La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 4- Basi di dati Object Oriented. 2 Limiti delle basi di dati relazionali I sistemi di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) hanno permesso la.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 4- Basi di dati Object Oriented. 2 Limiti delle basi di dati relazionali I sistemi di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) hanno permesso la."— Transcript della presentazione:

1 1 4- Basi di dati Object Oriented

2 2 Limiti delle basi di dati relazionali I sistemi di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) hanno permesso la realizzazione efficace ed efficiente di applicazioni di tipo gestionale, caratterizzate da: – persistenza, condivisione, affidabilità – dati a struttura semplice, con dati di tipo numerico/simbolico – transazioni concorrenti di breve durata (OLTP) – interrogazioni complesse, espresse mediante linguaggi dichiarativi e con accesso di tipo associativo La rapida evoluzione tecnologica (miglioramento di prestazioni, capacità, costi dellhardware, ecc.) ha fatto emergere, fin dalla metà degli anni '80, nuove aree applicative (CASE, CAD, CAM, Gestione Documentale, ecc.) per le quali la tecnologia relazionale è inadeguata.

3 3 Esempi di nuove applicazioni un archivio di fotografie, con didascalie, coordinate geografiche ed esigenze di interrogazioni complesse: – "trova le foto con un tramonto scattate a Roma o dintorni" archivio sinistri di una compagnia assicurativa (con foto, grafici, luogo) finalizzato alla ricerca delle frodi archivio del personale con informazioni sul curriculum, foto, residenza per una gestione integrata ( riconoscimento, valutazione delle competenze, proposta di "car-pool") gestione di "codici parlanti" (ad esempio il codice fiscale)

4 4 Caratteristiche delle nuove aree applicative Oltre alle caratteristiche consuete di persistenza, condivisione e affidabilità, possiamo individuare: – dati a struttura complessa dati non-numerici immagini, dati spaziali, sequenze temporali,... tipi pre-definiti e tipi definiti dall'utente (e riutilizzati) relazioni esplicite ("semantiche") tra i dati (riferimenti), aggregazioni complesse – operazioni complesse specifiche per i diversi tipi di dato es. multimedia associate anche ai tipi definiti dall'utente transazioni di lunga durata

5 5 Basi di dati a oggetti Alcune delle precedenti caratteristiche suggeriscono l'utilità di introdurre, nel mondo delle basi di dati, idee proprie del paradigma orientato agli oggetti. A partire dalla metà degli anni '80, sono stati realizzati numerosi sistemi di gestione di basi di dati a oggetti (ODBMS) di tipo prototipale o commerciale.

6 6 Tecnologia degli ODBMS La prima generazione di ODBMS è composta dai linguaggi di programmazione a oggetti persistenti, che realizzano solo alcune caratteristiche delle basi di dati, senza supporto per linterrogazione, in modo incompatibile con gli RDBMS. Gli ODBMS della seconda generazione realizzano un maggior numero di caratteristiche delle basi di dati, e generalmente forniscono un supporto allinterrogazione. Due tecnologie di ODBMS –OODBMS (Object-Oriented): una tecnologia rivoluzionaria rispetto a quella degli RDBMS –ORDBMS (Object-Relational): una tecnologia evoluzionaria rispetto a quella degli RDBMS

7 7 Un modello dei dati a oggetti Una base di dati a oggetti è una collezione di oggetti oggettoCiascun oggetto ha un identificatore, uno stato, e un comportamento –lidentificatore (OID) garantisce lindividuazione in modo univoco delloggetto, e permette di realizzare riferimenti tra oggetti –lo stato è linsieme dei valori assunti dalle proprietà delloggetto è in generale un valore a struttura complessa –il comportamento è descritto dallinsieme dei metodi che possono essere applicati alloggetto

8 8 Modello di dati a oggetti e modello relazionale Due differenze fondamentali – struttura complessa : nidificata con identificatori gestiti dal sistema – comportamento

