manodopera (per laumento della popolazione) favorì la coltivazione di nuovi terreni: si prosciugarono paludi, si abbatterono tratti di foreste. Nel Nord dEuropa (Olanda) molte zone costiere vennero separate dal mare con grandiosi sbarramenti e trasformate in terreni fertili, grazie alleliminazione del sale Prof.ssa E. Sabuzi

12 Laumento della produzione agraria Con lespandersi delle terre coltivate, la produzione agricola aumenta. Ma i progressi nelle campagne sono dovuti soprattutto al diffondersi di attrezzi più robusti, di macchine, di nuove tecniche di lavoro Prof.ssa E. Sabuzi

13 Lo sviluppo delle forze produttive durante l'epoca medioevale Mulino ad acqua dal sec. VI Aratro pesante dal sec. VII Rotazione agraria triennale dalla fine del sec.VIII Nuovi sistemi di traino animale (giogo frontale, collare di spalla) dal sec IX Ferratura dei cavalli e uso del cavallo nelle pratiche di aratura dalla fine del sec. IX Strumenti di lavoro in ferro DallXI sec Allargamento dello spazio coltivato (dissodamenti, bonifiche) e incremento demografico dal sec. XI al sec. XIII Mulini a vento Perfezionamento delle navigazione dal sec. XII Ripresa dei commerci (fiere, moneta, credito) dal sec. XI Carro a quattro ruote dalla prima metà del sec. XII dal sec. XIII Prof.ssa E. Sabuzi

14 La rotazione triennale Con questo nuovo metodo soltanto un terzo, anziché la metà, dell'area da seminare era lasciato a maggese, ovvero incolto, sottoposto solo ad aratura in vista della semina dell'anno successivo. Prof.ssa E. Sabuzi

15 Dalla rotazione biennale a quella triennale Fino allXI secolo il terreno era diviso in due parti: una coltivata a cereali, laltra arata e lasciata a riposo. Infatti, data la mancanza di fertilizzanti e la scarsità di concimi, il terreno aveva bisogno di riposo per tornare a produrre. Ora si passa alla rotazione triennale Prof.ssa E. Sabuzi

16 Rotazione triennale I contadini lasciano a riposo solo 1/3 dei terreni. Nelle altre due parti coltivano, in una grano, nellaltra avena e legumi. Ogni anno si fanno ruotare le colture sul terreno Prof.ssa E. Sabuzi

17 I contadini possono: 1.Aumentare la produzione 2.Nutrirsi meglio (i legumi sono ricchi di proteine) 3.Fertilizzare naturalmente il terreno (i legumi rilasciano azoto) Prof.ssa E. Sabuzi

18 ROTAZIONE BIENNALE GRANO MAGGESE (riposo) GRANO MAGGESE (riposo) Primo anno secondo anno Prof.ssa E. Sabuzi

19 Rotazione triennale Maggese (riposo) Frumento (autunno) Legumi (piselli, fave…) a primavera Frumento (autunno) Legumi (piselli, fave…) a primavera Maggese (riposo) Legumi (piselli, fave…) a primavera Maggese (riposo) Frumento (autunno) 1° ANNO 2° ANNO 3° ANNO Prof.ssa E. Sabuzi

20 Aumento produzione (spighe grano) Da 1 chicco di grano: Antichità e Alto Medioevo 2 chicchi Basso Medioevo 5 chicchi Agricoltura avanzata oggi 30 chicchi Grazie alla rotazione triennale e allimpiego di nuovi attrezzi, le rese agricole aumentarono Prof.ssa E. Sabuzi

21 CIO SIGNIFICA CHE LA DOVE PRIMA CERA 1 SOLA PAGNOTTA DI PANE AL GIORNO, ORA CE NERANO ALMENO 4! Prof.ssa E. Sabuzi

22 Nuovi strumenti agrari: laratro pesante Prof.ssa E. Sabuzi

23 Laratro è stato un attrezzo importante fin dalla Rivoluzione NEOLITICA. Smuoveva la terra solo in superficie ed era costruito in legno. Spesso era tenuto dallaratore per orientarlo meglio, oppure era trainato da buoi. Serviva solo a sollevare terra e sassi spingendoli da parte. Una simile aratura poteva essere sufficiente per i terreni leggeri ed aridi delle regioni del mediterraneo,mentre era del tutto insufficiente per i terreni pesanti, umidi e grassi dell'Europa settentrionale dove si affermò un nuovo tipo di aratro. Il nuovo aratro: aveva ruote per controllare la profondità dell'aratura era munito di un coltro (punta) per rompere le zolle e di un versoio (una specie di cucchiaio di legno o metallo che solleva le zolle e le rovescia) faceva solchi profondi e regolari e non necessitava una seconda aratura Era trainato da cavalli Prof.ssa E. Sabuzi

