La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come assistere la famiglia del paziente con Alzheimer Francesco Rovetto Parte delle informazioni sono tratte da pubblicazioni della Alzheimer society Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come assistere la famiglia del paziente con Alzheimer Francesco Rovetto Parte delle informazioni sono tratte da pubblicazioni della Alzheimer society Italia."— Transcript della presentazione:

1 Come assistere la famiglia del paziente con Alzheimer Francesco Rovetto Parte delle informazioni sono tratte da pubblicazioni della Alzheimer society Italia

2 La malattia di Alzheimer (AD) è la più comune forma di demenza (circa il 50% dei casi). Nel cervello del paziente affetto da AD numerosi neuroni cerebrali vanno incontro a degenerazione e perdono le loro capacità funzionali. RMN e TAC per documentare atrofia

3 Altri casi di demenza presentano una patologia multiinfartuale (MID), il cervello di questi pazienti presenta numerose aree necrotiche causate da piccoli infarti cerebrali. Ogni infarto può essere talmente piccolo da non essere quasi avvertito, la somma di queste piccole lesioni porta però ad un progressivo peggioramento delle condizioni mentali.

4 Dopo un grande infarto (Ictus) vi è spesso un certo grado di recupero per cui questi pazienti in genere mostrano progressivi peggioramenti rapidi e successivi lenti miglioramenti che però non portano mai ad una completa remissione, prima di peggiorare nuovamente. La MID costituisce circa un quinto dei casi di demenza

5 E' inoltre importante effettuare una attenta diagnosi differenziale medica per escludere che il caso di demenza possa essere dovuto a cause guaribili con adeguate cure. Tra le patologie da tenere presenti citiamo le infezioni, le carenze vitaminiche, i disturbi della tiroide, i tumori cerebrali, idrocefalo normoteso, gli effetti collaterali di alcuni farmaci e la depressione.

6 La demenza è caratterizzata dal declino progressivo di ricordare, pensare e delle capacità emotive. La demenza di Alzheimer non è causata da arteriosclerosi, né da stress o da scarso o eccessivo uso del cervello, né è dovuta all' invecchiamento. Può colpire chiunque. I pazienti affetti da AD sono spesso più suscettibili di altri alle malattie che possono farli apparire più confusi. Al momento attuale non esiste una cura per la AD.

7 Buona parte dei disturbi della demenza sono in realtà dei tentativi dell' individuo di far fronte alla disintegrazione delle sue capacità di pensare e di ricordare. La patologia si presenta quindi in modo diverso da un paziente all' altro e dipende anche in parte dalla personalità premorbosa del paziente. La demenza può quindi avere una insorgenza rapida o assai graduale con notevoli fluttuazioni.

8 DEMENZA LIEVE L' inizio può essere lento e graduale è assai difficile stabilire il momento esatto in cui la malattia è cominciata. I sintomi possono essere: a) apatia b) meno interessi in passatempi o attività c) non desidera di provare cose ed esperienze nuove d) è incapace di adattarsi ai cambiamenti e) non riesce a prendere decisioni o a fare progetti f) ha difficoltà ad afferrare concetti complessi g) accusa altri di avergli rubato le cose che non trova h) si mostra più egocentrico, meno interessato agli altri ed ai loro problemi i) dimentica facilmente i dettagli di eventi recenti l) si ripete con facilità o perde il controllo m) è molto irritabile e se la prende molto se fallisce in qualche cosa

9 DEMENZA MODERATA a) dimentica del tutto gli eventi recenti, anche i dettagli di eventi passati possono risultare confusi b) confuso sugli orari, può andare a fare la spesa di notte c) si perde facilmente se si trova in posti non conosciuti d) dimentica le pentole sul fuoco o lascia il gas acceso e) girovaga per le strade ed a volte si perde f) si comporta inappropriatamente ad esempio esce con addosso il pigiama g) vede o ascolta cose immaginarie h) diventa molto ripetitivo i) trascura l' igiene e l' alimentazione, si dimentica se si è lavato o ha mangiato l) si arrabbia e perde il controllo assai facilmente

