La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Genova, 21 ottobre 2008 Corso di revisione contabile Il sistema di controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attività di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Genova, 21 ottobre 2008 Corso di revisione contabile Il sistema di controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attività di."— Transcript della presentazione:

1 Genova, 21 ottobre 2008 Corso di revisione contabile Il sistema di controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attività di revisione

2 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 2 Indice Il processo di revisione Il sistema di controllo interno Il sistema di controllo interno e i conti significativi Conti e Processi significativi La rilevazione delle procedure Gli errori potenziali Il Walk Through Test Il rischio di revisione Le procedure di conformità Il rischio di revisione: verifica valutazione preliminare Il rischio di revisione e le procedure di validità

3 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 3 Il Processo di revisione

4 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 4 Il sistema di controllo interno: Definizione Il controllo interno è il processo configurato e messo in atto dai responsabili delle attività di governance, dalla direzione e da altro personale dellimpresa al fine di fornire una ragionevole sicurezza per il raggiungimento degli obiettivi aziendali con riguardo allattendibilità dellinformativa economico-finanziaria, allefficienza ed efficacia della gestione ed al rispetto di leggi e regolamenti (PR 315).

5 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 5 Il sistema di controllo interno: Composizione Il controllo interno è costituito dalle seguenti componenti: 1. Ambiente di controllo 2. Il processo per la valutazione del rischio adottato dallimpresa 3. Il sistema informativo ed i processi di gestione correlati, rilevanti per linformativa economico- finanziaria e la comunicazione 4. Le attività di controllo 5. Il monitoraggio dei controlli

6 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag Ambiente di controllo L'ambiente di controllo include l'atteggiamento, la consapevolezza e le azioni della Direzione e dei responsabili delle attività di governance in relazione al controllo interno dellimpresa e alla sua importanza allinterno dellimpresa. Lambiente di controllo comprende i seguenti elementi: Comunicazione e vigilanza su valori etici ed integrità Considerazione dellimportanza della competenza Partecipazione dei responsabili delle attività di governance Filosofia e stile operativo della direzione Struttura organizzativa Attribuzione di autorità e responsabilità Politiche e procedure in tema di risorse umane

7 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag Il processo per la valutazione del rischio adottato dallimpresa Il processo per valutazione del rischio adottato dallimpresa, ai fini dellinformativa economico- finanziaria, include le modalità con cui la direzione identifica i rischi attinenti alla preparazione di un bilancio che dia una rappresentazione veritiera e corretta sullinformazione economico-finanziaria dellimpresa. I rischi dellinformativa economico-finanziaria includono eventi capaci di influenzare negativamente la capacità dellimpresa di rilevare, registrare, elaborare i dati economico finanziari, in coerenza con le asserzioni di bilancio.

8 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag Il sistema informativo ed i processi di gestione correlati Il sistema informativo è costituito dalle procedure e dalle registrazioni stabilite per rilevare, registrare, elaborare le operazioni di impresa e darne informativa e mantenere evidenza contabile delle relative voci di attività, passività e patrimonio netto.

9 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag Le attività di controllo Le attività di controllo sono le direttive e le procedure che aiutano a garantire che le direttive della direzione siano eseguite. Le attività di controllo rilevanti ai fini della revisione contabile possono essere classificate come direttive e procedure attinenti i seguenti aspetti: Adeguata separazione dei compiti Corretta autorizzazione per tutte le operazioni Adeguata documentazione e registrazione delle operazioni Controlli fisici su beni e registrazioni Controlli indipendenti sulle prestazioni effettuate

10 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag Il monitoraggio dei controlli Il monitoraggio dei controlli rappresenta il processo per valutare nel tempo la qualità del funzionamento del controllo interno. Il monitoraggio è svolto per garantire che i controlli posti in essere dalla società continuino ad operare con efficacia.

11 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 11 Il sistema di controllo interno e i conti significativi Il revisore, allo scopo di pianificare adeguatamente le verifiche, deve ottenere una sufficiente comprensione di ciascuno degli elementi che compongono il controllo interno attraverso lesecuzione delle procedure necessarie per comprendere il disegno delle politiche e delle procedure rilevanti e per valutare se esse siano effettivamente operanti. In particolare il revisore si concentra sul sistema dei controlli e sulle procedure che afferiscono ai conti significativi.

12 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 12 Il conto significativo Un conto viene definito come significativo se può contenere errori tali da modificare il giudizio di attendibilità del bilancio, in relazione alla materialità ed al rapporto del conto con i rischi di bilancio e di business identificati.

