La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ancona, 4 Aprile 2009 UNESPERIENZA FORMATIVA PER I CAREGIVERS: IL PROGETTO ENEA Dr. Demetrio Postacchini Dr.ssa Cinzia Giuli Dr.ssa Rosaria Marzullo Dr.ssa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ancona, 4 Aprile 2009 UNESPERIENZA FORMATIVA PER I CAREGIVERS: IL PROGETTO ENEA Dr. Demetrio Postacchini Dr.ssa Cinzia Giuli Dr.ssa Rosaria Marzullo Dr.ssa."— Transcript della presentazione:

1 Ancona, 4 Aprile 2009 UNESPERIENZA FORMATIVA PER I CAREGIVERS: IL PROGETTO ENEA Dr. Demetrio Postacchini Dr.ssa Cinzia Giuli Dr.ssa Rosaria Marzullo Dr.ssa Rosaria Marzullo

2 Progetto Enea: Una scuola per aiutare lAnziano e chi si prende cura di Lui Corso teorico-pratico PROMOZIONE e COORDINAMENTO: I.N.R.C.A. - Sede di Fermo Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Unità Operativa di Geriatria Direttore: dott. Demetrio Postacchini ANNO 2007

3 In Italia, l80% circa degli anziani fragili è assistito al proprio domicilio dalla famiglia, spesso con il supporto di badanti Il 40,9% deve ricorrere ad aiuti a pagamento: 32,7% sono assistenti stranieri In media, lassistenza assorbe al caregiver 10 h/die, con un massimo di 18 h/die Fonte: CENSIS, 2007 QUALCHE DATO

4 CRITICITÀ MOTIVAZIONALI Difficoltà di regolarizzazione Alto titolo di studio Stipendi bassi Definizione imprecisa dei compiti e delle mansioni (domestiche e infermieristiche) Inadeguatezza professionale Mancanza di esperienza e qualifica Mancanza di considerazione da parte dei pazienti e familiari Ritmi troppo elevati e condizioni lavorative stressanti Difficoltà delle famiglie di adempiere alle procedure proprie di un datore di lavoro Fonte: CERGAS, 2006

5 OBIETTIVI Offrire corrette informazioni Qualifica e sostegno dei caregivers Migliorare la qualità assistenziale e di vita Evitare o ritardare listituzionalizzazione Ridurre lo stress del caregiver Fornire conoscenza e consapevolezza del proprio ruolo Inserire nel welfare e nei livelli assistenziali la figura del badante

6 DESTINATARI: caregivers (familiari e badanti) 2 sessioni nellANNO ore per sessione 2 volte la settimana Conoscenza di base della lingua italiana Rilascio di un certificato di dichiarazione di competenza al termine del corso METODOLOGIA

7 IL CAMPIONE N = 60 Età media = 47,75 ± 8,99 anni Assistenza prestata da 7.5 ± 7.46 anni 30% viveva con lassistito

8 IL CAREGIVER

9 NAZIONALITÀ DELLE BADANTI

10 TITOLO DI STUDIO

11 I MODULI TEORICO-PRATICI

12 8 ore (non solo per stranieri) Propedeutico alla comprensione dei moduli di formazione Terminologia tecnica di primo livello Insegnamento del linguaggio usuale nella gestione clinica e domiciliare Descrizione degli interventi effettuati CORSO DI ITALIANO Prof.ssa S. Induti – Prof.ssa M. Lucidi

13 ABILITÀ SOCIALI E COMUNICATIVE CHE CONSENTANO UN ADEGUATO RAPPORTO INTERPERSONALE CON LUTENTE- PAZIENTE 2 ore di psicologia: Evidenziare le difficoltà relazionali e migliorarle; esigenze e difficoltà dellanziano solo e della famiglia con anziano non autosufficiente; interazione e comunicazione, difficoltà di adattamento reciproco (dialogo con le badanti); comprensione dei bisogni, utilità dell'ascolto attivo, nozioni di base sul disagio psichico e sulla disabilità, fattori"terapeutici" della relazione d'aiuto, strategie di coping (Dr.ssa I.Mattei, T.Ciccioli,Dr.ssa R.Marzullo. Dr.ssa A.Vespa) -INRCA 2 ore di counseling: Gestione della relazione con interlocutori che manifestano situazioni di disagio (emotivo, esistenziale, etc.) Elementi conoscitivi della persona anziana: limportanza della figura della badante (accenni alle differenze) per lenire la solitudine ed evitare lospedalizzazione; approccio trans-culturale per conoscere i modelli di salute- malattia di specifici gruppi culturali Dr.ssa M.Ceresani -INRCA