10 DEMENZA GRAVE diventa disabile ed ha bisogno di molto aiuto a) può essere incapace di trovare la strada di casa b) è incapace di ricordare anche cose molto semplici come ad esempio se ha mangiato recentemente c) ripete costantemente una o più frasi o suoni d) può avere incontinenza di feci o orine e) non riconosce parenti o amici f) ha bisogno di aiuto o di supervisione per vestirsi, lavarsi mangiare, usare i servizi igienici g) si sveste in momenti inopportuni h) non riconosce oggetti di uso quotidiano i) ha difficoltà nel capire ciò che gli viene detto, i suoi discorsi hanno poco senso l) presenta disturbi del sonno m) è irrequieto, cerca parenti o amici morti da tempo o chiede di bambini oramai cresciuti da tempo n) diventa aggressivo soprattutto se si sente aggredito o rinchiuso o) ha difficoltà a camminare.

11 La maggioranza dei problemi scaturisce direttamente dalla perdita di funzioni cognitive ed in particolare di memoria, ma l' insieme esatto delle difficoltà varia notevolmente da persona a persona.

12 LA FAMIGLIA DEL PAZIENTE DEMENTE La presenza di un paziente con demenza altera profondamente la vita di una intera famiglia. Il paziente richiede una sorveglianza quasi continua e molto faticosa. E' importante in questi casi che chi accudisce il paziente non dimentichi le proprie personali esigenze per non diventare frustrato, teso o risentito.

13 Molte delle sensazioni provate da chi assiste un paziente demente sono assai simili a quelle provate in occasione di un lutto, perché in effetti, sempre più diviene evidente il fatto che il paziente non è più lui.

14 ANGOSCIA Diventa particolarmente evidente quando il paziente non è più in grado di parlare, di capire o di riconoscere chiaramente. SENSI DI COLPA Ci possiamo sentire in colpa per come abbiamo trattato il paziente nel passato, per l' imbarazzo provato di fronte al suo comportamento inadeguato, per aver perso la pazienza con lui o per averlo ricoverato. E' estremamente improbabile che la malattia possa essere stata causata da qualcosa che la famiglia ha fatto. Dal punto di vista psicologico, a volte il senso di colpa serve da paradossale difesa per chi assiste il malato. In molti casi si tratta quindi di una mancata accettazione della patologia stessa.

15 INVERSIONE DEI RUOLI Il figlio, una volta dipendente dal padre o dalla madre, trova ora quest' ultimo dipendente da lui e può per questo sentirsi particolarmente solo ed in difficoltà.

16 IRA ED AGGRESSIVITA' E' naturale sentirsi frustrati ed arrabbiati. La rabbia può esprimersi verso il destino, verso Dio, verso gli altri che non ci assistono, verso noi stessi che non riusciamo ad ottenere i risultati sperati, o anche verso il paziente stesso che a volte sembra quasi "farlo apposta!", o verso le strutture ospedaliere e gli operatori che non si occupano del caso come dovrebbero. In molti casi potrà essere utile provare a riflettere sulla differenza esistente tra il provare rabbia verso la persona o il suo comportamento. Il paziente è malato e non può fare a meno di comportarsi in tale modo, il suo comportamento eventualmente disturbante non è diretto intenzionalmente verso di noi.

17 A volte, chi assiste il paziente demente può perdere la calma fino a picchiare ed insultare il paziente, queste reazioni incontrollate poi suscitano molto spavento e senso di colpa in chi le ha espresse. Se ci troviamo in questi casi, più che colpevolizzarsi, è utile cercare di avere un aiuto nella assistenza e parlare con altri che hanno avuto o che stanno passando la stessa esperienza e scopriremo che non siamo soli. Alcuni infine subiscono violenza anche fisica dal paziente, anche in questi casi può rivelarsi particolarmente utile intervenire per cambiare la situazione prima di aggredire.