9 9 Tipi Parte statica:schema Un tipo descrive le proprietà di un oggetto - la parte statica e linterfaccia dei suoi metodi - la parte dinamica parte statica: i tipi vengono costruiti a partire da – un insieme di tipi atomici (numeri, stringhe,...) – un insieme di costruttori di tipo, tra loro ortogonali record-of(A1:T1,..., An:Tn) set-of(T), bag-of(T), list-of(T) – un riferimento ad altro tipo definito nello schema è considerato un tipo, utilizzato per rappresentare relazioni tra oggetti (associazioni)

10 10 Un esempio di tipo complesso Automobile: record-of( Targa: string, Modello: string, Costruttore: record-of( Nome: string, Presidente: string, Stabilimenti: set-of( record-of( Nome: string, Citta: string, Addetti: integer))), Colore: string, Prezzo: integer, PartiMeccaniche: record-of( Motore: string, Ammortizzatore: string))

11 11 Un esempio di valore complesso E possibile definire dei valori complessi compatibili con un tipo complesso V1: [Targa: DB123MS, Modello: Punto, Costruttore: [ Nome: FIAT, Presidente: Agnelli, Stabilimenti: { [Nome: Mirafiori, Citta: Torino, Addetti: 10000], [Nome: Trattori, Citta: Modena, Addetti: 1000]}], Colore: blu, Prezzo: 9500, PartiMeccaniche: [ Motore: 1100CC, Ammortizzatore: Monroe]]

12 12 Tipi e valori complessi Luso di tipi e valori complessi permette di associare ad un singolo oggetto una struttura qualunque. Viceversa, nel modello relazionale alcuni concetti devono essere rappresentati tramite più relazioni. Tuttavia, la rappresentazione proposta per il tipo Automobile non è "normalizzata cioè presenta ridondanze: per ogni oggetto automobile, per esempio, ripetiamo il costruttore con tutte le informazioni: –Vediamo come decomporla utilizzando riferimenti tra tipi di oggetti.

13 13 Riferimenti nello schema Automobile Automobile: record-of( Targa: string, Modello: string, * Costruttore Costruttore: * Costruttore, Colore: string, Prezzo: integer, PartiMeccaniche: record-of( Motore: string, Ammortizzatore: string)) Costruttore Costruttore: record-of( Nome: string, Presidente: string, Stabilimento Stabilimenti: set-of( * Stabilimento)) Stabilimento Stabilimento: record-of( Nome: string, Citta: string, Addetti: integer)

14 14 Valori e OID oggetto(OID, Valore),Un oggetto è una coppia (OID, Valore), dove OID (object identifier) è un valore atomico definito dal sistema e trasparente allutente, e Valore è un valore complesso conforme al tipo delloggetto Il valore assunto da una proprietà di un oggetto può essere lOID di un altro oggetto realizzando così un riferimento.

15 15 Riferimenti tra oggetti Un insieme di oggetti compatibili con lo schema O1: O2: O3: O4:

16 16 Identità e uguaglianza Tra gli oggetti sono definite le seguenti relazioni –identità (O1=O2) richiede che gli oggetti abbiano lo stesso identificatore –uguaglianza superficiale (O1==O2) richiede che gli oggetti abbiano lo stesso stato, cioè stesso valore per proprietà omologhe –uguaglianza profonda (O1===O2) richiede che le proprietà che si ottengono seguendo i riferimenti abbiano gli stessi valori ( non richiede luguaglianza dello stato infatti, nel caso in esame, è OID3 OID4) O1 = O2 = O3 = O4 =

17 17 Esempio schema ad oggetti

18 18 Semantica dei riferimenti Il concetto di riferimento presenta analogie con quello di puntatore nei linguaggi di programmazione, e con quello di chiave esterna in un sistema relazionale. Tuttavia –i puntatori possono essere corrotti (dangling, appesi); i riferimenti a oggetti (in un buon ODBMS) vengono invalidati automaticamente in caso di cancellazione di un oggetto referenziato –le chiavi esterne sono visibili, in quanto realizzate tramite valori; gli identificatori doggetto non sono associati a valori visibili dallutente –modificando i valori degli attributi di una chiave esterna, è possibile perdere riferimenti; modificando il valore di un oggetto referenziato, il riferimento continua ad esistere