14 2 ore: cura dellambiente, indumenti e materiali (sanificazione e pulizia degli ambienti e arredi), trasmissione dei batteri e dei microrganismi (sepsi, asepsi, disinfezione, ecc…) I.P. R. Paglialunga caposala INRCA, sorella Paola Spinelli – CRI 2 ore: conservazione, approvvigionamento e preparazione dei cibi, sanità domestica e alimentare Sig. F. Ferracuti - capocuoco comune Ass. Ponte 2 ore: sicurezza domestica (uso presidi e attrezzature in ambiente domestico) Dr.ssa L. Belluigi, Dr.ssa R. Marzullo - INRCA 2 ore: corretta alimentazione dellanziano D r. P. Orlandoni Presidente SINPE INRCA Ancona Dr. P. Foglini Presidente Regionale Medici Diabetologi OC Fermo, Dr. D. Venarucci doc. Biologia della Nutrizione Univ. di Camerino – INRCA - Fermo IGIENE – AMBIENTE - ALIMENTAZIONE

15 4 ore corso di cucina Collaborazione con Associazioni di volontariato Conoscenze degli ingredienti più usati nella cucina italiana e pasti tipici nel territorio Dimostrazioni pratiche CUCINIAMO INSIEME Sig. F. Ferracuti - Capocuoco Comune Fermo Sig.ra D. Catà - Capocuoca Associazione il Ponte

16 8 ore Primo Soccorso Simulazioni e dimostrazioni pratiche: Massaggio cardiaco Colpo di sole Avvelenamento Medicazione di ferite Ustioni e fratture Cosa fare in attesa dei soccorsi ASSISTENZA E CURA DELLA PERSONA Dr. F.P. Postacchini responsabile del 118 Zona Territoriale 11 Dr. P. Mazzoni Croce Verde Fermo

17 PATOLOGIE DELLANZIANO 2 ore: conoscenze mediche e dei disturbi psico-comportamentali, caratteristiche dei disturbi dellanziano; modificazioni fisiologiche; invecchiamento cerebrale; disturbi psichici legati a malattie neurologiche; disturbi psichiatrici e cure per lanziano demente; depressioni e le patologie psicotiche, contenzione fisica e abuso di farmaci Dr. D. Postacchini, Dr. R. Brunelli, Dr. L. Marini – INRCA Fermo 2 ore: tecniche di rilassamento e di riabilitazione neuro-cognitiva per i disturbi comportamentali Dr.ssa R. Marzullo, Dr.ssa I. Mattei, Dr.ssa A. Vespa INRCA 2 ore: piaghe da decubito, cateteri vescicali, disfagia, pulizia cavo orale, igiene, alimentazione e idratazione, elementi di tecnica infermieristica trasferibile al care-giver (prevenzione delle cause; accorgimenti per evitare l'aggravamento e norme igieniche per le piccole medicazioni) Coordinatori infermieristici: I.P. A. Longobardi distretto n°2 I.P. M. Belletti distretto n°1 - ASUR zona territoriale n° 11

18 2 ore Assunzione e mantenimento di corrette posture Uso di ausili Modalità di alzare una persona RIATTIVAZIONE – POSIZIONAMENTO - FISIOTERAPIA Fisioterapiste: Sig.ra R. Cataldi, Sig.ra R. Ferro INRCA- Fermo

19 2 ore Sussidi socio-assistenziali, invalidità, indennità Servizi offerti dagli ambiti sociali Promozione della qualità di vita nel proprio contesto Aiuto ai soggetti non autosufficienti e loro familiari ASSISTENTATO SOCIALE E SANITARIO Dr.ssa D. Alessandrini - responsabile Ambito Sociale N° 19 Dr. A. Ranieri - responsabile Ambito Sociale N° 20

20 1 ora Problematiche gestione assistenziale e dialogo IL MEDICO DI FAMIGLIA E IL CAREGIVER Dr.ssa P. Volponi - Responsabile Nazionale SMI Dr. G. Cruciani - MMG

21 ELEMENTI GIURIDICI 2 ore: La normativa di soggiorno, la programmazione dei flussi di ingresso dei lavoratori, tipo di permessi di soggiorno e rinnovo, la chiamata nominativa, il contratto di soggiorno, il ricongiungimento familiare, il contratto di lavoro domestico familiare Avv. Dr. P. Cerolini - Caritas 1 ora: Contratto Collettivo Nazionale, i documenti di lavoro, periodo di prova, orario di lavoro, modalità di assunzione, malattia, infortunio, riposo, tredicesima, trattamento di fine rapporto, contributi; i sindacati e i patronati, il sistema contributivo italiano e lINPS. La responsabilità giuridica e assistenza sanitaria agli stranieri Dr. P. Antonelli - Sindacato 1 ora: Lacquisto della cittadinanza da parte di uno straniero, il diritto di voto, la responsabilità giuridica verso lanziano incapace di intendere e di volere; il Servizio Sanitario Nazionale e gli stranieri non iscritti, gli stranieri che entrano in Italia per motivi di cura Avv. Dr. P. Cerolini (Caritas) – Sig. E. Santarelli (Trib. dellAmmalato)