18 IMBARAZZO In molti casi è naturale sentirsi in imbarazzo, ma tale sentimento diminuisce se si condividono le esperienze con altri familiari di pazienti. Sarà utile spiegare le caratteristiche della malattia ai vicini per ottenere la loro comprensione. Può anche succedere che qualcuno con poco tatto domandi "ma perché si comporta così?", una risposta ragionevole e non aggressiva può essere in questi casi assai utile; l' aiuto potrebbe provenire dalle fonti più impensate. Se forniremo ai nostri amici i dettagli sulla malattia, il disagio per eventuali difficoltà sarà assai ridotto

19 SESSUALITA' Il coniuge sano può trovare difficoltà nel vivere il rapporto sessuale col compagno demente che può essere cambiato al punto di risultare inaccettabile o incontrollabile. Il partner sano può sentirsi in colpa per il fatto di desiderare una attività sessuale, o può non essere più in grado di avere un ruolo sessuale attivo. Gli psicologi ed altri operatori sanitari sono abituati a parlare di questi temi che quindi potrebbero essere discussi con loro in tutta riservatezza.

20 LA FAMIGLIA Sarà utile convocare delle riunioni di famiglia per dividere equamente compiti e responsabilità. Spesso per questo potrà essere di aiuto uno specialista, probabilmente alcuni membri della famiglia non si rendono conto della situazione o non possono capire in quale modo potrebbero essere di aiuto. A volte si mantengono lontano per la tristezza che suscita in loro il deterioramento del paziente. Perfino i bambini piccoli devono ricevere una spiegazione onesta sulla malattia del paziente, naturalmente con un linguaggio a loro comprensibile. Non devono essere scoraggiati a visitare o giocare col paziente ammalato.

21 Gli adolescenti potrebbero sentirsi particolarmente imbarazzati e rinunciare a portare in casa degli amici, sviluppare risentimenti nei confronti del malato e non accettare questa interferenza nella loro vita. Una informazione onesta e completa può rivelarsi particolarmente utile, solo col contributo di tutti è possibile affrontare con successo un compito assistenziale tanto complesso. Oltre al paziente anche i bambini ed i figli adolescenti hanno comunque bisogno del nostro aiuto.

22 SENTIMENTI E CONFLITTI PSICOLOGICI La maggior parte di chi assiste sperimenta sentimenti quali paura, ira, colpa, imbarazzo, disgusto ecc., ma prova anche affetto, compassione, gioia del rendersi utili per evitare l'ospedalizzazione ecc.. Amore ed odio in questo caso sono profondamente legati. Non è sempre semplice esprimere sentimenti tanto contrastanti, la discussione di questo con persone che ci possono comprendere può essere assai utile, così come potrebbe essere utile un aiuto professionale in caso di conflitti troppo intensi.

23 RIPOSO E' necessario disporre di un po' di tempo per se stessi. Occorre quindi organizzare una forma di scambio assistenziale, una forma di assistenza domiciliare o la possibilità di effettuare brevi ricoveri per consentire a chi assiste il paziente di prendere periodi di necessario svago e riposo, ad esempio due settimane all' anno, due giorni a settimana, una sera alla settimana. Man mano che la malattia peggiora sarà necessario farsi sostituire sempre più spesso.

24 Col peggioramento delle condizioni diventerà sempre più indifferente chi assiste il paziente e sempre più pressante la esigenza assistenziale. Dovremmo quindi valutare realisticamente le nostre possibilità e la nostra resistenza, potrebbe rendersi necessaria ad un certo punto la ospedalizzazione. In tale caso è opportuno prendere contatti con l' ospedale o con la casa di riposo con molto anticipo in modo da non essere poi costretti dagli eventi a prendere decisioni avventate. Questo periodo probabilmente farà scaturire sentimenti di colpa e di angoscia di separazione.

25 IL DOPO emergeranno sentimenti di colpa (per non aver fatto abbastanza e per il sollievo di averlo scaricato) di ira nei confronti dell' ospedale, di sollievo, di paura per la fine del rapporto, di dolore e tristezza. Anche le visite al paziente potranno essere assai stressanti se questi non sa riconoscere i parenti. A volte dopo la morte si può sentire il desiderio di renderci utili in qualche modo in ospedale, in ospizio o per altre famiglie che possano avere problemi simili. Anche in questo caso comunque è importante mantenere la propria individualità e continuare a badare a se stessi curando i propri interessi ed inclinazioni.

