La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LINFOMA DI HODGKIN E LINFOMI NON HODGKIN Dr Silvia Bolis Clinica Ematologica - Ospedale S. Gerardo - Monza, IT 19/5/2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LINFOMA DI HODGKIN E LINFOMI NON HODGKIN Dr Silvia Bolis Clinica Ematologica - Ospedale S. Gerardo - Monza, IT 19/5/2015."— Transcript della presentazione:

1 LINFOMA DI HODGKIN E LINFOMI NON HODGKIN Dr Silvia Bolis Clinica Ematologica - Ospedale S. Gerardo - Monza, IT 19/5/2015

2 SINDROMI LINFOPROLIFERATIVE Patologie neoplastiche della linfocitopoiesi -espressione leucemica (LLA,LLC,HCL) -Espressione linfomatosa (Linfomi di Hodgkin,linfomi non Hodgkin -Con produzione di immunoglobuline monoclonali (gammopatie monoclonali,mieloma multiplo)

3 LINFOADENOPATIE definizione: linfonodi di dimensioni anormali (> 1,0-1,5 cm) linfonodi di consistenza anormale epidemiologia: eta’ > 40 anni: 4% rischio di tumore eta’ < 40 anni: 0.4% rischio di tumore linfoadenopatia localizzata:1 sola area interessata generalizzata:2 o piu’ aree interessate non contigue

4

5 Cause piu’ frequenti di linfoadenopatia infezionitumori linfatici EBV linfoma di Hodgkin Toxoplasmosilinfoma non-Hodgkin Cytomegalovirus LLC Febbre da graffio di gattoLLA FaringiteLMA Tubercolosi Scarlattina tumori metastatici Varicella Zoster Virus melanoma HBVcarcinoma mammario HIVcarcinoma polmonare Rosoliacarcinoma gastrico parotitecarcinoma prostatico carcinoma renale malattie del collagene e vasculiti tumori del collo RA LES

6 Caso clinico Pts maschio di 23 anni Linfoadenopatia laterocervicale dx 3 cm Febbricola,dolore retrosternale se beve alcolici,tosse stizzosa All’emocromo leucocitosi neutrofila (WBC ANC 12514) VES 80

7 Thomas Hodgkin 1832 Hodgkin publishes his paper on lymphatic disease "On Some Morbid Appearances of the Absorbent Glands and Spleen" Published in Medico-Chirurgical Transactions, the journal of the Medical and Chirurgical Society in London.

8 Hodgkin lymphoma

9 Il linfoma di Hodgkin è una neoplasia di origine linfoide B caratterizzata, dal punto di vista diagnostico, dalla presenza delle cellule di Hodgkin e di Reed-Sternberg, nel contesto di cellule infiammatorie e accessorie non neoplastiche. La natura e origine del LH è rimasta un enigma per almeno 150 anni. Linfomi di Hodgkin -definizione

10 LINFOMA DI HODGKIN Etiologia non è nota Incidenza :1 caso / % di tuttie le neoplasie in USA LH 11% di tutti i linfomi occidentali Descritta familiarità per la malattia Rischio stimato dalle 3 alle 9 volte in parenti di primo grado di pazienti affetti da HL Associazione Specifici alleli HLA e polimorfismi con rischio di malattia Età media 32 anni,è una delle malattie piu’ frequenti negli adolescenti e giovani adulti. Insorge in un singolo linfonodo o catena linfonodale e si diffonde per contiguità.

11 ISTOLOGIA Si esegue su biopsia di linfonodo, di massa mediastinica, ecc. Gli elementi che concorrono alla diagnosi sono: 1 – Riconoscimento di cellule patognomoniche Cellule di Reed- Sternberg: cellule di grandi dimensioni; cito-plasma ampio, acidofilo; due o più nuclei; mem-brana evidente, cromati-na finemente dispersa, voluminosi nucleoli Linfoma di Hodgkin I

12 Le cellule RS rilasciano fattori che inducono l’accumulo di linfociti reattivi,macrofagi e granulociti che tipicamente compongono piu’ del 90%delle cellule nella massa tumorale. Derivano dai cellule B dei centri germinativi o post germinativi.

13 ISTOLOGIA 2 – Popolazione cellulare di accompagnamento, costituita da elementi mononucleati Cellule di Hodgkin In base alla compo-sizione del “pabulum” citologico di accom- pagnamento, si deter-minano 4 istotipi: 1)Prevalenza linfocitaria 2)Cellularità mista 3)Deplezione linfocitaria 4)Sclerosi nodulare Linfoma di Hodgkin

14

15

16 Transforming event(s) EBV? Germinal centre B cell RS cell Loss of apoptosis cytokines Inflammatory response Linfomi di Hodgkin -patogenesi

17 PATOGENESI L’attivazione del fattore di trascrizione NF-kb è un evento frequente nel LH classico e a sua volta attiva geni che promuovono la sopravvivenza e la proliferazione linfocitaria.In tal modo vengono salvati elementi B “crippled” che attraverso ulteriori eventi mutazionali favorirebbero la produzione di cellule RS Varie vie : -EBV - citochine e chemochine - “cross talk” patogeno tra cellule RS e reattive