13 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 13 Materialità e Planning Materiality La Materialità è la dimensione di unomissione o errore che, individualmente o in aggregato, tenuto conto delle circostanze, rende probabile che il giudizio di una persona ragionevole facente affidamento sul bilancio sarebbe stato diverso o comunque influenzato nel caso in cui fosse stato a conoscenza di tale omissione o errore. La Planning Materiality (PM) è la stima preliminare della materialità effettuata durante la fase di pianificazione del lavoro.

14 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 14 Tollerable Error Il Tollerable Error (TE) è un indicatore che consente di applicare la Planning Materiality a livello di singolo conto di bilancio. E lerrore massimo accettabile nelleffettuazione di test a livello di singolo conto di bilancio per concludere che lesito dei test è stato positivo.

15 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 15 Conti significativi: classificazione I conti significativi vengono individuati in fase di pianificazione e costituiscono la base per la costruzione del lavoro di audit successivo. Vengono classificati secondo il seguente schema: Conti Significativi Conti (o gruppi di conti) con saldo > o = al TE Conti con saldo < TE ma suscettibili di errori di rilievo a fine di audit Conti con rischio inerente diverso da basso

16 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 16 Conti significativi: conti con saldo superiore o uguale al TE Per i conti che hanno un saldo uguale o superiore al TE, si ipotizza che lerrore in esso riscontrabile possa portare ad un livello di errore complessivo superiore alla Planning Materiality, una volta risommato agli errori riscontrati nel resto del bilancio (errore significativo).

17 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 17 Conti significativi: conti con saldo inferiore al TE I conti che hanno saldo inferiore al TE vengono generalmente considerati come non significativi a meno che siano suscettibili di contenere errori significativi.

18 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 18 Conti significativi: conti con rischio inerente diverso da basso La definizione di un conto con saldo inferiore al TE come significativo può dipendere per esempio dal fatto che la società revisionata non dispone di controlli nelle transazioni che alimentano tale conto. In questo caso il rischio inerente del conto è alto.

19 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 19 Conti e processi significativi Lidentificazione dei conti significativi consente di identificare i processi significativi ad essi collegati. Il lavoro di audit prevede lo studio dei processi significativi, delle procedure contabili ad essi collegate e dei relativi controlli. La comprensione delle procedure contabili dei processi significativi e dei controlli relativi permette lidentificazione di possibili errori, relativi alle asserzioni di ciascun conto, allinterno delle procedure contabili analizzate, e la verifica dellesistenza di controlli atti a prevenirli.

20 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 20 Le asserzioni definite dal PR. 500 Le informazioni e i dati predisposti dalla direzione e contenuti nel bilancio devono essere verificati con riguardo alle seguenti categorie di asserzioni: [a]Esistenza: un'attività o una passività esistono ad una certa data. [b]Diritti ed obblighi: un'attività o una passività sono di pertinenza dellazienda, ad una certa data. [c]Manifestazione: un'operazione o un evento di pertinenza dell'azienda ha avuto luogo nel periodo di riferimento. [d]Completezza: non vi sono attività, passività, operazioni o eventi non contabilizzati, o sui quali manchi unadeguata informazione. [e]Valutazione: le attività o le passività sono contabilizzate a valori appropriati. [f]Misurazione: un'operazione od evento è contabilizzato per limporto appropriato ed i costi ed i ricavi sono imputati per competenza. [g]Presentazione e Informativa: una voce o unoperazione sono evidenziate, classificate e corredate da adeguata informativa, in accordo con il quadro di riferimento relativo ai criteri di redazione del bilancio.

21 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 21 Processi significativi Per i processi significativi che generano i dati di routine, non-routine e stima, svolgiamo le seguenti attività: Otteniamo una comprensione del processo; Consideriamo gli errori che possono influenzare le asserzioni

22 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 22 Processi di routine – non routine - stima Si definiscono processi di routine, quei processi che vengono svolti in maniera sistematica durante lanno, mentre sono considerati di non routine quei processi svolti poche volte durante lesercizio, quali ad esempio la determinazione di ratei e risconti. I processi di stima sono quei processi che implicano lutilizzo del giudizio professionale e della stima, quali ad esempio la determinazione del fondo svalutazione crediti.