26 SUGGERIMENTI PRATICI PER L'ASSISTENZA La situazione di per sé è assai negativa, ciò nonostante cerchiamo di ottenere il meglio. Se una cosa non va possiamo cercare di cambiarla, ma innanzitutto occorre essere sicuri che sia davvero necessario cambiarla. Certi piccoli vezzi possono essere accettati con umorismo senza che ciò significhi deridere il paziente. L'ambiente deve essere predisposto in modo da non confondere ulteriormente il paziente già confuso. Le strutture saranno quindi stabili, costanti prevedibili e familiari. Verranno cambiati solamente gli elementi che non funzionano.

27 L' atmosfera sarà calma e rilassata e libera da pressioni in modo che il paziente abbia il tempo per fare le cose da solo. Quando si dimostra incerto e lento siamo tentati di fare le cose per lui ma in questo modo gli faremo perdere le capacità per mancanza di esercizio. Nel limite del possibile è utile incoraggiarlo a portare a termine il compito da solo più che aiutarlo interrompendolo.

28 Si suggerisce quindi un atteggiamento del tipo "lascia che ti aiuti a farlo" piuttosto che "lascia che lo faccia io per te". Ciò può servire a mantenere la dignità e la autostima del paziente. Il paziente dovrebbe essere protetto da situazioni nelle quali si sa che potrebbe andare incontro ad un fallimento (es. organizzare una festa, cucinare per altre persone, uscire per fare spese) e va piuttosto incoraggiato verso quelle attività che tuttora riesce ad espletare (ad esempio chiaccherare con vecchi amici, cucinare cose semplici, andare per negozi con qualcuno). Infine è opportuno lasciare al paziente scelte semplici (al massimo tra tre alternative) su cosa mangiare o indossare, dove sedere o quando uscire.

29 COMUNICAZIONE spesso le conservazioni sono ripetitive, confuse e piene di malintesi. Il primo provvedimento consiste nel cercare di far sì che vengano corretti, per quanto possibile, eventuali deficit sensoriali (occhiali, apparecchio acustico), parlare chiaramente e magari nell' orecchio che sente meglio. Anche toccare è particolarmente utile, può mantenere la attenzione e veicolare sentimenti di calore e di affetto. I pazienti dementi spesso capiscono non tanto ciò che diciamo ma come lo diciamo. La scarsa memoria dei soggetti dementi fa si che essi dimentichino la prima impressione per poi dimenticarsela e rifarsela ogni volta che reincontrano la persona. A volte il linguaggio del corpo aiuta a comprendere quali sono i sentimenti di un paziente anche se questi non riesce ad esprimerli. Il contatto visivo col paziente aiuta a rendere più efficace la comunicazione.

30 Per parlare utilizzeremo frasi corte e semplici, lasciamo che il paziente risponda prima di continuare in modo da poter verificare se sta seguendo il discorso. Spesso i dementi necessitano di più tempo per rispondere rispetto ad una persona normale. Il discorso potrà essere ripetuto due o più volte ed essere focalizzato su cose concrete possibilmente presenti nel campo visivo. Se parliamo dei familiari teniamo di fronte una foto recente delle persone cui stiamo accennando, se parliamo del tempo guardiamo assieme fuori della finestra. Facciamo commenti sugli avvenimenti del giorno, diciamo al paziente cosa stiamo preparando per cena, ricordiamogli chi verrà a trovarci nel pomeriggio, cosa danno in TV alla sera e così via.

31 Cerchiamo di aiutarlo a mantenere una traccia di ciò che gli accade intorno, ricordiamogli l'ora e la data dando un senso all'informazione. Parliamo con lui del passato, utilizzando fotografie e oggetti vari verranno in mente altri ricordi. Cerchiamo di dare un senso a ciò che il paziente intende dire, se ci riusciamo il paziente ce lo farà capire, altrimenti rimaniamo in ascolto. In stati più avanzati di demenza, il contatto potrebbe ridursi a gesti elementari quali un sorriso o un tocco della mano. Comunicare costituisce un forte bisogno del paziente, ma anche a questo livello così semplificato la comunicazione può essere alquanto difficile.