19 19 Tipi Parte dinamica : metodi Il paradigma OO deriva dal concetto di tipo di dato astratto Un metodo è una procedura utilizzata per incapsulare lo stato di un oggetto, ed è caratterizzato da una interfaccia (o segnatura) e una implementazione –linterfaccia comprende tutte le informazioni che permettono di invocare un metodo (il tipo dei parametri) –limplementazione contiene il codice del metodo Il tipo di un oggetto comprende, oltre alle proprietà, anche le interfacce dei metodi applicabili a oggetti di quel tipo Ipotizziamo che i metodi siano assimilabili a funzioni, ovvero possono avere più parametri di ingresso ma un solo parametro di uscita

20 20 Metodi In prima approssimazione, i metodi possono essere dei seguenti tipi –costruttori per costruire oggetti a partire da parametri di ingresso (restituendo lOID delloggetto costruito) –distruttori per cancellare gli oggetti, ed eventuali altri oggetti ad essi collegati –accessori funzioni che restituiscono informazioni sul contenuto degli oggetti (proprietà derivate) –trasformatori procedure che modificano lo stato degli oggetti, e di eventuali altri oggetti ad essi collegati Un metodo può essere pubblico o privato

21 21 Esempio metodi automobile: record-of( targa: string, modello: string, costruttore: *costruttore, colore: string, prezzo: integer, partiMeccaniche: record-of( motore: string, ammortizzatore: string), public Init( // costruttore targa_par: string, modello_par: string, colore_par: string, prezzo_par: integer): automobile, public Prezzo(): integer, // accessore public Aumento( // trasformatore ammontare: integer)) // void

22 22 Classi estensioni dei tipi Una classe è un contenitore di oggetti, che possono essere dinamicamente aggiunti o tolti alla classe (tramite costruttori e distruttori) Ad una classe è associato un solo tipo, quindi gli oggetti in una classe sono tra loro omogenei (hanno le stesse proprietà e rispondono agli stessi metodi) Due alternative: –una classe raccoglie tutti gli oggetti di uno stesso tipo –più classi possono avere lo stesso tipo Una classe definisce anche limplementazione dei metodi, che va specificata in qualche linguaggio di programmazione

23 23 Implementazione e invocazione di metodi body Init(targa_par: string, modello_par: string, colore_par: string, prezzo_par: integer): automobile in class automobile co2{ self->targa = targa_par; self->modello = modello_par; self->colore = colore_par; self->prezzo = prezzo_par; return(self); }$ execute co2{ // in un programma o2 automobile X; // dich. di variabile O2 X = new(automobile); [X Init(Mi56T778, Panda, blu, 12M)]; }$

24 24 Disadattamento di impedenza In un RDBMS, esiste un disadattamento (mismatch) di impedenza tra i linguaggi con i quali vengono scritte le applicazioni (che manipolano variabili scalari) e lSQL, che estrae insiemi di ennuple. Si usano allo scopo i cursori Si dice che gli ODBMS risolvono questo problema, in quanto gli oggetti persistenti possono essere manipolati direttamente tramite le istruzioni del linguaggio di programmazione (procedurale). ->Il linguaggio di programmazione di un ODBMS deve permettere laccesso alle componenti di un valore complesso ad esempio, i record con loperatore dot., i riferimenti con loperatore ->, le collezioni con opportuni iteratori.