23 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 23 Per capire i processi significativi effettuiamo una: RILEVAZIONE DELLE PROCEDURE Cioè, cerchiamo di capire quali transazioni hanno luogo e come vengono gestite dal loro inizio fino alla loro inclusione nei libri contabili. La rilevazione delle procedure

24 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 24 Rilevazione delle procedure: gli obiettivi Durante la rilevazione delle procedure occorre ricordare che le finalità sono: Capire linizio della procedura; Capire il flusso delle informazioni; Capire i controlli lungo il percorso; Capire chi effettua il controllo e quale evidenza ne rimane; Capire il tipo di controllo (EDP, manuale…); Capire se esiste una segregation of duties; Capire come si arriva ai numeri che verranno registrati in contabilità.

25 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 25 La rilevazione delle procedure (segue) Il prodotto di questa rilevazione può essere un memo dettagliato o un flow chart: Intervista con il cliente Procedura XYZ OppureOppure

26 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 26 La rilevazione delle procedure (segue) Questa rilevazione viene effettuata tramite: Interviste al personale del cliente Lettura dei manuali di procedure del cliente; Walk Through.

27 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 27 Gli errori potenziali: What could go wrong? Una volta descritta la procedura, occorre domandarsi dove potrebbero sorgere errori; Il nostro scopo è essenzialmente quello di sincerarci che tutte le asserzioni relative al conto significativo, sui cui insiste il processo rilevato, siano corrette. Ad esempio: tutte le transazioni siano registrate (completezza) che tutto ciò che è registrato sia reale (esistenza) che tutto ciò che è registrato lo sia per il corretto ammontare (valutazione)

28 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 28 What could go wrong? (segue) ESEMPI:

29 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 29 What could go wrong? (segue) ESEMPI:

30 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 30 What could go wrong? (segue) Il nostro scopo è altresì quello di capire quali sono i controlli chiave della procedura. I punti dove possono accadere errori sono, infatti, quelli dove cè bisogno di un controllo. Per lidentificazione di tali punti possiamo porre domande al cliente. Alcune domande-tipo da porre, ad esempio, per la procedura acquisti potrebbero essere: siamo sicuri che tutti gli acquisti siano autorizzati?

31 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 31 What could go wrong? (segue) E anche: siamo sicuri che tutti gli acquisti registrati siano a fronte di merce realmente ricevuta? Tali domande ci consentono di identificare i punti nevralgici allinterno di una procedura, nonché di capire i tipi di controlli posti in essere dal cliente; Le domande possono anche essere una verifica incrociata sui controlli che abbiamo già descritto.

32 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 32 Esempi di Controlli WCGR: siamo sicuri che tutti gli acquisti siano autorizzati? Controllo: Tutti gli ordini ai fornitori devono essere autorizzati e firmati dal dirigente responsabile. WCGR: siamo sicuri che tutti gli acquisti registrati siano a fronte di merce realmente ricevuta? Controllo: per poter registrare un acquisto il sistema informatico richiede lesistenza di un ordine e di unentrata merce legata a tale ordine

33 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 33 Il Walk Through Test Una volta rilevate le procedure, svolgiamo un Walk Through Test (WTT) per verificare se la nostra comprensione è esatta. Il WTT è un esempio di come funziona la procedura dal suo inizio alla fine.

34 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 34 Come si fa il WTT Il WTT viene svolto nel seguente modo: Si seleziona una transazione; Si ripercorre tutto il processo; Si raccolgono tutti i documenti rappresentativi e levidenza dei controlli effettuati (e.g.: firme di autorizzazione, quadrature…).

35 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 35 Walk Through the Process WALK THROUGH Esaminare Documentazione Osservare il processo in azione Confermare il flusso di informazioni Confermare la nostra comprensione sui controlli

36 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 36 Esempio Ad esempio, nel fare il WTT per la procedura vendite, selezioneremo una transazione a campione e partiremo dallordine seguendo tutto il percorso. Gli step della procedura potrebbero essere: Verifica sul cliente: è nuovo o vecchio? Se il cliente è vecchio, viene svolta una verifica dei limiti di fido e della situazione ordini

37 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 37 Esempio Se è nuovo: verifica della procedura di affidamento; Autorizzazione dellordine; Spedizione della merce; Registrazione della vendita e del credito; Registrazione dellincasso in contabilità generale;

38 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 38 Valutazione del rischio di controllo Dopo aver compreso il sistema contabile e di controllo interno il revisore deve valutare in via preliminare il rischio di controllo che grava su ciascun conto e classe di operazioni significative, con riferimento alle singole asserzioni. Il revisore valuta il rischio di controllo per le asserzioni di bilancio basso quando: a)il sistema contabile e di controllo interno sono valutati efficaci; Elevato quando: a)i sistemi contabile e di controllo interno non sono efficaci; b)non sarebbe efficiente, sulla base del rischio di revisione e delle strategia di revisione identificata, valutare l'efficacia dei sistemi contabile e di controllo interno.