32 REAZIONI CATASTROFICHE E LABILITA' EMOTIVA Una reazione catastrofica è una reazione esagerata ad uno stress, ad un insuccesso o ad un cambiamento. Tale reazione può comparire nelle persone normali quando devono fare molte cose contemporaneamente o si sentono sopraffatte. Il paziente con demenza può sentirsi in crisi per semplici esperienze quotidiane. In tale caso sarà opportuno mantenere la calma ed allontanare il paziente dalla situazione che lo turba, rassicurandolo con tranquillità e magari tenendogli le mani con gentilezza. In alcuni pazienti si manifestano scoppi di pianto quando abitualmente sarebbero stati solamente un po' tristi o piangono mentre ridono per qualcosa che normalmente è solamente un po' buffa. In questi casi percepiscono di non essere in grado di smettere di ridere o di piangere e ciò li può deprimere. Cerchiamo di distrarre il paziente e di farlo smettere di piangere o di ridere. La labilità emotiva, anche se saltuariamente si esprime con lacrime e pianto non deve essere confusa con la depressione che invece implica uno stato d'animo assai più stabile nel tempo.

33 COME AIUTARE LA MEMORIA Forniamo al paziente lavagne per lasciare messaggi, calendari, elenchi, nomi ed indirizzi. Le cose di uso comune saranno sempre lasciate allo stesso posto e chiaramente in vista. I calendari e gli orologi saranno in vista per ricordare date ed orari. Metteremo sempre chiaramente in vista l'elenco delle cose da fare durante la giornata, invitando il paziente a depennare le cose fatte dall'elenco. Il calendario dovrà mostrare chiaramente la data odierna. Il demente potrà svolgere delle semplici mansioni se gli elencheremo le cose che dovrà fare.

34 A volte è utile mettere etichette ed illustrazioni sugli oggetti per ricordare nomi e funzioni, ad esempio a volte è utile mettere la foto di un letto sulla porta della camera da letto e quella del lavandino sulla porta del bagno, col rispettivo nome usando caratteri molto chiari e leggibili. Fotografie dei membri della famiglia e con chiaramente riportato il loro nome possono aiutare. Se il paziente vive da solo e riceve assistenza da più di una persona, sarà utile fare un elenco, che ognuno firmerà, in modo che il paziente ricordi chi è venuto e chi deve ancora venire. Quando usciremo lasceremo, sempre nello stesso punto, un cartello con scritto chiaramente dove siamo e quando rientreremo.

35 BAGNO ED IGIENE Una routine regolare aiuta a ricordare cosa devono fare, l' aiuto comunque sarà dato solamente nella maniera minima possibile. Ad esempio potremmo incoraggiare il paziente a lavarsi e poi gli daremo, nell' ordine, la saponetta e l' asciugamano. Per ragioni di sicurezza sarà utile una certa supervisione quando si fa il bagno (es. sorvegliare la temperatura ed altezza dell'acqua) ma questo non vuol dire sostituirsi a lui. La igiene personale è seguita meglio se il paziente ha degli impegni programmati durante la giornata. Sarà più opportuno sottolineare con complimenti i momenti in cui il paziente è ben vestito e ben pulito, piuttosto che i momenti in cui è sporco e trasandato in quanto queste critiche potrebbero metterlo sulla difensiva e renderlo suscettibile sull' argomento. Per ridurre la eventuale paura di entrare nella vasca useremo tappetini antiscivolo, metteremo poca acqua, ed useremo il sapone o i sali da bagno preferiti dal paziente. Se è incontinente può vergognarsi. In questi casi può essere utile un atteggiamento del tipo "lo sai che sei bagnato e lo so anch'io, e insieme dobbiamo collaborare a cambiarti ed asciugarti", colpevolizzandolo si ottiene solamente un aumento del suo imbarazzo.

