La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISO 26000 COME STRUMENTO DI GOVERNANCE Laura SEVERINO Sustainability, Environment & Climate Change Sector Manager RINA Services S.p.A. 21-5-2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISO 26000 COME STRUMENTO DI GOVERNANCE Laura SEVERINO Sustainability, Environment & Climate Change Sector Manager RINA Services S.p.A. 21-5-2015."— Transcript della presentazione:

1 ISO COME STRUMENTO DI GOVERNANCE Laura SEVERINO Sustainability, Environment & Climate Change Sector Manager RINA Services S.p.A

2 CORPORATE GOVERNANCE SISTEMA E REGOLE CON LE QUALI UN’ORGANIZZAZIONE È GESTITA E GOVERNATA CORPORATE GOVERNANCE L’interesse da parte di clienti, investitori, sponsor così come l’approvazione da parte di autorità pubbliche, governi, media e la motivazione dei dipendenti è maggiore verso organizzazioni con una Corporate Governance che tiene conto di tutti i possibili rischi

3 LA ISO La ISO 26000:2010 è una norma internazionale che  può essere presa come guida per l’integrazione delle problematiche sociali ed ecologiche nella Corporate Governance  consente l’implementazione di un approccio olistico alla Responsabilità Sociale e l’integrazione delle diverse esigenze di sviluppo economico e sociale, risparmio energetico, protezione ambientale e lotta al cambiamento climatico in modo bilanciato nella Corporate Governance  va al di là del mero rispetto delle leggi

4 CORPORATE GOVERNANCE

5 LA ISO La ISO impatta su  gestione rischi e definizione delle priorità  processi decisionali  rapporti con gli stakeholder  comunicazione  compliance normativa

6 LA ISO 26000

7 Essa contiene i seguenti elementi:  i 7 principi di responsabilità sociale  i 7 temi della responsabilità sociale Ogni tema include una descrizione del tema, i principi e le considerazioni, le azioni e le aspettative correlate  una guida per l’integrazione di principi e temi all’interno di tutta l’Organizzazione.

8 LA ISO E’ una guida Non contiene nessun requisito, ma utilizza il termine «dovrebbe» invece del termine «deve» Non è una norma certificabile Un ente terzo può verificare il livello di integrazione dei principi, temi fondamentali e aspetti specifici da parte di un’organizzazione

9 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO RINA prevede: Esame documentale Visita sul sito e colloquio con le parti interessate Compilazione di una scheda di valutazione Redazione del rapporto in bozza Verifica delle integrazioni eventuali alle richieste di chiarimento o commenti Redazione del rapporto finale RINA che descrive il processo di verifica che contiene gli aspetti “positivi”(punti di forza) e “negativi” (punti di debolezza) Rilascio della dichiarazione

10 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO E’ prevista la compilazione di una scheda di valutazione nella quale per ogni paragrafo del capitolo 7 sarà assegnato un punteggio da 1 a 5 sul livello di applicazione dei temi e degli aspetti

11 PLANDOCHECK-ACT punteggio% 7.2 Relazioni tra le caratteristiche di un'organizzazi one e la RS 7.3 Comprendere la RS dell'organizzaz ione 7.4 Pratiche per integrare la RS in tutta l'organizzazion e 7.5 Comunicazion e relativa alla RS 7.6 Accrescere la credibilità della RS 7.7 Riesaminare e migliorare le azioni e le prassi di un'organizzazi one relative alla RS 7.8 Iniziative volontarie per la RS TEMAGOVERNO DELL'ORGANIZZAZIONE ASPETTI Governo dell'organizzazione ,0 punteggio per tema GOVERNO DELL'ORGANIZZAZIONE 21 % per tema GOVERNO DELL'ORGANIZZAZIONE 60,0 TEMADIRITTI UMANI ASPETTI Necessaria Diligenza ,0 Situazioni di rischio per i diritti umani ,9 Evitare la complicità ,0 Risoluzione delle controversie ,9 Discriminazione e gruppo vulnerabili ,4 Diritti civili e politici ,1 Dirittti economici, sociali e culturali ,3 Principi fondamentali e diritti sul lavoro ,4 punteggio per tema DIRITTI UMANI 182 % per tema DIRITTI UMANI 65,0 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO 26000