25 25 Altre caratteristiche del paradigma ad oggetti Tra i tipi (e le classi) di una base di dati a oggetti, è possibile definire una gerarchia di ereditarietà, con le usuali relazioni di sottotipo, lereditarietà dei metodi, la possibilità di overloading, overriding, late binding, ereditarietà multipla,... Tutto funziona come nei linguaggi di programmazione oggetti Esiste tuttavia una importante differenza: gli oggetti di un programma sono oggetti di breve durata, gli oggetti di una base di dati sono oggetti di lunga durata, con conseguenze non banali...

26 26 Migrazione tra classi Nel corso della propria esistenza, un oggetto deve mantenere la propria identità, in modo che sia possibile riferirsi ad esso in modo univoco Tuttavia, è possibile che un oggetto cambi tipo: –una persona diviene uno studente, poi uno studente lavoratore, poi un lavoratore, poi una persona sposata,... Sembra quindi necessario un meccanismo di acquisizione e perdita di tipi, normalmente tramite operazioni di –specializzazione (si diventa membri di una sotto-classe) –generalizzazione (si perde lappartenenza a una sotto-classe)

27 27Persistenza Gli oggetti possono essere temporanei (come nei programmi tradizionali) o persistenti. La persistenza può essere specificata in vari modi (non sempre tutti disponibili in uno stesso sistema): –inserimento in una classe persistente –raggiungibilità da oggetti persistenti (garantisce lintegrità referenziale, ma richiede un garbage collector) –"denominazione": si può definire un nome ("handle") per un oggetto.

28 28 The O-O Database Manifesto ( Atkinson, Bancilhon, DeWitt, Dittrich, Maier, Zdonik ) Una lista di funzionalità per la definizione e la valutazione di OODBMS. Include: –Funzionalità obbligatorie (the "golden rules") –Funzionalità opzionali –Scelte aperte

29 29 Funzionalità obbligatorie The golden rules Oggetti complessi Identità di oggetto Incapsulamento Tipi e/o classi Gerarchie di classi o di tipi Overriding, overloading e late binding Completezza computazionale Estensibilità Persistenza Gestione della memoria secondaria Concorrenza Recovery Linguaggio o interfaccia di interrogazione

30 30 The Golden Rules Thou shalt support complex objects Thou shalt support object identity Thou shalt encapsulate thine objects Thou shalt support types or classes Thine classes or types shalt inherit from their ancestors Thou shalt not bynd prematurely Thou shalt be computationally complete Thou shalt be extensible Thou shalt remember thy data Thou shalt manage very large databases Thou shalt accept concurrent users Thou shalt recover from hardware and software failures Thou shalt have a simple way of querying data

31 31 Funzionalita' quasi obbligatorie ("no consensus") Dati derivati e definizione di viste Funzionalità DBA Vincoli di integrità Funzionalità per la modifica di schemi

32 32 Funzionalità opzionali Ereditarietà multipla Verifica dei tipi ed inferenza su di essi Distribuzione "Design transactions" (transazioni lunghe e nidificate) Gestione delle versioni

33 33 Scelte libere Paradigma di programmazione Realizzazione Sistema di tipi Uniformità

34 34 Object Database Management Group e ODMG-93 ODMG è composto da partecipanti di tipo accademico e industriale, ed in particolare i principali produttori di OODBMS. ODMG-93 è una proposta di standard per OODBMS, che i partecipanti intendono realizzare o supportare –un modello a oggetti –ODL, un linguaggio di definizione basato su IDL (standard ISO) –OQL, un linguaggio di interrogazione, basato su SQL3 –Language bindings per C++, Smalltalk e Java ODMG-93 non è uno standard formale né una specifica di OODBMS

35 35 Un esempio di schema ODL interface Automobile ( extent Automobili key Targa ) {attribute String Targa; attribute String Modello; attribute String Colore; attribute String Prezzo; attribute Structure PartiMeccaniche {String Motore, String Ammortizzatore}; relationship Costruttore inverse Costruttore::Costruisce; Automobile init(in String Targa_par, in String Modello_par, in String Colore_par, in String Prezzo_par); void Aumento(in Integer Ammontare) raises(PrezzoEccessivo);} interface AutoSportiva: Automobile { attribute Integer MaxVelocita }