36 VESTIRSI Alcuni sono in grado di vestirsi solamente se gli vengono messi in ordine sul letto i vestiti così come vanno indossati. Altri hanno bisogno di un promemoria o di un aiuto diretto. Gli indumenti sporchi saranno messi in posti inaccessibili. Il vestiario sarà semplificato, abiti con allacciatura sul davanti, cerniere lampo e pochi bottoni, scarpe senza lacci (mocassini o velcro). Gli abiti saranno resistenti e non richiederanno stiratura.

37 PASTI Sarà servita una pietanza per volta, in modo che il paziente si concentri su ciò che sta mangiando, saranno poste sul tavolo solamente le posate necessarie alla portata che sta mangiando. Quando il caso si deteriora, daremo cibi facili da mangiare es. lo spezzatino si mangia più facilmente della bistecca. Se il paziente sa mangiare con un cucchiaio, ma non con coltello e forchetta, assicuriamoci che gli alimenti siano tagliati bene. Se non riesce ad usare posate, si potranno saltuariamente dare cibi come panini, patatine ecc. che possono essere mangiati direttamente con le mani. Le tovaglie di plastica e di carta faciliteranno il lavoro, le stoviglie saranno infrangibili e poco riempite, evitiamo le distrazioni durante il pasto come ad esempio a televisione. Gli alimenti saranno tendenzialmente morbidi e sottili per evitare rischi di soffocamento. Cerchiamo di seguire nella scelta dei cibi le preferenze espresse dai pazienti sorvegliando però che la dieta non sia troppo squilibrata.

38 PROBLEMI NOTTURNI Molti pazienti sono irrequieti durante la notte, possono uscire e girovagare possono parlare o avere deliri o allucinazioni. Essere disorientati appena risvegliati è normale, ma ciò è più grave per persone, con problemi di memoria, le medicine possono aiutare a dormire durante la notte. Tenerli svegli durante il giorno contribuisce ad evitare il rischio che invertano giorno con la notte. Possiamo lasciare in camera da letto una piccola luce accesa durante la notte che lo aiuterà ad orientarsi meglio in caso di risveglio, così come asceremo accesa la luce nel bagno e controllare che il paziente vada al gabinetto alla sera prima di addormentarsi.

39 Durante un risveglio di notte gli parleremo con dolcezza e gli ricorderemo che è ancora notte e lo riporteremo a letto. Assicuriamoci che il letto sia comodo e la camera sufficientemente riscaldata. E' utile organizzare la giornata in modo che alla sera ci siano meno cose eccitanti da fare. Il bagno, ad esempio, può essere programmato al mattino se lo eccita. a volte è la televisione, la presenza di troppe persone o la assunzione di tropo caffè a rendere eccitato alla sera il paziente.

40 GIROVAGARE Può essere utile mettere alle porte delle serrature difficili da aprire, mettergli al collo una targhetta di identificazione col numero di telefono e l' indirizzo, in modo che sarà facile se si perde farsi aiutare a ritornare a casa. Quando lo andiamo a prendere evitiamo reazioni brusche per non indurre reazioni catastrofiche

41 ORA E TEMPO Può perdere la nozione del tempo, richiedere all' infinito "che ora è", accusarci ingiustamente di averlo abbandonato per delle ore. A volte una clessidra può aiutarlo a percepire meglio il trascorrere del tempo rispetto ad un orologio.

42 INCONTINENZA Se insorge improvvisamente è opportuno rivolgersi al medico per escludere cause organiche. Si può sollecitare il paziente ad andare al gabinetto diverse volte al giorno, ogni volta che si alza dal letto ed alla sera prima di coricarsi. Ogni volta che il paziente segnala il bisogno di andare al gabinetto occorre portarcelo, talvolta segnalerà tale suo bisogno col nervosismo. Sarà opportuno pensare all' uso di lenzuola di plastica per il letto. I pannolini non esimono dalla necessità di mantenere una regolare pulizia. La stitichezza è un problema che può portare ad incontinenza fecale. La dieta conterrà quindi molta fibra vegetale e frutta, è inoltre importante non limitare la assunzione di liquidi, l' invito a defecare sul gabinetto sarà dato circa 20 minuti dopo uno dei pasti quando più efficace è il riflesso gastro colico.

