La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015 A.I.S.O. in... Forma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015 A.I.S.O. in... Forma."— Transcript della presentazione:

1 Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015 A.I.S.O. in... Forma

2 I PROGRESSI COMPIUTI NELL’ ALLESTIMENTO DEL CAMPO OPERATORIO STERILE

3 QUALE FUTURO CI ASPETTA??? Fornire agli operatori di sala operatoria teli e camici tali da garantire sempre e comunque le caratteristiche degli Standard Europei; costi effettivi l’impatto ambientaleQuesto si deve tradurre in una attenta valutazione del livello qualitativo dei prodotti adottati a tutti i livelli, dalla vestibilità alla protezione senza tralasciare aspetti sicuramente non meno importanti, quali i costi effettivi di fornitura e l’impatto ambientale che tale scelta porterà per il futuro. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

4 DUE OBIETTIVI FONDAMENTALI Riduzione infezioni ferita chirurgica Riduzione infezioni equipe di sala operatoria Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

5 I sedici obiettivi per la sicurezza in sala operatoria Obiettivo 1 Operare il paziente corretto ed il sito corretto Obiettivo 2 Prevenire la ritenzione di materiale estraneo nel sito chirurgico Obiettivo 3 Identificare in modo corretto i campioni chirurgici Obiettivo 4 Preparare e posizionare in modo corretto il paziente Obiettivo 5 Prevenire i danni da anestesia garantendo le funzioni vitali Obiettivo 6 Gestire le vie aeree e la funzione respiratoria Obiettivo 7 Controllare e gestire il rischio emorragico Obiettivo 8 Prevenire le reazioni allergiche e gli eventi avversi della terapia farmacologica Obiettivo 9 Gestire in modo corretto il risveglio ed il controllo postoperatorio Obiettivo 10 Prevenire il tromboembolismo postoperatorio Obiettivo 11 Prevenire le infezioni del sito chirurgico Obiettivo 12 Promuovere un’efficace comunicazione in sala operatoria Obiettivo 13 Gestire in modo corretto il programma operatorio Obiettivo 14 Garantire la corretta redazione del registro operatorio Obiettivo 15 Garantire una corretta documentazione anestesiologica Obiettivo 16 Attivare sistemi di valutazione dell’attività in sala operatoria Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

6 PREVENIRE LE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO Per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico è fondamentale ed è necessario curare tutto ciò che avviene prima dell’intervento chirurgico riguardo a: IL PAZIENTE; IL PAZIENTE; La tecnologia della struttura; L’equipe chirurgica; I MATERIALI UTILIZZATI PER LA VESTIZIONE; I MATERIALI UTILIZZATI PER LA VESTIZIONE; DELL’EQUIPE E LA COPERTURA DEL PAZIENTE; DELL’EQUIPE E LA COPERTURA DEL PAZIENTE; Le operazioni necessarie da rispettare per mantenere l’asepsi. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

7 NORMA TECNICA DI RIFERIMENTO Decreto Lgs. 46/97 applicazione della Direttiva 93/42 CEE; Paragrafo 8, punto II, allegato I; Recentemente emendato con il D. Lgs. 37/2010 di recepimento della direttiva 2007/47/CE “ …. i dispositivi ed i relativi processi di fabbricazione devono essere progettati in modo tale da garantire o ridurre il più possibile i rischi d’infezione per il paziente, per l’utilizzatore e per i terzi…” “ …. i dispositivi ed i relativi processi di fabbricazione devono essere progettati in modo tale da garantire o ridurre il più possibile i rischi d’infezione per il paziente, per l’utilizzatore e per i terzi…” Decreto Lgs. 46/97 applicazione della Direttiva 93/42 CEE; Paragrafo 8, punto II, allegato I; Recentemente emendato con il D. Lgs. 37/2010 di recepimento della direttiva 2007/47/CE “ …. i dispositivi ed i relativi processi di fabbricazione devono essere progettati in modo tale da garantire o ridurre il più possibile i rischi d’infezione per il paziente, per l’utilizzatore e per i terzi…” “ …. i dispositivi ed i relativi processi di fabbricazione devono essere progettati in modo tale da garantire o ridurre il più possibile i rischi d’infezione per il paziente, per l’utilizzatore e per i terzi…” Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

8 LA COPERTURA STERILE PERCHE’ LA COPERTURA STERILE PERCHE’ LA COPERTURA STERILE SIA UTILE ALLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO BARRIERA ALLA MIGRAZIONE BATTERICA Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

9 L’OMS definisce 4 differenti zone di copertura: 1° Zona di incisione; 2° Zona circostante l’incisione - copertura paziente; 3° Zona dello strumentario; 4° Zona degli operatori. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