36 36 Il modello ODMG-93 Le proprietà e le operazioni di un tipo sono chiamate caratteristiche E possibile definire una gerarchia di tipi, alcuni dei quali sono astratti (non istanziabili) Lestensione di un tipo è linsieme di tutte le sue istanze Un tipo ha una o più implementazioni (classi) ad esempio, una classe può richiedere di implementare una proprietà di tipo Set come Set_as_Btree Alcuni oggetti possono avere un nome, per riferirsi ad essi esplicitamente nei programmi altri possono essere identificati mediante interrogazioni

37 37 OQL Object Query Language Linguaggio SQL-like per basi di dati a oggetti, inizialmente sviluppato per O2, adottato (con modifiche) da ODMG, basato sui seguenti principi –non è computazionalmente completo, ma può invocare metodi, e i metodi possono includere interrogazioni –permette un accesso dichiarativo agli oggetti –si basa sul modello ODMG –ha una sintassi astratta ed almeno una sintassi concreta, simile a SQL –ha primitive di alto livello per le collezioni –non ha operatori di aggiornamento

38 38 Interrogazioni OQL OQL permette di interrogare interattivamente oggetti, partendo dai loro nomi Alternativamente, comandi OQL possono essere immersi in un linguaggio di programmazione utilizzandoli come argomenti (di tipo String) di metodi che li eseguono e ne restituiscono il risultato

39 39 Un esempio ODL-OQL ATTOREFILM STUDIO titolo anno lunghezzatipo_pellicola attori recitaIn posseduto da possiede nome indirizzo nome indirizzo viacittà lunghezza_in_ore ( ) nomiAttori (out Set ) altrifilm ( in Attore, out Set ) Da Ulmann e Widom – Introduzione ai database – Jackson Libri 2000

40 40 Interfaccia Film interface Film (extend Films Key (titolo, anno)) attribute string titolo; attribute integer anno; attribute enum Pellicola (colore, biancoEnero) tipoPellicola; relationship Set attori inverse Attore ::recitain; relationship Studio posseduto_da inverse Studio:: possiede; float lunghezza_in_ore ( ) raises(NessunaLunghezzaTrovata); nomiAttori ( out Set ); altrifilm ( in Attore, out Set ) raises(noTaleAttore);

41 41 Interfaccia Attore interface Attore (extend Attori Key nome) attribute string nome; attribute Struct Indir string via, string città indirizzo; relationship Set recitaIn inverse Film :: attori;

42 42 Interfaccia Studio interface Studio (extend Studi Key nome) attribute string nome; attribute string indirizzo; relationship Set possiede inverse Film :: posseduto da;

43 43 Espressioni di cammino o oSe p è un attributo allora o.p è il valore di tale attributo per loggetto o –Es: miofilm.lunghezza o oSe p è unassociazione allora o.p è loggetto o collezione di oggetti con cui o è in associazione attraverso p –Es: miofilm.attori o oSe p è un metodo allora o.p è il risultato dellapplicazione di p ad o –Es : miofilm.lunghezza_in_ore() –Es: miofilm.nomiAttori(mieiAttori)

44 44 Select...From...Where... (Sintassi) La parola chiave SELECT seguita da una lista di espressioni La parola chiave FROM seguita da una lista di una o più dichiarazioni di variabili. Una variabile è specificata con: Unespressione il cui valore è di tipo collezione (set, bag,…) La parola chiave opzionale as Il nome della variabile La parola chiave WHERE seguita da unespressione boolean. Usa le variabili e/o costanti dichiarate nella clausola FROM. Ad. Esempio: SELECT f.anno FROM FILMS [as] f WHERE f.titolo=Via col vento