12 PLANDOCHECK-ACT punteggio% 7.2 Relazioni tra le caratteristiche di un'organizzazion e e la RS 7.3 Comprendere la RS dell'organizzazio ne 7.4 Pratiche per integrare la RS in tutta l'organizzazione 7.5 Comunicazione relativa alla RS 7.6 Accrescere la credibilità della RS 7.7 Riesaminare e migliorare le azioni e le prassi di un'organizzazion e relative alla RS 7.8 Iniziative volontarie per la RS PUNTEGGIO GLOBALE % GLOBALE 100,060,580,075,575,986,858,6 76,8

13 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO 26000

14

15 ASSEGNAZIONE PUNTEGGI PUNTEGGIO Riesame non effettuato per l'aspetto specifico. Processo di comprensione dell'aspetto specifico non effettuato. Pratiche per integrare l'aspetto specifico non presenti. Comunicazione interna ed esterna per l'aspetto specifico non effettuata Metodi per accrescere la credibilità dell'organizzazione per l'aspetto specifico non presenti. Riesame, monitoraggio e miglioramento per l'aspetto specifico non effettuato. Iniziative volontarie per l'aspetto specifico non intraprese 2 Riesame effettuato per l'aspetto specifico. Prestazione parzialmente adeguata. Processo di comprensione dell'aspetto specifico effettuato. Prestazione parzialmente adeguata. Pratiche per integrare l'aspetto specifico presenti. Prestazione parzialmente adeguata. Comunicazione interna ed esterna per l'aspetto specifico effettuata Prestazione parzialmente adeguata. Metodi per accrescere la credibilità dell'organizzazione per l'aspetto specifico presenti. Prestazione parzialmente adeguata. Riesame, monitoraggio e miglioramento per l'aspetto specifico effettuato. Prestazione parzialmente adeguata. Iniziative volontarie per l'aspetto specifico intraprese. Prestazione parzialmente adeguata. 3 Riesame effettuato per l'aspetto specifico. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stata riesaminata. Processo di comprensione dell'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Pratiche per integrare l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Comunicazione interna ed esterna per l'aspetto specifico presente. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Metodi per accrescere la credibilità dell'organizzazione per l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Riesame, monitoraggio e miglioramento per l'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Iniziative volontarie per l'aspetto specifico intraprese. Prestazione adeguata. Almeno tra il 40 e 60% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato.

16 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO ASSEGNAZIONE PUNTEGGI PUNTEGGIO Riesame effettuato per l'aspetto specifico. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e il 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stata riesaminata. Processo di comprensione dell'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Pratiche per integrare l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Comunicazione interna ed esterna per l'aspetto specifico effettuata Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Metodi per accrescere la credibilità dell'organizzazione per l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Riesame, monitoraggio e miglioramento per l'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Iniziative volontarie per l'aspetto specifico intraprese. Prestazione adeguata. Almeno tra il 61 e 90% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. 5 Riesame effettuato per l'aspetto specifico. Prestazione adeguata. Tra il 91 e il 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stata riesaminata. Processo di comprensione dell'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Pratiche per integrare l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Comunicazione interna ed esterna per l'aspetto specifico effettuata Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Metodi per accrescere la credibilità dell'organizzazione per l'aspetto specifico presenti. Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Riesame, monitoraggio e miglioramento per l'aspetto specifico effettuato. Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato. Iniziative volontarie per l'aspetto specifico intraprese. Prestazione adeguata. Almeno tra il 91 e 100% delle Azioni ed aspettative correlate riportate nella norma per l'aspetto specifico è stato considerato.