24

25 ERPICE Dopo laratura le zolle vengono frantumate con un nuovo strumento: lerpice Prof.ssa E. Sabuzi

26 Limpiego del cavallo Il cavallo comincia a prendere il posto del bue nel lavoro dei campi: ha la stessa capacità di tiro di un bue, ma è più veloce e più resistente NellXI secolo si diffonde luso della ferratura, che protegge gli zoccoli teneri dei cavallic Prof.ssa E. Sabuzi

27 FERRO DA CAVALLO NellXI secolo si diffonde luso della ferratura, che protegge gli zoccoli teneri dei cavalli Prof.ssa E. Sabuzi

28 Il nuovo collare da tiro Anticamente il cavallo veniva attaccato con una cinghia che gli circondava il collo e tendeva a soffocarlo non appena tirava NellXI secolo si comincia ad usare un collare rigido e imbottito che poggia sulle spalle del cavallo e non ne ostacola la respirazione. Così riesce a trasportare carichi cinque volte superiori Prof.ssa E. Sabuzi

29 Il mulino Prof.ssa E. Sabuzi

30 Due nuove fonti di energia, acqua e vento, furono sfruttate grazie ai mulini Il mulino ad acqua veniva usato per: attizzare il fuoco per fondere il ferro Azionare seghe per tagliare tronchi Spremere olio Battere i panni per renderli più resistenti Triturare sostanze coloranti Conciare le pelli Ridurre il grano in farina Macinare il sale Fare la birra… Prof.ssa E. Sabuzi

31 LA RINASCITA DELLE CAMPAGNE PRODUCE ECCEDENZE: IL SURPLUS Le eccedenze prodotte dalla campagna servivano: 1.A sostenere laumento della popolazione 2.A rimettere in moto i mercati Prof.ssa E. Sabuzi

32 Infatti permisero a un numero maggiore di individui di sopravvivere in condizioni precarie come quelle dei loro avi Duby Prof.ssa E. Sabuzi

33 Le eccedenze aprono leconomia Si passa dalleconomia chiusa (AUTOCONSUMO), in cui si produceva solo per consumare e sopravvivere... Prof.ssa E. Sabuzi

34 …alleconomia aperta, in cui chi produce vende una parte di ciò che ha ricavato: si arriva, cioè all ECONOMIA DI MERCATO Le eccedenze aprono leconomia Prof.ssa E. Sabuzi

35 Sviluppo dei commerci I MERCATI SI MOLTIPLICARONO, soprattutto nelle città Spesso mercati e fiere sorsero vicino alle mura delle città: tali zone appena fuori dallurbe furono chiamate borghi e i loro abitanti borghesi. Erano soprattutto mercanti e artigiani Prof.ssa E. Sabuzi

36 LE CITTA Poiché i mercati e le fiere si svolgevano in città e lì si cominciò a concentrare la ricchezza, si manifestò un massiccio trasferimento in città (urbe) degli abitanti della campagna urbanesimo Prof.ssa E. Sabuzi

37 Laria di città rende liberi La popolazione, ormai troppo numerosa per essere assorbita dall'agricoltura, emigrò nelle città. Le eccedenze di cibo, di prodotti dell'emergente industria tessile, dei cantieri navali e degli utensili divennero oggetto di scambio non solo nelle fiere ma anche nei nuovi mercati. I sovrani incoraggiavano l'espandersi dei centri urbani. Si sviluppò così una classe media che prosperava con il commercio e lartigianato. I mercanti acquisirono sempre maggiore rilievo, accumulando ricchezze e potere. Se il contadino trovava lavoro in città e vi restava almeno per un determinato periodo di tempo, si affrancava: non era più, cioè servo della gleba Prof.ssa E. Sabuzi

38 LA CITTA È centro di produzione (artigiani) È centro di commercio È centro di cultura prime UNIVERSITA (Bologna 1088 – Parigi) letteratura in volgare (Dante, Petrarca, Boccaccio) Prof.ssa E. Sabuzi

39 « Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende prese costui de la bella persona che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende. Amor, ch'a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m'abbandona.» Inferno, V Prof.ssa E. Sabuzi

40 Le città Tra le principali città, ricordiamo le città marinare italiane, che si arricchirono grazie al commercio, lottando aspramente tra loro per la supremazia sui mari: Amalfi Pisa Genova Venezia Prof.ssa E. Sabuzi

41 Le città marinare Si dedicarono al commercio marittimo e si resero indipendenti da imperatori o feudatari. Furono governate dai mercanti stessi Prof.ssa E. Sabuzi

42 AMALFI Prof.ssa E. Sabuzi

43 PISA Prof.ssa E. Sabuzi

44 GENOVA Prof.ssa E. Sabuzi

45 VENEZIA Prof.ssa E. Sabuzi

46 Le Fiere Le principali fiere ci furono in Italia, nelle Fiandre (Belgio) e nella regione francese Champagne Prof.ssa E. Sabuzi