39 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 39 IL RISCHIO DI REVISIONE RISCHIO INTRINSECO RISCHIO DI CONTROLLO RISCHIO DI INDIVIDUAZIONE

40 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 40 Il rischio di revisione Si definisce rischio di revisione il rischio che il revisore esprima un giudizio non corretto nel caso in cui il bilancio sia significativamente inesatto. Le componenti del rischio sono le seguenti: rischio intrinseco: è la suscettibilità di un saldo di un conto o di una classe di operazioni di essere inesatti e quindi generare inesattezze significative in bilancio rischio di controllo: è il rischio che uninesattezza, che potrebbe verificarsi in un conto o in una classe di operazioni, non sia prevenuta o comunque tempestivamente individuata e corretta dal sistema di controllo interno rischio di individuazione: è il rischio che le procedure di validità eseguite dal revisore non evidenzino uninesattezza significativa.

41 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 41 Il rischio di revisione (segue) La comprensione degli aspetti più rilevanti dei sistemi contabile e di controllo interno, unitamente alla valutazione del rischio intrinseco e del rischio di controllo permette al revisore di: Identificare la tipologia dei potenziali errori significativi nel bilancio; Considerare i fattori che potrebbero generare errori rilevanti; Definire appropriate procedure di verifica Il revisore, quando pianifica il proprio lavoro di revisione, considera in via preliminare la valutazione del rischio di controllo congiuntamente alla valutazione del rischio intrinseco al fine di individuare il livello di accettabilità del rischio di individuazione e per determinare la natura, la tempistica e lampiezza delle procedure di validità che si rendono necessarie.

42 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 42 Esiste una relazione inversa tra livello del rischio di individuazione e il livello del rischio intrinseco e del rischio di controllo combinati insieme (rischio combinato). Per esempio, quando il rischio intrinseco e quello di controllo sono alti, il livello del rischio di individuazione accettabile deve essere molto basso per ridurre il rischio di revisione ad un livello basso accettabile. Invece, quando il livello combinato del rischio intrinseco e di controllo è basso, il revisore può accettare un più alto livello di rischio di individuazione, continuando a considerare il rischio di revisione ad un livello basso accettabile. Il rischio di revisione (segue)

43 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 43 Il rischio di revisione – riepilogo La tabella seguente mostra come il livello accettabile del rischio di individuazione possa variare a seconda della combinazione tra rischio intrinseco e rischio di controllo (rischio combinato). Nellarea ombreggiata è indicato il livello al quale deve essere portato il rischio di individuazione Rischio di individuazione Rischio di controllo AltoMedioBasso Rischio intrinseco Alto Molto bassoBassoMedio Basso MedioAltoMolto alto

44 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 44 Il rischio combinato Le possibili combinazioni tra rischio intrinseco e rischio di controllo, determinano i seguenti livelli di rischio combinato: Rischio combinato Rischio di controllo AltoMedioBasso Rischio intrinseco Alto ModeratoBasso ModeratoBassoMolto Basso

45 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 45 Strategia di revisione Il revisore identifica per ciascun conto significativo la propria strategia di revisione in termini di rischio intrinseco e di rischio di controllo. Se il revisore determina per un conto significativo un rischio di controllo basso, ossia decide, in via preliminare, di fare affidamento sul sistema di controllo, procede ad effettuare procedure di conformità.

46 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 46 Procedure di conformità Le procedure di conformità sono svolte per acquisire elementi probativi sullefficacia dei controlli. In particolare esse riguardano: a)la struttura dei sistemi contabile e di controllo interno, al fine di comprendere se siano adeguatamente progettati per prevenire o individuare e correggere errori significativi; b)la continuità di applicazione dei controlli nel periodo esaminato.

47 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 47 Procedure di conformità (segue) Le procedure di conformità possono includere: verifica della documentazione giustificativa di operazioni o di altri fatti, per acquisire elementi probativi che i controlli interni abbiano funzionato in maniera adeguata, per esempio accertando che l'operazione sia stata opportunamente autorizzata; domande sui controlli effettuati e loro osservazione diretta, quando questi non sono evidenziati e non permettono quindi una successiva verifica, ad esempio per determinare chi effettivamente svolge le varie funzioni rispetto a chi è designato a svolgerle in teoria; riesecuzione di alcune procedure di controllo, ad esempio riconciliazioni bancarie, per verificare che siano state correttamente eseguite.

