La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cristiani con le braccia alzate verso Dio (nn. 78-79) Scheda 15.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cristiani con le braccia alzate verso Dio (nn. 78-79) Scheda 15."— Transcript della presentazione:

1 Cristiani con le braccia alzate verso Dio (nn ) Scheda 15

2 A. Il pensiero La conclusione dellEnciclica è unappassionata ripresa - in forma di vibrante appello a tutti i credenti - della trama ideale (il cosiddetto filo rosso che sorregge il discorso del Papa).

3 delle strutture, e dellethos -di caderemomento (n. 78). 1. Torna così il riferimento allumanesimo cristiano, definito come la maggiore forza a servizio dello sviluppo. Infatti solo un umanesimo aperto allAssoluto può guidarci nella promozione e realizzazione di forme di vita sociale e civile - nellambito delle strutture, delle istituzioni, della cultura e dellethos - salvaguardandoci dal rischio di cadere prigionieri delle mode del momento (n. 78).

4 2. La ragione di ciò? Lamore di Dio ci chiama ad uscire da ciò che è limitato e non definitivo, ci dà il coraggio di operare di proseguire nella ricerca del bene di tutti (n. 78).

5 3. Finalmente: lo sviluppo ha bisogno di cristiani con le braccia alzate verso Dio nel gesto della preghiera, cristiani mossi dalla consapevolezza che lamore pieno di verità, caritas in veritate, da cui procede lintero sviluppo non è da noi prodotto ma ci viene donato (n. 79).

6 4. Lo sviluppo implica attenzione alla vita spirituale, seria considerazione delle esperienze di fiducia in Dio, di fraternità spirituale in Cristo, affidamento alla Provvidenza e alla Misericordia divine, di amore e di perdono, di rinuncia a stessi, di accoglienza del prossimo, di giustizia e di pace. Tutto questo è delluomo ed insieme è di Dio, perché Dio è al principio e alla fine di tutto ciò che vale e redime ( n. 79).

7 B. Pista di riflessione Senza Dio luomo non sa dove andare e non riesce nemmeno a comprendere chi egli sia; lumanesimo che esclude Dio è un umanesimo disumano. È il pensiero che regge la CiV. Cercarne le motivazioni alla luce anche dellesperienza personale e storica. A conclusione del cammino di conoscenza di CiV, fare un bilancio: cosa ha colpito di più dei pensieri del Papa, cosa egli ripete maggiormente, quali punti sembrano ancora poco chiari.

8 Applicandone linsegnamento, che conseguenze avvengono per la propria vita personale e sociale, quanto allo sviluppo, allimpegno economico, allesercizio della solidarietà.

9 C. Per un approfondimento Leggere dal Compendio i nn.: 20-48;

10 D. In ascolto della Parola di Dio Lultima citazione biblica è di Giovanni, il discepolo che Gesù amava. Nella sua Prima lettera mette in rilievo una comunione così profonda con Dio e con il prossimo che ogni impresa umana, nel nostro caso lo sviluppo delluomo e dei popoli, ne è come compenetrata, animata e gioiosamente gustata

11 7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato l'amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui. 10 In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

12 11 Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi. 13 In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito. 14 E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. 15 Chiunque confessa che Gesù è il Figlio di Dio, Dio rimane in lui ed egli in Dio. 16 E noi abbiamo conosciuto e creduto

13 l'amore che Dio ha in noi. Dio è amore; chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui. 17 In questo l'amore ha raggiunto tra noi la sua perfezione: che abbiamo fiducia nel giorno del giudizio, perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo. 18 Nell'amore non c'è timore, al contrario l'amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell'amore. 19 Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo.

14 20 Se uno dice: «Io amo Dio» e odia suo fratello, è un bugiardo. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. 21 E questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche suo fratello. (1 Giov 4, 7-21)

15 E. Preghiera Questo inno ricapitola il senso profondo della CiV: dare lode a Dio che con la sua bontà abbraccia ogni ambito della vita delluomo e ogni dimensione del suo mondo, nello sviluppo materiale, culturale, spirituale.

16 Lodate, servi del Signore, lodate il nome del Signore. 2 Sia benedetto il nome del Signore, da ora e per sempre. 3 Dal sorgere del sole al suo tramonto sia lodato il nome del Signore. 4 Su tutte le genti eccelso è il Signore, più alta dei cieli è la sua gloria.

17 5 Chi è come il Signore, nostro Dio, che siede nell'alto 6 e si china a guardare sui cieli e sulla terra? 7 Solleva dalla polvere il debole, dall'immondizia rialza il povero, 8 per farlo sedere tra i prìncipi, tra i prìncipi del suo popolo. 9 Fa abitare nella casa la sterile, come madre gioiosa di figli. (Dal Salmo 113)


Scaricare ppt "Cristiani con le braccia alzate verso Dio (nn. 78-79) Scheda 15."

Presentazioni simili


Annunci Google