47 TORNA A CIRCOLARE LA MONETA Con lo sviluppo dei commerci fu abbandonato il sistema del baratto e ricominciarono a circolare le monete: fiorino (Firenze), ducato (Venezia), genovino (Genova) Prof.ssa E. Sabuzi

48 RINASCONO GLI ARTIGIANI SPECIALIZZATI Gli artigiani si stabilirono in città (nei BORGHI) e si riunirono in corporazioni (ARTI): lanaioli, tintori, fabbri, falegnami, ceramisti, scalpellini, cocchieri, farmacisti… Le CORPORAZIONI avevano norme ben precise che regolavano i rapporti tra datore di lavoro, dipendenti e apprendisti (salari, orari di lavoro) e controllavano la qualità e i prezzi dei prodotti Prof.ssa E. Sabuzi

49

50

51

52 Le ARTI (o Gilde, o Corporazioni) svolgevano anche attività di assistenza a favore dei soci ammalati, delle vedove e degli orfani Le ARTI si occupavano anche dellistruzione professionale Prof.ssa E. Sabuzi

53

54

55 I borghesi guadagnano la libertà In città i borghesi, anche se non più servi della gleba, dovevano subire i diritti di banno del feudatario e del vescovo: dazi, cioè pedaggi su chi entrava in città, diritto di taglia, cioè il diritto di prelevare beni dalle botteghe Ma cominciarono a non sopportare più quei privilegi feudali Prof.ssa E. Sabuzi

56 IL COMUNE I borghesi si allearono, si riunirono in COMUNE, unassociazione armata di reciproca solidarietà, nella quale si entrava con un giuramento solenne Erano pronti a battersi fino alla morte per il comune obiettivo di una maggiore libertà Prof.ssa E. Sabuzi

57 I COMUNI CONQUISTANO LA LIBERTA Attraverso lotte armate, trattative o pagamenti in denaro, i Comuni di tutta Europa si liberano dai vincoli feudali ottenendo numerose libertà LIBERTA: Dalle taglie signorili Di amministrare in proprio la giustizia Di battere moneta Di ampliare le mura cittadine Di governare la città Dalle corvée Prof.ssa E. Sabuzi

58 UN GOVERNO AUTONOMO Le città, dunque, in una prima fase erano sottoposte ad un signore feudale o ad un vescovo Presto riuscirono a rendersi autonome e diedero vita ad una nuova forma di governo, il Comune. Si governarono da sole Prof.ssa E. Sabuzi

59 I COMUNI… NASCONO DEMOCRATICI Allinizio scelsero un governo democratico (Atene, Roma dei consoli): una repubblica che si basava sul potere dellAssemblea dei cittadini (esclusi: donne, apprendisti, salariati saltuari, servi) I magistrati supremi erano chiamati consoli Prof.ssa E. Sabuzi

60 I COMUNI… DIVENTANO OLIGARCHICI Il controllo del potere passò ad un numero ristretto di famiglie (governo di pochi). I nuovi aristocratici facevano parte del popolo grasso (le famiglie più ricche: cavalieri delle torri, ricchi mercanti, artigiani di successo, vescovo e feudatari…) che apparteneva alle Arti maggiori (giudici, notai, lanaioli, medici e speziali) Prof.ssa E. Sabuzi

61 Dal Comune alla Signoria Tra le casate, famiglie rivali, cerano molte lotte per il potere (cfr. Giulietta e Romeo). Per questo, inizialmente, fu chiamato a governare il Comune un uomo di prestigio forestiero, il podestà, che, in carica per 1 anno, al di sopra delle parti, potesse riportare la pace Pian piano, però, nei Comuni si affermò un potere forte, di uno solo SIGNORIA (Visconti a Milano; Estensi a Ferrara; Medici a Firenze; Scaligeri a Verona…) Prof.ssa E. Sabuzi

62 LEuropa diventa un PUZZLE Ogni tessera era un feudo, una città libera o un vescovato autonome Ogni gruppo di tessere apparteneva a un regno Su tutti emergevano (in teoria) due autorità sacre: limperatore di Germania e il Papa Prof.ssa E. Sabuzi

63 FRAGILITA DELLIMPERO Il Sacro Romano Impero (Germania- Italia) era il dominio più esteso dEuropa e il più importante moralmente (unzione) Politicamente era fragilissimo: al suo interno cerano feudi e città autonome, che tenevano conto ben poco dellautorità dellImperatore Prof.ssa E. Sabuzi