48 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 48 Procedure di conformità: esempio Selezionare 25 transazioni dal libro Iva vendite. La selezione deve essere effettuata con metodo Random, selezionando: - 6 transazioni nel trimestre gennaio - marzo - 6 transazioni nel trimestre aprile - giugno - 6 transazioni nel trimestre luglio - settembre - 7 transazioni nel trimestre ottobre – dicembre

49 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 49 Procedure di conformità: esempio (segue) Ottenere per ciascuna transazione selezionata la seguente documentazione: evidenza limiti di fido ordine del cliente firmato documento di trasporto firmato fattura emessa registrazione della fattura incasso registrazione dellincasso

50 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 50 Procedure di conformità: esempio (segue) Verificare lo svolgimento da parte della società dei seguenti controlli: Confronto dei limiti di fido con lammontare dellordine Firma apposta dal dirigente responsabile allordine Confronto tra lordine del cliente e la fattura emessa, in termini di importo e quantità Confronto tra quantità presente nella fattura emessa e la quantità del documento di trasporto Confronto tra limporto della fattura e la registrazione contabile Confronto importo incasso – importo in fattura Confronto tra registrazione e importo dellincasso

51 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 51 Il rischio di revisione: verifica valutazione preliminare Al termine delleffettuazione delle procedure di conformità, il revisore deve confermare o meno la valutazione preliminare del rischio di controllo e del rischio intrinseco al fine di procedere alla definizione dellampiezza delle procedure di validità per ridurre il rischio di individuazione, e, quindi, il rischio di revisione, ad un livello accettabile. Rischio di individuazione Rischio di controllo AltoMedioBasso Rischio intrinseco Alto Molto bassoBassoMedio Basso MedioAltoMolto alto

52 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 52 Il rischio di revisione e le procedure di validità Il livello del rischio di individuazione è direttamente collegato alle procedure di validità effettuate dal revisore. La valutazione del rischio di controllo da parte del revisore, unitamente alla valutazione del rischio intrinseco, influenza la natura, la tempistica e lampiezza delle procedure di validità da eseguire per ridurre il rischio dindividuazione e, quindi, il rischio di revisione, ad un livello accettabile. Il rischio di individuazione esisterebbe sempre anche se il revisore verificasse la totalità delle componenti del saldo di un conto o di una classe di operazioni, in quanto, per esempio, la maggior parte degli elementi probativi potrebbe essere di natura persuasiva piuttosto che conclusiva.

53 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 53 Il rischio di revisione e le procedure di validità (segue) Il revisore deve considerare la valutazione dei livelli di rischio intrinseco e di rischio di controllo nel determinare la natura, la tempistica e l'ampiezza delle procedure di validità necessarie per ridurre il rischio di revisione ad un livello accettabile. A tal fine il revisore deve considerare: a)la natura delle procedure di validità da effettuare, per esempio: l'utilizzo di procedure dirette ad ottenere conferme da parte di terzi esterni alla società (piuttosto che persone o documentazioni interne) o l'utilizzo di verifiche di dettaglio finalizzate ad un particolare obiettivo di revisione, in aggiunta alle procedure di analisi comparativa; b)la tempistica di intervento delle procedure di validità, effettuandole, per esempio, alla fine dell'esercizio piuttosto che ad una data anteriore; c)l'ampiezza delle procedure di validità, per esempio, utilizzando un campionamento più esteso.

54 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 54 Estensione delle procedure di validità

55 Il controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attivita di revisione Pag. 55 Procedure di validità: esempio Il conto significativo banca presenta un rischio combinato basso (rischio di controllo minimo – rischio inerente alto) per tutte le sue asserzioni. Ottieni la lista completa delle banche con cui la società ha rapporto. Circolarizza le banche della lista. Per conti bancari non significativi puoi richiedere conferma ad un data anteriore al chiusura dellesercizio (max 3 mesi), per gli altri occorre chiedere conferma alla chiusura dellesercizio. Traccia le risposte bancarie con le registrazioni contabili della società. Esamina le riconciliazioni bancarie predisposte dalla società a fine anno: indaga gli importi in riconciliazione maggiori del 50% del tollerable error. Effettua procedure di cut off: seleziona tutti gli incassi e i pagamenti avvenuti nei 15 gg prima e dopo il 31 dicembre, maggiori del 50% del tollerable error e verifica la corretta contabilizzazione.


Scaricare ppt "Genova, 21 ottobre 2008 Corso di revisione contabile Il sistema di controllo interno La valutazione del rischio Il riflesso sulla successiva attività di."

Presentazioni simili


Annunci Google