10 1^ - ZONA DI INCISIONE La più critica, in quanto la copertura deve garantire una barriera sicura ed efficace contro la penetrazione batterica ed un adeguato assorbimento dei liquidi ematici e di lavaggio.La più critica, in quanto la copertura deve garantire una barriera sicura ed efficace contro la penetrazione batterica ed un adeguato assorbimento dei liquidi ematici e di lavaggio. Requisiti richiesti nella zona 1 Barriera ai batteri Assorbenza Impervietà Minimo rilascio di particelle Resistenza Ritardo fiamma Colore antiriflesso Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

11 2^ ZONA CIRCOSTANTE L’INCISIONE/COPERTURA PAZIENTE Deve essere drappeggiabile, impermeabile ai liquidi, permeabile ai vapori per consentire una traspirazione fisiologica al paziente, ma impedire la migrazione batterica dal corpo del paziente al campo operatorio; deve essere resistente alla fiamma.Deve essere drappeggiabile, impermeabile ai liquidi, permeabile ai vapori per consentire una traspirazione fisiologica al paziente, ma impedire la migrazione batterica dal corpo del paziente al campo operatorio; deve essere resistente alla fiamma. Requisiti richiesti nella zona 2 Barriera ai batteri Barriera ai batteri Traspirabilità Traspirabilità Drappeggiabilità Drappeggiabilità Idrorepellenza Idrorepellenza Antistaticità Antistaticità Ritardo fiamma Ritardo fiamma Resistenza Resistenza Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

12 3^ ZONA DELLO STRUMENTARIO Deve rigorosamente impedire il passaggio dei liquidi trasportati dai ferri chirurgiciDeve rigorosamente impedire il passaggio dei liquidi trasportati dai ferri chirurgici Requisiti richiesti nella zona 3 Barriera ai batteri Barriera ai batteri Impervietà Impervietà Resistenza Resistenza Assorbenza Assorbenza Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

13 4^ ZONA DEGLI OPERATORI Deve essere impervia ai liquidi e ai batteri, ma deve consentire una traspirazione fisiologica;Deve essere impervia ai liquidi e ai batteri, ma deve consentire una traspirazione fisiologica; deve essere comoda, leggera e molto drappeggiabile.deve essere comoda, leggera e molto drappeggiabile. Requisiti richiesti nella zona 4 Barriera Barriera Traspirabilità Traspirabilità Comfort Comfort Idrorepellenza Idrorepellenza Resistenza Resistenza Drappeggiabilità Drappeggiabilità Antistaticità Antistaticità Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

14 TESSUTI CHIRURGICI EN 13795La serie degli Standards Europei EN ha portato all’importante definizione di quale rendimento deve essere fornito dai tessuti chirurgici. Il principale obiettivo dei prodotti per camera operatoria è ridurre il trasferimento di agenti patogeni alla e dalla ferita del paziente. Quindi il valore della barriera è la caratteristica più importante dei tessuti chirurgici. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

15 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE (TTR) E’ un tessuto che, pur garantendo alti standard protettivi sia nelle zone critiche che nelle zone asciutte, può essere riutilizzato molte volte.E’ un tessuto che, pur garantendo alti standard protettivi sia nelle zone critiche che nelle zone asciutte, può essere riutilizzato molte volte. Si tratta delle microfibre poliestere e dei tessuti trilaminati con membrana impermeabile.Si tratta delle microfibre poliestere e dei tessuti trilaminati con membrana impermeabile. La combinazione di tali tessuti garantisce una traspirabilità una resistenza allo strappo e una drappeggiabilità ottimale.La combinazione di tali tessuti garantisce una traspirabilità una resistenza allo strappo e una drappeggiabilità ottimale. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

16 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE (TTR) La membrana impermeabile, altamente selettiva, permette il passaggio delle molecole di vapore, ma non lascia passare le molecole d’acqua;La membrana impermeabile, altamente selettiva, permette il passaggio delle molecole di vapore, ma non lascia passare le molecole d’acqua; Questo vuol dire garantire una termoregolazione del corpo umano che permette al paziente di mantenersi al caldo, mentre offre al team chirurgico la giusta traspirabilità;Questo vuol dire garantire una termoregolazione del corpo umano che permette al paziente di mantenersi al caldo, mentre offre al team chirurgico la giusta traspirabilità; Essendo materiali riutilizzabili, il loro ciclo di vita deve essere garantito nel tempo da procedure di controllo e ri-processazione.Essendo materiali riutilizzabili, il loro ciclo di vita deve essere garantito nel tempo da procedure di controllo e ri-processazione. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