45 45 Select...From...Where...(Semantica) Linterrogazione produce in uscita un bag di oggetti per tutti i possibili valori delle variabili nel in cicli annidati.Il bag è calcolato per tutti i possibili valori delle variabili nel FROM in cicli annidati. Se una qualsiasi delle combinazioni di valori per queste variabili soddisfa la condizione della clausola WHERE allora loggetto descritto nella clausola SELECT è aggiunto al BAG. Nellesempio: SELECT f.anno FROM Films f WHERE f.titolo =Via col vento SEMANTICA FOR EACH f IN FILMS DO IF f. titolo = Via col vento ADD f.anno TO output_bag

46 46 Select...From...Where... in OQL Query: Ritrovare il nome degli attori del film Casablanca. SELECT a.nome FROM Films f, f.attori a WHERE f.titolo= Casablanca SEMANTICA FOR EACH f IN Films DO FOR EACH a IN f.attori DO IF f. titolo = Casablanca THEN ADD a.nome TO output_bag.

47 47 Eliminazione di duplicati Query: Cerca i nomi degli attori di Film della Disney. SELECT DISTINCT a.nome FROM Films f, f.attori a WHERE f.possedutoDa.nome=Disney.

48 48 Tipi di output complessi Query: Coppie di attori che vivono allo stesso indirizzo: SELECT DISTINCT Struct(attore1:a1, attore2:a2) FROM Attori a1, Attori a2 WHERE a1.indirizzo=a2.indirizzo AND a1.nome

49 49 Sotto-interrogazioni Query: Trova gli attori dei film di DISNEY SELECT DISTINCT a.nome FROM(SELECT f FROM FILMS f WHERE f.posseduto_da.nome=Disney) d, d.attori a La clausola FROM contiene due cicli annidati: nel primo la variabile d varia su tutti i film della Disney nel secondo la variabile a varia su tutti gli attori del film d.

50 50 Ordinamento del risultato Il risultato di questa interrogazione è una lista di oggetti della classe (extend) Films ordinata per: –Lunghezza del film –Titolo del film come in SQL lordine, per default è crescente: SELECT f FROM Films f WHERE f.posseduto_da.nome=Disney ORDER BY f.lunghezza, f.titolo

51 51 Operatori insiemistici UNION per ; INTERSECT per ; EXCEPT per – Producono BAG a meno che non sia espressamente indicato il DISTINCT (SELECT DISTINCT f FROM Films f, f.attori a WHERE a.nome= Harrison Ford) EXCEPT (SELECT DISTINCT f FROM Films f WHERE f.possedutoDa.nome=Disney) in questo caso il tipo del risultato è: SET

52 52 Espressioni di aggregazione COUNT: Può essere applicato a qualsiasi collezione SUM e AVG: Applicabile a collezioni di tipi aritmetici come interi MIN e MAX : Collezioni qualsiasi i cui valori possono essere confrontati AVG( SELECT f. lunghezza FROM Films f ) La sottointerrogazione estrae le componenti lunghezza dai Films. Il risultato è il bag delle lunghezze. A tale bag viene applicato loperatore AVG che restituisce la lunghezza media di tutti i films.

53 53 Espressioni con quantificatori E possibile controllare se tutti ( o almeno uno) i membri di un insieme soddisfano una condizione. Posto: x: variabile S: insieme C(x) condizione sulla variabile –FOR ALL x in S : C(x) True se ogni x S soddisfa C(x), False altrimenti –EXISTS x in S : C(x) True se almeno un x S soddisfa C(x), False altrimenti

54 54 Espressioni con quantificatori (Esempio) Trovare tutti gli attori dei film della DISNEY SELECT a FROM Attori a WHERE EXISTS f IN a.recitaIn: f.posseduto_da.nome=Disney Trovare gli attori che recitano solo in film della DISNEY SELECT a FROM Attori a WHERE FOR ALL f IN a.recitaIn: f.posseduto_da.nome= Disney


Scaricare ppt "1 4- Basi di dati Object Oriented. 2 Limiti delle basi di dati relazionali I sistemi di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) hanno permesso la."

Presentazioni simili


Annunci Google