La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL‘ AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO (modulo previsto nel Corso Avvistatori incendio boschivo) A cura dei Volontari Formatori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL‘ AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO (modulo previsto nel Corso Avvistatori incendio boschivo) A cura dei Volontari Formatori."— Transcript della presentazione:

1 SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL‘ AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO (modulo previsto nel Corso Avvistatori incendio boschivo) A cura dei Volontari Formatori per la Sicurezza

2 DI COSA PARLIAMO Riferimenti Normativi Ruoli e compiti del volontario Attività svolte dai volontari Attrezzature e Mezzi Rischi e DPI Comportamenti di autotutela

3 RIFERIMENTI NORMATIVI per le attività di antincendio boschivo  Legge Quadro n° 353/2000  Conferenza Unificata del 25 luglio 2002  Determina RER n° 97/2010  DGR n° 917/2012 Piano Regionale AIB 2012/2016

4 RIFERIMENTI NORMATIVI sicurezza nel volontariato  Decreto 09 aprile 2008 n° 81 art. 3 c. 3 bis  Determina RER n° 97/2010  Decreto 13 aprile 2011  Decreto 12 gennaio 2012  Decreto 25 novembre 2013

5 RIFERIMENTI NORMATIVI DECRETO 13 aprile 2011 Il volontario ha: “il dovere di prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone, ………” Art.4 Obblighi delle organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile Formazione, informazione,addestramento e controllo sanitario Dispositivi di protezione individuale (DPI) Le sedi delle organizzazioni, i luoghi di esercitazione e di intervento non sono considerati luoghi di lavoro.

6 RIFERIMENTI NORMATIVI Decreto 12 gennaio 2012 Allegato 1-Indirizzi comuni per l’ individuazione di: Scenari di rischio di protezione civile Compiti svolti dai Volontari Allegato 2 - Indirizzi comuni per lo svolgimento di: Attività di formazione Attività di informazione Attività di addestramento

7 RIFERIMENTI NORMATIVI Conferenza Unificata 25 Luglio 2002 Comma 2 – Obblighi del volontario impegnato sul fronte del fuoco: - visita medica generale con esame anamnestico e redazione cartella clinica individuale; - misura dell’acuità visiva; - spirometria semplice; - audiometria; - elettrocardiogramma; - esami ematochimici (es. emocromicitometrico, indicatori di funzionalità epatiche e renale, glicemia) - esame standard delle urine; - vaccinazione antitetanica.

8 RIFERIMENTI NORMATIVI Determina Regione Emilia-Romagna 97/2010 Allegato A “le attività dei volontari nell’antincendio boschivo - valutazione dei rischi”: 1) INFORMAZIONI GENERALI SULL’ATTIVITÀ DEL VOLONTARIO ADDETTO AIB 2) COMPITI E RUOLI DEI VOLONTARI AIB 3) INDIVIDUAZIONE DEI POSSIBILI FATTORI DI RISCHIO 4) CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Allegato B “le attività dei volontari nell’antincendio boschivo - dispositivi di protezione individuale”

9 RIFERIMENTI NORMATIVI DGR n° 917/2012 PERIODICITA’ DELLE VISITE MEDICHE DEI VOLONTARI: Fino ai 60 anni è obbligatoria la visita medica ogni 5 anni; Dopo i 60 anni è obbligatoria la visita medica ogni 2 anni. ( Le scadenze sono valide Eseguita presso le ASL locali con costi a carico degli Enti Pubblici

10 SCENARIO DI RISCHIO

11 Criticità degli scenari Quale che sia lo scenario in cui il volontario si trovi ad operare è bene che il volontario valuti sempre la situazione in cui si trova ed i comportamenti di autotutela da adottare. USARE SEMPRE IL BUON SENSO!!!

12 COS'E' L' AIB? Bonifica Prevenzione Avvistamento Spegnimento

13 RUOLI E COMPITI DEL VOLONTARIO AVVISTATORE: Effettua il monitoraggio dalle postazioni, mobili o fisse, assegnate; Avvisa la Centrale Operativa nel caso rilevi principi di emergenza; Deve conoscere la zona, la toponomastica e la viabilità dell'area assegnata; Essere dotato di Radio o cellulare, binocolo e carte topografiche; NON devono MAI intervenire sull'incendio;

14 RUOLI E COMPITI DEL VOLONTARIO REPERIBILE DI TURNO – SO (Sala Operativa Locale): Riceve le segnalazioni dagli avvistatori; Conosce la catena di comando per l'attivazione delle squadre AIB; Conosce gli strumenti e la comunicazione radio; Conosce la zona di intervento e le carte topografiche;

15 TIPI DI ATTIVITA‘ DEI VOLONTARI Controllo dei mezzi prima di iniziare l’intervento Controllo delle attrezzature prima di iniziare l’intervento Trasferimento al luogo di intervento Verificare il luogo di intervento Avvistamento

16 ATTREZZATURE MANUALI Utensili da taglio Badili, pale e flabelli Corde Piede di porco

17 DOTAZIONI OBBLIGATORIE Cartina Bussola Binocolo Radio Cassetta pronto soccorso

18 RISCHI GENERALI AVVISTATORE Ipertermia Disidratazione Condizioni atmosferiche

19 RISCHI GENERALI AVVISTATORI Ritmi di lavoro Punture e morsi Animali selvatici

20 RISCHI NELL'ATTIVITA' DI AVVISTAMENTO Comportamenti sicuri: Usare DPI adeguati; Mantenere contatto con la Centrale Operativa; Buona conoscenza delle carte topografiche; Conoscere la zona da sorvegliare; Comportamenti rischiosi: NON usare DPI adeguati; Operare in solitudine; Mancanza di idratazione; Operare in condizioni instabili;

21 DANNI NELL'ATTIVITA' DI AVVISTAMENTO Tagli; Abrasioni; Cadute per scivolamento; Schiacciamento da detriti e/o caduta alberi Stress da calore; Disidratazione; Punture da insetti.

22 COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA Indossare i DPI Rispettare i turni di attività Essere sempre provvisti di rifornimenti di acqua potabile Mantenere i contatti con la sala operativa

23 COMPORTAMENTI DI AUTOTUTELA Utilizzo automezzo fuoristrada Guidare con prudenza Non guidare se si è stanchi Non bere alcoolici RIPOSA

24 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "SICUREZZA DEI VOLONTARI ADDETTI ALL‘ AVVISTAMENTO INCENDIO BOSCHIVO (modulo previsto nel Corso Avvistatori incendio boschivo) A cura dei Volontari Formatori."

Presentazioni simili


Annunci Google