18  Massa linfonodale non dolente con tendenza a riunirsi in pacchetti, ipomobile, con cute sovrastante normale.  Frequenza delle loclaizzazioni iniziali  superificiale laterocervicale o sporaclaveare (70-80%; sinistra 90%)  mediastinica 75%  ascellare 25-30%  para-aortica 30%  iliaci 20%  inguinali 15%  Milza 10%  Fegato 5%  Midollo osseo <5%  Diffusione per via linfatica > per continuità > per via ematica  Sintomi B (febbre, sudorazioni profuse, calo ponderale)  prurito “sine materia” Linfomi di Hodgkin - clinica

19 Linfoma di Hodgkin Diagnosi e stadiazione Biopsia linfonodale escissionale Esame obiettivo Ematochimica(emocromo,formula leucocitaria,piastrine,funz. renale ed epatica, VES,markers epatite B e C,HIV,elettroforesi proteica,dosaggio immunoglobuline,  2 microglobulina, profilo marziale PET TAC con mdc. Collo,Torace, Addome sup + inf. Biopsia osteomidollare

20 HD - Staging PET TAC mdc BIOPSIA OSSEA (opzionale)

21

22 Stadiazione del linfoma

23 Stadiazio TNRGRD44L06A881H ne del linfoma di Hodgkin’s.

24 W.P. at presentation

25

26

27 DIAGNOSI E TERAPIA LINFOMA HODGKIN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE Fase diagnostica Biopsia: otorinolaringoiatra chirurgo generale chirurgo toracico Esame istologico: anatomo-patologo Staging: radiologo (tac) medico nucleare ( pet) Fase pre-terapeutica Cardiologo :elettrocardiogramma+ecocardiogramma Pneumologo:spirometria Ginecologo:criopreservazione liquido seminale (presso altro ospedale) criopreservazione ovociti maturi (-casi selezionati) Chirurgo:posizionamento di catetere venoso centrale tipo porth-a-cath

28 DIAGNOSI E TERAPIA LINFOMA HODGKIN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE Fase terapeutica Programmma terapeutico:ematologo Programma radioterapico:radioterapista Follow up Controlli clinici e programmazione esami di laboratorio e strumentali:ematologo radiologo (tac) medico nucleare (pet) Controllo tossicità tardiva del trattamento radioterapista endocrinologo ginecologo cardiologo pneumologo

29 Gallamini et al. Haematologica 2006; 91(4)

30

31

32 Relative incidence of NHL subtypes

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46 Donna, nata il Ex fumo, non patologie di nota in anamnesi. Dicembre 2008: comparsa di versamento ascitico, all’ecografia addome massa di pertinenza ginecologica. -PET stadiazione (prechirurgica): captazione a livello addomino-pelvica. Nel gennaio 2009 viene eseguita laparotomia e paracentesi (non disponibile chimico-fisico, non cellule maligne al citologico). Diagnosi di LINFOMA A CELLULE B MATURE, FOLLICOLARE, G1/3 su annessectomia sx, biopsie omentali e peritoneali. -TAC stadiazione (post chirurgica): massa mesenterica 22 x 8 x 9 cm, colata lomboartica e linfonodo 33 mm sede mammaria dx. -BOM: infiltrato linfomatoso 30% STADIO IV A extranodale FLIPI2: 3 (int-alto)

47

48

49 LINFOMA FOLLICOLARE Insorge dalle cellule B dei centri germinativi ed è strettamente associato ad alterazioni cromosomiche che coinvolgono bcl2 T 14;18 è patognomonica -giustappone il locus IgH sul cromosoma 14 e il locus BCL2 sul cromosoma 18 -iperespressione di BCL2 che antagonizza apoptosi

50

51

52

53

54

55 Waldenstrom’s Macroglobulinemia Indolent NH lymphoma Usually > 60years Characterised by proliferation of lymphoplasmatic and plasma cells monoclonal immunoglobulin M

56 Asymptomatic WM IgM > 30g/l Bone marrow lymphoma cells > 10% No symptoms No anaemia No viscosity problems No enlarged lymph nodes or spleen Risk of progression to symptomatic WM 6% per year Only 55% of patients with smouldering WM will progress within 5 years >> Follow up every 4-6 months Kyle RA et al.Clin Lymphoma Myeloma. 2009;9(1):17-18.

57 Waldenström macroglobulinemia: genetics dictates clinical course Treon et al, Blood. 2014;123(18):

58 Waldenstrom macroglobulinemia Clinical manifestations Clone derivedIg derived

59

60 Anemia Thrombocitopenia B-symptoms Adenopathy / Splenomegaly Neuropathy Hyperviscosity Cryoglobulinemia Waldenström Macroglobulinemia: Common Symptoms

61 IL TRATTAMENTO E’ RICHIESTO? ¼ dei pazienti è diagnosticato per caso ½ dei pazienti che non necessitano di trattamento alla diagnosi non ne avrà bisogno nei 3 anni successivi 1 paziente su 10 non avrà bisogno di trattamento per 10 anni

62

63 RITUXIMAB: meccanismo d’azione R si lega selettivamente all’antigene di superficie CD20 dei linfociti B provocando la morte cellulare attraverso: CDC attività citotossica complemento mediata ADCC attività citotossica anticorpo dipendente cellulo mediata Apoptosi

64 Mechanism of action of Rituximab CD20 + B cell CD20 + B cell CD20 Macrophage, monocyte or NK cell Fc  RIIIa Rituximab Antibody-dependent cell-mediated cytotoxicity (ADCC)


Scaricare ppt "LINFOMA DI HODGKIN E LINFOMI NON HODGKIN Dr Silvia Bolis Clinica Ematologica - Ospedale S. Gerardo - Monza, IT 19/5/2015."

Presentazioni simili


Annunci Google