17 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE DURATA NEL TEMPO Sono garantiti 70/80 cicli di sterilizzazione;Sono garantiti 70/80 cicli di sterilizzazione; È vietato l’uso di bakaus;È vietato l’uso di bakaus; Occorre prestare attenzione all’abbandono di strumenti taglienti.Occorre prestare attenzione all’abbandono di strumenti taglienti. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

18 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE RILASCIO PARTICELLE Non c’è rilascio di particelle;Non c’è rilascio di particelle; Il tessuto tecnico non presenta LINTING. Il linting è il nome di quel processo che permette ai materiali di rilasciare particelle nell’aria;Il tessuto tecnico non presenta LINTING. Il linting è il nome di quel processo che permette ai materiali di rilasciare particelle nell’aria; Questo fenomeno si può osservare nelle sale operatorie dove spesso si formano gomitoli di particelle colorate che, in assenza di persone in movimento, tendono a cadere a terraQuesto fenomeno si può osservare nelle sale operatorie dove spesso si formano gomitoli di particelle colorate che, in assenza di persone in movimento, tendono a cadere a terra. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

19 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE NEGLI INTERVENTI LUNGHI Consente l’effetto barriera per lungo tempo;Consente l’effetto barriera per lungo tempo; Comfort per gli operatori durante l’intera procedura chirurgica.Comfort per gli operatori durante l’intera procedura chirurgica. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

20 IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE QUALITA’ E SICUREZZA Al fine di garantire il rispetto dei requisiti, i tessili riutilizzabili sono sottoposti a numerosissimi controlli di qualità dalle industrie di servizi tessili e medici affini che ne effettuano il trattamento e il ricondizionamento.Al fine di garantire il rispetto dei requisiti, i tessili riutilizzabili sono sottoposti a numerosissimi controlli di qualità dalle industrie di servizi tessili e medici affini che ne effettuano il trattamento e il ricondizionamento. Questi includono: la convalida dei prodotti e dei processi, la rilevazione dei parametri più importanti durante la produzione, il ripristino ed il controllo dei difetti.Questi includono: la convalida dei prodotti e dei processi, la rilevazione dei parametri più importanti durante la produzione, il ripristino ed il controllo dei difetti. Procedimenti controllati garantiscono che le proprietà richieste, dei tessuti chirurgici riutilizzabili, siano mantenute durante tutto il periodo d’uso.Procedimenti controllati garantiscono che le proprietà richieste, dei tessuti chirurgici riutilizzabili, siano mantenute durante tutto il periodo d’uso. Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

21 Una elevata compatibilità ambientale;Una elevata compatibilità ambientale; Il TTR risulta efficiente in termini di utilizzo di risorse (elettriche, idriche, chimiche);Il TTR risulta efficiente in termini di utilizzo di risorse (elettriche, idriche, chimiche); I tessuti in TTR, alla fine del loro ciclo di vita, sono considerati rifiuti semplici, quindi, con costi di smaltimento e impatto ambientale contenuti;I tessuti in TTR, alla fine del loro ciclo di vita, sono considerati rifiuti semplici, quindi, con costi di smaltimento e impatto ambientale contenuti; Anche, riciclati dall’industria manifatturiera per la fabbricazione di calzature e oggettistica variaAnche, riciclati dall’industria manifatturiera per la fabbricazione di calzature e oggettistica varia IL TESSUTO TECNICO RIUTILIZZABILE FINE VITA - RIUTILIZZO Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

22 CONCLUSIONI

23 LA MIA ESPERIENZA IN BLOCCO OPERATORIO

24 1990 – cotone 100 per – cotone copertura paziente + TNT per camici cappellini, mascherine, calzari; mascherine, calzari; 1994 – cotone copertura paziente + set in TNT per interventi addominali in urgenza; addominali in urgenza; 1996 – cotone copertura paziente + set in TNT per interventi di Neurochirurgia, artroscopia, oculistica, divise di Neurochirurgia, artroscopia, oculistica, divise monouso; monouso; 1998 – cotone per copertura paziente + camici monouso, set per interventi di ortopedia, ginocchio, spalla, NCH; set per interventi di ortopedia, ginocchio, spalla, NCH; 2000 – inizio sperimentazione con TTR + TNT per NCH, Ortopedia (artroscopia), oculistica Ortopedia (artroscopia), oculistica (cataratta/vitrectomia); (cataratta/vitrectomia); acquisizione nuova gara Copertura Paziente in TTR, + alcuni interventi di neurochirurgia ed oculistica in TNT alcuni interventi di neurochirurgia ed oculistica in TNT PERCORSO EVOLUTIVO Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015

25


Scaricare ppt "Dott. Daniele Bassotti - Workshop Congresso A.I.S.O. - Pesaro, 17 aprile 2015 A.I.S.O. in... Forma."

Presentazioni simili


Annunci Google