43 SICUREZZA Rischi possono provenire da acqua bollente, fiammiferi, accendini, forno a gas, fuoco, oggetti appuntiti, medicine, detersivi ecc. La cose pericolose potranno essere allontanate. E' opportuno togliere dalla porta del gabinetto ganci o chiavi. Togliere zerbini, sgabelli che potrebbero fare cadere, fissare bene i tappeti. Se il paziente guidava sarà opportuno nascondere le chiavi della automobile, se fuma, le sigarette e d i fiammiferi gli saranno date solamente quando un familiare è presente. Le medicine saranno somministrate da un familiare o verranno lasciate a sua disposizione esclusivamente nella dose di un giorno.

44 SITUAZIONI SOCIALI Gli ospiti devono essere poco numerosi e preventivamente informati sulle condizioni del paziente. Il paziente potrà partecipare alla discussione soprattutto se si trattano argomenti riguardanti il passato. Non sottolineiamo gli insuccessi del paziente e aiutiamolo con gentilezza ogni volta che perde il filo del discorso o dimentica una parola. Se il paziente frequenta bar o ritrovi sarà opportuno limitare la assunzione di alcoolici soprattutto se prende farmaci.

45 VACANZE L'ambiente nuovo della vacanza di solito confonde il paziente. Nel caso fosse necessario è meglio scegliere un appartamento in affitto.L'ideale sarebbe però affidare il paziente a qualcuno che vada a stare con lui in casa mentre noi siamo via in modo che resti nel suo ambiente

46 ESERCIZIO FISICO E' utilissimo anche perché favorisce il sonno notturno. Camminare, ballare sono esercizi utili anche per i più gravi. L'esercizio per i più bloccati potrà essere fatto da seduti o a letto magari ascoltando musica ed imitando i nostri movimenti

47 RICREAZIONE L'attenzione dura in genere abbastanza poco, nessuna attività dovrebbe quindi durare più di mezz'ora. I giochi saranno semplificati, i lavori manuali e la pittura più semplificati e meno elaborati. Anche nell'attività di cucina, con molta supervisione si potranno avere buoni risultati.

48 La musica è molto importante. Può essere opportuno usare le cassette con musiche che piacciono al paziente ed organizzare sedute di canto, alcuni pazienti riescono a cantare meglio di quanto non riescano a parlare. La televisione non è gradita da tutti in quanto non riescono a seguire la trama di un film per deficit della memoria. Alcuni, particolarmente confusi, non sono in grado di distinguere ciò che vedono in TV dalla realtà e ciò può spaventarli notevolmente.

49 Di solito reagiscono bene verso bambini ed animali. Una fonte di stimoli e di conversazione particolarmente efficace è l'album di fotografie. I pazienti interessati di sport o di giardinaggio potrebbero riuscire a coltivare questi loro hobbies.

50 COMPORTAMENTO SESSUALE Se le relazioni sessuali continuano il coniuge dovrà prendere maggiormente l'iniziativa. A volte i malati si comportano in modo inadeguato, spogliandosi in pubblico. E' meglio non reagire in modo esagerato riaccompagnandoli semplicemente in bagno o in camera. In caso di toccamenti dei propri o degli altrui genitali, ricordiamoci che è la malattia ad avergli fatto perdere i freni inibitori e reagiamo con gentilezza.

51 ACCUSE Le lamentele sono spesso una espressione dello stato confusionale, è bene non discutere né cercare di ragionare su tali accuse, ed è bene cercare di spiegare ai vicini quello che succede. Il paziente che dimentica spesso dove si trovano gli oggetti potrebbe accusare gli altri di averglieli rubati. Chi si dimentica rapidamente l' identità delle persone potrebbe pensare che l' estraneo sia un ladro. Per prevenire problemi è opportuno informare eventuali ospiti o collaboratori della casa.