22 1 ora Conoscenza delle associazioni di volontariato (locali, regionali, provinciali e comunali) Ricevere sostegno, aiuto e servizi forniti ENTI LOCALI ITALIANI E ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO Dr. A. Fedeli - Responsabile centro servizi volontariato Dott. F. Belluigi - Presidente Federazione AVULSS

23 Scuola di formazione e sostegno per familiari e badanti Laboratorio consulenze psicologiche-cliniche Progetto di ricerca: Stress del caregiver Pubblicazioni scientifiche su riviste di Geriatria Traslazione della metodologia attraverso i Fondi Sociali Europei OBIETTIVI RAGGIUNTI

24 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia dOro al Valor Militare per attività partigiana Servizio Formazione Professionale FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMAZIONE Obiettivo 3 – Asse C - Misura 4 Codice Regionale : TE schede corsi nn° 04 – 05 – – B/AI LIVELLO I° Titolo del corso: ADDETTO ASSISTENZA A DOMICILIO (Badante) (Approvato dallAmministrazione Provinciale di Ascoli Piceno con D.D. n° 102/FP del 28 – ) UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Generale per le Politiche per LOrientamento e la Formazione REGIONE MARCHE Comune di San Benedetto ANNO 2008

25 ANNO 2009…. CORSO PER ASSISTENTI DOMICILIARI

26 POSSIBILI OBIETTIVI FUTURI Gruppi di auto-mutuo aiuto per caregivers Centro dascolto presso lINRCA di Fermo Possibilità di creare un sito on-line multilingue Uso di parole chiave Creazione di una rete europea per la formazione di badanti come figure professionali Progetto Un amico al tuo fianco

27 DON VINICIO ALBANESI I.P. ANTONIO LONGOBARDI Dr. PASQUALE ANTONELLI Prof.ssa MICHELA LUCIDI Dr.ANTONIO APRILE Dr. LICIO LIVINI Dr.ssa DANIELA ALESSANDRINI Dr. LUCIANO MARINI Dr. CARLO BERTONI FREDDARI Sig. MARZIO MARCELLINI Dr. ROBERTO BRUNELLI Dr.ssa ROSARIA LAURA MARZULLO Dr. FRANCO BELLUIGI Dr. PAOLO MAZZONI I.P MAURA BELLETTI Dr.ssa IRMA MATTEI Dr.ssa LINA BELLUIGI Dr.ssa ELDA MELARAGNO Sig.rA DANIELA CATA Sig. BRUNO NEPI Dr.ssa MANUELA CERESANI Dr. PAOLO ORLANDONI Fis.sta ROBERTA CATALDI Dr. FLAVIO PARIDE POSTACCHINI Sig. PAOLA CEROSA I.P ROSELLA PAGLIALUNGA Dr. PAOLO CEROLINI Dr. ALESSANDRO RANIERI Sig. CRISTINA CEROLINI Dr.MAURIZIO SEBASTIANI Sig. VINCENZO CESTARELLI Sig. EMILIO SANTARELLI Dr. GUIDO CRUCIANI Sig.ra PAOLA SPINELLI Dr.ssa.TIZIANA CICCIOLI Dr. VINCENZO REA Dr.ALESSANDRO FEDELI Dr.ssa TIZIANA TREGAMBE Sig. FABRIZIO FERRACUTI Dr.ssa ANNA VESPA Fis.sta RACHELE FERRO Dr.ssa PAOLA VOLPONI Dr.PAOLO FOGLINI Sig.ra CARLA VALENTINI Prof.ssa SILVANA INDUTI Dr. DOMENICO VENARUCCI RINGRAZIAMENTI

28 INRCA FONDAZIONE CARIFERMO CARITAS ASSOCIAZIONE IL PONTE AMBITI SOCIALI N°19-20 ZONA TERRITORIALE N°11 AVULSS CROCE VERDE DI FERMO CRI TRIBUNALE DEL MALATO CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO AFMA ENTI E ASSOCIAZIONI

29 GRAZIE


Scaricare ppt "Ancona, 4 Aprile 2009 UNESPERIENZA FORMATIVA PER I CAREGIVERS: IL PROGETTO ENEA Dr. Demetrio Postacchini Dr.ssa Cinzia Giuli Dr.ssa Rosaria Marzullo Dr.ssa."

Presentazioni simili


Annunci Google