17 VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO PRESTAZIONE ADEGUATA IN RELAZIONE AL SOTTOPARAGRAFO DA 7.2 A Riesame che fornisce per quell'aspetto specifico una base informata per la sua integrazione in tutta l'organizzazione, ne definisce la pertinenza all'interno dell'organizzazione e ne identifica adeguatamente gli stakeholders. 7.3 Processo di comprensione di quell'aspetto specifico finalizzato a identificarne gli impatti negativi, reali e potenziali, identificarne la pertinenza, determinarne la significatività, valutarne ed esercitarne la sfera di influenza e stabilirne le priorità. 7.4 Pratiche per integrare l'aspetto specifico all'interno dell'organizzazione finalizzate ad aumentarne la consapevolezza e costruirne la competenza, fissare l’orientamento dell'organizzazione in relazione ad esso, costruire la gestione di quell'aspetto specifico nel governo dell'organizzazione, nei suoi sistemi e procedure. 7.5 Comunicazione interna ed esterna completa, comprensibile, reattiva, accurata, bilanciata, tempestiva, accessibile per l'aspetto specifico finalizzata ad accrescere la consapevolezza, coinvolgere gli stakeholder, affrontare i requisiti legali e di altro tipo, mostrare come si affrontano gli impegni, fornire informazioni sugli impatti, coinvolgere e motivare i dipendenti e gli altri, facilitare il raffronto con organizzazioni dello stesso tipo, migliorare la reputazione, rafforzare la fiducia degli stakeholder. 7.6 Metodi per accrescere la credibilità per quell'aspetto specifico che consentano la verifica delle asserzioni su quell'aspetto o la partecipazione a schemi di certificazione specifici e procedure per risolvere conflitti o disaccordi con gli stakeholder accessibili. 7.7 Riesame per l'aspetto specifico finalizzato al monitoraggio delle attività, l'analisi dei progressi e delle prestazioni, l'accrescimento dell’affidabilità della raccolta e della gestione di dati ed informazioni, il miglioramento delle prestazioni. 7.8 Partecipazione a iniziative volontarie per rispondere all'aspetto specifico.

18 La dichiarazione:  è rilasciata indipendentemente dall’esito della verifica  non ha un periodo di validità  è sull’utilizzo della ISO come documento di riferimento per integrare la responsabilità sociale nelle proprie attività, politiche, strategie, procedure e obiettivi VERIFICA DEL LIVELLO DI INTEGRAZIONE ISO 26000

19 I vantaggi dell’applicazione della ISO 26000:  Gestione rischi di diverso tipo  Miglioramento dell’immagine dell’azienda agli occhi dell’opinione pubblica grazie all’adozione di un approccio responsabile nei confronti dell’ambiente e della comunità  Miglioramento dei rapporti con clienti, investitori, proprietari, sponsor, autorità pubbliche, fornitori, media e comunità finanziaria  Motivazione dei dipendenti e aumento produttività  Riduzione costi (esempio riduzione consumi energetici)  Gestione della compliance normativa CONCLUSIONI

20 I vantaggi di una verifica dell’applicazione della ISO 26000:  “Misura” la responsabilità sociale  Fornisce una valutazione oggettiva  Verifica sulla stessa organizzazione, i progressi tra una verifica e l’altra e per organizzazioni multi-sito le differenze tra un sito e l’altro  Dota l’organizzazione di potenziali obiettivi per il miglioramento  Assicurare la confrontabilità tra organizzazioni diverse

21 Laura SEVERINO RINA Services S.p.A. Business Assurance Sustainability, Environment & Climate Change Sector Via Corsica, Genova - ITALY Phone: Mobile: Fax:


Scaricare ppt "ISO 26000 COME STRUMENTO DI GOVERNANCE Laura SEVERINO Sustainability, Environment & Climate Change Sector Manager RINA Services S.p.A. 21-5-2015."

Presentazioni simili


Annunci Google