52 ALLUCINAZIONI E' meglio non entrare nel comportamento allucinatorio facendo finta di sentire o vedere anche noi le stesse cose. Si può dire "non posso vedere quello che vedi tu ma deve essere veramente spiacevole per te". Alcuni si calmano con una semplice carezza, si può dire "Lo so che sei turbato. Ti senti meglio se ti tocco la mano?" rispondiamo con calma per non fare impaurire il paziente ancora di più. Le allucinazioni spesso sono effetto della malattia, ma a volte sono un effetto collaterale degli stessi farmaci utilizzati per curare questi pazienti. Segnaliamo la cosa al medico.

53 RIPETITIVITA' E' dovuta alla mancanza di memoria ed alla insicurezza. A volte invece di rispondere per l' ennesima volta al paziente si potrà dire che è tutto a posto e che ci si sta occupando di ogni cosa. Si può anche scrivere la risposta in modo che lui la legga ed ogni volta che fa la domanda indirizziamolo verso il foglio di carta. Se continua, ignoriamo e diamogli molto amore ed affetto quando non chiede nulla.

54 ATTACCAMENTO ED IRREQUIETEZZA Se ci segue sempre possiamo chiedere l' aiuto di un vicino o di un amico per distrarlo. In altri casi è utile dargli un nostro oggetto o un oggetto con cui possa giocare o distrarsi.

55 PERDERE O NASCONDERE OGGETTI Gioielli o valori dovranno essere fuori della sua portata, mettiamo etichette chiare sugli oggetti personali, facciamo sempre in modo di avere delle chiavi di riserva, cerchiamo di scoprire i suoi nascondigli preferiti, frequenti sono le scarpe, i cestini, sotto i materassi ed i tappeti

56 DEPRESSIONE ED ANSIA A volte la depressione può essere curata. Se vi è tensione in casa il paziente la percepirà. Può sentirsi molto triste per la perdita di un oggetto, a volte queste tristezze, che possono raggiungere gradi estremi, stanno ad indicare uno stato di profonda insoddisfazione.

57 AGGRESSIVITA' E VIOLENZA In particolare gli adolescenti hanno difficoltà ad accettare queste reazioni. Spesso l' ira è esagerata, mal diretta o espressione di una reazione catastrofica. Non è assolutamente diretta verso di noi. Sarà opportuno rispondere con calma, una risposta arrabbiata susciterà reazioni ancor più cattive, la miglior cosa è dimenticare e distrarlo suggerendoli qualcosa che sappiamo piacergli. Porre dei divieti o degli ordini può peggiorare la situazione. Spesso con la distrazione ed il convincimento si potranno ottenere gli stessi obiettivi.

58 Ovviamente reagire in questo modo può non essere facile. Cerchiamo poi di discutere di quanto è successo con qualcuno per rilassarci. Se il malato non si vuole lavare a volte può essere assai utile l' intervento di un vicino o di un altro familiare con cui abbia minore familiarità. Nei confronti dei medicinali il paziente potrebbe avere delle preferenze che nei limiti del possibile, cercheremo di assecondare.

59 ASSISTENZA DIURNA E' opportuno stabilire in buon rapporto tra a equipe terapeutica ed i familiari, eventuali suggerimenti potranno essere ripetuti anche più volte prima che siano completamente recepiti. CAMBIANDO CASA Il paziente non è più in grado di vivere da solo quando 1) non assume i pasti e le medicine in modo regolare 2) girovaga lontano da casa, rischia di perdersi, di essere rapinato o aggredito. 3) dimentica le cose sul fuoco o di spegnere il gas. 4) mostra atteggiamenti di persecuzione e di sospettosità che possono causargli problemi col vicinato

60 Se non è possibile risolvere questi problemi e si rivelerà necessario un trasferimento, prepariamoci ad un aumento del disorientamento e dei sintomi di demenza dopo ogni trasferimento. Il trasferimento dovrebbe essere discusso, per quanto possibile, con lui perché non si senta ingannato o tradito.


Scaricare ppt "Come assistere la famiglia del paziente con Alzheimer Francesco Rovetto Parte delle informazioni sono tratte da pubblicazioni della Alzheimer society Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google