64 Limpero LImpero è costituito da: REGNO DI GERMANIA (con 4 ducati: Svevia, Baviera, Franconia e Sassonia; altri 18 feudi maggiori, una trentina di grandi città libere, centinaia di monasteri e feudi minori, tutti dotati di larghe autonomie rispetto allimperatore E costituito anche da parte dal REGNO DITALIA, in cui ci sono molte città autonome Prof.ssa E. Sabuzi

65 LITALIA REGNO DITALIA, con comuni indipendenti STATO DELLA CHIESA papa REGNO DI SICILIA Normanni (Altavilla) SARDEGNA 4 giudicati indipendenti, sotto linfluenza di Genova Prof.ssa E. Sabuzi

66 LOTTA TRA IMPERO E COMUNI Tra i Comuni, quelli Lombardi avevano ottenuto dai feudatari molte libertà, ma erano rimasti sudditi dellImpero germanico Da molto tempo gli Imperatori non si occupavano del Regno dItalia, impegnati a lottare contro i feudatari tedeschi Federico I di Svevia, detto BarbarossaFederico I di Svevia, detto Barbarossa, tentò, invece, di far rispettare ovunque la sua autorità Prof.ssa E. Sabuzi

67 La Lotta Ne derivò unaspra lotta, soprattutto contro Milano e Crema Nel 1167 i Comuni si unirono nella Lega Lombarda (giuramento di Pontida, lago di Como) I comuni sconfissero limperatore nella battaglia di Legnano, vicino alle Alpi, nel 1176 Prof.ssa E. Sabuzi

68 VIE COMMERCIALI Prof.ssa E. Sabuzi

69 LE CROCIATE XI sec. pellegrinaggi di massa (strade riaperte Sia per i fedeli che per i cavalieri feudali Prof.ssa E. Sabuzi

70 I cavalieri, dopo la fine delle ultime invasioni, non avevano più nemici esterni. Vivevano per combattere Cominciarono, dunque, a scontrarsi tra loro violenza Per evitare ciò, i vescovi li obbligarono a seguire alcune regole (Tregua di Dio) o a recarsi nei Luoghi Santi Prof.ssa E. Sabuzi

71 Liberare il sepolcro di Cristo Precedentemente i rapporti con gli Arabi erano stati sempre tranquilli, ma nellXI secolo la Terrasanta, cadde nelle mani dei Turchi Selgiuchidi (popolazioni affini agli Unni, da poco convertiti allislam e poco tolleranti) I pellegrinaggi furono resi più difficoltosi e vennero ostacolati i rapporti commerciali tra Europa e Asia Prof.ssa E. Sabuzi

72 1095 la prima crociata Nel 1095 il papa Urbano II esortò i cristiani a liberare Gerusalemme In realtà non disse mai di conquistare Gerusalemme, ma di scortare i pellegrini per proteggerli durante lattraversamento delle terre turche, promettendo lindulgenza plenaria (il perdono di tutti i peccati) Prof.ssa E. Sabuzi

73 URBANO II Poiché, o figli di Dio, gli avete promesso di osservare tra voi la pace e di custodire fedelmente le leggi con maggior decisione di quanto siate soliti, è necessario che vi affrettiate a soccorrere i vostri fratelli orientali, che hanno bisogno del vostro aiuto… Infatti i Turchi hanno occupato le terre cristiane uccidendo molti e rendendoli schiavi… Si affrettino alla battaglia contro gli infedeli coloro che prima erano soliti combattere illecitamente contro altri cristiani! Diventino cavalieri di Cristo quelli che fino a ieri sono stati briganti Prof.ssa E. Sabuzi

74 LE CROCIATE OBIETTIVO: conquistare la Terra Santa Regni latini QUANTE: 8 QUANDO: dal 1096 al 1291 CHI: contadini, cavalieri, sovrani di tutta Europa ALLA FINE perdita dei Regni Latini, ma ciò non impedì ai cristiani di recarsi a Gerusalemme Prof.ssa E. Sabuzi

75 PERCHE Per deviare la violenza dei cavalieri Per motivi religiosi Per conquistare terre Per conquistare mercati ( Venezia mediatrice tra Oriente e Occidente) Prof.ssa E. Sabuzi

76 LORRORE STRAGI Da un cronista del XII secolo (Alberto dAix): I pellegrini cominciarono a infierire crudelmente contro gli ebrei e ne fecero crudelissima strage…. Gli ebrei, vedendo che i cristiani non risparmiavano nessuno neppure i piccolini e non avevano pietà per nessuno, si uccisero vicendevolmente. E la cosa più straziante fu che le stesse madri tagliavano la gola ai figli lattanti oppure li trapassavano, preferendo che morissero per loro propria mano Prof.ssa E. Sabuzi


Scaricare ppt "IL BASSO MEDIOEVO 1000_______________1492 476 d.C.___________1000_______________1492 Prof.ssa E. Sabuzi."

Presentazioni simili


Annunci Google